Stampa

Servizi e forniture

Servizi e forniture

CLAUSOLA SOCIALE: L’INTERPRETAZIONE COMUNITARIAMENTE ORIENTATA È ASSOLUTA

Stroncata in radice la tesi giurisprudenziale che la clausola sociale sia assolutamente vincolante se prevista nel CCNL dell’appaltatore uscente (art. 30) e che solo in caso contrario si applichi il principio che essa deve essere compatibile con l’organizzazione del subentrante (art. 50).

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL NIDO D’INFANZIA COMUNALE E ISCRIZIONE CAMERALE

L’identificazione dell’attività prevalente può essere basata sui codici ATECO?

L’ISCRIZIONE CAMERALE

La consueta questione della congruenza tra l’oggetto sociale dell’impresa partecipante alla procedura, come risultante dallo statuto depositato presso la Camera di commercio, e l’oggetto dell’appalto da aggiudicare.

OFFERTA NON CONFORME AL CAPITOLATO

«Orbene, poiché il capitolato speciale di gara, con riferimento alla descrizione del comodino, richiede espressamente un “comodino bifrontale”, l’offerta della ricorrente non può essere ritenuta conforme».

UN FRAZIONAMENTO LEGGERMENTE ARTIFICIOSO

Nel giro di qualche giorno (dal 6 al 10 del mese) un affidamento direttissimo per un importo di €. 20.000,00, un secondo per un importo di €. 40.000,00 e un terzo per un importo di €. 20.000,00 …

L’AVVALIMENTO DI GARANZIA

Ovvero, più spesso, l’”aria fritta”. Leggete la pronuncia di oggi 15 gennaio 2018 del Consiglio di Stato e dite voi dove trovate il preciso ubi consistam delle concrete risorse messe a disposizione in corrispondenza del prestato requisito del fatturato specifico. Grazie!

SERVIZI SVOLTI: COME SI CALCOLANO GLI ULTIMI TRE ANNI?

Ora non ci sarebbe più neppure certezza su come computino i servizi svolti “negli ultimi tre anni precedenti”. Il Consiglio di Stato di oggi 15 gennaio 2018 è veramente singolare. Ecco che cosa scriviamo nel nostro disciplinare-tipo, per blindarlo ragionevolmente.

IL SERVIZIO DI TRASPORTO SANITARIO DI EMERGENZA E URGENZA

Tu pubblichi un bando per l’affidamento del servizio di trasporto infermi di emergenza? Quando pubblicare un bando diventa paradossalmente illegittimo …

LEGITTIMAMENTE ADOTTATO CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DEL PREZZO PIÙ BASSO

L’organo di gara ha uno spazio di potere decisionale in ordine a un profilo dell’offerta inerente non ai prodotti offerti, ma alle modalità di esecuzione dell’appalto?

SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI AUTOMEZZI E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE

È ammesso il prezzo più basso? Quest’altro T.A.R. la vede in modo diametralmente opposto …

AVVISO PER L’ISTITUZIONE DI UN ELENCO DI AVVOCATI PER L’AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO

Legittimo un elenco chiuso annuale, con domanda di iscrizione entro il termine di 60 giorni dalla pubblicazione dell’avviso? La previsione di una procedura selettiva con sorteggio. Una bella sentenza che chiarisce come conciliare sistema-elenco con principio di non discriminazione negli inviti. Respinto il ricorso del Consiglio dell’Ordine.

GARA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA LEGALE

Il professionista singolo che partecipa alla gara può indicare nel suo organigramma collaboratori esterni allo studio professionale di cui è titolare? Ovvero la differenza fra un’associazione professionale temporanea e uno studio stabilmente associato.

“FREE” – AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA – SERVIZI E FORNITURE: LA DISCIPLINA DELLA GARA D’APPALTO A PROCEDURA APERTA, SECONDO IL RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO, CON L’ANALISI SPECIFICA DEL BANDO-TIPO DELL’ANAC N. 1

Torino, 14 febbraio 2018: con sconto per iscrizione anticipata, entro il  22 gennaio 2018. Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente. 

“FREE” – DA DOMANI 6 GENNAIO 2018 IL BANDO-TIPO N. 1 DI SERVIZI E FORNITIRE

«Nel caso di consorzio di cooperative e imprese artigiane (…) di cui all’art. 45, comma 2 lett. b) (…) del Codice, il consorzio indica il consorziato per il quale concorre alla gara; qualora il consorzio non indichi per quale/i consorziato/i concorre, si intende che lo stesso partecipa in nome e per conto proprio».

SETTORE ASSICURATIVO E COLLEGAMENTO SOSTANZIALE

Le due imprese svolgono attività commerciale nell’ambito del medesimo settore assicurativo, per cui una connessione di un certo tipo contraddirebbe la logica di un’ordinaria dinamica competitiva, essendo piuttosto sintomatica di un collegamento sostanziale. Proprio così?

IL D.LGS. 117/2017

Le convenzioni con le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale, iscritte da almeno sei mesi nel registro unico nazionale del terzo settore: l’art. 56, comma 3.

GARA DI SERVIZI ASSICURATIVI

I criteri di valutazione dell’offerta tecnica sono tutti di carattere quantitativo. A che cosa serve dire che “nessun elemento dell’offerta economica deve essere riportato nell’offerta tecnica a pena di esclusione”? Ovvero che ci sarà una vera e propria “commissione giudicatrice”?

UNA DEL TUTTO ILLOGICA (ANZI, ABNORNE) CONFIGURAZIONE DELLA PROCEDURA NEGOZIATA EX ART. 36, COMMA 2, LETT. B), DEL CODICE

«Né la circostanza che l'avviso per manifestazione d’interesse sia stato pubblicato sul sito internet del Comune e sulla piattaforma (…) costituisce ragione sufficiente per derogare al principio della "rotazione"»! Capitis deminutio maxima da parte del giudice amministrativo!

IL CORRETTO CRITERIO DI CALCOLO DEL COSTO ORARIO DEL PERSONALE AL FINE DELLA VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

Dividere la retribuzione annua risultante dalle tabelle ministeriali per quale monte ore annuo?

REQUISITO TECNICO DELLO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CON UN NUMERO MINIMO DI DIPENDENTI

Ma che cosa si intende per “dipendenti”? I “volontari” sono ricompresi?

L’AVVALIMENTO (CHE PIACCIA O NO) COME ESPRESSIONE DEI PRINCIPI EURO-UNITARI

Divieto di avvalimento e divieto di possesso frazionato, per un requisito di capacità tecnica relativo allo svolgimento di un servizio. Quid juris?

SPENDING REVIEW: LE ACQUISIZIONI VINCOLATE

«Individuazione delle categorie merceologiche ai sensi dell'articolo 9, comma 3 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, unitamente all'elenco concernente gli oneri informativi».

BENI E SERVIZI INFORMATICI E DI CONNETTIVITÀ

La L. 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 512, così come modificato dall'articolo 1, comma 419, lett. a) della L. 11 dicembre 2016, n. 232.

REQUISITO TECNICO DEI SERVIZI SVOLTI

La legge di gara non richiedeva che i servizi svolti fossero esattamente “identici” a quelli oggetto di appalto. Quindi?

WORK IN PROGRESS SUL BANDO TIPO N. 1/2017

La prima bozza di schema di «delibera» ovvero di determinazione «a contrarre», di motivata deroga al bando-tipo dell’ANAC n. 1-2017, pubblicato nella G.U. 22 dicembre 2017, n. 298.

OPZIONE (O “RINNOVO OPZIONALE”) E CIG

Su EUR 30.000 di valore biennale di contratto, con «opzione» di altri EUR 30.000 di valore biennale, quanti CIG si prendono? Uno solo. E perché?

IL PARERE DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE 15 DICEMBRE 2017, IN MERITO ALLE LINEE GUIDA DELL'ANAC SULL’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI LEGALI

Siamo alle solite, come con la nozione “debole” di appalto in relazione ai servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria. Si decida se stare in Europa o no, allora, la questione è solo questa. Capiamo la necessità oggettiva della fiduciarietà, è ovvio. Ma l’ANAC ha perfettamente ragione. Il peraltro chiaro quadro del codice dei contratti (art. 17, comma 1, lett. d)) è quello conforme alla direttiva comunitaria.

LA “RDO” AL PREZZO PIÙ BASSO SUL MEPA

Le criticità e la mancanza degli aggiornamenti al codice dei contratti: cfr. i quindici punti di analisi.

ANAC: PROVVEDIMENTO 22 NOVEMBRE 2017

Schema di disciplinare di gara – Procedura aperta per l'affidamento di contratti pubblici di servizi e forniture nei settori ordinari, sopra soglia comunitaria, con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo (Bando-tipo n. 1/2017)

IL GLOBAL SERVICE

Come si supera il rischio della lesione dei principi della concorrenza insito, in astratto, nella scelta del contratto di global service?

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: STIMA DEI COSTI DELLA MANODOPERA – MANCANZA – NON È MOTIVO DI ESCLUSIONE

«È stato osservato che la mancanza della stima dei costi della manodopera non può essere motivo di esclusione, non essendo contemplata espressamente nei motivi di esclusione dell'art. 80. Il prezzo offerto e il ribasso sono sufficienti per la completezza dell'offerta.

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: AFFITTO D’AZIENDA, DICHIARAZIONI OBBLIGATORIE, NON RICHIESTE

«È stato osservato che in calce al punto 15.2 del Disciplinare, ove si precisa che “in caso di incorporazione, fusione societaria o cessione d’azienda (...)” non è più contemplato il caso di affitto d’azienda. Sarebbe opportuno precisare che, ai sensi dell’art. 80, non vi è obbligo di dichiarazione dell’affitto di azienda. Nell’ipotesi in cui, invece, dovesse essere dichiarato sarebbe opportuno precisare la dichiarazione deve essere resa per l’affitto stipulato nell’anno a

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: DGUE ELETTRONICO E CARTACEO, COMPILAZIONE, COMPETENZA

«È stato osservato che la Parte I del DGUE è compilata dalla stazione appaltante e non dal concorrente.

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI E RICHIAMI AL DGUE

«È stato osservato, in ordine alla dimostrazione dei requisiti, che le disposizioni relative alla dimostrazione del possesso dei requisiti generali e speciali del concorrente sono indicate in modo incompleto e caotico, spesso con semplici richiami alle sezioni del DGUE: ciò, oltre a disorientare il concorrente, costituisce una carenza della lex specialis di gara.

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: NIENTE SOCCORSO ISTRUTTORIO PER LA CAUZIONE PROVVISORIA CON DATA SUCCESSIVA A QUELLA DEL TERMINE DI SCADENZA DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

«È stato osservato che la mancanza della garanzia provvisoria è sanabile tramite soccorso istruttorio, a prescindere se essa sia stata costituita prima o dopo la presentazione dell’offerta.

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: NIENTE SOCCORSO ISTRUTTORIO PER LA MANCATA INDICAZIONE DELLA TERNA DEI SUBAPPALTATORI

«È stato richiesto di chiarire se – nel caso in cui non sia indicata la terna di una prestazione – l’effetto sia preclusivo della possibilità di subappaltare oppure sia possibile ricorrere al soccorso istruttorio.

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: LA FIGURA DELL’OPZIONE NELLA RICOSTRUZIONE TEORICA DELL’ANAC

«I servizi analoghi, non essendo assimilabili ad un rinnovo, devono essere ricondotti alla categoria dell’opzione» (dalla relazione AIR, paragrafo n. 4).

“FREE” – BANDO TIPO DELL’ANAC N. 1: LA VINCOLATIVITÀ È SOLO SOSTANZIALE O È ANCHE FORMALE?

«Vincolatività del Disciplinare tipo – Obbligo di conformazione – Conformità formale

L’ANTI-CONCORRENZIALIÀ DI CERTE CENTRALI DI COMMITTENZA (MA IL PROBLEMA È POLITICO)

«La previsione di un lotto così vasto (il n. 1, per un corrispettivo di circa 14 milioni annuali; per quasi 70 milioni globale) non risulta, allo stato “giustificata” con specifiche motivazioni da parte della Centrale di committenza, in grado da consentire di rendere recessive le prescrizioni generali contenute nell’art. 51 del Codice appalti 50/2016.

IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLA DISPONIBILITÀ A SVOLGERE IL SERVIZIO

Il termine fissato nell’avviso pubblico per la presentazione della disponibilità allo svolgimento del servizio può assimilarsi a quello previsto per la presentazione delle relative offerte?

UNA RICHIESTA POLITICA: ALL’ANAC SOLO ANTICORRUZIONE, NON BANDI-TIPO

«In ogni caso, si precisa che, ai fini dell’attribuzione di punteggi incrementali per il rating di legalità, in caso di partecipazione in forma associata – tenuto conto della ratio sottesa alla norma di premiare le imprese virtuose sotto il profilo della legalità evitando quanto più possibile di esporre gli appalti a fenomeni di criminalità – è necessario che tutti i soggetti del modulo associativo ne siano in possesso» (ANAC, «nota illustrativa», paragrafo n. 20). 

“FREE” – UN ESEMPIO DI COME, PER LA GIORNATA SULLA GARA "CLASSICA" DI SERVIZI E FORNITURE, VENGONO ANALIZZATI BANDO-TIPO DELL’ANAC E NOTA ILLUSTRATIVA

In nero il testo dell’ANAC, in giallo l’evidenziazione della criticità, in rosso e tra parentesi quadre la nota rapida.

L’ART. 83, COMMA 3, DEL CODICE, ANCHE IN RAPPORTO AL RAGGRUPPAMENTO

La non posseduta iscrizione alla Camera di Commercio per l’attivazione delle attività corrispondenti a quelle richieste per l’espletamento dei servizi: in caso di raggruppamento per un appalto monoprestazionale, è necessario che il requisito sia posseduto da tutti i raggruppati?

LA RIPETIZIONE DEI «SERVIZI ANALOGHI» SECONDO L’ANAC

«Per “ripetizione di servizi analoghi” ai sensi dell’art. 63 comma 5 del Codice è corretto (…) intendere ripetizione di servizi non coincidenti con quelli originariamente previsti in gara» («nota illustrativa» finale dell’ANAC sul bando-tipo n. 1, paragrafo n. 7). Quid juris?

IL “CUI”

Dopo CIG e CUP, e qualcosa ci sfugge, una new entry: il CUI. Allo stato inesistente, tuttavia menzionato dall’ANAC nel bando-tipo n. 1 definitivamente approvato e nella relativa nota illustrativa.

L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE DELL’INFANZIA E PRIMARIE

Si riscontra, ovviamente, «il carattere anticoncorrenziale della clausola che limita l’ammissione alla gara …

AVVALIMENTO E SOCCORSO ISTRUTTORIO SUL MEPA

Adesso stiamo esagerando. Dare soccorso istruttorio consentendo il ricorso all’avvalimento ex post è francamente un po’ troppo.

R.D.O. SUL MEPA E RISPETTO DEL PRINCIPIO DI PUBBLICITÀ (GIURISPRUDENZA CONSOLIDATA)

Il principio di pubblicità delle sedute deve essere rapportato non ai canoni storici che hanno guidato l’applicazione dello stesso, quanto piuttosto alle peculiarità e specificità che l’evoluzione tecnologica ha consentito di mettere a disposizione delle procedure di gara telematiche.

FRA REQUISITI DI PARTECIPAZIONE E DI ESECUZIONE

Non è ammissibile un'interpretazione diretta a ricavare dalle norme relative all'esecuzione della prestazione ulteriori requisiti di ammissione "nascosti" o "impliciti", facendo leva sul concetto di “essenzialità”.

DIRITTO DI ACCESSO

Le fatture commerciali, poste a base del requisito di capacità richiesto dal bando di gara, sono ostensibili?

BANDO-TIPO DELL’ANAC

Il rispetto del bando-tipo dell’ANAC, al di là della possibilità di motivata nonché di dovuta deroga, al di là di quello che il medesimo non prevede, deve essere di tipo anche “formale”, ovvero è sufficiente che sia solo “sostanziale”?

ENTI DEL TERZO SETTORE E ISCRIZIONE CAMERALE

Ove intendano partecipare a gare di appalto pubbliche devono possedere tale iscrizione.

ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E PARTECIPAZIONE ALLE GARE

L’offerta deve essere quantomeno idonea a coprire i costi onde assicurare affidabilità e serietà nell’erogazione del servizio, circostanza non adeguatamente garantita nel caso de quo, attesa l’incongruità del prezzo a base d’asta.

PROCEDURA NEGOZIATA EX ART. 36, COMMA 2, LETTERA B) DEL CODICE, TRAMITE RICHIESTA DI OFFERTA SUL MEPA

Per importo pari o superiore a EUR 40.000 non si applica il generico principio di rotazione, ma quello di “non discriminazione” in ragione della natura pro-concorrenziale della negoziata. Quindi il precedente affidatario è come tutti gli altri (come se si trattasse di una procedura ad evidenza pubblica formale). Interpretazione? Legittimo l’invito delle sole imprese regionali o al massimo di quelle della regione limitrofa! Incredibile.

AVVISO PUBBLICO PER CREAZIONE DI ELENCO PER AFFIDAMENTO DI SINGOLI INCARICHI DI DIFESA IN GIUDIZIO, CON IL VECCHIO CODICE

La procedura non sarebbe «soggetta alla disciplina del codice dei contratti pubblici vigente ratione temporis distinguendosi dai servizi legali di cui all’allegato II B sub 21 del decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, il cui affidamento segue le regole prescritte dagli articoli 20 e 21 dello stesso decreto legislativo.

“FREE” – ANAC: BANDO TIPO NUMERO 1 DEL 22 NOVEMBRE 2017

Schema di disciplinare di gara per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo. Accantonato il piombo dalla nozione di sigillatura, ma rimane la ceralacca ...

SERVIZIO DI NOLEGGIO PULLMAN CON AUTISTA PER VISITE GUIDATE

Per l’offerta tecnica, vengono premiati il numero degli automezzi in dotazione e la loro data di immatricolazione. È ragionevole?

SERVIZIO DI NOLEGGIO PULLMAN CON AUTISTA PER VISITE GUIDATE

È legittima la prescrizione del requisito della proprietà degli automezzi da adibire al servizio di noleggio?

L’ACCREDITAMENTO DEL LABORATORIO: ART. 87 DEL CODICE

Dalla documentazione esibita a corredo dell’offerta non si evince l’accreditamento del laboratorio esecutore del test relativo alla conformità alle norme tecniche UNI EN 455-3. Esclusione secca?

LA MANCATA PRODUZIONE DELLE REFERENZE BANCARIE

Soccorso istruttorio sì, soccorso istruttorio no (si tratta di due diverse sezioni dello stesso T.A.R.). Noi siamo per l’opzione positiva.

LA SCELTA DEGLI OPERATORI PER UNA RDO SUL MEPA, PER L’AFFIDAMENTO DI UN CONTRATTO DI VALORE SUPERIORE A EUR 40.000

Alla fine il quadro è così confuso, che non importa se gli operatori economici sono stati scelti in modo non concorrenziale. Il Ministero voleva negare il contributo, ma il T.A.R. ha dato ragione al Comune. Ma il Ministero avrebbe tutte le ragioni di questo mondo …

GARA DI FARMACI (SENTENZA 11 DICEMBRE 2017)

Il RUP, pur privo di specifiche competenze in materia farmaceutica, può correttamente valutare l’equipollenza di due farmaci proposti per un lotto?

GARA DI FARMACI (SENTENZA 11 DICEMBRE 2017)

La differenza di confezionamento del prodotto può assurgere a mancanza, in capo al prodotto stesso, di un requisito essenziale previsto a pena di esclusione dalla gara?

SPENDING REVIEW IN SANITÀ (L. 296/2006 E L.208/2015)

I non sempre chiari rapporti che sussistono fra le gare indette dalla centrale di acquisti delle pubbliche amministrazioni centrali e quelle indette dalle centrali di acquisto regionali nelle particolari ipotesi in cui beneficiari ultimi degli affidamenti siano gli enti del Servizio sanitario pubblico. Facciamo definitiva chiarezza.

PARTECIPAZIONE ALLA GARA DELL’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO E RISPETTO DELLA CLAUSOLA SOCIALE

Legittimo il bando di gara per l’affidamento di un servizio, nella parte in cui esclude dalla partecipazione le associazioni di volontariato presupponendo l’applicazione di una clausola sociale automaticamente escludente? Un excursus di tutti i principi della materia.

“FREE” – PREDISPOSIZIONE DI UN BANDO DI GARA APPARENTEMENTE CIRCOSCRITTO AI SERVIZI DI BIGLIETTERIA E VIGILANZA …

… in realtà ricomprendente anche servizi riconducibili al novero di quelli “aggiuntivi”, e quind il Ministero e Consip – ognuno per quanto di propria competenza – hanno violato la normativa vigente, sotto due distinti profili?

“FREE” – SERVIZI E FORNITURE: LA DISCIPLINA DELLA GARA D’APPALTO E I BANDI-TIPO DELL’ANAC N. 1 E N. 2

Senigallia, 15 dicembre. Torino, 14 febbraio 2018: con sconto per iscrizione anticipata, entro il  22 gennaio 2018. Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente. 

“FREE” – Servizi e forniture: dalle acquisizioni vincolate (CONSIP e MEPA) a tutte le altre acquisizioni di valore inferiore alla soglia comunitaria, fino ai servizi sociali, ovvero il punto di partenza per il RUP e il suo percorso a seguire

Roma, 2 febbraio 2018. Sconto per iscrizione anticipata, entro il 15 gennaio 2018. Viene fornito, in formato riscrivibile, lo schema di determinazione unica per l’«affidamento diretto».

