Categoria: Formazione e supporto
Visite: 5008
Stampa

La riapertasi questione dei costi di sicurezza e manodopera.

Anche direttamente presso l’Ente (in house)su libera richiesta di preventivo di spesa.  

In rosso gli ultimi aggiornamenti.

  

PREMESSA

Ritorna "a bomba" il problema dell'indicazione da parte dell'offerente dei costi interni della sicurezza e di quelli aziendali. 

Dopo le modifiche recate dal correttivo (D.Lgs. 56/2017) al codice dei contratti (D.Lgs. 50/2016), l’incontro di studio intende illustrare le due tematiche principali dei criteri di aggiudicazione (con particolare approfondimento del rapporto qualità/prezzo) e della valutazione dell’anomalia (con particolare riferimento ai costi della manodopera da indicarsi anche da parte dell’offerente e a quelli della sicurezza “interna”).

Sara analizzata anche la questione dirompente, che si riapre, se sia ancora consentito all'organo ordinario di gara (o al RUP) di aprire in seduta pubblica le offerte tecniche e quelle economiche.

Si evidenzieranno, anche alla luce delle riflessioni svolte e delle domande poste dai singoli partecipanti, le criticità che sorgono nell’interpretazione del corpo normativo e le scelte teorico-pratiche più prudentemente ipotizzabili.

L’incontro viene svolto in continua interlocuzione, in aula, con i singoli partecipanti.

Come materiale di documentazione vengono messi a disposizione: il codice dei contratti commentato, con collegamenti ipertestuali (che evidenzia anche, con immediatezza, tutto il contenuto applicabile ai settori speciali); un manuale specifico su tutto il rapporto qualità/prezzo (anch’esso con collegamenti ipertestuali); le linee guida dell’ANAC, con analisi infratesto.  

 

PROGRAMMA

I PARTE – I CRITERI DI AGGIUDICAZIONE

– Il criterio unico di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa e i tre sub-criteri: il rapporto qualità/prezzo, il prezzo più basso, il costo complessivo del ciclo di vita.

Il principio della consolidazione della graduatoria.

1.1. IL PREZZO PIÙ BASSO

– I casi di adottabilità del prezzo più basso in servizi e forniture e la necessità di motivazione. La legittimazione condizionata del prezzo più basso, per i lavori, fino a EUR 2.000.000.

–I due sub-criteri del prezzo più basso: massimo ribasso assoluto ed «esclusione automatica».

1.2. IL RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

– I casi di obbligatoria adozione: la riscrittura, ad opera del correttivo, dell’obbligo di adozione del criterio di aggiudicazione del rapporto qualità/prezzo, per i servizi di cui all’art. 97, comma 3, lett. a).

I concetti fondamentali: «criteri di valutazione», «ponderazione», trasparenza dell’iter motivazionale.

Le tecniche per garantire la trasparenza dell’iter motivazionale per le valutazioni discrezionali della commissione: a) la sub-ripartizione del criterio di valutazione in sotto-criteri; b) l’alternativa evidenziazione del “criterio motivazionale” (al singolare) in sede di disciplina di gara; c) l’eventuale necessità di motivare il punteggio attribuito. Lo schema sinottico – anche in funzione di anticorruzione – riepilogativo delle tre possibilità motivazionali. La questione della necessità di garantire la trasparenza dell’iter motivazionale anche in ipotesi di adozione della metodologia del “confronto a coppie”. La questione della potestà di specificazione ovvero di integrazione, da parte della commissione giudicatrice, dei criteri di valutazione.

– La limitata sindacabilità delle valutazioni discrezionali della commissione.

– L’importanza della distinzione fra criteri di valutazione di natura qualitativo-discrezionale e quantitativa: la fattispecie paradigmatica dell’asta elettronica.

– Il principio della distinzione fra i criteri (“soggettivi”) di qualificazione degli operatori economici e i criteri (“oggettivi”) di valutazione delle offerte: la tuttora sussistente ratio del principio comunitario; l’analisi concreta di come, per esempio, l’esperienza pregressa dell’operatore economico possa tuttavia correttamente costituire criterio di valutazione e l’analoga fattispecie (già di direttiva) inerente a «l’organizzazione, le qualifiche e l’esperienza del personale». La previsione normativa di criteri di valutazione radicalmente illegittimi, in quanto contrastante anche con il più evoluto diritto comunitario: il caso abnorme, ex multis, del «maggior rating di legalità e di impresa dell’offerente». La non condivisibile prospettazione del Consiglio di Stato in sede di parere sulle linee guida dell’ANAC.