MANCATA INDICAZIONE DELLA TERNA E MANCATA DICHIARAZIONE EX ART. 80 DEL CODICE (SENTENZA 7 DICEMBRE 2017)

In una gara di servizi sopra soglia, l’impresa ha dichiarato di subappaltare una certa attività, ma non ha indicato la terna dei subappaltatori, né ha reso in capo ai medesimi la dichiarazione di assenza dei motivi di esclusione. E quindi?

COMUNUNICAZIONI SUL MEPA (SENTENZA 7 DICEMBRE 2017)

È fondata la censura della violazione dell’art. 29 del D.Lgs. 50/2016?

L’ISCRIZIONE CAMERALE (SENTENZA 7 DICEMBRE 2017)

La disciplina di gara richiede l’iscrizione alla Camera di Commercio per l’attività contraddistinta con il codice ATECORI 87.3: “Struttura di assistenza residenziale per anziani e disabili”. È legittimo che il requisito di ammissione sia rigorosamente legato dalla stazione appaltante al pregresso svolgimento di attività esattamente corrispondente a quella da affidare?

LA TIPOLOGIA DI RAGGRUPPAMENTO E L’ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI (SENTENZA 7 DICEMBRE 2017)

Si riconferma che, nel silenzio della disciplina di gara, il raggruppamento può essere solo di tipo orizzontale e quindi l’iscrizione all’albo – che è requisito di partecipazione – deve essere poseduta da tutti i soggetti raggruppati. Nessun soccorso istruttorio.

LA QUESTIONE DELL’IMMEDIATA LESIVITÀ DI UNA CLAUSOLA DI GARA (SENTENZA 6 DICEMBRE 2017)

I prodotti farmaceutici dovevano corrispondere a quanto richiesto in capitolato, in termini di principio attivo, dosaggio e forma farmaceutica ed eventuali altre caratteristiche specificate. La clausola è immediatamene lesiva?

QUANDO IL RICORSO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO È ILLEGITTIMO NEL “SE” E NEL “COME”

L’urgenza (è arcinoto) non deve essere imputabile alla stazione appaltante e occorre comunque un avviso per sollecitare la presentazione di manifestazioni di interesse (lo dice, ad evidenza implicita, il comma 6 della norma di riferimento). Si ricade sempre negli stessi errori …

ACCORDO QUADRO ED ESTENSIONE DEL CONTRATTO

Aspetti comuni e differenze. È necessario che fra le condizioni che l’accordo quadro deve necessariamente fissare vi sia la predeterminazione dei prezzi delle prestazioni da applicarsi poi in sede di ordine esecutivo?

CLAUSOLA SOCIALE E C.C.N.L.: UN POSSIBILE PUNTO DI EQUILIBRIO FRA CONTRAPPOSTE ESIGENZE GIURIDICHE

La clausola sociale è assolutamente vincolante solo se prevista nel CCNL dell’appaltatore uscente, altrimenti essa deve essere compatibile con l’organizzazione del subentrante?

SERVIZIO ANNUALE DI PRESTITO E DISTRIBUZIONE DI MATERIALI BIBLIOTECARI IN TRE SEDI COMUNALI

Applicandosi la L. 381/1991 (avente come ratio l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate), l’attività dei volontari – sotto il profilo della verifica di congruità dell’offerta – consente alle cooperative di rendere prestazioni altrimenti non coperte dai corrispettivi?

COME SI INTERPRETA CORRETTAMENTE LA CLAUSOLA C.D. “DI SALVAGUARDIA”

Il possesso di un determinato fatturato come si comprova in alternativa al documento tipico che gli inerisce? Qui e nell'incontro di Senigallia del 15 dicembre 2017.

IL “FAVOR” PER LE PMI

Non può tradursi in favor-itismo. Non la Direttiva, né il nuovo Codice, si spingono ad affermare che le imprese piccole e micro possano non solo dimostrare il possesso dei requisiti in qualsiasi modo, ma che addirittura possono comprovare la capacità tecnica e/o economica facendo ricorso a criteri diversi da quelli indicati dalla stazione appaltante.

IL SERVIZIO DI ASSICURAZIONE È ASSIMILABILE A UN SERVIZIO DI NATURA INTELLETTUALE?

E quindi è nulla la clausola di bando di una procedura aperta, relativa all’affidamento di servizi assicurativi, che richieda a pena di esclusione l’indicazione degli oneri “interni” della sicurezza?

“FREE” – Servizi e forniture: dalle acquisizioni vincolate (CONSIP e MEPA) a tutte le altre acquisizioni di valore inferiore alla soglia comunitaria, fino ai servizi sociali, ovvero il punto di partenza per il RUP e il suo percorso a seguire

Roma, 2 febbraio 2018. Sconto per iscrizione anticipata, entro il 15 gennaio 2018. Viene fornito, in formato riscrivibile, lo schema di determinazione unica per l’«affidamento diretto».

“FREE” – SERVIZI “ANALOGHI” E “IDENTICI”

Si «rileva che il bando di gara non richiedeva tassativamente lo svolgimento di servizi identici, ma anche di analoghi, di talché trovava applicazione il principio …

L’ESTENSIONE DEL CONTRATTO: LE TRE INSUPERABILI LIMITAZIONI

Il principio generale che deve essere affermato è che l’operatore che partecipa alla gara pubblica deve essere posto in condizione di poter conoscere quali sono tutte le regole contrattuali. Nel caso di specie, nessuna indicazione era contenuta in relazione alla possibile “futura estensione” della fornitura del servizio (in favore della medesima azienda e tanto meno in favore di altre).

LA FALSA APPLICAZIONE DELL’ART. 106 DEL CODICE DEGLI APPALTI

La violazione dei principi di immodificabilità dell’offerta e di par condicio tra i partecipanti alla gara.

DISPONIBILITÀ DI UN LABORATORIO

La prova, seppur in modo aperto, va data in sede di ammissione.

STA EMERGENDO UNA PATOLOGIA GIURIDICA DELL’USO DEL MEPA, DA NOI GIÀ EVIDENZIATA DA QUEL DÌ

«In sostanza, è da ritenersi che i beni oggetto del bando non rientrano in quelli negoziabili dall’Amministrazione tramite il Mepa, per violazione dell’art. 50 (…), che richiede espressamente, ai fini dell’utilizzo della RDO la necessità che i beni siano conformi …

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

Attiene agli aspetti gestionali dell'impresa, intesa nel suo complesso, e non ai prodotti da essa realizzati ovvero alle attività ed ai processi produttivi per cui sia specificamente abilitata.

LA CLAUSOLA SOCIALE

Che piaccia o no (e non piace), non comporta in forma automatica e generalizzata l’obbligo di assunzione del personale uscente. Così è. Al di là del fatto che tale clausola, da richiamarsi nel bando, ha portata cogente (nel senso che si specifica). La soluzione più opportuna? Metterla con carattere premiale.

CURRICULUM E OFFERTA TECNICA

La lex specialis è inequivocabile nello specificare, per l’offerta tecnica, che le ditte debbono allegare i curricula degli operatori che si intendono utilizzare nel servizio. Requisito già di partecipazione o solo di esecuzione?

“FREE” – ONERE ASSICURATIVO A CARICO DEL COMUNE PER LA PRESTAZIONE DEL SINGOLO VOLONTARIO

Nella nuova disciplina, introdotta con il D. Lgs. n. 117/2017, non è rinvenibile alcuna disposizione che potrebbe rendere legittimo l’onere assicurativo a carico del comune per la prestazione resa dal singolo volontario, in assenza di una convenzione tra l’ente e il Terzo Settore ed in mancanza di una deroga legislativa che contempli la suddetta possibilità.

IMPORTO DI AFFIDAMENTO INFERIORE A EUR. 40.000

Limitata la partecipazione o ai soli professionisti singoli o alle associazioni di professionisti, in armonia con le norme contenute nella “nuova” disciplina dell’ordinamento forense. Quid juris?

I SERVIZI “ANALOGHI”, NON “IDENTICI”, MA NON “QUALI CHE SIANO”

Ed ecco il giusto bilanciamento al principio per cui i servizi “analoghi” non è necessario che siano “identici”. Debbono però per converso esser significativi dell’esperienza dell’impresa in relazione all’oggetto dell’appalto. Eh sì!

SERVIZI DI CONETTIVITÀ MESSI A DISPOSIZIONE DA CONSIP

A causa della totale equivalenza dei tre operatori nella gara Consip è “praticamente impossibile” esprimere qualunque tipo di preferenza da parte dell’amministrazione. In considerazione di tale valutazione, l’amministrazione si è affidata all’estrazione a sorte. È stato legittimo?

IL SERVIZIO DI TRASPORTO DI EMODERIVATI

Può essere affidato al prezzo più basso?

“FREE” – LA NUOVA FIGURA DI DIRITTO AUTOREFERENZIALE DEL CONSORZIO COOPERATIVO O ARTIGIANO …

«Nel caso di consorzio di cooperative e imprese artigiane (…) di cui all’art. 45, comma 2 lett. b) (…) del Codice, il consorzio indica il consorziato per il quale concorre alla gara; qualora il consorzio non indichi per quale/i consorziato/i concorre, si intende che lo stesso partecipa in nome e per conto proprio». Chi ha scritto ciò (al di là del non saper usare il congiuntivo), …

“FREE” – I BANDI-TIPO DELL’ANAC IN CONSULTAZIONE

«N.B.: in caso di limitazione della partecipazione/aggiudicazione ad un numero massimo di lotti, la stazione appaltante può motivatamente imporre, ai concorrenti che presentano offerta per più lotti, di partecipare nella medesima forma (singola o associata)».

IL FATTURATO SPECIFICO (SENTENZA DI OGGI, 14 NOVEMBRE 2017)

Ma è requisito solo economico o vale anche come tecnico?

ANCHE UN’ALTRA GROSSA CENTRALE DI COMMITTENZA COME “CONSIP” (SENTENZA 13 NOVEMBRE 2017)

Si osserva che «il (…) bando di gara, in quanto frazionato in lotti di dimensioni economiche spropositate e spazialmente incongrue, costituisce una manifesta distorsione della concorrenza.

CLAUSOLA DI ADESIONE EQUIVALENTE AD AFFIDAMENTO DIRETTO?

Si lamenta l’illegittimità della clausola di adesione quale strumento per la scelta di un contraente della pubblica amministrazione, sostenendosi che la stessa violerebbe la normativa, di matrice comunitaria, sui pubblici appalti. Quid juris?

L’AFFIDAMENTO ALLE COOPERATIVE SOCIALI NEL NUOVO CODICE: IL SERVIZIO DI SPAZZAMENTO E PULIZIA

L’art. 112 del d.lgs. n. 50/2016 fa salva la disciplina sull’affidamento di contratti pubblici alle cooperative sociali, lasciando così spazio alle deroghe speciali ivi consentite.

I SERVIZI “ANALOGHI”

«La locuzione "servizi analoghi" non s'identifica con "servizi identici", ...

“FREE” – SERVIZI E FORNITURE: LA DISCIPLINA DELLA GARA D’APPALTO E I BANDI-TIPO DELL’ANAC N. 1 E N. 2

Milano, 23 novembre 2017; Firenze, 24 novembre 2017; Senigallia, 15 dicembre (sconto per iscrizione anticipata entro il 27 novembre). Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente. 

REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA

Una situazione di irregolarità contributiva per il lasso di tempo compreso tra il 25 marzo 2017 (data di scadenza del precedente DURC regolare) e il 17 maggio 2017, periodo durante il quale la selezione era in pieno svolgimento. Non ammessa la sanatoria.

L’ART. 12, COMMI 1 E 2, DELLA LEGGE 28 LUGLIO 2016, N. 154

La norma di legge in questione, benché vigente, non è stata ancora attuata e, in quanto norma inattuata, è da ritenere, allo stato, inapplicabile.

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO COME OPERATORI ECONOMICI ORDINARIAMENTE AMMESSI (SENTENZA DI OGGI 3 NOVEMBRE 2017)

Si rammenta che, «secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, pienamente condiviso (…), le associazioni di volontariato possono essere ammesse alle gare pubbliche quali …

APPALTI IN SANITÀ (SENTENZA DI OGGI 3 NOVEMBRE 2017)

A fronte di una legge di gara che indicava chiaramente che i partecipanti potevano offrire gli apteni oggetto della stessa sia come dispositivi medici, sia come farmaci, la lesività è immediata o no?

NON CONDIVISIBILE AFFATTO LA TESI CHE NON POSSANO ESSERE IDENTICI, È PROPRIO LÌ LA GARANZIA CHE NON SI RIAFFIDI QUALCOSA DI DIVERSO …

In tema di ricorso alla procedura derogatoria prevista dall’art. 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. 163/2006 per ripetizione di servizi analoghi.

IL COLLEGAMENTO SOSTANZIALE RISCONTRATO DALLA STAZIONE APPALTANTE, MA NON DAL GIUDICE AMMINISTRATIVO

Il vincolo tecnologico imposto dalla partecipazione alla gara, consistente nella necessità di fornire tecnologie e servizi compatibili con un unico prodotto informatico già detenuto dalla stazione appaltante, ha indotto 3 dei 4 concorrenti a rivolgersi al produttore originale delle infrastrutture informatiche richieste. Per questo vi è stata identità di offerte tecniche.

ESECUZIONE DI PRECEDENTI APPALTI COME APPALTATORE

Ma il consorziato non è titolare formalmente della qualifica di appaltatore …

L’ART. 30, COMMA 4, DEL CODICE: IL C.C.N.L. APPLICABILE

Si osserva che, «secondo la pregressa giurisprudenza occupatasi del problema …

L’ISCRIZIONE CAMERALE

Si osserva che «nelle gare pubbliche indette per l'affidamento di appalti, l'iscrizione del partecipante alla Camera di Commercio e la sua coerenza rispetto al contenuto contrattuale ove richiesta dalla lex specialis, è requisito di ... 

L’ART. 97, COMMA 6, PRIMO PERIODO, DEL CODICE

Non ammesse giustificazioni “in relazione a trattamenti salariali minimi inderogabili stabiliti dalla legge o da fonti autorizzate dalla legge”.

SUL CONTROLLO ANALOGO CONGIUNTO

In ordine all’in house, la «sentenza …

SULLA NON ECCEZIONALITÀ DEL RICORSO ALL’"IN HOUSE"

«Da un punto di vista sistematico, la giurisprudenza …

L’ART. 110, COMMA 1, DEL D.LGS. 50/2016

«Quale conseguenza del venir meno, per effetto della disposta risoluzione del contratto di appalto, del soggetto incaricato dello svolgimento del servizio – con conseguente impossibilità di garantire la raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti - vi è l’insorgenza di una situazione di pericolo grave e attuale per beni di carattere primario, …

L’AVVALIMENTO DELL'ISCRIZIONE AGLI ALBI PROFESSIONALI OVVERO DELL’ISCRIZIONE AD ALBI SPECIALISTICI

In realtà deve riguardare solo ciò che è indice di capacità economica e tecnica …

LA QUALIFICAZIONE IRRAGIONEVOLMENTE AGGRAVATA

La clausola del disciplinare che impone, per i soggetti che partecipano in forma societaria, l’iscrizione di tutti i soci all’albo dei dottori commercialisti.

RISTORAZIONE: LA GENERICITÀ DEL CRITERIO DI VALUTAZIONE

«Progetto di prodotti di filiera» regionale «di prodotti biologici oltre a quelli già indicati in tabella biologica forniture di qualità: massimo punti 15». Guarda perché è generico.

ANAC

Provvedimento 13 settembre 2017 

RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

Da quelle parti hanno la gratuità facile … «Non appare, infatti, irragionevole né contrario alla lex specialis, quanto alla doglianza riportata sub a), l’attribuzione di una valutazione premiale ad una maggiore offerta di gratuità, tutt’affatto limitata espressamente dal bando ai dieci accompagnatori:

UNICA DICHIARAZIONE BANCARIA RICHIESTA, OMESSA “TOUT COURT” DAL CONCORRENTE

Va dato il soccorso istruttorio. La data del documento è successiva al termine di scadenza di presentazione delle offerte? Nulla quaestio! È dimostrato che l’impresa godeva sostanzialisticamente del patronage della banca già da prima.  Il giudice amministrativo convalida la nostra interpretazione.

CIÒ CHE RIVESTE NATURA “ESSENZIALE” PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO

Il bando di gara deve essere chiaro. Non possono ricavarsi ex post, attraverso la lettura congiunta delle clausole del capitolato speciale, presunti requisiti ritenuti “essenziali” per lo svolgimento del servizio (ma non qualificati come tali dalla stazione appaltante).

MANCATA COMPROVA DI ALCUNI SERVIZI SVOLTI

Ma quelli comprovati erano già sufficienti a comprovare la qualificazione tecnica.

GLI INCARICHI DI COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE

Si osserva che «dall’uso generico del singolare per indicare il “coordinatore in materia di salute e di sicurezza” (art. 101, comma 1, del Codice dei contratti pubblici) non si può trarre la conclusione che il legislatore intenda riferirsi esclusivamente a un unico soggetto:

L’ATTIVITÀ DELL’ECOLOGO

Non ricadendo l’attività dell’ecologo nei servizi di architettura e di ingegneria, non può sussistere la violazione dell’art. 46 del codice dei contratti pubblici, che disciplina esclusivamente detti servizi.

IL MERCATO “RILEVANTE” E GLI APPALTI PUBBLICI

Anche le gare di pubblici appalti possono costituire, avuto riguardo alle circostanze del caso concreto, un mercato a sé stante, in quanto la definizione del mercato rilevante varia in funzione delle diverse situazioni di fatto.

GARA PENDENTE E RICORSO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA

Ma l’ineludibile esigenza di garantire la continuità del servizio avrebbe consentito già la proroga tecnica al precedente affidatario (anche se non richiamata nel contratto).

ANAC – LE LINEE GUIDA N. 8

Ricorso a procedure negoziate senza previa pubblicazione di un bando nel caso di forniture e servizi ritenuti infungibili (cfr. anche la comunicazione della Commissione).

QUALIFICAZIONE AGGRAVATA

Non è illegittimo stabilire una qualificazione aggravata che restringa la platea dei concorrenti, qualora lo scopo perseguito e fatto evidente lo giustifichi. Ma fatelo sempre con prudenza!

IL RITO SUPERACCELERATO

Si applica anche per le R.d.O. sul MEPA?

L’AGGRAVIO DELLA DOVEROSITÀ DELLA SPECIFICAZIONE DEI PREZZI UNITARI DEI SERVIZI A CORPO

L’ordinamento non pone assolutamente a carico del concorrente l’onere di chiedere chiarimenti all’Amministrazione, ma impone, invece, alla medesima di predisporre una normativa di gara chiara e di assicurare totale coerenza tra i vari documenti che compongono la relativa disciplina.

LA DIRETTIVA AVEVA GIÀ PREVISTO I CASI-CONSIP, NAZIONALE E REGIONALI

“L’aggregazione e la centralizzazione delle committenze dovrebbero essere attentamente monitorate al fine di evitare un'eccessiva concentrazione del potere d'acquisto e collusioni, nonché di preservare la trasparenza e la concorrenza e la possibilità di accesso al mercato per le PMI” (“considerando” n. 59). Vedi ora il caso-Sicilia.

LA CLAUSOLA SOCIALE ILLEGITTIMA

Illegittima la <clausola sociale> così come formulata negli atti di indizione della procedura di gara, poiché tale da imporre in termini rigidi la conservazione del personale di cui al precedente appalto.

SERVIZIO DI RISTORAZIONE E VALUTAZIONE DI ANOMALIA

È giustificabile un utile per l’impresa, a pasto, pari ad € 0,02?

“FREE” – L’ART. 87 DEL CODICE: CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

L’attestazione deve promanare da un organismo certificatore riconosciuto in ambito europeo ovvero di cui sia dimostrata dal concorrente, in sede di gara, l’affidabilità tecnico-istituzionale almeno tramite l’indicazione degli estremi di accreditamento. In caso contrario, sanzione espulsiva anche nel silenzio della disciplina di gara.

ELENCO DELLA STAZIONE APPALTANTE ED ELENCO DEL MEPA

In realtà non è proprio vero che l’uno vale l’altro. La sentenza è però importante in quanto valorizza il principio di successione delle leggi nel tempo. Il nuovo codice è venuto dopo e con esso si devono armonizzare le disposizioni precedenti. Si pensi alla disciplina speciale che il codice reca per l’affidamento dei servizi di progettazione di lavori pubblici.

FINALMENTE UN CASO IN CUI È RISULTATO LEGITTIMO IL RICORSO AL PREZZO PIÙ BASSO: FORNITURA DI APPARATI RADIO CON ACCESSORI A CORREDO

La standardizzazione attiene alla tipologia della fornitura richiesta, ma non implica che poi, all’interno delle varie tipologie di apparati standardizzate, non vi sia …

MERA FORNITURA E AVVALIMENTO IN AMBITO DI “HOLDING”

Nella fattispecie l'avvalimento avviene all'interno di un medesimo gruppo societario tra la holding e la sua controllata al 100%. Il che può essere considerato di per sé indice di sufficiente attendibilità ed effettività dell’offerta?

MERA FORNITURA E LIMITABILITÀ DELL’AVVALIMENTO

Si osserva che «l’art. 89, comma 4, del d.lgs. 50/2016, in tema di avvalimento, dispone che “nel caso di appalti di lavori, di appalti di servizi e operazioni di posa in opera o installazione nel quadro di un appalto di fornitura, le stazioni appaltanti possono prevedere nei documenti di gara che taluni compiti essenziali siano direttamente svolti dall'offerente”;

FORNITURA DI SPAZZATRICI GIÀ PRODOTTE E DISPONIBILI SUL MERCATO

La gara (nella fattispecie) non ha ad oggetto la produzione di apparecchiature specificamente assemblate (o con peculiari caratteristiche meccaniche) per le esigenze della stazione appaltante. Quindi l’operatore economico avrebbe dovuto dimostrare solo …

“FREE” – LOCAZIONE FINANZIARIA CON OPZIONE D’ACQUISTO

«L’espressione «contratto di locazione accompagnato dalla clausola secondo la quale la proprietà è normalmente acquisita al più tardi all’atto del pagamento dell’ultima rata», di cui all’articolo 14, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto, …

QUANDO L’ACCORDO TRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI NON È APPALTO PUBBLICO

Il D.Lgs. 50/2016, art. 5, comma 6, alla luce dei principi comunitari.

IL GIORNO DOPO, ANCORA SULLA NOZIONE COMUNITARIA DI “ONEROSITÀ” DELL’APPALTO

«La Sezione ritiene, quindi, che la prima argomentazione esposta dalla sentenza impugnata possa dare luogo a dubbi attinenti alla corretta interpretazione delle direttive europee, con particolare riguardo alla nozione di onerosità …

RINVIO DI DUE QUESTIONI ALLA CORTE DI GIUSTIZIA

«In conclusione, il Collegio sottopone alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea i due seguenti quesiti:

L’OFFERTA TECNICA "DIFFORME" (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

Deve «rilevarsi che per giurisprudenza oramai costante “le difformità dell’offerta tecnica che rivelano l’inadeguatezza del progetto proposto dall’impresa offerente rispetto ai requisiti minimi previsti dalla stazione appaltante per il contratto da affidare …

“FREE” – ISTAT: COMUNICATO

«Elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell'articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n.196 e successive modificazioni».

AVVALIMENTO DA IMPRESA EXTRACOMUNITARIA NON LEGITTIMATA: FATTISPECIE IN MATERIA DI FORNITURA DI AUTOBUS

Sussiste «il divieto di partecipare a gare di appalto agli operatori economici stabiliti in Paesi diversi dall’Italia che non rientrino tra gli Stati aderenti all’Unione Europea, tra i paesi …

MA QUALI “MOTIVI TECNICI” E QUALE CARATTERE “COMPLEMENTARE”?

Piuttosto, «il sistema di scelta del contraente a mezzo di procedura negoziata senza pubblicazione del bando di cui all'art. 63 del d.lgs. n. 50/2016 (…) rappresenta un'eccezione ai principi generali di pubblicità e di massima concorrenzialità tipici della procedura aperta, con la conseguenza che i presupposti fissati dalla legge per la sua ammissibilità devono essere accertati con il massimo rigore, e sono di stretta interpretazione». Salute!

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI IN TRE CATEGORIE (SENTENZA 28 SETTEMBRE 2017)

In caso di raggruppamento è possibile il cumulo? Perché l’interessante tesi del T.A.R. che si riporta proprio non convince. Si precisa che l’appalto, nella fattispecie, …

IL D.LGS. 50/2016, ART. 83, COMMA 6 (SENTENZA 28 SETTEMBRE 2017)

Si riconferma che, «ai sensi del comma 6° dell’art. 83 D.Lgs. n. 50/2016, negli appalti di servizi, …

SERVIZIO DI PULIZIA, SANIFICAZIONE ED AUSILIARIATO: AMMESSO IL PREZZO PIÙ BASSO (SENTENZA 27 SETTEMBRE 2017)?

Prevale il profilo che si tratta di servizio ad alta intensità di manodopera, oppure che si tratta di servizio caratterizzato da "elevata ripetitività", ovvero "standard"?

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SU SERVIZI E FORNITURE: SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI E RICORSO AL MEPA

Per l’acquisizione dei servizi di progettazione di lavori pubblici, il ricorso al MEPA è obbligatorio o facoltativo?

LE OFFERTE ASSOLUTAMENTE INCERTE (SENTENZA 22 SETTEMBRE 2017)

Le offerte «assolutamente incerte nei propri effettivi contenuti e violative delle “condizioni minime indispensabili” poste dal Capitolato Speciale, oltre che ambigue e non in linea con la normativa di settore», …

“FREE” – LA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA CON IL NUOVO CODICE

La linea giurisprudenziale che opta per l’esclusione secca (T.R.G.A., Bolzano, 18 settembre 2017, n. 281).

LA MOTIVAZIONE DELLA SCELTA DEL PREZZO PIÙ BASSO (SENTENZA 19 SETTEMBRE 2017)

1) Già nel bando di gara? 2) Quando anche appalti caratterizzati da rilevanti profili di complessità possono essere affidati con il prezzo più basso? 3) I canoni dell’ordinarietà e dell’elevata standardizzazione in relazione alla diffusa presenza sul mercato di operatori in grado di offrire in condizioni analoghe il prodotto richiesto. 4) La certificazione di qualità richiesta in sede di ammissione dimostra che il servizio sia per forza standardizzato?

L’IMMEDIATA IMPUGNABILITÀ O MENO DELLA SCELTA DEL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE (SENTENZA 19 SETTEMBRE 2017)

La linea giurisprudenziale che non riconosce l’immediata lesività, nella fattispecie, della scelta del prezzo più basso.

SERVIZI LEGALI E “CIG”

Perché deve sempre essere preso il CIG, per tutti senza distinzione.

ERRORE MATERIALE IN OFFERTA ECONOMICA PER EQUIVOCITÀ DELLA DISCIPLINA DI GARA (SENTENZA 18 SETTEMBRE 2017)

La disciplina di gara è oggettivamente equivoca nella parte in cui individua le modalità della formulazione dell’offerta economica, perché non chiarisce se si tratta di un’offerta da parametrare al triennio di durata minima del contratto o a ciascun anno di durata del contratto stesso.

ESCLUSIONE DALLA PROCEDURA NEGOZIATA (SENTENZA 15 SETTEMBRE 2017)

La ricorrente si presenta non come operatore economico autonomo, ma come branch con sede in Inghilterra di una società avente la sede principale negli Stati Uniti: la garanzia fideiussoria è intestata alla sede principale e non a lei stessa. Quid juris?

IL REITERATO AZZERAMENTO DI COSTI DI PERSONALE (SENTENZA 12 SETTEMBRE 2017)

Si traduce sostanzialmente in un'offerta economica incompleta, la cui lacuna non potrebbe essere colmata in sede di eventuale giustificazione di congruità dell'offerta.

CONTRATTO CON OPZIONE: LEGITTIMO BANDIRE COMUNQUE UNA NUOVA GARA (SENTENZA 14 SETTEMBRE 2017)

La stazione appaltante ha deciso di bandire una nuova gara, segnatamente una procedura aperta, per conseguire quella stessa fornitura per la quale si era riservata la facoltà di esercitare il diritto di opzione. Quid juris?

INDICAZIONI NON PRODOTTE (SENTENZA 15 SETTEMBRE 2017)

Il bando e il disciplinare di gara prevedevano l’esclusione delle offerte prive dell’indicazione del produttore, della marca, della qualità e della grammatura dei prodotti elencati nel listino prezzi. Clausole nulle, direttamente disapplicabili da parte del seggio di gara?

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACQUISIZIONE OTTICA DELLE IMMAGINI E LOGISTICA PER LE RICETTE MEDICHE

L’adozione del criterio di aggiudicazione del prezzo più basso è legittima? Sì, anzi no!

GARA DI FORNITURE E SERVIZI NEL VECCHIO CODICE (SENTENZA 13 SETTEMBRE 2017)

Il principio di “corrispondenza” in caso di raggruppamento? Tamquam non esset!

R.D.O. SUL MEPA: LA TRASMISSIONE DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA CON P.E.C. ANZICHÉ SULLA PIATTAFORMA

La lettera di invito prevedeva l’invio esclusivamente per via telematica, conformemente alle regole fissate dal mercato elettronico. È legittimo l’uso di tale modalità alternativa?

PROCEDURA NEGOZIATA DI IMPORTO INFERIORE A EUR 40.000

L’operatore economico, dopo poche ore dalla pubblicazione della determina a contrarre, chiede di essere invitato e l’Amministazione neanche gli risponde. Quid juris?

L’ART. 48, COMMA 4, DEL CODICE: “RATIO” E SOCCORSO ISTRUTTORIO (SENTENZA 12 SETTEMBRE 2017)

Il mancato possesso dei requisiti di ordine speciale in misura corrispondente alla parte di prestazioni assunta è suscettibile di soccorso istruttorio. Come? Attraverso ...

IL PRINCIPIO COMUNITARIO DELL’EQUIVALENZA DELLE TECNOLOGIE NON È UN ASSOLUTO (SENTENZA 11 SETTEMBRE 2017)

10 punti all’offerta di ricambi originali e 4 agli equivalenti: è legittimo? Sì, e guarda perché! Qui si apre uno spiraglio tutto nuovo ...

LA DISPONIBILITÀ DEI PREDETTI MEZZI RAPPRESENTA UN REQUISITO DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA (TRASPORTO SCOLASTICO)?

«La lettera di invito ad offrire prescriveva che i concorrenti dovessero dichiarare, in sede di partecipazione a gara, di disporre di almeno n. 10 scuolabus per l’espletamento del servizio». Vedi tesi di T.A.R. non proprio condivisibile.

“FREE” – ANAC – CONSULTAZIONE ON LINE DELL’11 SETTEMBRE 2017 – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SULLA GARA D’APPALTO A FORMALE EVIDENZA PUBBLICA

«Bando-tipo n. 2/2017 – Schema tipo di disciplinare di gara per l’affidamento di contratti pubblici di servizi di pulizia, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo».

L’AVVALIMENTO DI GARANZIA

La pià rigida interpretazione giurisprudenziale sul punto: non solo l'avvalimento di garanzia deve essere puntualmente e oggettivamente dimostrato, ma deve anche evidenziare una corrispondenza con la tipologia di servizio che va in gara!

LA ISO 13485:2012 RISPETTO ALLA ISO 9001:2008 (SENTENZA 11 SETTEMBRE 2017)

La stazione appaltante non può escludere un concorrente respingendo un'offerta, se questa evidenzia una certificazione equivalente e se il concorrente dimostra che il prodotto offerto ha caratteristiche tecniche perfettamente corrispondenti allo specifico standard richiesto.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SU SERVIZI E FORNITURE

“Le linee guida n. 4 dell’ANAC per gli affidamenti sotto soglia comunitaria, da leggersi in modo aggiornato al correttivo: l’aggiornamento delle linee guida, in consultazione dall’8 settembre 2017". Vai al programma aggiornato.

“FREE” – LA "SEMPLIFICAZIONE" PER LA STAZIONE APPALTANTE E PER GLI OPERATORI ECONOMICI NELLO SCHEMA DI BANDO-TIPO N. 1

L’ANAC sposa la tesi che, siccome ci sarebbe da adottare lo specifico «provvedimento» di cui all’art. 29, comma 1, allora occorre procedere alla verifica documentale delle autocertificazioni rese da tutti gli offerenti, prima di aprire le offerte (paragrafo n. 19)!

“FREE” – LA NOTA ILLUSTRATIVA DELL’ANAC ALLA BOZZA DI BANDO-TIPO E IL BANDO-TIPO: “QUID JURIS” PER LA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA E DEL COSTO DELLA MANODOPERA?

In disparte che sappiamo come regolarci alla luce dell’estivo revirement giurisprudenziale in materia (passato sotto silenzio da chi evidentemente non vuol rischiare di metterci la faccia), vorremmo solo capire come la pensa l’ANAC.

LA QUALIFICAZIONE OTTENIBILE DALLA PARTECIPAZIONE IN RAGGRUPPAMENTO

La questione da risolvere riguarda la possibilità per il concorrente in R.T.I. di utilizzare l’esperienza acquisita nella R.T.I. medesima per la qualificazione a successive gare. Il requisito economico pro quota e quello tecnico per l’intero?

“FREE” – LO SCHEMA DI BANDO-TIPO IN CONSULTAZIONE: PRINCIPI DI CONFEZIONAMENTO DEL PLICO AUTENTICAMENTE “GREEN” …

«Il plico contenente l’offerta, a pena di esclusione, deve essere sigillato (…). Si precisa che per “sigillatura” deve intendersi una chiusura ermetica recante un qualsiasi segno o impronta, apposto su materiale plastico come striscia incollata o ceralacca o piombo» (paragrafo 13).

“FREE” – SERVIZI E FORNITURE: LA DISCIPLINA DELLA GARA D’APPALTO E IL BANDO-TIPO DELL’ANAC N. 1

Milano, 23 novembre 2017; Firenze, 24 novembre 2017. SCONTO PER ISCRIZIONE ANTICIPATA (entro 22 settembre e 10 novembre). Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

"FREE” – LA NOTA ILLUSTRATIVA DELL’ANAC ALLA BOZZA DI BANDO-TIPO: UN REGOLAMENTO PER NOMINARE I COMMISSARI IN ATTESA DELL’ALBO-ANAC?

«Fino alla adozione della disciplina in materia di iscrizione all’Albo di cui all’articolo 78, la commissione giudicatrice continua ad essere nominata dall’organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante» (D.Lgs. 50/2016, art. 216, comma 12).

LA CERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DI UN «SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE» (SENTENZA 6 SETTEMBRE 2017)

La richiesta della lettera di invito alle imprese partecipanti, di dichiarare il possesso della certificazione di qualità ISO 14001, ancorché non espressamente qualificata negli atti di gara come requisito di partecipazione, può essere derubricata a mero “obbligo dichiarativo”, la cui inosservanza sia priva di conseguenze sull’esito della gara?

LA DISCREZIONALITÀ NELLA FISSAZIONE DEI REQUISITI: LA CERTIFICAZIONE “UNI” (SENTENZA 6 SETTEMBRE 2017)

Si afferma «che “nella fissazione dei requisiti di partecipazione va riconosciuta un’ampia discrezionalità in capo alla stazione appaltante, purché la stessa non trasmodi in previsioni illogiche o sproporzionate”. Invero, la scelta di inserire o meno, fra i requisiti di partecipazione, il possesso della certificazione UNI …

“FREE” – SUBAPPALTO E POSSIBILITÀ DI LIMITARLO IN SERVIZI E FORNITURE: LA NOTA ILLUSTRATIVA DELL’ANAC ALLA BOZZA DI BANDO-TIPO

«In merito ai limiti al subappalto si ricorda che, secondo un orientamento giurisprudenziale diffuso, condiviso anche dall’Autorità, la stazione appaltante può introdurre limiti ulteriori all’utilizzo del subappalto …

“FREE” – SUBAPPALTO QUALIFICATORIO IN SERVIZI E FORNITURE: LA NOTA ILLUSTRATIVA DELL’ANAC ALLA BOZZA DI BANDO-TIPO

«Sul punto, si segnala l’inserimento, nel Disciplinare di gara, della espressa previsione del c.d. “subappalto necessario” o “qualificante”.

“FREE” – L’ANAC, ÜBER ALLES, NELLA BOZZA DI BANDO-TIPO DEPENNA LE DICHIARAZIONI BANCARIE DA REQUISITO DI QUALIFICAZIONE

«Con riferimento alle cd “idonee referenze bancarie” si rileva che esclusivamente l’allegato XVII, parte I, contempla non meglio specificate “idonee dichiarazioni bancarie” unitamente all’adeguato livello di copertura assicurativa contro i rischi professionali.

“FREE” – GLI IMPORTI DI GARA: LA CONFUSIONE DI CONCETTI NELLA NOTA ILLUSTRATIVA (IN CONSULTAZIONE) AL BANDO TIPO N. 1

«Si ricorda infine che, ai sensi dell’art. 35 del Codice, ai fini del calcolo del valore del contratto e dell’eventuale superamento delle soglie, è necessario determinare il valore complessivo dell’appalto come somma dell’importo a base di gara (al netto dell’IVA e degli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso) e delle eventuali opzioni o rinnovi.

PROCEDURA SUL MEPA: MANCATA CORRISPONDENZA TRA CERTIFICATO E PRODOTTO OFFERTO (SENTENZA 4 SETTEMBRE 2017)

«Il motivo di esclusione non è quello dell’intempestività della produzione documentale, ma quello della produzione di una certificazione non corrispondente al prodotto offerto.

IL REQUISITO DI ISCRIZIONE EX ART. 146 DEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE

Non è surrogabile (fattispecie in materia di servizio di pulizia degli specchi acquei).

AFFIDATARIO A SEGUITO DI PROCEDURA AD EVIDENZA PUBBLICA E PRINCIPIO DI ROTAZONE (SENTENZA 31 AGOSTO 2017)

«In un’ottica più attenuata, il principio potrebbe applicarsi anche agli affidatari a seguito di procedure ad evidenza pubblica, …

FRA CODICE CPV E CODICE ATECO (SENTENZA 31 AGOSTO 2017)

Come va letta in concreto l’iscrizione camerale per “attività coincidente con quella dell’appalto”, come da bando (fattispecie in materia di servizio di refezione scolastica)?

INDAGINE DI MERCATO DI CUI ALL’ART. 36, COMMA 2, LETT. B), E PRECEDENTE AFFIDATARIO (SENTENZA 31 AGOSTO 2017)

Occorre tenere conto della posizione del precedente affidatario anche nella procedura negoziata di seconda fascia di importo, al fine di rispettare in modo assoluto il principio di rotazione (che si applica anche per una concessione)? Il giudice amministrativo dà risposta positiva, ma allora c’è qualcosa che non torna. Infatti, delle due l’una.

ADESIONE A CONVENZIONE-CONSIP

Si deve dimostrare che l’adesione alla convenzione-CONSIP sia conveniente?

IL “BANDO FOTOGRAFIA”: LA NOZIONE PRETORIA

«Tale ipotesi, invero, si verifica laddove la prestazione oggetto del contratto di appalto da giudicare è delineata dalla lex specialis di gara in modo tale che …

I CRITERI DI SELEZIONE DIVERSI DA QUELLI “MORALI”: PER SERVIZI E FORNITURE, QUALI DI OBBLIGATORIA PREVISIONE IN BANDO E QUALI NO?

«I criteri di selezione riguardano esclusivamente: a) i requisiti di idoneità professionale; b) la capacità economica e finanziaria; c) le capacità tecniche e professionali» (D.Lgs. 50/2016, art. 83, comma 1). Quali di questi “debbono” necessariamente essere richiesti e quali invece “possono”?

SERVIZIO ANALOGO NELL’ULTIMO TRIENNIO

La dizione “servizio analogo a quello oggetto di gara, prestato negli ultimi tre anni prima della gara”, può essere interpretata nel senso che il concorrente, negli ultimi tre anni prima della gara, “abbia incominciato a prestare” il servizio analogo stesso?

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SU SERVIZI E FORNITURE

L’affidamento dei servizi di cui all’art. 142, comma 5-bis, e dei servizi di ristorazione in ordine all’applicabilità dei seguenti articoli del codice: 23, commi 15 e 16; 29; 30; 31; 32, comma 2; 34; 48, commi 4, 7-bis, 17, 18, 19, 19-bis, 19-ter; 50; 72 e 73; 76; 77 e 78; 89; 93; 97; 103; 105; 106, comma 11. 

L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CUI ALL’ART. 142, COMMA 5-BIS

La ritenuta dello 0,50 prevista dall’art. 30, comma 5-bis, del codice, è applicabile per tali servizi?

LA DISCREZIONALITÀ NELLA SCELTA DEL PREZZO PIÙ BASSO

Il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso può essere utilizzato, in particolare, quando le caratteristiche della prestazione da eseguire sono già ben definite dalla Stazione appaltante nel capitolato d’oneri, in cui sono previste tutte le caratteristiche e condizioni della prestazione pertanto il concorrente deve solo offrire un prezzo. E la scelta del criterio di aggiudicazione è immediatamente lesiva (ma quest’ultima è solo tesi prevalente).

APPALTO DI RISTORAZIONE E ANOMALIA DEI COSTI DELLA FORMAZIONE (SENTENZA 23 AGOSTO 2017)

Nella fattispecie, una quota dei costi della formazione, superiore all’utile previsto, non è stata imputata all’appalto, con conseguente violazione del principio che impone di riferire a ciascun appalto tutti i costi ad esso inerenti. Non tiene il richiamo ai pur sussistenti principi di flessibilità nella valutazione dell’anomalia.

IL COSTO DEL PERSONALE: FATTISPECIE IN MATERIA DI RISTORAZIONE (SENTENZA 23 AGOSTO 2017)

Quando non ci si può trincerare dietro la non-vincolatività della tabelle ministeriali. Quando lo scarto è troppo, è troppo.

L’ART. 95, COMMA 10, DEL D.LGS. 50/2016 (SENTENZA 23 AGOSTO 2017)

“Alla novella apportata dal correttivo, che contempla l’espresso esonero del concorrente dall’indicazione dei costi aziendali interni per i servizi di natura intellettuale, deve attribuirsi natura ricognitiva del “diritto vivente” previgente e non invece natura costitutiva e innovativa”. Tesi che non fa una piega!