– Gli atti in cui debbono essere indicati i criteri di valutazione e la relativa ponderazione.

– L’attribuzione della ponderazione e la sua sindacabilità: il caso significativo del maggior valore attribuito ai “ricambi originali”. La ponderazione totale resa convenzionalmente pari a cento. Il tetto massimo di 30 punti per la ponderazione del prezzo. L’illegittimità, nel settore dei lavori, di prevedere «punteggio per l'offerta di opere aggiuntive rispetto a quanto previsto nel progetto esecutivo»: l'applicazione analogica ai servizi 

– La valenza paradigmatica dei «criteri di valutazione» individuati dal codice. Il d.M. sugli appalti nel settore dei beni culturali: l’art. 7, comma 4. I criteri ambientali minimi con funzione premiale. L’ipotesi del rispetto della “clausola sociale” con funzione premiale. La possibilità (generalizzata rispetto alla direttiva) di non prevedere il prezzo quale criterio di valutazione. La legittima possibilità di prevedere solo «criteri di valutazione» di natura quantitativa.

– Il principio della necessaria previa valutazione dell’offerta tecnico-qualitativa, senza potersi conoscere quella economico-quantitativa: la criticità della piattaforma del MEPA; la giurisprudenza che attenua la rigidità del principio; il corollario del carattere convenzionale della distinzione fra offerta “tecnica” e offerta “economica”; la mancanza di vizio nell’eventuale presentazione del contenuto dell’offerta tecnica frammisto alla documentazione amministrativa.

– Il principio generale della necessaria pubblicità di seduta per l’apertura dell’offerta tecnico-qualitativa: l’eccezione per la procedura telematica.

– La regola della seduta pubblica: l’eccezionale legittimazione della seduta secretata per la valutazione dell’offerta tecnico-qualitativa.

L’adozione delle cautele in ordine alle modalità di conservazione dei plichi: la pronuncia della “plenaria”.

– Le varianti progettuali in sede di offerta: la differenza basilare rispetto alle mere variazioni migliorative.

– La commissione «giudicatrice»: la non-necessità della sua sussistenza per l’esame della documentazione amministrativa e per l’attribuzione del punteggio per l’offerta economico-quantitativa, ovvero gli arresti giurisprudenziali che si scontrano con la rimessione alle linee-guida di prevedere, «di norma, sedute pubbliche»; la possibilità della consulenza esterna; l’esperienza dei commissari; il numero dispari di commissari; la regola del “collegio perfetto” e la sua derogabilità; la nomina dei supplenti; la nuova possibilità di «lavorare a distanza»; la scelta dei commissari fra gli esperti iscritti all’Albo e la loro responsabilità verso la stazione appaltante; la legittimazione, a regime, del collegio di «componenti interni» escluso «il Presidente», in servizi e forniture (per tutto il sottosoglia) e per i lavori (solo per importo inferiore a EUR 1.000.000); l’eccezionale possibilità che l'ANAC selezioni «i componenti delle commissioni giudicatrici anche tra gli esperti interni alla medesima stazione appaltante»; la regola che i commissari non debbano aver svolto «altra funzione o incarico» e la nominabilità del RUP da valutarsi «con riferimento alla singola procedura» (il caso del dirigente dell’ente locale che sia anche RUP); la necessità che le stazioni appaltanti, prima del conferimento dell’incarico, accertino l’insussistenza delle cause ostative alla nomina  a componente della commissione giudicatrice; l’incompatibilità, anche per i «segretari»; la nomina e la costituzione dopo la scadenza del termine di presentazione delle offerte; la dichiarazione di inesistenza di alcune cause di astensione a carico anche del segretario; le spese; la fattispecie dell’annullamento dell’aggiudicazione o dell’esclusione di un concorrente; la disciplina dell’albo-ANAC; la disciplina transitoria; l’inapplicabilità per gli enti dei settori speciali che non sono amministrazioni; la questione dell’applicabilità degli artt. 77 e 78 per gli affidamenti dei servizi di cui all’art. 142, comma 5-bis e di quelli di ristorazione; le linee-guida sui commissari nella seconda versione e la questione dirompente, che si riapre, se sia ancora consentito all'organo ordinario di gara (o al RUP) di aprire in seduta pubblica le offerte tecniche e quelle economiche.