LA FUNZIONE DEL CAMPIONE (SENTENZA 22 AGOSTO 2017)

La clausola secondo la quale, nel caso in cui i campioni (da analizzare prima della proposta di aggiudicazione) non dovessero essere ritenuti dalla commissione conformi alle caratteristiche tecniche richieste, il concorrente dovrà sostituire gli articoli interessati e fornire altri campioni a dimostrazione dell’avvenuto adempimento.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SU SERVIZI E FORNITURE E “ON LINE” L’INDICE DI UNO DEI MANUALI MESSI A DISPOSIZIONE

Il codice del terzo settore: le modalità di selezione di organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale e l’emergente problema di compatibilità con la giurisprudenza della Corte di Giustizia. L’indice on line del primo manuale su acquisizioni vincolate ed altro.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SULL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA

Dal manuale on line del MEPA: «Terminata la valutazione della documentazione tecnica, relativamente alla parte di punteggio di attribuzione automatica, puoi procedere alla eventuale verifica tecnica riservata alla commissione». Si tratta di un profilo estremamente critico.

DECRETO LEGISLATIVO 3 LUGLIO 2017, N. 117 (ENTRATA IN VIGORE, 3 AGOSTO 2017)

«Codice del Terzo settore, a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106». La disciplina che ha attinenza con il codice dei contratti.

ISCRIZIONE CAMERALE (PRINCIPI CONSOLIDATI, SENTENZA 10 AGOSTO 2017)

Quella per “attività” e quella per “oggetto sociale”.

APPALTO MISTO CON PREVALENZA DEL SERVIZIO SUI LAVORI (SENTENZA 9 AGOSTO 2017)

Occorre comunque comprovare la qualificazione ad eseguire i lavori?

RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO CON R.D.O. SUL MEPA, PER IMPORTO DA EUR 40.000 FINO A TUTTO IL SOTTOSOGLIA, CON ALBO-ANAC A REGIME, OVVERO VERSO LA PARALISI

Dal manuale on line, pag. 52: «Al presidente vengono affidate le attività di apertura e chiusura delle “buste” di gara e di valutazione di tutti i documenti presentati dai concorrenti, consentendogli di procedere fino all’ aggiudicazione». Quindi …

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SU SERVIZI E FORNITURE

La «Procedura di RDO al Prezzo più basso» (nel manuale on line, aggiornato al 19 luglio 2017): le criticità.

“FREE” – LA TRATTATIVA PRIVATA DIRETTA SUL MEPA ANCHE PER L’ART. 63 DEL CODICE

Viene prevista anche per la «Procedura negoziata: senza previa pubblicazione del bando, con un solo operatore economico, ai sensi dell’art. 63 D.Lgs. 50/2016». La previsione è radicalmente illegittima in quanto vìola un comma preciso dell’art. 63, la cui interpretazione è precisa e consolidata.

“FREE” – MERCATO ELETTRONICO (5 AGOSTO 2017)

Guida alla predisposizione della Trattativa Diretta (aggiornamento al 5 maggio) – Procedura di RDO al Prezzo più basso (aggiornamento al 19 luglio) – Procedura di RdO con offerta economicamente più vantaggiosa (aggiornamento al 19 luglio). Una precisazione importante sulla «Trattativa Diretta».

“FREE” – L’AFFIDAMENTO DIRETTISSIMO

Dopo il correttivo è stato previsto (con non proprio giusto sconfessamento “politico” delle linee guida dell’ANAC), che l’«affidamento diretto» possa avvenire «anche senza previa consultazione di due o più operatori economici». Ma ciò non toglie che occorra comunque indicare ancora la motivazione della scelta.

“FREE” – Servizi e forniture: dalle acquisizioni vincolate (CONSIP e MEPA) a tutte le altre acquisizioni di valore inferiore alla soglia comunitaria, fino ai servizi sociali, ovvero il punto di partenza per il RUP e il suo percorso a seguire

Senigallia, 6 ottobre 2017; Mestre, 30 novembre 2017; Milano, 1° dicembre 2017. SCONTO PER ISCRIZIONE ANTICIPATA. Viene fornito, in formato riscrivibile, lo schema di determinazione unica per l’«affidamento diretto». Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

LA NOVELLA DEL CORRETTIVO: HA NATURA RICOGNITIVA (SENTENZA 1° AGOSTO 2017)

«Nell’offerta economica l’operatore deve indicare i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali (…) ad esclusione (…) dei servizi di natura intellettuale». La fattispecie del servizio di brokeraggio.

L’ART. 63, COMMA 2, LETT. C), DEL CODICE (SENTENZA 27 LUGLIO 2017)

La (divenuta per imprevedibile fatto altrui) incertezza sui tempi della gara ordinaria si connota nei termini di una «ragione di estrema urgenza» collegata alla necessità di garantire il servizio, esclusivamente nelle more della stipula del nuovo contratto, quale misura temporale strettamente necessaria.

AFFIDAMENTO SERVIZI LEGALI

«A seguito dell'entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016, anche il singolo incarico di patrocinio legale dev'essere inquadrato come appalto di servizi, affidato nel rispetto dei principi di cui all'art. 4 del citato d.lgs. È legittima la redazione di elenchi di operatori qualificati articolati in settori di competenza. Criticità:

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Aggiornamento delle linee guida dell’Autorità di Gestione per l’affidamento dei contratti pubblici di servizi e forniture di importo inferiore alla soglia comunitaria.

LA DURATA CONTRATTUALE DEVE ESSERE SEMPRE IDENTIFICATA CON IL PERIODO TEMPORALE INDICATO NEL BANDO

Ciò trova anche riscontro nella disciplina di cui agli artt. 121 e 122 del. c.pr.amm..

“FREE” – L’ATTESTAZIONE DEL “BUON ESITO” DEI SERVIZI PRESTATI PER LA STAZIONE APPALTANTE STESSA (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

«In linea di principio, appare peraltro condivisibile (…) la tesi esposta in via principale dall’appellante secondo cui l’attestazione del “buon esito” dei servizi di pulizia (…) svolti non era nel caso di specie necessaria, essendo questi stati prestati nei confronti dello stesso Comune (…), che ha bandito la gara per cui è controversia.

DECRETO LEGISLATIVO 3 LUGLIO 2017, N. 112

«Revisione della disciplina in materia di impresa sociale, a norma dell'articolo 2, comma 2, lettera c) della legge 6 giugno 2016, n. 106».

MANCATA INDICAZIONE DELLE CONTROPARTI CONTRATTUALI: SOCCORSO ISTRUTTORIO?

«Era (…) ragionevole la previsione della lex specialis di gara che non si limitava ad allegare un requisito di ordine professionale, ma richiedeva altresì di indicare le controparti contrattuali con le quali il requisito era stato in concreto maturato.

PROCEDURA NEGOZIATA SUL MEPA

Una precisazione su una sentenza di T.A.R..

MANCA LA COMPROVA DI CAPACITÀ TECNICA? NIENTE SOCCORSO ISTRUTTORIO!

La tesi non convince per niente, anche perché la si giustifica con la non regolarizzabilità delle offerte economica e tecnica. E che c’entra? Non si affronta la questione vera se il requisito sostanziale sia posseduto o no.

IL PRINCIPIO DI EQUIVALENZA, OGGI SANCITO DALL’ART. 68 DEL D.LGS. N. 50/2016 (SENTENZA 20 LUGLIO 2017)

Si osserva, tuttavia, che, «ove il committente, nell'esercizio della propria discrezionalità e in assenza di esplicite clausole di equivalenza inserite nella lex specialis, abbia (…) specificato l’oggetto dell’appalto con riferimento a dettagliati processi di trattamento (…), l’utilizzo del principio di equivalenza non può consentire alla Commissione, …

LA PROROGA “TECNICA”

Si rileva «come la proroga dei contratti sia teorizzabile, in rapporto al principio di continuità dell’azione amministrativa (art. 97 Cost.), nei soli, limitati ed eccezionali casi in cui, …

L’ILLECITO ANTITRUST: IL CONSIGLIO DI STATO SMENTISCE LE LINEE GUIDA DELL’ANAC

Cfr. linee guida dell’ANAC, paragrafo 2.1.3.1. Invece, «sembra al Collegio che la fattispecie concreta dell’illecito antitrust (peraltro nel caso di specie non ancora definitivo) non possa essere ricondotta nell’ambito dell’”errore grave nell’esercizio dell’attività professionale”, e così integrare un’ipotesi di esclusione.

CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ E AVVALIMENTO

Poiché la lex specialis non reca limiti specifici in ordine all’istituto dell’avvalimento, essa, in definitiva, non può che essere interpretata nel senso di consentirlo anche per la certificazione di qualità, in conformità della normativa di matrice comunitaria, così come interpretata dalla Corte di Giustizia e dal giudice nazionale.

“FREE” – CAPACITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA DELL’OFFERENTE: RICHIESTA DI LINEA DI CREDITO E MOTIVATA POSSIBILITÀ DI DIMOSTRARE ALTRIMENTI LA CAPACITÀ STESSA

1. Il diritto comunitario «non osta a che un’amministrazione aggiudicatrice escluda un offerente da un appalto pubblico, poiché non soddisfa il requisito relativo alla capacità economica e finanziaria stabilito dal bando di gara,

L’ESSENZIALE DIFFERENZA FRA “UNI EN ISO 14067” E “UNI ISO/TS 14067”

L’illegittimità dell’astratta previsione del possesso della certificazione di qualità secondo le norme UNI EN ISO 14067, quale requisito di ammissione.

ACQUISTO DI VEICOLI: L’OMOLOGAZIONE ILLEGITTIMA

«La possibilità di omologare il veicolo offerto in una diversa categoria …

LE SCHEDE TECNICHE NON PROPRIO SOTTOSCRITTE

Ma qual è la funzione della sottoscrizione? Nella fattispecie, «l’effetto» è «di legittimarle in consonanza alla impostazione giurisprudenziale …

LA PRESUNTA CONDOTTA ANTICONCORRENZIALE DI UN OPERATORE

Può costituire un motivo di esclusione oggettivo, anche se non previsto dal codice?

LA RICHIESTA DEL FATTURATO SPECIFICO

La declaratoria di nullità si riferisce a clausole del bando che impongono adempimenti formali e non può quindi riguardare prescrizioni contenute nella lex specialis di gara che attengono ai requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnica.

“FREE” – ANAC

Schema tipo di disciplinare di gara per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo

L’ART. 48, COMMA 4, DEL CODICE

Si ricorda che «la specificazione delle parti del servizio in termini percentuali di esecuzione (e dunque, di indicazione quantitativa, anziché in termini descrittivi) ascritte a ciascuna impresa raggruppanda …

“FREE” – LA RICHIESTA DEI SERVIZI “IDENTICI” PER LA QUALIFICAZIONE TECNICA DELL’OPERATORE ECONOMICO

Legittima la possibilità di prescrivere livelli di capacità tecnica ed economica più elevati, nel rispetto del principio di proporzionalità, tenendosi conto dell’oggetto concreto dell’appalto e delle sue peculiarità (principio consolidato).

“IN HOUSE”: L’ART. 192, COMMA 2, DEL CODICE

Tale norma impone una gara, quanto meno informale, fra gli operatori del mercato?

IL PERIMETRO APPLICATIVO DELL’ART. 1, COMMA 7, DEL D.L. N. 95/2012

La gestione integrata del servizio calore può essere equiparata all’acquisto di combustibile per riscaldamento?

NELLA FATTISPECIE SI AFFIDAVA SOLO IL SERVIZIO DI PORTIERATO O ANCHE QUELLO DI VIGILANZA?

Perché, nel caso, sarebbe servito il possesso della licenza prefettizia …

“FREE” – AFFIDAMENTO DIRETTO: AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI FORMAZIONE

L’affidamento “direttissimo” per importo inferiore a EUR 1.000 e la prima giurisprudenza sul "correttivo" che lo ammette per tutta la fascia inferiore a EUR 40.000.

MEPA

«Il PO ha a disposizione la possibilità di effettuare un sorteggio automatico per verificare il possesso dei requisiti tecnico/economici previsti dalla specifica RDO (c.3, art. 58 D.Lgs 50/2016)» (manuale, pag. 49).

MEPA

«Numero delle imprese da invitare

MEPA

«Dichiarazione relativa ad eventuali situazioni di controllo ex art. 2359 c.c., anche di fatto, con uno degli altri concorrenti partecipanti alla Richiesta di Offerta» (manuale, pag. 19).

MEPA

«Nulla osta ai fini dell'art. 10 Legge 575/1965, e s.m.i. ex art. 9 D.P.R. n. 252/1998» (manuale, pag. 19).

MEPA

«La scelta di consentire la partecipazione a qualunque impresa abilitata rappresenta la modalità per garantire la massima apertura nel rispetto della non discriminazione. Tuttavia ti espone al rischio di una partecipazione massiccia che potrebbe allungare i tempi di valutazione e aggiudicazione» (manuale, pag. 7).

"SPENDING REVIEW" IN SANITÀ

«Gli enti del servizio sanitario nazionale sono in ogni caso tenuti ad approvvigionarsi utilizzando le convenzioni stipulate dalle centrali regionali di riferimento ovvero, qualora non siano operative convenzioni regionali, le convenzioni-quadro stipulate da Consip S.p.A.». Come si interpreta la norma?

LA SCELTA IN CONCRETO DEL MEZZO DI PROVA RESTA FRUTTO DI UNA SCELTA DISCREZIONALE

La tipicità dei mezzi di prova non impedisce alle stazioni appaltanti di modulare in concreto l’oggetto della prova, in relazione ai requisiti che in concreto si chiede ai concorrenti di dimostrare.

REFERENZE BANCARIE RICHIESTE A GARANZIA DELL'ESATTA ESECUZIONE DELL'APPALTO

Le referenze bancarie possono trasformarsi in garanzie di solvibilità o anche soltanto di affidabilità nell'esecuzione dello specifico appalto per cui sono rilasciate?

DISPOSITIVI MEDICI

«In linea di principio il d.lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 di attuazione della DIR. 93/42/CEE concernente i dispositivi medici, dispone testualmente:

LA SOLITA SMARRONATA DI CONSIP, OVVERO PER RISPARMIARE OCCORRE CONCENTRARE

Si osserva che «immotivatamente e irragionevolmente, e per quella che si presenta come la centrale di committenza dell’amministrazione pubblica italiana, accorpa in un’unica gara (c.d. lotto unico o macrolotto, di ben 23 milioni di euro) una tipologia di servizi …

IL RAPPORTO FRA L’ART. 23, COMMA 16, E L’ART. 95, COMMA 10

Occorre l’indicazione dei «costi della manodopera» in disciplina di gara in relazione ai casi nei quali l’operatore economico non è tenuto a indicare in sede di offerta i «propri costi della manodopera» («forniture senza posa in opera», «servizi di natura intellettuale», «affidamenti ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lettera a)»)?

LE MODALITÀ CON CUI SI È GIUNTI ALLA VALUTAZIONE DEL PREGIO TECNICO DEI PRODOTTI OFFERTI.

Chi legittimamente svolge attività di supporto non può poi di fatto assumere le funzioni di commissario.

L’AFFIDAMENTO “DIRETTISSIMO” DOPO IL CORRETTIVO, NELL’ANALISI DELLA PRIMA SENTENZA IN MATERIA

Il confronto con listini pubblici (quali i prezzi del MePa) o, ancora, con affidamenti di prestazioni analoghe di altre amministrazioni, dopo semplici ricerche in rete, costituisce corretta motivazione della convenienza per un legittimo affidamento “direttissimo”, senza cioè necessità di richiedere più di un preventivo. Poi, in realtà, vai a guardare e nella fattispecie si trattava nel contempo di un servizio iper-specialistico e di una proroga tecnica “classica” …

UN «SERVIZIO PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI»: CHE COS’È?

L’estensore dei decreti cui CAM (“criteri ambientali minimi”) non ha il linguaggio degli appalti pubblici. Cosa può essere mai un letteralmente individuato più volte come «servizio per l’esecuzione dei lavori»? E non si tratta neppure di un contratto misto.

LA CORTE DEI CONTI SU CONSIP

«La dimensione eccezionale – anche nel confronto internazionale – delle gare in questione rischia di per sé di generare condotte antigiuridiche, persino di rilevanza penale, a causa del pregiudizio che potrebbe subire un’impresa che dovesse mantenersi estranea a logiche spartitorie».

ACQUISTO DI SPECIALITÀ MEDICINALI

Le cd. “liste di trasparenza” pubblicate dall’AIFA sono pacificamente considerate dalla giurisprudenza come provvedimenti aventi carattere lesivo e, quindi, immediatamente impugnabili.

LA CLASSICA DISTINZIONE FRA REQUISITI “DI PARTECIPAZIONE” E “DI ESECUZIONE”

Si riscontra «che non sussisteva alcun obbligo di dimostrare, anticipatamente, la detenzione, a vario titolo, di un “magazzino-deposito”.

REFERENZE BANCARIE E SOCCORSO ISTRUTTORIO

Va sempre concesso. E peraltro possono riguardare solo banche di cui l’operatore economico sia già cliente.

LA ASSOLUTA DISOMOGENEITÀ DEI SERVIZI

Quando non puoi non procedere con gare separate e quando l’avvalimento non può essere richiamato in via strumentale.

RISPETTO DELLA CLAUSOLA SOCIALE E “CCNL” APPLICABILE (19 GIUGNO)

Il capitolato «consente, di fatto, la partecipazione alla gara di imprese che applicano contratti collettivi diversi» da quello di riferimento. Quid juris?

AMMESSO IL SOCCORSO ISTRUTTORIO MINIMALE SULL’OFFERTA ECONOMICA (19 GIUGNO)

Il soccorso istruttorio, limitato ad un solo addendo dell’offerta economica, non compromette l’affidabilità complessiva dell’offerta né altera la par condicio.

“FREE” – RIAFFIDAMENTI E VARIANTI

«Ripetizione», proroga tecnica “classica”, opzione “classica”, «opzione di proroga», «quinto». Il c.d. “rinnovo” di forniture, ovvero il D.Lgs. 50/2016, art. 63, comma 3, lett. b), anche rispetto alla similare previsione di cui all’art. 106, comma 1, lett. b).

I CONTRATTI DELLO STATO

Quando serve il controllo della Corte dei Conti? E per l’aumento fino al quinto?

LEGGE 22 MAGGIO 2017, N. 81

«Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato».

LA MANCATA COINCIDENZA TERMINOLOGICA TRA LA DESCRIZIONE DEI SERVIZI CONTENUTA NEL BANDO E QUELLA RIPORTATA NELLA CERTIFICAZIONE ESIBITA DALL’OPERATORE ECONOMICO (12 GIUGNO)

È «giurisprudenza costante di questo Consiglio di Stato» quella «secondo cui la certificazione di qualità ai sensi delle norme europee UNI EN ISO 9000 (e dunque anche quelle UNI EN ISO 9001:2008 – omissis –) garantisce un determinato livello qualitativo della struttura aziendale e dei processi lavorativi, ed in generale di tutti gli aspetti gestionali dell’impresa, ...

L’ART. 48, COMMA 4, DEL CODICE (14 GIUGNO)

Si afferma che «la statuizione secondo cui ciascuna impresa debba essere qualificata per la parte di prestazioni che si impegna ad eseguire, nel rispetto delle speciali prescrizioni e modalità contenute nella normativa di gara, non significa che, …

AVVISO PER SOLLECITARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE E PRINCIPIO DI ROTAZIONE (12 GIUGNO)

«Il principio di rotazione è servente e strumentale rispetto a quello di concorrenza e deve quindi trovare applicazione nei limiti in cui non incida su quest’ultimo». Un giudice amministrativo che finalmente l’ha capito!

“FREE” – PREZZI DI RIFERIMENTO IN AMBITO SANITARIO (9 GIUGNO)

Aggiornata la tabella dei principi attivi a seguito di una ordinanza del Consiglio di Stato.

LA ADESIONE, IN FORZA DI SPECIFICA CLAUSOLA, AD UN CONTRATTO STIPULATO DA ALTRA AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE (8 GIUGNO)

Ha come presupposto l’identità dell’oggetto dei due contratti o, comunque, che le prestazioni acquisite attraverso l’estensione siano determinabili in base a criteri trasparenti che possano evincersi dalla stessa lex specialis in modo che nessuna incertezza possa sussistere al riguardo.

ACQUISTO DI CARBURANTE (29 MAGGIO)

Sulla possibilità di acquistare, al di fuori del Mercato elettronico (MePa) e della convenzione stipulata attraverso la Consip, il gasolio e la benzina per i mezzi comunali, a prezzi più vantaggiosi (-10%).

SERVIZI LEGALI: RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO OBBLIGATORIO (31 MAGGIO)?

Nel caso di specie, il bando aveva ad oggetto sia l’affidamento relativo all’attività contenziosa, rientrante nell’art. 17, sia l’affidamento di attività stragiudiziale rientrante negli appalti di servizi di cui all’allegato IX. Quid juris?

APPALTO SANITARIO: REQUISITO TECNICO MINIMO DEI PRODOTTI OFFERTI (26 MAGGIO)

«Ed invero, il punto centrale della controversia è connesso al fatto che nella specie il Capitolato speciale d’appalto richiedeva espressamente, quale requisito tecnico minimo dei prodotti offerti imposto a pena di esclusione, che …

COSTO DEL LAVORO E DISCREZIONALITÀ NELLA VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA (26 MAGGIO)

Ma quando emerge un’«evidente e significativa discordanza rispetto ai valori di costo orario medio risultante dalle tabelle ministeriali», impossibile non dichiarare anomala l’offerta.

LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA A DIMOSTRARE LA SUSSISTENZA DELLE CARATTERISTICHE IMPOSTE DAL CAPITOLATO A PENA DI ESCLUSIONE

Può essere dato il soccorso istruttorio, se la si considera come afferente all’offerta tecnica?

LA CLAUSOLA SOCIALE

Un T.A.R. che non dà una lettura comunitariamente orientata, alla bisogna, lo trovi sempre …

IL COSTO DEL PERSONALE (23 MAGGIO)

Già prima del correttivo è «non conforme al quadro normativo di riferimento l’inserimento nella lex specialis di una clausola di esclusione automatica dell’offerta che contenga un costo orario del personale dipendente inferiore a quello stabilito dalle tabelle ministeriali …

SERVIZIO DI RISTORAZIONE (24 MAGGIO)

La disponibilità del centro di cottura.

LA “SCOLASTICA” DISTINZIONE FRA COSTI DELLA SICUREZZA DA “INTERFERENZA” ED “AZIENDALI” (18 MAGGIO)

«Al riguardo occorre ricordare che i costi c.d. da “interferenza” sono quantificati …

UN PROGETTO DI SERVIZIO A BASE DI GARA NON A NORMA (18 MAGGIO)?

“La ricorrente lamenta che mancano, nella progettazione del servizio, due documenti inderogabilmente previsti dall’art. 23, comma 15, DLGS 50/2016; in particolare, il calcolo degli importi per l’acquisizione dei servizi, con indicazione degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; e il prospetto economico degli oneri complessivi necessari per l’acquisizione dei servizi”. Quid juris?

“FREE” – MERCATO ELETTRONICO (5 maggio)

Guida alla predisposizione della Trattativa Diretta – Procedura di RDO al Prezzo più basso – Procedura di RdO con offerta economicamente più vantaggiosa

LA FORMULAZIONE IMPRECISA O, COMUNQUE, NON UNIVOCA, DEL MODELLO DI OFFERTA PRESENTE SULLA PIATTAFORMA MEPA (18 MAGGIO)

Come fai a non dare il soccorso istruttorio, in materia di indicazione degli oneri della sicurezza?

LA SCUSA, CHE NON REGGE, CHE SI POTREBBE SEMPRE FAR RICORSO AL RAGGRUPPAMENTO O ALL’AVVALIMENTO

L’astratta possibilità di costituire un R.T.I. o di ricorrere all’avvalimento o ad un accordo di distribuzione per acquisire un elemento di cui l’operatore economico è privo, non esclude che sia in atto una preclusione alla possibile partecipazione individuale dell’impresa alla gara, con conseguente lesione diretta della sua sfera giuridica.

IL MINOR PREZZO PER SERVIZI E FORNITURE CON CARATTERISTICHE STANDARDIZZATE O LE CUI CONDIZIONI SONO DEFINITE DAL MERCATO (15 MAGGIO)

Una volta che si rientra nella sfera di applicazione dell’art. 95, comma 4, lett. b), quella del prezzo più basso è una scelta discrezionale.

IL MEPA E LA SUA CARATTERISTICA (11 MAGGIO)

L'iscrizione effettiva sul MEPA è essenziale che sussista ad una determinata data?

AFFIDAMENTO SOTTO SOGLIA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO E QUESTIONE DELL’OBBLIGO DEL SOPRALLUOGO (4 MAGGIO)

Si afferma che «un’eventuale espressa clausola di esclusione contenuta nella lex specialis sarebbe stata nulla per contrarietà con il principio di tassatività di cui al vigente art. 83 co. 8 D.Lgs. 50/2016, …

INDICAZIONE DEI COSTI DELLA SICUREZZA COME PARI A ZERO IN UN SERVIZIO DI NATURA INTELLETTUALE (8 MAGGIO)

Si riafferma (ma il correttivo disciplina il problema) che «l'indicazione di oneri interni per la sicurezza pari a zero in un caso di appalto di servizio di ordine intellettuale (…) …

L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PATROCINIO LEGALE (26 APRILE)

Anche la Corte dei Conti comincia a capire che si tratta di un appalto pubblico di servizi.

“FREE” – L’O.D.A. SUL MEPA, PER IMPORTO INFERIORE A EUR 40.000, NON È PIÙ ZONA FRANCA RISPETTO ALLA DISCIPLINA GENERALE DEL CODICE DEI CONTRATTI

Rispetto a prima, con l’entrata in vigore del D.Lgs. 56/2017, «la verifica sull’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80» va effettuata «sull’aggiudicatario», così come già doveva avvenire per le acquisizioni extra MEPA.

LA SCADENZA DI UNA CERTIFICAZIONE DURANTE LA GARA (3 MAGGIO)

Nella fattispecie, al momento della presentazione della domanda di partecipazione alla gara, la certificazione era valida ed era quindi pienamente efficace in quanto scadente il giorno successivo. Quid juris?

I COSTI INTERNI DELLA SICUREZZA NEI SERVIZI DI NATURA INTELLETTUALE

La fattispecie del servizio “broker”. Ma ora il correttivo chiude definitivamente la questione (che già non c’era).

IL CONTRATTO DI AVVALIMENTO NEL D.LGS. 50/2016 (3 MAGGIO)

Il nuovo codice segue la tesi della mera determinabilità del contratto?

L’ISCRIZIONE CAMERALE (2 MAGGIO)

La valutazione ampia di attinenza, il diverso requisito dell’attività effettivamente esercitata. Se non è previsto il raggruppamento verticale, il requisito deve essere posseduto da ogni raggruppata.

“FREE” – L. 27 DICEMBRE 2006, N. 296, ART. 1, COMMA 450

Quesito: se un bene o un servizio non è acquisibile sul MEPA, è possibile motivare che in concreto potrebbe non esserlo neppure tramite ricorso al «sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento»?

CONCESSIONE O APPALTO DI SERVIZIO (20 APRILE)?

Vedi cassazione civile (fattispecie in materia di rifiuti).

AFFIDAMENTO DI SERVIZIO LEGALE DI RECUPERO-CREDITO (19 APRILE)

Un’offerta pari a zero appare di dubbia legittimità in quanto, in disparte ogni considerazione sulla serietà ed affidabilità della medesima, non si rinvengono nel caso di specie ragioni peculiari per le quali la prestazione del professionista intellettuale debba essere di fatto gratuita.

ACCORDO QUADRO: FORMULAZIONE DEI QUESITI E RINVIO ALLA CORTE (11 APRILE)

«1. In conclusione, il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale solleva questione di pregiudizialità invitando la Corte di Giustizia dell’Unione europea, ai sensi dell’art. 267 TFUE, a pronunciarsi sui seguenti quesiti:

IL PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA: QUELLA CHE ERA L’INTERPRETAZIONE INEQUIVOCABILE, CHE POI DOPO È DIVENUTA IMMOTIVATAMENTE MINORITARIA

La mandante ha dimostrato il possesso del fatturato analogo nella misura del 14,46%, mentre la quota esecutiva assunta è del 17,68% ...

DOTAZIONE DI PERSONALE E AVVALIMENTO

Nell’organico dell’ausiliaria devono essere presenti, al momento della gara, tutte le risorse necessarie allo svolgimento del servizio?

L’ESCLUSIONE DELLE «OFFERTE ECONOMICHE SUPERIORI AI VALORI MASSIMI»: QUID JURIS?

In una gara di servizio con il criterio del rapporto qualità/prezzo, è legittima la previsione da parte della stazione appaltante di limiti ai costi unitari?

L’AVVALIMENTO CHE HA PER OGGETTO REQUISITI IMMATERIALI, OVVERO QUANTO FUMO (6 APRILE)!

Si osserva che, «nei casi, come quello di specie, in cui l’avvalimento ha per oggetto requisiti immateriali - quali l’iscrizione in un determinato registro o albo, il fatturato globale o specifico, l’esperienza tecnico professionale - la prestazione oggetto specifico dell'obbligazione è costituita …

VIGILANZA ARMATA E PORTIERATO (6 APRILE)

Ma «la disciplina di gara dell’appalto in discorso è stata modellata su quella apprestata da CONSIP S.p.a. per l’affidamento dell’analogo servizio». No! O consenti i lotti o prevedi la possibilità del raggruppamento verticale.

LACUNOSITÀ DELL’OFFERTA, PER MANCANZA DELLE SCHEDE TECNICHE (3 APRILE)

Quando i richiesti campioni consentono un eccezionale soccorso istruttorio sull’offerta tecnica lacunosa.

LA PROROGA (3 APRILE 2017)

È «certamente vero che l’Amministrazione deve assicurare la fornitura dei pasti presso i diversi plessi organizzativi che da essa dipendono, ma questo non significa certo che il servizio debba essere assicurato mediante proroga del contratto precedentemente in essere.

I SERVIZI ANALOGHI (4 MARZO)

«La giurisprudenza amministrativa, in tema di servizi analoghi ha costantemente affermato che i servizi analoghi – o afferenti – designano una categoria aperta di prestazioni accomunate …

D.LGS. 50/2016, ART. 112

«La riserva di cui all’art. 112 del d.lgs.  50/2016, laddove sussistano le condizioni previste dalla norma, può estendersi  a tutti gli operatori economici,  anche rientranti nella categoria dei laboratori protetti, le cooperative sociali  e loro consorzi, che abbiano come finalità principale l’impiego di persone  svantaggiate o con disabilità».

DOPO L’UNITÀ D’ITALIA, C’È UNA “CONSIP” ANCHE IN SICILIA (20 MARZO)

Si tratta di «procedura aperta per l'affidamento dei “servizi di pulizia e servizi integrati e servizi accessori opzionali in ambito sanitario per gli Enti Sanitari della Regione Sicilia”, suddivisa in 5 Lotti, per un valore complessivo di 355 milioni di euro in cinque anni». 

INCENTIVO PER SERVIZI E FORNITURE

Due quesiti: 1) se nella determinazione del fondo per gli incentivi per funzioni tecniche di cui all’art. 113, comma 2, del D.lgs. n. 50/2016 sia possibile ricomprendere anche gli importi posti a base di gara degli appalti di forniture e servizi non finanziati con spese per investimenti, 2) in caso di risposta affermativa al precedente quesito, se …

AFFITTO D’AZIENDA E TRASMISSIONE DELLA QUALIFICAZIONE (17 MARZO)

L’affitto d’azienda, alla stessa stregua della cessione, mette l’affittuario/cessionario, per ciò stesso, in condizione di potersi giovare dei requisiti e delle referenze in relazione al compendio aziendale?

LA VIOLAZIONE DEL D.LGS. 50/2016, ART. 68, COMMA 6 (10 MARZO)

Non è stata prevista la dicitura “o equivalente”. Possibile far riferimento al c.c., art. 1339?

LA “RUP” DI PICCOLO COMUNE: C’È SOLO LEI PER L’APPALTO DI SERVIZIO (MENSA SCOLASTICA) AFFIDATO (PERALTRO) ALLA CENTRALE DI COMMITTENZA, MA IN BASE ALLE LINEE GUIDA DELL’ANAC NON SAREBBE ABILITATA …

Nella fattispecie, la dipendente potrebbe rientrare, tutt’al più, nell’ipotesi di cui alle linee guida n. 3, sub-paragrafo 7.3, lett. a), terzo periodo:

I SERVIZI “ANALOGHI”: I PRINCIPI CONSOLIDATI (13 MARZO)

Ritiene «il Collegio non condivisibile la prospettazione di parte ricorrente secondo la quale non avrebbero potuto essere valutati i servizi elencati dalle altre concorrenti perché non analoghi:

LA COMPAGNIA LLOYD’S DI LONDRA E LA PARTECIPAZIONE DEI SINGOLI “SYNDACATES” (9 marzo)

Un’ipotesi evidente di collegamento sostanziale? L’altra volta lo stesso collegio aveva detto di “no”. Stavolta rinvia la questione alla Corte di Giustizia.

GARA A LOTTI (10 MARZO)

La fattispecie della disciplina di gara che non è conforme a quanto previsto dal D.Lgs. 50/2016, art. 51, comma 3, ultimo periodo. Di questo periodo è un modello che non riesce …

L’ART. 48, COMMA 4, DEL D.LGS. 50/2016 (10 MARZO)

Anche nell’assetto del nuovo codice degli appalti, il requisito di qualificazione deve trovare corrispondenza nella quota di esecuzione della prestazione posta in gara e da affidare, ovvero nella parte di servizio o di fornitura che verrà effettivamente realizzato nel caso di affidamento.

“FREE” – APPALTI-CONSIP: TAGLIANO FUORI LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, ORA LO DICE ANCHE IL T.A.R. DEL LAZIO (post del 31 agosto 2016, ore 18:24) – ORA LO DICE ANCHE IL CONSIGLIO DI STATO (POST DEL 6 MARZO 2017, ORE 11 E 30)

"Lo Stato di diritto c’è! Il T.A.R. del Lazio smaschera l’anti-concorrenzialità della maxi centrale di committenza. Riportiamo la sentenza per esteso e ad accesso libero, in quanto si tratta di una questione di decisiva importanza per la democrazia, e giuridica e socio-economica. Lo ripetiamo per l’ennesima volta: il problema è solo politico" (questo dicevamo già l'anno scorso). Ora il Consiglio di Stato chiude il cerchio. E L'ANAC faccia meno carte e vigili di più!

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DEGLI INFERMI IN EMERGENZA-118: IL D.LGS. 50/2016, ART. 30 COMMI 1 E 4 (27 FEBBRAIO)

1. Legittimo consentire la partecipazione alla gara alle sole associazioni di volontariato, purché il budget di spesa previsto serva, almeno, a coprire i costi del servizio? 2. Possibile conciliare la natura professionale delle prestazioni, che l’Azienda sanitaria pretende dagli infermieri, con la pretesa semi-gratuità – nel contempo – del loro servizio?

IL D.LGS. 50/2016, ART. 83, COMMA 4, LETT. B) (1° MARZO)

Nella fattispecie, «il bando di gara prevedeva, tra i requisiti di capacità economica e finanziaria condizionanti la partecipazione alla gara stessa, il possesso del pareggio di bilancio al netto delle imposte negli ultimi tre esercizi». Si può parlare di declinazione proporzionata della disciplina in materia di qualificazione economico-finanziaria degli operatori economici?

L’ART. 63, COMMA 2, LETT. B), DEL D.LGS. 50/2016

La fornitura non può di certo essere assicurata “unicamente da un determinato operatore economico”, né è ravvisabile nel settore di riferimento un'“assenza di concorrenza” …

GIURISDIZIONE SULLO “JUS VARIANDI” (27 FEBBRAIO)

Si apporta una “variante” nelle modalità esecutive, prevedendosi l’estensione del servizio di raccolta porta a porta a tutto il territorio di riferimento e la soppressione di alcuni specifici servizi (spazzamento meccanizzato, diserbo stradale, pulizia delle caditoie”, gestione del centro raccolta”), già oggetto di affidamento. Di chi la giurisdizione?

IL REQUISITO ECONOMICO-FINANZIARIO DI CUI AL D.LGS. 50/2016, ART. 83, COMMA 4, LETT. C) (27 FEBBRAIO)

«L’art. 83 comma 4-c del Dlgs. 50/2016 consente alle stazioni appaltanti di chiedere, a dimostrazione della capacità economica e finanziaria negli appalti di servizi e forniture, un livello adeguato di copertura assicurativa contro i rischi professionali. La formula normativa impone che sia accertata, ancora al momento della presentazione dell’offerta, …

REQUISITO DELL'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI E RAGGRUPPAMENTO (23 FEBBRAIO)

“Fermi i requisiti iscrizionali previsti di base per ciascun partecipante, ciascuna impresa componente del R.T.I. deve essere qualificata in modo idoneo e congruo rispetto alla specifica quota di servizio che andrà specificamente a disimpegnare”.

«CARATTERISTICHE STANDARDIZZATE» ED «ELEVATA RIPETITIVITÀ» (25 FEBBRAIO)

Un codice applicabile sempre e solo con rischio giuridico (la verità è questa, l’affidamento dei contratti pubblici è totalmente sfuggito al governo del legislatore). Le due fattispecie non sono omologabili fra loro. La fattispecie inerente alle «caratteristiche standardizzate» la puoi applicare anche sopra soglia, ma devi darne «adeguata motivazione».

ADOTTABILITÀ DEL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DEL PREZZO PIÙ BASSO (25 FEBBRAIO)

Incredibile ma vero! Sta prevalendo la giurisprudenza che annette, alla disposizione di cui al comma 4 dell’art. 95 del codice, carattere derogatorio rispetto a quella di cui al comma 3. Ovviamente non siamo affatto d’accordo con tale linea, per un principio di logica, e condividiamo la linea interpretativa del T.A.R. del Lazio.

AFFIDAMENTO IN GLOBAL SERVICE DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO, INCLUSO RITIRO E TRASPORTO, DEL RIFIUTO LIQUIDO PERCOLATO DI DISCARICA E ACQUE DI PRIMA PIOGGIA (24 FEBBRAIO)

Il «disciplinare di gara richiedeva, tra l’altro, che i concorrenti possedessero “idonea autorizzazione al trasporto di rifiuti speciali non pericolosi, tramite iscrizione all’albo Gestori Ambientali, Categoria 4, classe C) o superiore, ovvero dichiarazione di disponibilità di soggetto in possesso della predetta autorizzazione”». Quid juris?

POSSIBILE L’AVVALIMENTO FRAZIONATO DEL SERVIZIO C.D. “DI PUNTA” (23 FEBBRAIO)?

Si osserva che «l’obiettivo principale dei contratti cd di punta è essenzialmente quella di garantire alla stazione appaltante la qualità del servizio;

GARA ANCHE CON SOCIETÀ “IN HOUSE” (20 FEBBRAIO)?

Sussiste «l’illegittimità del comportamento comunale che avrebbe proceduto ad esperire una gara informale per l’affidamento del servizio informatico, pur in presenza di una società in house dallo stesso partecipata, che vanterebbe un legittimo affidamento al rinnovo dell’appalto, già ottenuto in precedenza, e per cui non vi erano state contestazioni»?

CONVENZIONE CONSIP E AFFIDAMENTO DIRETTO ULTERIORE (20 FEBBRAIO)

Sono legittimi affidamenti diretti di servizi ulteriori rispetto a quelli rientranti nelle convenzioni CONSIP?

L’ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI COME REQUISITO GIÀ DI PARTECIPAZIONE O DI SOLA ESECUZIONE (16 FEBBRAIO)?

Il giudice amministrativo continua a smentire la tesi dell’ANAC … E il subappalto è utilizzabile?

IL GIUSTAMENTE CONCESSO SOCCORSO ISTRUTTORIO, CHE PERÒ DISVELA LA MANCANZA DEL REQUISITO AL TERMINE DI SCADENZA DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

L’operatore economico, attraverso le dichiarazioni rese in sede di soccorso istruttorio, ha modificato un elemento afferente ad un requisito di partecipazione alla gara non posseduto entro il termine di scadenza dell’offerta.

OFFERTE CONTENENTI PRODOTTI ORIGINARI DI PAESI TERZI, NEL VECCHIO CODICE (15 FEBBRAIO)

«Nella specie la aggiudicataria non avrebbe potuto legittimamente partecipare alla gara non potendo dare dimostrazione di produrre gli autobus oggetto della commessa in stabilimenti posti sul suolo italiano o comunque di uno Stato tra quelli ricompresi nella normativa sopra citata». Quid juris?

ANOMALIA, UTILE E ONLUS (14 FEBBRAIO)

“Diversamente da quanto accade per gli enti a scopo di lucro, l’offerta con un utile risibile o, ancora, senza utile, presentata da un soggetto che tale utile, non persegue non è, solo per questo, anomala o inaffidabile”. Va bene per la stazione appaltante, ma non per il rispetto del mercato e della “par condicio” rispetto agli altri concorrenti.

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI UN COMUNE CHE È ANCHE RUP

Gara di servizio, di valore inferiore alla soglia. Il Dirigente responsabile del servizio presiede il "seggio di gara" ordinario. La commissione giudicatrice può essere presieduta da tale responsabile del servizio, che è anche RUP? Lasciando da parte la disgraziatissima tesi …

VALORE DELL’AFFIDAMENTO DIRETTO

Un servizio biennale, il cui importo annuo stimato è pari ad € 30.000,00, può essere affidato in via diretta?

UNA NOZIONE DI AVVALIMENTO CHE NON TORNA

L’art. 89, comma 9, del D.Lgs. 50/2016 (fattispecie in materia di centro di cottura).

ILLEGITTIMA L’APPLICAZIONE ANALOGICA DEGLI ARTT. 152 E 155 DEL D.LGS. 50/2016 (13 FEBBRAIO).

Se anche il disciplinare richiede che i curricula siano redatti in forma anonima, la lex specialis non sanziona con l’esclusione dalla gara la redazione dei curricula stessi in forma non anonima.

LA CLAUSOLA SOCIALE, IN RAPPORTO ALLA FASE ESECUTIVA (13 FEBBRAIO)

Si osserva che «le clausole sociali sono di per sé considerate, sia dalle norme comunitarie sia dalla disciplina nazionale di recepimento (art. 69 del codice appalti abrogato e oggi art. 50 del nuovo codice dei contratti pubblici), quali condizioni di esecuzione che producono effetti essenzialmente nella fase esecutiva del rapporto.

PRINCIPIO DI EQUIVALENZA E RISPETTO DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE DI GARA (10 FEBBRAIO)

Il rispetto del principio di equivalenza non può comunque portare ad ammettere un prodotto radicalmente diverso da quello previsto dal capitolato tecnico.

GARA DI PROGETTAZIONE E LIMITAZIONE PARTECIPATIVA PREVISTA DAL BANDO (9 FEBBRAIO)

La clausola di bando era nel senso che «i concorrenti non potevano aver assunto incarichi afferenti la redazione e/o la collaborazione alla redazione dello studio di fattibilità». In sé la clausola non è proprio corretta ma la domanda è un’altra: è possibile che la disciplina di gara stabilisca una clausola più restrittiva? Secondo il T.A.R. meneghino sì, secondo noi proprio no, senza alcun dubbio.