– L’esclusione di un operatore economico in sede endo-procedimentale, a riparametrazione (se opzionata) avvenuta: scorrimento o ricalcolo? Quale il corretto impatto, sulla fattispecie, del principio della consolidazione della graduatoria?

– La scansione del procedimento (sul paradigma della procedura aperta) anche in relazione alle competenze, ripartite fra organo ordinario di gara, commissione giudicatrice e RUP. Le differenze fra la procedura telematica e quella “tradizionale”. Il necessario rispetto del principio della previa comunicazione dei punteggi dati per l’offerta tecnico-qualitativa, prima di potersi aprire quella economico-quantitativa.

– La tendenziale concentrazione delle sedute.

– La verbalizzazione.

– Il profilo documentale delle offerte. il numero massimo di pagine per l’offerta tecnica; il difetto di sottoscrizione.

– Il divieto di offerte in aumento.

– L’individuazione della metodologia di calcolo del miglior rapporto qualità-prezzo. Il metodo aggregativo-compensatore e i cinque sub-metodi ipotizzabili: il sub-metodo n. 5 per l’approccio più semplice alla ratio della materia; la sostanziale indifferenza del sub-metodo n. 4 rispetto al n. 5; la riparametrazione, alla luce del parere del Consiglio di Stato, e la questione della sua applicabilità a livello plurimo (in ipotesi di sub-ripartizione dei criteri di valutazione); l’eventuale applicazione della c.d. “soglia di sbarramento”; la metodologia del “confronto a coppie” nelle due versioni possibili e l’eventuale ipotesi delle offerte in numero inferiore a tre; il metodo di Saaty e la complicazione della verifica di attendibilità dei coefficienti definitivi; la questione se mettere a confronto il ribasso percentuale ovvero l’importo-prezzo; la formula anti-concorrenziale basata sul “valore soglia”; l’offerta sul tempo; altre problematiche.

– Le problematiche specifiche per l’affidamento dei servizi di progettazione di lavori pubblici.

– Le linee guida dell’ANAC e il parere del Consiglio di Stato: le criticità.

– Il rapporto qualità/prezzo nella parte residua del codice.

– Il caso delle offerte pari, fra possibile autodisciplina di gara e applicabilità auto-esecutiva del R.d. n. 827/1924, art. 77.

1.3. I COSTI DEL CICLO DI VITA

– I tre problemi aperti del metodo di determinazione dei costi, della valutazione di congruità e della garanzia per la stazione appaltante. 

 

II PARTE – L’ANOMALIA

– L’art. 23, comma 16, ultimi due periodi, e l’art. 95, comma 10, del codice: la rilevanza del criterio di aggiudicazione adottato e dell'individuazione della soglia di anomalia; l’applicabilità della disciplina per i servizi di cui all’art. 142, comma, 5-bis e di ristorazione.

 La questione unitaria della mancata indicazione da parte dell’offerente dei costi interni della sicurezza e di quelli della manodopera: l’interpretazione “formale” della sezione quinta del Consiglio di Stato e di quella “sostanziale” della sezione terza; la rimessione della questione alla Corte di Giustizia, per ambedue i profili; l’oggettivo rispetto del binomio (“costi considerati/costi congrui”). Il problema di quale sia il punto di diritto nei casi in cui la lex specialis espliciti chiaramente l’obbligo indicativo in questione: a) tuttavia, in un caso, senza porre la sanzione espulsiva; b) nel secondo caso, invece, blindando esplicitamente con la clausola dell’esclusione immediata la previsione di cui all’art. 95, comma 10, primo periodo, del codice. L’opzione espulsiva dei due bandi-tipo dell’ANAC, suscettibile di nullità. 

– Prezzo più basso: il sorteggio, di uno dei cinque metodi per l’individuazione della soglia di anomalia, assegnato alla competenza formale del «RUP» o della «commissione giudicatrice»; le modifiche delle percentuali di taglio nei metodi di cui alle lett. a) e b); la diminuzione dell’incremento nel metodo di cui alla lett. c); l’abrogazione della decurtazione nel metodo di cui alla d); la modifica dei coefficienti nel metodo di cui alla lett. e), comunque sorteggiati dalla «commissione giudicatrice o, in mancanza, dal RUP.  La teoria del c.d. "blocco unitario" elaborata dalla "plenaria" è inapplicabile con il nuovo codice? La legittimazione a far ricorso a uno dei cinque metodi solo con almeno cinque offerte ammesse (in un caso) ovvero con dieci (nell’altro caso).