LA SPECIFICAZIONE DELLE «PARTI DEL SERVIZIO O DELLA FORNITURA», IN IPOTESI DI RAGGRUPPAMENTO (10 FEBBRAIO)

Si osserva che «il dato giuridico-formale della lettera della legge deve essere quello che funge da guida nell’interpretazione di quanto voluto o consentito dalla norma.

LA LEGITTIMITÀ POSSIBILE DELLA RICHIESTA DI UNA PIÙ AGGRAVATA QUALIFICAZIONE DA PARTE DELLA STAZIONE APPALTANTE (8 FEBBRAIO)

«La giurisprudenza amministrativa ha sempre riconosciuto alla stazione appaltante un margine apprezzabile di discrezionalità nel richiedere requisiti di capacità economica, finanziaria e tecnica ulteriori e più severi rispetto a quelli normativamente previsti, …

RAGGRUPPAMENTO, LOTTI, INDICAZIONE DELLE QUOTE (7 FEBBRAIO)

È impedito a un raggruppamento di partecipare all’aggiudicazione di più lotti indicando, per ciascun lotto, le medesime quote di esecuzione?

L’AVVALIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ (PRINCIPIO CONSOLIDATO, 1° FEBBRAIO)

«L'avvalimento (…) può riguardare anche i requisiti soggettivi di qualità, ma in questo caso l'impresa ausiliaria deve assumere l'impegno di mettere a disposizione dell'impresa ausiliata le proprie risorse e il proprio apparato organizzativo, in termini di …

L’AFFIDAMENTO DIRETTO DI UN SERVIZIO, AVVALENDOSI DI UNA CLAUSOLA DI ADESIONE CONTENUTA IN UNA PROCEDURA BANDITA DA ALTRA STAZIONE APPALTANTE

Qui, la clausola di estensione individua, in modo sufficientemente chiaro, determinato ed omogeneo, anche in riferimento all'ambito territoriale, quali siano le Amministrazioni aggiudicatrici che potranno aderire, ed entro quali limiti, senza modifica di patti, condizioni e prezzi stabiliti dagli atti di gara.

LA CENTRALE DI COMMITTENZA E L’AFFIDAMENTO PER ADESIONE POSTUMA (6 FEBBRAIO)

Si osserva che «l’affidamento per adesione postuma non sarebbe consentito da alcuna disposizione di legge (nemmeno quelle riguardanti le centrali di committenza) non rientrando fra le deroghe al principio della gara pubblica stabilito dalla normativa nazionale e comunitaria».

«LE CONDIZIONI ECCEZIONALMENTE FAVOREVOLI DI CUI DISPONE L’OFFERENTE» (OGGI, ART. 97, COMMA 4, LETT. B) DEL D.LGS. 50/2016)

«Il tema della rilevanza delle agevolazioni contributive in sede di verifica di anomalia dell’offerta è stato affrontato …

«LA NOZIONE EUROUNITARIA DI IMPRESA INCLUDE ANCHE L’ESERCENTE DI UNA PROFESSIONE INTELLETTUALE» (CORTE DI GIUSTIZIA).

«Il nuovo Codice ha chiarito, all’art. 17, l’esclusione (…) di servizi concernenti i servizi legali, pur essendo precisata la necessità del rispetto – tra gli altri – dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità e pubblicità». Per converso, «l’indeterminatezza del contenuto delle prestazioni richieste e la conseguente irrisorietà del compenso» viziano il bando (sentenza 6 febbraio).

UNA PIÙ RIGOROSA INTERPRETAZIONE DELL’OBBLIGO DI INDICARE LE PARTI DEL SERVIZIO DA ESEGUIRSI IN CASO DI RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE O UNA CONTRADDIZIONE IN TERMINI (6 FEBBRAIO)?

«Nel caso in esame il ricorrente principale si è limitato a dichiarare che la mandataria avrebbe eseguito il 68,03 % delle prestazioni contrattuali, mentre la mandante …

IL SERVIZIO DI RAPPRESENTANZA LEGALE DA PARTE DI UN AVVOCATO

I servizi legali di cui al D.Lgs. 50/2016, art. 17, comma 1, lett. d), rientrano pacificamente nei contratti «esclusi». Tali appalti pubblici di servizio si affidano secondo la disciplina di cui all’art. 4, cioè secondo  i principi fondamentali del Trattato che, come noto, sono direttamente applicabili in uno Stato membro anche per importo inferiore alla soglia comunitaria.

L’ART. 144, COMMA 5, DEL CODICE (3 FEBBRAIO)

«Schema di decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, concernente il "Regolamento recante disposizioni in materia di servizi sostitutivi di mensa, in attuazione dell'articolo 144, comma 5, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50"».

IL CAMPIONE: ELEMENTO COSTITUTIVO O SEMPLICEMENTE DIMOSTRATIVO DELL'OFFERTA TECNICA (3 FEBBRAIO)?

“La questione centrale riguarda la natura e valenza dei campioni a corredo dell’offerta, in particolare quando il loro deposito tempestivo presso i locali indicati dalla stazione appaltante sia presidiato da sanzioni espulsive in seno al disciplinare di gara”. Apertura in seduta pubblica?

L’ART. 68 DEL D.LGS. 50/2016

“Nelle gare pubbliche, le stazioni appaltanti devono osservare il principio di equivalenza tra i requisiti tecnici previsti dalla lex specialis e quelli che possono essere proposti dai concorrenti” (principio consolidato).

LA COMPETENZA DELL’AGROTECNICO (1° FEBBRAIO 2017)

“All’agrotecnico sono riservate le competenze in materia tecnico- economica aziendale, anche in relazione alla progettazione di opere di trasformazione fondiaria (ad es. fattibilità economica), ma non anche quelle di progettazione vera e propria”.

L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI “DATA ENTRY, POSTALIZZAZIONE E NOTIFICA DEGLI ATTI SANZIONATORI AMMINISTRATIVI DERIVANTI DALL'ATTIVITÀ DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE E DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO DEL COMUNE” (31 GENNAIO)

Legittima la clausola di bando secondo cui la ditta aggiudicataria avrebbe dovuto consegnare gli atti per la notifica solo al Servizio Postale Nazionale (Poste Italiane S.p.a.)?

NORMATIVA DISABILI: IL COMPUTO DELLA QUOTA (31 GENNAIO)

La quota di riserva per l’assunzione dei disabili si computa esclusivamente con riferimento al personale tecnico-esecutivo e svolgente funzioni amministrative?

LA COSTITUZIONE DELLA GARANZIA DEFINITIVA (31 GENNAIO)

Per la stazione appaltante la polizza fideiussoria può ritenersi costituita solo quando consegue la documentazione attestante la prova dell’avvenuta costituzione.

L’ART. 192 DEL D.LGS. 50/2016, COMMA 2

È la testimonianza di una linea di tendenza dell’ordinamento.

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN GARA (23 GENNAIO)

Fattispecie in materia di “attività di cattura, custodia e mantenimento dei cani randagi”.

I SERVIZI ANALOGHI (26 GENNAIO)

«In tema di qualificazione mediante allegazione di un determinato fatturato per prodotti similari, la giurisprudenza …

LA CLAUSOLA SOCIALE: COME SI INTERPRETA (25 GENNAIO)

Può essere interpretata come comportante l’automatica applicazione al personale riassorbito del contratto collettivo di lavoro applicato dal gestore uscente?

“A PENA DI ESCLUSIONE” I CONCORRENTI DOCUMENTINO L’ISCRIZIONE ALLA CCIAA PER ATTIVITÀ COINCIDENTE CON QUELLA OGGETTO DELL’APPALTO … (23 GENNAIO)

«Orbene, giova rammentare che “nelle gare pubbliche indette per l'affidamento di appalti, l’iscrizione del partecipante alla Camera di Commercio e la sua coerenza rispetto al contenuto contrattuale è requisito di ammissione, …

SERVIZI DI PULIZIA LOCALI, IGIENE AMBIENTALE, SMALTIMENTO RIFIUTI E FACCHINAGGIO: CONSORZIO STABILE E CONSORZIATA COL NUOVO CODICE (25 GENNAIO)

Il consorzio stabile può far riferimento alla fascia di classificazione posseduta dalla consorziata esecutrice designata? Eccerto!

L’ASSENZA DELLA MARCA DI SINGOLI PRODOTTI (24 GENNAIO)

L’assenza della marca di singoli prodotti può comportare esclusione dalla gara per mancanza di un elemento essenziale?

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA DI ODONTOIATRIA: UNA MOTIVAZIONE DATA ALLA MANCATA SUDDIVISIONE IN LOTTI (23 GENNAIO)

“L’opportunità di dare, per quanto possibile, la stessa qualità di servizio a tutti gli utenti, obiettivo facilitato dall’affidamento del contratto a un solo soggetto”: è una motivazione ragionevole? E, in caso di risposta positiva, qual’è la “morale della favola”?

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ RIGUARDANO SEMPRE LO SPECIFICO CICLO PRODUTTIVO DI UNA DETERMINATA IMPRESA (20 GENNAIO)

«Il codice di classificazione impiegato nel rilascio delle certificazioni di qualità ha infatti un valore meramente convenzionale, che non determina affatto la riconducibilità dell’attività concretamente svolta dall’ente certificato …

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL’ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI E RITARDO NEL PROVVEDIMENTO DI AMMISSIONE (18 GENNAIO)

“Il disciplinare di gara richiedeva, ai fini dell’ammissione alla procedura selettiva, l’iscrizione all’albo regionale delle cooperative sociali operanti nel settore educativo. Nella domanda di partecipazione una cooperativa ha indicato il numero di pratica della richiesta di iscrizione al detto albo tenuto dalla Regione (richiesta presentata con largo anticipo, senza ottenere risposta)”. Guarda come va a finire …

RAGGRUPPAMENTO E QUOTE SOTTO IL VECCHIO CODICE E SOCCORSO ISTRUTTORIO (17 GENNAIO)

Quando è il concorrente che non dà la possibilità alla stazione appaltante di aggiustare la propria carenza di indicazione.

SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE E CATALOGO (17 GENNAIO)

«L'art. 55, comma 6, d.lvo n. 50/2016, alla lettera b), stabilisce che "per aggiudicare gli appalti" le stazioni appaltanti "precisano almeno la natura e la quantità stimata degli acquisti previsti". Pertanto, è consentita l'indicazione di un "catalogo" di prestazioni tra le quali si sceglieranno quelle che si intendono di volta in volta acquisire».

SERVIZIO DEI BUONI-PASTO E REQUISITO DEL CAPITALE SOCIALE (16 GENNAIO)

Il requisito del capitale sociale può essere innalzato rispetto a quello minimo stabilito ex lege?

2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PATROCINIO LEGALE: LA CORTE DEI CONTI NON SA COME SI AFFIDANO I CONTRATTI (OGGI) ESCLUSI

Non conosce l’art. 4 del D.Lgs. 50/2016 neppure la Corte dei Conti che si cita. I contratti «esclusi» vanno comunque affidati nel rispetto dei principi fondamentali del Trattato.

1. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PATROCINIO LEGALE: LA CORTE DEI CONTI NON SA COME SI AFFIDANO I CONTRATTI (OGGI) ESCLUSI

La Corte dei Conti che si cita non conosce l’art. 4 del D.Lgs. 50/2016. I contratti «esclusi» vanno comunque affidati nel rispetto dei principi fondamentali del Trattato. Non accolta la corretta tesi della Procura.

IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (16 GENNAIO)

Si eccepisce: “le prestazioni riabilitative domiciliari sono già erogate dai centri di riabilitazione quali soggetti accreditati dalla Regione e pertanto non potrebbero essere fatte oggetto di affidamento ad altri soggetti, al di fuori di quelli accreditati”. Quid juris?

ISCRIZIONI CAMERALI E AVVALIMENTO (PRINCIPIO CONSOLIDATO, 13 GENNAIO)

«Nella fattispecie in esame vale evidenziare che l’aggiudicataria possiede l’iscrizione all’Ente camerale, e che è solo tale iscrizione a caratterizzarsi soggettivamente, con conseguente impossibilità di sostituzione mediante avvalimento (cfr. Tar Calabria, n. 1/2014), …

L’INCENTIVO DI CUI ALL’ART. 113 DEL D.LGS. 50/2016

Quesito sulla possibilità di alimentare il fondo con il 2% dell’importo di gara dei servizi e delle forniture, e con riferimento alla possibilità di applicare l'incentivo alla predisposizione dei diversi livelli di progettazione. 

IL CERTIFICATO DI QUALITÀ (11 GENNAIO)

Il minor rigore, per la sua comprova, nei settori di servizi e forniture, rispetto a quello dei lavori.

“DUVRI” E OFFERTA (9 GENNAIO)

La variabilità del DUVRI incide sul contenuto dell’offerta da presentare?

LA POSSIBILITÀ DI PREVEDERE UNA QUALIFICAZIONE AGGRAVATA (PRINCIPIO CONSOLIDATO, 4 GENNAIO)

Va «ribadito il principio generale, pacifico in giurisprudenza, secondo cui i bandi di gara possono prevedere requisiti di capacità particolarmente rigorosi, purché …

IL PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA FRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE-ESECUZIONE IN SERVIZI E FORNITURE, CON IL VECCHIO CODICE

La tesi del T.A.R. che si riporta non farebbe una piega: il principio di corrispondenza era venuto meno nei settori di servizi e forniture. Eravamo del tutto d’accordo con questa tesi, ma l’avevamo dovuta abbandonare (per sana pragmaticità) solo perché l’altra era diventata inspiegabilmente maggioritaria.  Questo il nostro mondo, s'il vous plaît!

I CAMPIONI COME CONTENUTO “A PENA DI ESCLUSIONE” DELL’OFFERTA TECNICA

Essendo legittima la “lex specialis”, non può essere dato soccorso istruttorio.

AVVOCATI E ASSOCIAZIONE

Può essere imposto all’avvocato di associarsi con altri?

L’ORGANO COMPETENTE PER LA SELEZIONE DEGLI AVVOCATI: GIUNTA COMUNALE O DIRIGENTE?

L’approvazione dell’avviso per la selezione degli avvocati ai quali affidare gli incarichi legali dell’ente, nonché l’individuazione dei professionisti, in quanto qualificabile in termini di attività gestionale, avrebbe dovuto essere fatta dal dirigente e non dalla giunta. O no?

PROROGA (LADDOVE VI SI È FATTO RICORSO …) E REVISIONE PREZZI (27 DICEMBRE)

Versandosi «in un’ipotesi di proroga e non anche di rinnovo contrattuale (…), trova senz’altro applicazione la revisione prezzi, nel mentre l’attivazione (e il conseguente obbligo di conclusione) del relativo procedimento di verifica nonché lo svolgimento della necessaria istruttoria …

LE REFERENZE BANCARIE (27 DICEMBRE)

Ma poi le referenze bancarie debbono avere un contenuto particolare?

AVVALIMENTO DEL FATTURATO SPECIFICO (28 DICEMBRE)

Si configura «quale ‘avvalimento di garanzia’ in relazione al quale la verifica in ordine alla specificità delle indicazioni viene condotta …

IL CONCORRENTE NON PUÒ SCOMPORRE DI PROPRIA INIZIATIVA IL CONTENUTO DELL’APPALTO (22 DICEMBRE)

Non possono essere ammesse associazioni di imprese di tipo verticale, ove il bando non distingua fra prestazione principale e prestazioni secondarie (principio consolidato).

LEGGE DI BILANCIO 2017 – OBBLIGO DI ISCRIZIONE A REGISTRO E DI PREVISIONE IN CONTRATTO

Guarda la norma, che prevede una rilevante sanzione in caso di sua inosservanza.

LEGGE DI BILANCIO 2017 – IL RITORNO DELL’OFFERTA AL NETTO DELLE SPESE RELATIVE AL COSTO DEL PERSONALE

Sta scritto che «l'offerta migliore è determinata al netto delle spese relative al costo del personale».

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEL PARCO AUTOMEZZI

È possibile adottare il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso?

COMPROVA DEL FATTURATO GLOBALE D'IMPRESA RELATIVO A SERVIZI ANALOGHI E UTILIZZABILITÀ DELL’AFFITTO D’AZIENDA

Il meccanismo dell’affitto d’azienda consente il passaggio del requisito economico pregresso dal concedente all’affittuario?

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA: OK PER IL RUP CHE SI È AUTONOMINATO PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE (19 DICEMBRE)

Si riscontra che «la norma dell’art. 77 prima parte del d. lgs. 50/2016 invocata è destinata a valere solo a regime, ovvero dopo che sarà stato creato l’albo dei commissari cui essa allude, e che al presente ancora non esiste; sino a quel momento, …

LA NATURA DEL CONSORZIO ORDINARIO (ART. 45, COMMA 2, LETT. E), DEL D.LG. 50/2016)

Costituito «anche in forma di società ai sensi dell’articolo 2615-ter del codice civile», il consorzio ordinario partecipa alla procedura come operatore economico comunque …

AFFIDAMENTO DIRETTO CON IL NUOVO CODICE (15 DICEMBRE)

Avendo la ricorrente effettuato il servizio negli anni precedenti, il mancato invito alla procedura si giustifica agevolmente con l’applicazione del principio di rotazione?

CI SI PUÒ AVVALERE DELLA CERTIFICAZIONE SA 8000 (15 DICEMBRE)?

Con riferimento all’«assoggettabilità della certificazione SA 8000 alla disciplina dell’avvalimento non si può che rinviare alla recente decisione della Sezione …

L’APPALTO È PER DEFINIZIONE A TITOLO ONEROSO (13 DICEMBRE)

“Ritiene il collegio che alla questione giuridica, concernente la configurabilità di un appalto pubblico di servizi a titolo gratuito, ovvero “atipico” rispetto alla disciplina normativa di cui al D.Lgs. 50/2016, debba darsi soluzione negativa”.

PATROCINIO LEGALE

Per importo da EUR 40.000 in su, ai sensi del D.Lgs. 50/2016, art. 95, comma 3, lett. b), sussiste l’obbligo di adozione del criterio di aggiudicazione del rapporto qualità/prezzo?

PATROCINIO LEGALE

È contratto d’opera o appalto pubblico di servizio? Ovvero, si applica il codice civile o il codice dei contratti pubblici comunitariamente orientato?

OBBLIGATORIETÀ O FACOLTATIVITÀ DELLE CLAUSOLE SOCIALI CON IL NUOVO CODICE (13 DICEMBRE)?

Si osserva che «l’art. 50 d.lgs. n. 50/2016 configura l’inserimento nel bando di “specifiche clausole sociali volte a promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato” in termini di …

AR. 95 DEL CODICE: LA PREVALENZA DEL COMMA 3, LETT. A), SUL COMMA 4, LETT. B) (13 DICEMBRE)

Se anche il servizio ha natura standardizzata, ma sussiste l’alta intensità di manodopera, scatta l’obbligo del ricorso al criterio di aggiudicazione del rapporto qualità/prezzo.

PER LA SPENDING REVIEW, SÌ AL LOTTO UNICO (12 DICEMBRE)

L’interpretazione dirigista dell’art. 51 del nuovo codice, che non tutela le PMI.

SERVIZIO CON PRESTAZIONE PRINCIPALE E PRESTAZIONE ACCESSORIA (9 DICEMBRE)

Ieri si poteva far ricorso al subappalto qualificatorio, peraltro senza dover più dare in sede di gara qualificazione e nomen del subappaltatore. Oggi, il silenzio della disciplina di gara in materia di subappalto significa che il subappalto stesso non è proprio ammesso. Una disciplina, quella sul subappalto, ideologica e limitativa della partecipazione. E volevano il nuovo!

IL RAGGRUPPAMENTO SOVRABBONDANTE (6 DICEMBRE)

Si censura la mancata esclusione per “sovrabbondanza” del raggruppamento contro interessato. Ogni operatore economico sarebbe stato in grado di concorrere da solo avendone i requisiti economici, tecnici e professionali.

RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE O VERTICALE (9 DICEMBRE)

Anche con il nuovo codice, qualora la disciplina di gara non distingua le prestazioni (pur potendo oggettivamente distinguerle), il raggruppamento può essere solo orizzontale.

L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PATROCINIO LEGALE E I PALETTI DELL’ANAC SUI PRINCIPI DI UN ELENCO APERTO DI OPERATORI ECONOMICI

“Il patrocinio legale è un appalto di servizi escluso dall’ambito di applicazione del Codice e va affidato nel rispetto dei principi di cui all’art. 4 del d.lgs. n. 50 del 2016”. L'elenco aperto.

SERVIZIO DI PORTIERATO PER IL QUALE SI RICHIEDE LA DISPONIBILITÀ DI UNA CENTRALE OPERATIVA (30 NOVEMBRE)

… ma la centrale operativa deve essere collegata alle forze dell’ordine. Serve l’autorizzazione prefettizia?

LA QUESTIONE DELLA POSSIBILITÀ DI AVVALIMENTO, AL FINE DI COMPROVARE LA DISPONIBILITÀ DELLA LICENZA PREFETTIZIA EX ART. 134 T.U.L.P.S. (30 NOVEMBRE)

Si osserva che, «in linea generale, l'avvalimento può essere utilizzato per tutti i requisiti soggettivi di partecipazione, …

LA DIFFERENZA FRA PORTIERATO E VIGILANZA (30 NOVEMBRE)

«In base alla giurisprudenza consolidata, il servizio di portierato è ontologicamente differente da un’attività di vigilanza, ben potendo essere reso …

L’ACCORPAMENTO DEI FARMACI A BASE DI SOMATROPINA (5 DICEMBRE)

Quando non è necessaria la valutazione di equivalenza dell’AIFA? La legittimità di un bando che metta in diretta competizione farmaci biotecnologici.

L’INCENTIVO PER SERVIZI E FORNITURE

1) Gli incentivi previsti per lo svolgimento delle funzioni di cui al comma 2 dell’art. 113 spettano anche per gli appalti di servizi e fornitura, nel rispetto delle condizioni ivi previste.

LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA PER LA COMPROVA DELLA CAPACITÀ ECONOMICA (23 NOVEMBRE)

Quanto alla dimostrazione della capacità economico-finanziaria, essa «può essere fornita "mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla stazione appaltante", il che è possibile soltanto laddove …

ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO “IN”, COOPERATIVE SOCIALI “OUT” (22 NOVEMBRE)

L’avviso pubblico finalizzato all’acquisizione delle manifestazioni di interesse per l’affidamento in convenzione dei servizi di trasporto sanitario ordinario e di emergenza/urgenza, nella parte in cui risulta rivolto alle sole associazioni di volontariato, e non anche alle cooperative sociali, è legittimo.

“FREE” – VALUTAZIONE D’IMPATTO AMBIENTALE

«L’articolo 1, paragrafo 5, della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1985, concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, come modificata dalla direttiva 97/11/CE del Consiglio, del 3 marzo 1997, deve essere interpretato …

L’ESCLUSIONE NECESSARIA DELL’OFFERTA TECNICA NON CONFORME AL CAPITOLATO (21 NOVEMBRE)

«La carenza dei requisiti richiesti per l’offerta tecnica a pena di esclusione, nel disciplinare e nel capitolato tecnico, che costituiscono parte integrante della lex di gara, indipendentemente dalla ragione tecnica o economica di tale difformità non può che comportare la esclusione della gara.

E ALLORA DIRITTO DI ACCESSO SÌ O NO?

“La ricorrente opera nel settore della locazione, pulizia e spurgo di bagni mobili ecologici, e ipotizza di subire, sovente, la concorrenza sleale di altre imprese che, praticando prezzi più bassi nelle procedure di gara, effettuano poi indebite economie nella fase esecutiva degli appalti, tramite la difettosa esecuzione delle prestazioni e l'omessa o non corretta gestione e tracciatura dei rifiuti”. 

IL CONSIGLIO DI STATO DI OGGI NON CONOSCE O NON SEGUE LA “PLENARIA” (18 NOVEMBRE)

“La dichiarazione deve indicare il subappaltatore e dimostrare il possesso, da parte di quest'ultimo, dei requisiti di qualificazione, nelle ipotesi in cui il subappalto si renda necessario a cagione del mancato autonomo possesso, da parte del concorrente, dei necessari requisiti di qualificazione”!!!

IL PRINCIPIO DEL “FAVOR PARTECIPATIONIS”

“La ditta offerente può presentare ogni altro documento che, a proprio giudizio, consenta di evidenziare le caratteristiche specifiche del bene”.

FREE – L’ANAC SULLE TABELLE MINISTERIALI (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

Si riscontra che «non è conforme al quadro normativo di riferimento l’inserimento nella lex specialis  di una clausola di esclusione automatica  dell’offerta che presenti un costo orario del personale dipendente inferiore a quello stabilito dalle tabelle ministeriali, essendo necessario che la presunta  anomalia dell’offerta venga accertata secondo le modalità di cui al primo  periodo del comma 5 dell’art. 97, d.lgs. 50/2016».

FALSA DICHIARAZONE IN SEDE DI ABILITAZIONE AL MEPA E CONSEGUENTE PROVVEDIMENTO DI RITIRO (14 NOVEMBRE)

Il «sistema di e-procurement, analogamente a quanto avviene nella fase di ammissione alle gare che si svolgono in modo tradizionale, si basa sull’affidamento della p.a. nella veridicità delle autodichiarazioni dei concorrenti».

QUESTA SUGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA LEGITTIMAMENTE PARI A ZERO CI PIACE PROPRIO …

Si osserva che, «premesso che la lex specialis precisava espressamente che gli oneri di sicurezza potevano essere pari a zero, che avrebbe costituito causa di esclusione la “mancata indicazione” degli stessi, ed avendo la controinteressata indicato nella propria offerta che detto valore era pari a zero, le doglianze della ricorrente vanno rigettate».

RAGGRUPPAMENTO: LA CORRISPONDENZA SOSTANZIALE ANCHE NEI SERVIZI (11 NOVEMBRE)?

La partecipazione della mandante è viziata da palese deficit di qualificazione, possedendo la medesima un requisito di capacità economica del fatturato pregresso solo nella misura del 9%, avendo dichiarato tuttavia di eseguire l’appalto nella percentuale del 30%?

LA CLAUSOLA DI ADESIONE (7 NOVEMBRE)

La mancata preventiva quantificazione dell’intero valore economico delle potenziali adesioni. Per il T.A.R. che si riporta va bene, …

L'AMMINISTRAZIONE È LEGITTIMATA AD INTRODURRE DISPOSIZIONI ATTE A LIMITARE LA PLATEA DEI CONCORRENTI (8 NOVEMBRE)?

“Le stazioni appaltanti hanno il potere di fissare nella lex specialis parametri di capacità tecnica dei partecipanti e requisiti soggettivi specifici di partecipazione attraverso l'esercizio di un'ampia discrezionalità, fatti salvi i limiti imposti dai principi di ragionevolezza e proporzionalità” (principio consolidato).

GARA AL MASSIMO RIBASSO E VERIFICA DELL’OFFERTA (3 NOVEMBRE)

Al seggio di gara è esclusivamente demandato il compito di verificare la conformità delle offerte alle prescrizioni del capitolato, non potendo viceversa sindacare la eventuale diversa qualità delle offerte purchè conformi alle prescrizioni scelte dalla stessa stazione appaltante (ASL).

LA DISCIPLINA DEL COLLAUDO DI SERVIZI E FORNITURE: DIMENTICANZA (PIÙ PROBABILE) O SCELTA CONSAPEVOLE (IMPROBABILE)

«Ora, il silenzio del codice, che non demanda alla potestà regolamentare la disciplina del collaudo di servizi e forniture, può prestarsi a una duplice lettura esegetica, che conduce a conclusioni opposte:

RECESSO E REVOCA (PRINCIPI CONSOLIDATI)

L’art. 1, comma 13, D.L. 95/2012: il recesso contrattuale va tenuto distinto dal potere pubblicistico di revoca.

ACQUISIZIONE DI SERVIZI, DI CUI ALL’ART. 36, COMMA 2, LETT. B) DEL D.LGS. N. 50/2016 (28 OTTOBRE)

In una procedura negoziata senza bando di valore inferiore alla soglia, può la commissione di gara fissare i sub-criteri di valutazione dei titoli dopo aver preso visione della documentazione dei titoli delle concorrenti?

ACQUISIZIONE DI SERVIZI, DI CUI ALL’ART. 36, COMMA 2, LETT. B) DEL D.LGS. N. 50/2016 (28 OTTOBRE)

Ininfluenti, ai fine della legittimità della procedura, la mancata allegazione di copia del documento d’identità e la mancata datazione del curriculum professionale?

SUBAPPALTO E OBBLIGO PER L’OPERATORE DI FORNIRE DIRETTAMENTE UNA PARTE IMPORTANTE DEI SERVIZI PUBBLICI DI TRASPORTO DI PASSEGGERI (27 OTTOBRE)

Nulla «osta a che l’amministrazione aggiudicatrice stabilisca nella misura del 70% la quota di fornitura diretta da parte dell’operatore a cui è affidata la gestione e la prestazione di un servizio pubblico di trasporto di passeggeri con autobus».

PROGRAMMAZIONE E “TAVOLO TECNICO”: LE MODALITÀ OPERATIVE PER ADEMPIERE ALL’OBBLIGO

«Le amministrazioni pubbliche comunicano, entro il mese di ottobre, l’elenco delle acquisizioni di forniture e servizi d’importo superiore a 1 milione di euro che prevedono di inserire nella programmazione biennale al Tavolo tecnico» (D.Lgs. 50/2016, art. 21, comma 6, secondo periodo).

IL DISTRIBUTORE DI CARBURANTE INDIVIDUATO DA CONSIP

Se il carburante è idoneo allo scopo (tante grazie!), non si può eccepire la diseconomicità dell’ubicazione.

L’ILLEGITTIMA DEROGA ALLA GARA IPOTIZZANDOSI LA SUSSISTENZA (NON VERA) DI UN MERO CONTRATTO DI LOCAZIONE (26 OTTOBRE 2016)

Si riafferma che «solo la contrattuale "disponibilità di locali" per un periodo di tempo determinato può qualificarsi come locazione in senso proprio e stretto, riguardando soltanto la detenzione provvisoria un immobile considerato nella sua consistenza fisica e funzionale; situazione che non ricorre, come nella specie, allorché …

LE TRE LINEE INTERPRETATIVE SULL’INVITABILITÀ DELL’APPALTATORE USCENTE

Si afferma che, «ove l’Amministrazione si determini a invitare anche il precedente gestore, dovrebbe spiegare l’apparente contrasto con il principio, normativamente fissato, di rotazione, e la concreta irrilevanza della partecipazione anche del gestore uscente ai fini della garanzia di massima trasparenza e concorrenzialità» (oggi è questa la linea mediana da seguire).

APPALTI IN SANITÀ: IL “REDDE RATIONEM” SULLA CLAUSOLA DI ADESIONE (SENTENZA 20 OTTOBRE 2016)

L’illegittima indeterminatezza della clausola d’adesione, per la mancata previsione di un tetto massimo dei quantitativi e dell’importo massimo del servizio appaltato.

PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO (MA CON AVVISO) E DUE SOLI OPERATORI ECONOMICI INTERESSATI

“L’ente pubblica un avviso sul profilo del committente per una procedura negoziata extra MEPA (servizi di importo > 40.000,00 euro, ma inferiore alla soglia). Rispondono a tale avviso solo due operatori economici.

LA C.D. “PROROGA TECNICA” (SENTENZA 18 OTTOBRE 2016)

È legittima la temporanea proroga del servizio reso dal precedente affidatario, motivata dalla necessità di garantire la continuità nell'erogazione del servizio di manutenzione degli impianti fino alla conclusione della procedura di gara ed al conseguente subentro del nuovo aggiudicatario?

AGGIORNAMENTO DEI MANUALI PER RDO SUL MEPA

RDO con il prezzo più basso e con il rapporto qualità/prezzo: note.

IL PRINCIPIO DELL’EVIDENZA PUBBLICA ANCHE PER GLI IMPIANTI PUBBLICITARI

Essendo il mercato degli spazi pubblici destinati agli impianti pubblicitari contingentato, è necessaria la sottoposizione a procedure pubbliche e trasparenti di ogni tipo di attribuzione ai privati di utilità economicamente appetibili.

APPALTI IN SANITÀ

La corretta interpretazione ed applicazione dell’art. 9-ter, commi 4 e 5, della L. n. 125/2015.

LA DISPONIBILITÀ DEL CENTRO DI COTTURA (SENTENZA 17 OTTOBRE 2016)

Imporre l’effettiva disponibilità di un centro di cottura già in fase di atto di partecipazione alla gara si tradurrebbe in una sensibile restrizione della concorrenza, riservando la gara stessa, di fatto, alle sole imprese che già operano nel territorio.

ANNULLAMENTO GIURISDIZIONALE DELLA GARA

Avrebbe giustificato «l’adozione di una procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara (…), non certo l’ennesima proroga mediante affidamento diretto» …

RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO: IL PARAMETRO SOGGETTIVO, NEL CASO, DEVE COMUNQUE ESSERE NECESSARIO PER EVIDENZIARE L’OFFERTA TECNICA

Va «affermato come la previsione di elementi di valutazione dell'offerta tecnica di tipo soggettivo (concernenti la specifica attitudine del concorrente a realizzare lo specifico progetto oggetto di gara) sia legittima nella misura in cui detti elementi siano suscettibili di chiarire e dimostrare la qualità dell'offerta».

PROCEDURA TELEMATICA IN SEDUTA RISERVATA

Lo svolgimento in seduta riservata delle operazioni di gara, sia per le aste elettroniche che per le procedure telematiche, è giustificato dalla particolarità della procedure che consente una piena tracciabilità delle operazioni, nonché dalla natura essenzialmente quantitativa e vincolata dei criteri di valutazione.

APPALTO DI SERVIZIO ASSICURATIVO ED ERRORE MATERIALE (SENTENZA 13 OTTOBRE 2016)

“L’errore materiale, infatti, consiste in una fortuita divergenza fra il giudizio e la sua espressione letterale, cagionata da mera svista o disattenzione nella redazione dell’offerta che deve emergere ictu oculi. In definitiva, l’errore materiale non esige …

BROKERAGGIO: COMMISTIONE TRA OFFERTA TECNICA ED ECONOMICA NELLA FATTISPECIE (SENTENZA 12 OTTOBRE 2016)?

“Il servizio in questione non afferisce al contratto di brokeraggio e alle provvigioni per esso dovute al broker, ma ad un diverso e ulteriore servizio, quello di gestione dei sinistri, per il quale il broker ha proposto di assumere, in aggiunta all’attività di consulenza prevista dal capitolato speciale per l’attività di brokeraggio, anche l’accollo di una parte dei costi”. Quid juris?

IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO (SENTENZA 12 OTTOBRE 2016)

“Il servizio di brokeraggio assicurativo consiste nell’attività di intermediazione assicurativa svolta da un soggetto dotato di competenze professionali nel settore, il broker, per conto di altro soggetto interessato nella stipula di polizze assicurative. L’attività del broker è quindi remunerata con una provvigione, commisurata ai premi pagati dall’assicurato alla compagnia assicuratrice”.

LA PREVISTA RINEGOZIAZIONE IN BANDO, NEGLI APPALTI SANITARI

“Il capitolato relativo alla gara prevedeva che, successivamente al primo confronto concorrenziale, sarebbe stata effettuata la rinegoziazione in caso di scadenza di brevetto di prodotto con caratteristica di unicità ed a seguito di segnalazione di disponibilità del prodotto equivalente o biosimile”. Quid juris?

L’AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CANILE

Non trova applicazione l’art. 5 della L. 8 novembre 1991, n. 381.

GENERICITÀ DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO?

Niente soccorso istruttorio! Ma aspettiamo la “plenaria”.

IL RAPPORTO FRA IL COMMA 4, LETT. C), DELL’ART. 95 E IL COMMA 3, LETT. A)

Per i servizi e le forniture di importo inferiore alla soglia comunitaria, caratterizzati da elevata ripetitività, è possibile adottare motivatamente il prezzo più basso. Ma se il costo della manodopera è pari almeno al 50 per cento dell’importo totale del contratto? Si può procedere con il prezzo più basso?

"FREE" - L’ANAC CONFERMA CHE, PER ALCUNI SERVIZI, CI VUOLE IL RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO E QUINDI LA PROCEDIMENTALIZZAZIONE ANCHE PER QUALCHE MANCIATA DI EURO

L’ANAC la linea guida l’ha data, confermando la lettera della norma. Dal disastro di come è stato scritto il codice al disastro di come viene interpretato, con linee guida per le quali occorre comunque dare motivazione se vi si deroga. E andrebbero anche applicati i commi 5 e 6 dell’art. 36, allora …

IL MANCATO INVITO DEL PRECEDENTE PRESTATORE DI SERVIZIO AD UNA PROCEDURA NEGOZIATA …

La giurisprudenza che si menziona è superata, anche se di qualche giorno fa. Prima dovevi motivare, appunto, se non invitavi il precedente esecutore del contratto. Oggi, se lo inviti (ce lo ha detto il Consiglio di Stato nel parere sulle linee guida dell’ANAC). Robe da matti? No! Solo il soft che avanza …

ANAC

PREZZI DI RIFERIMENTO

LA CLAUSOLA SOCIALE DI RIASSUNZIONE

La censura inerente alla violazione dell’art. 19 del bando di gara, rubricato “Clausola sociale di riassunzione”, non è meritevole di positivo riscontro.

LE LINEE GUIDA SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE: IL FATTURATO GLOBALE E LA CRITICITÀ CHE EMERGE PER LA STAZIONE APPALTANTE

Viene previsto «il fatturato globale per servizi di ingegneria e di architettura, di cui all’art. 3, lett. vvvv) del Codice, espletati nei migliori tre esercizi dell’ultimo quinquennio antecedente la pubblicazione del bando». Perché si tratta di una previsione di più che dubbia legittimità e quindi insidiosa per la stazione appaltante?

LE CONDIZIONI ECCESSIVAMENTE ONEROSE PER IL CONTRATTO DI TESORERIA

Integrano un valido presupposto per l’atto di autotutela, stante l’elevato onere che l’Azienda ha ritenuto di assumere, per un servizio che generalmente viene erogato anche gratuitamente ... 

DICHIARAZIONI BANCARIE E SOCCORSO ISTRUTTORIO

“Le dichiarazioni dei due istituti bancari non sono mancanti, ma tutt’al più incomplete; non si vede quindi perché non dovrebbe trovare applicazione la citata disciplina sul soccorso istruttorio”.

SPECIFICHE TECNICHE E TUTELA DELLA CONCORRENZA

“Le specifiche tecniche devono consentire pari accesso agli offerenti e non comportare la creazione di ostacoli ingiustificati all'apertura dei contratti pubblici alla concorrenza, e il concreto esercizio del potere discrezionale della stazione appaltante deve essere funzionalmente coerente con il complesso degli interessi pubblici e privati coinvolti dal procedimento di appalto”.

SERVIZI SOCIALI

Indicazioni operative alle stazioni appaltanti e agli operatori economici in materia di affidamento di servizi sociali.

ANAC – SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP.

Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti  all’architettura e all’ingegneria

L’ILLEGITTIMA ESCLUSIONE DI UNA COOPERATIVA SOCIALE

Il sistema di organizzazione del servizio di trasporto sanitario di urgenza, consistente, per le amministrazioni competenti, nel ricorso in via prioritaria ad associazioni di volontariato, deve effettivamente contribuire alla finalità sociale così come al perseguimento degli obiettivi di solidarietà ed efficienza di bilancio su cui detto sistema è basato.

L’APPLICABILITÀ AI “VECCHI” CONTRATTI DELL’ART. 115 DEL D.LGS. 163/2006 (D.LGS. 50/2016, ART. 216, COMMA 1)

Il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo sulla domanda di rimborso dei maggiori costi sostenuti in conseguenza dell’incremento dell’orario di lavoro e del corrispondente aggravio di retribuzione a favore della manodopera impiegata in appalto, appartenendo la giurisdizione al giudice ordinario.

VIGILANZA E PORTIERATO (SENTENZA 16 SETTEMBRE)

Per non eccedere in qualificazione è necessario, fin dalla disciplina di gara, ipotizzare chiaramente la raggruppabilità “in verticale”. Questa volta il giudice d’appello non segue la “classica” tesi secondo cui il bando non recava alcuna distinzione di prestazioni ed annulla la sentenza del T.A.R. lombardo.

“FREE” – LE ACQUISIZIONI DI SERVIZI E FORNITURE, FRA SOTTO SOGLIA, SERVIZI SOCIALI E DI CUI ALL’ALLEGATO IX, DISCIPLINA IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELLA SPESA

Scarica il programma aggiornato a: delibera dell’ANAC sull’affidamento dei servizi sociali (31 agosto); parere del Consiglio di Stato sulle linee guida dell’ANAC per gli affidamenti di valore inferiore alla soglia comunitaria (13 settembre). Senigallia, 28 ottobre; Bologna, 10 novembre; Milano, 18 novembre; Roma, 2 dicembre.  

FRA DISCREZIONALITÀ E PROPORZIONALITÀ

Per una procedura attinente al servizio di “raccolta e trasporto rifiuti” – per cui esistono specifiche categorie di iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali – richiede l’iscrizione all’Albo per una diversa categoria che attiene invece alla “intermediazione e commercio di rifiuti”. Quid juris?

PROCEDURA NEGOZIATA TELEMATICA PER AFFIDARE UN SERVIZIO DI PROGETTAZIONE E TERMINE DI OTTO GIORNI PER PRESENTARE OFFERTA

Per il T.A.R. va bene, per noi no. Anche se il mezzo è telematico, otto giorni sono oggettivamente un termine inidoneo per poter presentare offerta.

“SE IL BANDO TI CHIEDE SPECIFICAMENTE IL CERTIFICATO, TU NON PUOI DARMI LE FATTURE PUR INSERITE IN AVCPASS” (13 SETTEMBRE)

“Il bando di gara costituisce un vincolo dal quale anche la stazione appaltante non può sottrarsi, nel senso che al pari dei concorrenti anche l’amministrazione è inderogabilmente tenuta ad applicare le disposizioni che essa stessa si è data per la procedura di affidamento “.

UTILE DI IMPRESA E SOGGETTI SENZA SCOPO DI LUCRO: UNA TESI GIURISPRUDENZIALE ISOLATA E PERICOLOSA (13 SETTEMBRE)

Si afferma che «il principio del c.d. ‘utile necessario’ non è estensibile a soggetti che operano per scopi non economici, bensì sociali o mutualistici, per i quali l'obbligatoria indicazione di un utile d'impresa si tradurrebbe in una prescrizione incoerente con la relativa vocazione non lucrativa, con l'imposizione di un'artificiosa componente di onerosità della proposta.