– Il rapporto fra la riparametrazione (se opzionata) e la formula per il calcolo delle offerte sospette di anomalia, nel caso del rapporto qualità/prezzo: il conflitto in giurisprudenza.

– L’ipotesi della mancata individuazione matematica delle offerte sospette di anomalia ex lege: il potere-dovere del RUP.

– La competenza del RUP a valutare l’anomalia: il rapporto con la «commissione giudicatrice».

– La disciplina dell’anomalia nel caso dei servizi di cui all’art. 142, comma 5-bis.

– I parametri di valutazione delle «spiegazioni»: l’insufficienza dell’individuazione normativa.

– Costo del personale inferiore ai minimi salariali retributivi indicati nelle tabelle: il riemergere della giurisprudenza che propende per l’esclusione automatica.

– Il giudizio di anomalia: gli arresti giurisprudenziali.  

 

RELATORE

Lino BELLAGAMBA, consulente e formatore, autore di studi e monografie, specializzato nelle procedure di selezione del contraente e in materia di finanza di progetto. Gestore dell’omonimo portale www.linobellagamba.it.   

curriculum Curriculum      

DATE, SEDI di SVOLGIMENTO, ORARI

Da definire.  

La prestazione di cui si tratta non è acquisibile ai sensi della L. 27 dicembre 2006, n. 296, art. 1, comma 450, in quanto l'Ente pubblico di cui si tratta ha sì l’obbligo preliminare di far riferimento al MEPA o al sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento, ma solo se la prestazione di cui si ha specificamente bisogno è ivi effettivamente acquisibile. Si tratta inoltre di prestazione non standardizzata, di contenuto specialistico, legata al curriculum del formatore, offerta sul libero mercato, non costituente oggetto di una procedura di scelta del contraente avviata da un Ente pubblico. Nel caso, poi, di procedura di scelta del contraente avviata da un Ente pubblico (per svolgimento del servizio formativo in house) rileva sempre lo specifico curriculum del formatore, ma rileva anche la conoscenza che se ne ha per aver già frequentato un suo corso. Si tratta di uno dei casi eccezionali in cui, a prescindere dall’utilizzo formale della piattaforma telematica, la scelta dell’operatore economico avviene comunque «mediante affidamento diretto anche senza previa consultazione di due o più operatori economici» in quanto è quella la persona docente che discrezionalmente ma motivatamente si vuole per una specifica esigenza formativa. Trattasi, peraltro, di acquisizione di valore inferiore a EUR 1.000,00. 

 

COSTO

Il costo di iscrizione (al netto di IVA, non dovuta solo per il dipendente pubblico) è di EUR 430,00 a persona (più EUR 2,00 per il bollo in fattura). 

 

ISCRIZIONE e INFORMAZIONI

L’iscrizione si perfeziona: 1) con scheda da richiedersi preventivamente via mail info@linobellagamba.it; 2) con successivo inoltro di tale scheda, compilata e sottoscritta digitalmente, alla società organizzatrice dell’evento (CONTRATTI PUBBLICI ITALIA). L’organizzatrice dell’evento rilascerà da subito, all’ente pubblico, un’autocertificazione unica (digitalmente sottoscritta) che copre i profili sia dell’idoneità “morale” integrale, sia della tracciabilità dei flussi finanziari. Non sono ammesse modalità di iscrizione diverse da quelle previste, né modulistica propria del singolo ente. Il materiale di documentazione sarà trasmesso solo via mail, dopo l’avvenuta partecipazione. L’organizzazione si riserva di annullare o di rinviare l’incontro per giusti motivi, comunque insindacabili. Lo svolgimento della giornata sarà confermato agli iscritti non appena raggiunto un numero minimo. Al termine della giornata sarà rilasciato regolare attestato di partecipazione. 

Per qualsiasi necessità di chiarimenti, inviare mail info@linobellagamba.it e/o telefonare al n. 3351805280.   

 

PRIVACY

L’organizzatrice dell’evento formativo che fatturerà la prestazione – CONTRATTI PUBBLICI ITALIA, con c.f/p.IVA 02668770429 – non tratta né dati sensibili, né giudiziari, e tratterà i dati ricevuti al solo fine della gestione materiale dell’evento, nel rispetto e secondo gli obblighi della vigente normativa.  

 

Gli ALTRI NOSTRI SEMINARI di FORMAZIONE 

Cliccare in APPUNTAMENTI e/o in FORMAZIONE E SUPPORTO.   

Anche direttamente presso l’Ente (in house)su richiesta.  

 

 


 


Share su Twitter