“FREE” – ANAC: AFFIDAMENTI SENZA GARA E AFFIDAMENTI SENZA GARA

Questi non vanno bene, ok! E questi altri invece andrebbero assolutamente bene! Qui tacet consentire videtur, …

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA AZIENDALE E SERVIZI DI NATURA INTELLETTUALE

Negli appalti di servizi di natura intellettuale non occorre comunque indicare i predetti oneri, poiché le attività da svolgersi non sono caratterizzate da profili di interesse in tema di sicurezza sul lavoro. 

IL PRINCIPIO SECONDO CUI I SERVIZI SVOLTI PER COMMITTENTI PRIVATI SONO DOCUMENTABILI IN MODO DIVERSO DA QUELLI PER I COMMITTENTI PUBBLICI

La presentazione del contratto di conferimento del servizio, accompagnato dalle fatture, peraltro quietanzate, relative alla prestazione medesima, sono adeguatamente dimostrative dell’attività svolta (fattispecie in materia di servizio di progettazione, ma involgente una questione di carattere generale).

IL NUMERO MEDIO DI DIPENDENTI NEL TRIENNIO

Quale metodo di calcolo? Restrittivo o di favor?

L’ISCRIZIONE NELL’ALBO DI CUI ALL’ARTICOLO 53, COMMA 1, DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 446 DEL 1997

L’attività puramente strumentale/propedeutica/preordinata alla liquidazione, all’accertamento ed alla riscossione costituisce dunque attività diversa dalla riscossione in senso stretto, in quanto non comportante la delega al privato della potestà pubblicistica.

IL POSSIBILE AVVALIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ, CHE PERÒ DEVE ESSERE DIMOSTRATO IN MODO RIGOROSO

Si osserva che «il contratto di avvalimento prodotto (…) non presenta i requisiti richiesti dalla disciplina di settore, (…) atteso che non risultano riportati, in modo compiuto, esplicito, determinato ed esauriente le risorse ed i mezzi prestati, né si fa riferimento al complesso aziendale al quale è stato riconosciuto il sistema di qualità richiesto dalla procedura di gara».

“FREE” – SERVIZI E FORNITURE SOTTO SOGLIA, ALLEGATO IX, MEPA E CONSIP – GIORNATA/E "IN HOUSE" - A CATALOGO: SENIGALLIA, MILANO, ROMA, BOLOGNA.

Le acquisizioni di servizi e forniture, fra sotto soglia, allegato IX e disciplina in materia di contenimento della spesa. A catalogo: SENIGALLIA, MILANO, ROMA, BOLOGNA. 

I “PALETTI” DEL GIUDICE CONTABILE SULL’AFFIDAMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE

La Corte, nella fattispecie, rileva che si tratta di «attività che, seppur connotata da profili di novità, è da ricondurre ai compiti istituzionali generali dell’Istituto e alle mansioni ordinarie proprie delle qualifiche professionali presenti nel relativo organico, tale, perciò, da poter essere svolta dal personale in servizio».

“FREE” – SERVIZI E FORNITURE SOTTO SOGLIA, ALLEGATO IX, MEPA E CONSIP – GIORNATA/E "IN HOUSE"

Le acquisizioni di servizi e forniture, fra sotto soglia, allegato IX e disciplina in materia di contenimento della spesa

PROROGA DEL CONTRATTO DI BROKERAGGIO E TARDIVA IMPUGNAZIONE

Si riscontra che, «una volta venuta a conoscenza del fatto che il servizio era stato affidato mediante proroga al precedente affidatario, la tutela dell’interesse, sopra precisato, comportava la necessaria tempestiva impugnazione del provvedimento ritenuto lesivo».

REGOLARITÀ FISCALE: L’ART. 80, COMMA 4, DEL NUOVO CODICE

Vedi «la regola giurisprudenziale (ora tipizzata nell’art. 80 comma 4 del d.leg,vo 50/2016), che vede nell’accoglimento della domanda di dilazione un rimedio, che evita alla ditta coinvolta la misura espulsiva.

LINEE GUIDA ALLE “LINEE GUIDA” DELL’ANAC: AFFIDAMENTO DIRETTO DI IMPORTO INFERIORE A EUR 40.000, REGOLAMENTO IN ECONOMIA E “CONSECUTIO TEMPORUM”. AH! AH! AH!

Scrive l’ANAC: «L’obbligo di motivazione può essere attenuato (…) quando l’acquisizione avviene nel rispetto del regolamento di contabilità dell’amministrazione, ovvero nel caso in cui la stazione appaltante adotti un proprio regolamento per l’acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia, redatto nel rispetto dei principi contenuti nel Codice».

SERVIZIO DI BROKERAGGIO: CONTRASTO TRA CAPITOLATO E BANDO

È «indubbio che nel Capitolato di gara sia stato riportato un valore dei premi di polizza non coincidente con quello del Bando». E «l’Amministrazione, al momento in cui ha valutato l’anomalia dell’offerta (…), (…) ha ritenuto applicabili i valori contenuti nel primo documento privilegiandoli rispetto a quelli riportati nel Bando». Quid juris?

L’INTERPELLO PER SERVIZI E FORNITURE: UN ALTRO PASTICCIO DEL LEGISLATORE, GENERATORE DI CONTENZIOSO

La norma che ieri stava nell’art. 140 del D.Lgs. 163/2006, oggi sta nell’art. 110, primi due commi, del D.Lgs. 50/2016. Ieri, …

UNA TESI DI T.A.R. MOLTO DISCUTIBILE

È illegittima la decisione della Regione di indire una nuova gara, nonostante la pendenza della procedura comparativa indetta da Consip s.p.a.?

SPECIFICHE TECNICHE: IL CRITERIO “ELASTICO” ASSUNTO DALLA NORMATIVA DI RANGO PRIMARIO

“Dal quadro normativo non è prescritto un obbligo stringente e incoercibile di pedissequo rispetto delle specifiche tecniche, ma piuttosto la possibilità di soluzioni tecniche che soddisfino le esigenze di tipo tecnico per le quali è stata bandita la procedura selettiva”.

LA CAMPIONATURA: SOLO REQUISITO DI AMMISSIONE O ANCHE DI OFFERTA?

Può essere richiesta solo ad probationem, ma anche ad substantiam. Ma, nel secondo caso, il principio generale rimane sempre quello secondo cui l’offerta tecnica …

LO STUDIO ASSOCIATO O ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE

«Uno studio associato o un’associazione professionale non va confusa con una società poiché il tipo di rapporto che intercorre tra i suoi componenti è di tipo diverso.

LA SOGLIA DI SBARRAMENTO

Può essere stabilita anche molto elevata (ma si consiglia comunque di essere moderati …).

LA VIOLAZIONE DEL PRINCIPIO DI UNICITÀ DELL’OFFERTA (IN UNA GARA GESTITA DA UNA GROSSA CENTRALE DI COMMITTENZA)

“La presentazione di più di una offerta da parte di uno dei concorrenti, attribuendo allo stesso maggiori possibilità di conseguire l’aggiudicazione dell’appalto attraverso la presentazione di diverse proposte, finirebbe per ledere la par condicio dei concorrenti”.

L’AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SANITARIO ALL’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO, QUALE LEGITTIMATO DALLA GIURISPRUDENZA COMUNITARIA (IN PRATICA LA COOPERATIVA SOCIALE SI ARRANGIA)

È possibile procedere ad attribuire il servizio di trasporto sanitario mediante affidamento diretto, in assenza di pubblicità, ad associazioni di volontariato, a condizione che le associazioni stesse …

QUANDO LA LETTERA D’INVITO DEFINISCE TUTTO

“Improprio è il parallelismo con il rapporto tra bando e lettera di invito, posto che nel caso in esame non c’è un bando vero e proprio, né un capitolato speciale, e la funzione di definire la lex specialis della gara, sotto gli aspetti sia procedimentali sia della definizione dei contenuti della prestazione, è dichiaratamente assunta dalla lettera di invito”.

GARA FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UNA CONVENZIONE IN MATERIA DI SANITÀ: L’IRRAGIONEVOLEZZA DELLA SCOMPOSIZIONE DELL’OFFERTA ECONOMICA TRA QUELLA RELATIVA AI PRODOTTI-BASE E QUELLA RELATIVA AI PRODOTTI AGGIUNTIVI

“La procedura di gara è finalizzata alla stipula di una convenzione ex art. 26 della legge 488/1999 tra la stazione appaltante e l’aggiudicataria, e quindi i quantitativi dei diversi tipi di prodotti sono quantitativi massimi, stimati “ai soli fini della valutazione e aggiudicazione delle offerte”, mentre i quantitativi certi …

QUANDO NON C’È EQUIVALENZA

“Il tipo di valvola dell’apparecchio offerto (elettronica, anziché meccanica) costituisce una specifica tecnica, alla quale corrisponde (secondo il verificatore) un diverso requisito prestazionale (costituito dai vantaggi oggettivi suindicati), e quindi la valvola a controllo manuale non è equivalente a quella elettronica”.

PROPORZIONALITÀ INVERSA: A CONFRONTO PREZZO O RIBASSO?

La «piattaforma, sotto la rubrica “proporzionalità inversa”, prevedeva due formule matematiche ad andamento opposto, l’una espressiva di una proporzionalità diretta, l’altra espressiva di una proporzionalità inversa. Pertanto, ai fini della determinazione del punteggio da assegnare la commissione avrebbe dovuto trovare applicazione quella delle due formule che garantiva la detta proporzionalità inversa, la quale prendeva in considerazione non il ribasso, ma il prezzo offerto». 

LA FORMULA PER IL PREZZO

La ricorrente lamenta che, “a fronte di un ribasso di gara del 5,39 % sono stati assegnati solo 35 punti alla sua offerta economica, da ritenersi del tutto ingiustificati se confrontati ai 34.15 punti assegnati all’offerta dell’aggiudicataria, che aveva presentato un ribasso del 3,03%”. Nulla quaestio!

ISCRIZIONE AL REGISTRO NAZIONALE DELLE IMPRESE AUTORIZZATE AL TRASPORTO DI PERSONE (REN)

Il possesso di tale requisito è necessario per poter partecipare alla procedura.

DICHIARAZIONI BANCARIE MANCANTI

La linea giurisprudenziale che abbiamo sempre sostenuto: va dato il soccorso istruttorio.

IL PRINCIPIO DI ROTAZIONE E LA SUA POSSIBILE DECLINAZIONE

“L’applicazione del principio di rotazione esclude la possibilità di invitare alla procedura anche il gestore uscente in una situazione in cui quest’ultimo ha gestito ininterrottamente il servizio per sei anni sulla base di successivi affidamenti?” Vedi anche nota a margine.

ANAC – ENTI LOCALI E SOGGETTI AGGREGATORI

Dal prossimo 9 agosto anche gli enti locali, nonché loro consorzi e associazioni, sono tenuti al ricorso ai Soggetti aggregatori per gli affidamenti nelle categorie del DPCM 24 dicembre 2015

IL DIVIETO DI RINNOVO TACITO ED ESPRESSO DEI CONTRATTI PUBBLICI

È diretta espressione dei principi di tutela della concorrenza, di derivazione europea.

IL RAGGRUPPAMENTO SOVRABBONDANTE

Si osserva che, «se è vero che l'ordinamento in generale, e la regola della specifica gara, non vietano la cosiddetta ATI sovrabbondante, vale a dire il raggruppamento di più soggetti individualmente già in possesso dei requisiti per partecipare alla selezione (…), … 

L’AGGIUDICAZIONE DEL CONTRATTO QUADRO, PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ NELL’AMBITO DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ

Si osserva che «la procedura è stata suddivisa in due fasi procedimentali: la prima è la vera e propria procedura competitiva la quale si conforma al modello della procedura ristretta definita dall’art. 3, comma 38, del Codice dei contratti pubblici, ammessa ai sensi degli artt. 54, comma 1, 55 e, con specifico riferimento agli accordi quadro, 59 del Codice stesso; …

NON PUÒ ESSERE ACQUISITA, ORA PER ALLORA, LA REFERENZA BANCARIA MANCANTE …

Ma è solo una (che non condividiamo) delle due linee giurisprudenziali sul punto. Infatti, il problema non è il documento che manca, …

LA PRESUNZIONE DI CONOSCENZA DI CUI ALL’ART. 1335 C.C.

Anche quando la comunicazione pervenga alla sede operativa della società.

QUANDO UNA SPECIFICA TECNICA LIMITA LA CONCORRENZA

“La specifica tecnica contestata dalla ricorrente è effettivamente priva di una giustificazione plausibile e rappresenta un ostacolo “ ingiustificato” all’apertura dei contratti pubblici alla concorrenza”.

ANAC: LINEE GUIDA PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE E CHIAREZZA DI LINGUAGGIO

Uno dei passaggi più chiari: «La spendibilità come esperienza pregressa dei servizi prestati deve essere limitata pro quota rispetto all’importo totale» (paragrafo 2.2.3.3).

CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ED AVVALIMENTO

“Anche a voler considerare la certificazione di qualità un requisito strettamente soggettivo in quanto attinente all’organizzazione dell’impresa concorrente, tale lettura non esclude la generale operatività dell’istituto dell’avvalimento”.

ANAC: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP., PREZZO FISSO E CONCORRENZA SULLA QUALITÀ

La tesi di cui al paragrafo 5.7.3 della “relazione” dell’ANAC è del tutto formalistica e illogica in radice.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA COOPERAZIONE SOCIALE

Adozione delle linee guida della Regione Emilia Romagna.

BENI E SERVIZI INFORMATICI E DI CONNETTIVITÀ

La L. 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, commi 516 e 517, per il caso di acquisto eccezionale non tramite CONSIP o soggetto aggregatore, prevede che occorre darne comunicazione alla Corte dei Conti e magari in via preliminare?

L. 28 DICEMBRE 2015, N. 208, ART. 1, COMMA 507 – MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Definizione delle caratteristiche essenziali delle prestazioni principali costituenti oggetto delle convenzioni stipulate da Consip S.p.a.

IL RAGGRUPPAMENTO MISTO: È AMMESSO SOLO NEI LAVORI O ANCHE NEI SERVIZI?

La risposta è pacifica e logica e vale anche con il nuovo codice …

IL BANDO NON PUÒ PRETENDERE DI SINDACARE LE LIBERE SCELTE ORGANIZZATIVE DEI CONCORRENTI E DEI LORO AUSILIARI

Il bando di gara deve essere interpretato, conservativamente, nel senso di non impedire la partecipazione per l’ipotesi in cui il rapporto di lavoro subordinato, che garantisce alla stazione appaltante la disponibilità effettiva del personale incaricato della direzione tecnica, possa considerarsi supplito ...

LA STAZIONE APPALTANTE ERA STATA LA CAUSA OGGETTIVA DELL’INADEMPIMENTO RETRIBUTIVO DELL’IMPRESA

Ciò implica un giudizio di irragionevolezza della valutazione di inadempimento compiuta dall’Amministrazione in ordine ai fatti ascritti all’impresa stessa, con la conseguenza che la relativa esclusione deve reputarsi illegittima.

IL SINDACATO SULLA VALUTAZIONE DELL'ANOMALIA NON PUÒ SFOCIARE NELLA SOSTITUZIONE DELL'OPINIONE DEL GIUDICE A QUELLA ESPRESSA DALL'ORGANO DELL'AMMINISTRAZIONE …

… tuttavia, nel caso concreto, è venuta in evidenza la valutazione di un difetto macroscopico dell’offerta, che non incide sul merito riservato all’Amministrazione, ma che rientra a pieno titolo nel perimetro dei poteri assegnati all’Autorità Giudiziaria, la quale ha, in sostanza, legittimamente affermato ed accertato ab extrinseco che l’offerta della ditta vincitrice era palesemente e macroscopicamente anomala e, come tale, non poteva essere ammessa.

UN PRINCIPIO CHE VALEVA GIÀ PER IL VECCHIO “COTTIMO”

«L’assenza di una delibera a monte di indizione di una gara, seppure ridotta al minimo delle formalità indispensabili; l’assenza di un atto che pubblicizzi tale delibera per consentirvi una partecipazione trasparente; o, in alternativa, l’assenza di ogni atto qualificabile come invito ad una procedura che, seppure deformalizzata, deve mantenere dei connotati minimi …

L’ONERE DI IMMEDIATA IMPUGNAZIONE

Nel caso di specie la disciplina di gara richiedeva, ai fini della partecipazione, il possesso di un requisito di capacità economico-finanziaria di cui l’operatore economico era privo, così da ostacolarne l’ammissione alla procedura selettiva.

CLAUSOLA SOCIALE DI IMPONIBILE DI MANODOPERA – APPLICAZIONE DEL CCNL DEL GESTORE USCENTE – CALCOLO DEL COSTO DEL PERSONALE – OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA

«La scelta del CCNL applicabile al personale dipendente rientra nelle prerogative di organizzazione dell’imprenditore, con il solo limite della coerenza con l’oggetto dell’appalto. Pertanto, la clausola sociale che prevede l’impegno dell’aggiudicatario, salvo gravi e motivati elementi contrari, ad assumere il personale in servizio impiegato alla data di aggiudicazione della gara di appalto, …

LA RINEGOZIAZIONE “A VALLE”: QUALE GIURISDIZIONE?

La giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo può giustificare la declaratoria di inefficacia del contratto solo laddove quest'ultima sia connessa a rimedi impugnatori, finalizzati all'annullamento dell'aggiudicazione, non anche in relazione a fatti successivi alla conclusione della gara e allo svolgimento del contratto, idonei, se del caso, a incidere sulla risoluzione e a determinare la revoca dell'appalto.

IL LEGITTIMO, PURCHÉ COMPROVATO, AVVALIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

Secondo l’indirizzo comunitariamente orientato, «la certificazione di qualità, essendo connotata dal preminente fine di valorizzare gli elementi di eccellenza dell’organizzazione complessiva dell’impresa, è da considerarsi anch’essa requisito di idoneità tecnico-organizzativa, da inserire tra gli elementi idonei a dimostrare la capacità tecnico-professionale aziendale, …

LA NON CONFONDIBILITÀ DI UN PRODOTTO IN UN SERVIZIO

«È, ancor prima che giuridicamente, concettualmente sbagliato accomunare un prodotto ad un servizio: il prodotto suppone un’attività (a monte) che si esaurisce nel momento della produzione (a valle) del prodotto, il quale, …

LA DIFFERENZA TRA LA SOCIETÀ “IN HOUSE” E LA SOCIETÀ MISTA

Consiste nel fatto che la prima agisce come un vero e proprio organo dell’amministrazione dal punto di vista sostanziale, mentre la diversa figura della società mista a partecipazione pubblica, in cui il socio privato è scelto con una procedura ad evidenza pubblica, presuppone la creazione di un modello nuovo, nel quale interessi pubblici e privati trovino convergenza.

IL DIVIETO DI VIOLARE LE REGOLE DI CONCORRENZA E DI GARA PUBBLICA PER APPALTI E/O CONCESSIONI CONFERITI DA ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO COMUNITARIO

Qualsiasi trattamento di favore da riservare a “progetti di avvio dei giovani associati in cooperative beneficiari di finanziamenti relativi alla nuova occupazione” (art. 5 L.R. 2/97) non può che passare attraverso l’esperimento di procedure di scelta pubblicistiche, pur se semplificate e/o riservate alla categoria sociale oggetto di ausilio o di incentivo.

RESPONSABILITÀ DI UN’IMPRESA PER IL COMPORTAMENTO DI UN PRESTATORE DI SERVIZI

«L’articolo 101, paragrafo 1, TFUE deve essere interpretato nel senso che un’impresa può, in linea di principio, essere considerata responsabile di una pratica concordata a causa dell’operato di un prestatore indipendente che le fornisce servizi solo se ricorre una delle seguenti condizioni:

“FREE” – GLI ACQUISTI DIRETTI SUL MEPA COME “ZONA FRANCA” RISPETTO AL CODICE: LA QUESTIONE È VECCHIA E L’ANAC FA FINTA DI NIENTE, PERCHÉ NON PUÒ DAR FASTIDIO AI SIGNORI DI CONSIP

Sono contra legem le REGOLE DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE che, per l’Ordine diretto di acquisto (OdA), non consentono di attuare la disposizione di cui all’art. 36, comma 5, del codice.

IL SUFFICIENTE RISPETTO SOSTANZIALE DELLE SPECIFICHE TECNICHE

Non può essere escluso dalla gara l’operatore economico che offra un prodotto che, seppure non corrispondente ai requisiti di natura tecnica indicati dalla lex specialis, garantisca comunque la medesima prestazione e il medesimo risultato pretesi dalla stazione appaltante.

PROCEDIMENTO AUTONOMO E CONVENZIONE-CONSIP SOPRAGGIUNTA

È illegittimo il ritiro dell’aggiudicazione della gara disposta dal Comune per lo svolgimento del servizio sostitutivo di mensa, quale conseguenza della decisione del Comune stesso di aderire alla convenzione-Consip? Una pronuncia con qualche punto oscuro.

L’ASSOLUTA TASSATIVITÀ E LA COGENZA DELLE “SPECIFICHE TECNICHE”, PREVISTE DALLA LEX SPECIALIS SECONDO IL CRITERIO DEL PREZZO PIÙ BASSO

«Se è ben vero che nelle gare bandite secondo il criterio del prezzo più basso l’Amministrazione può e deve verificare la conformità del prodotto alle specifiche tecniche predeterminate dalla lex specialis, essa non può sottoporre le offerte a verifiche e prove non previste e non predeterminate ed esprimere valutazioni tecniche sulla minore o maggiore qualità dei prodotti, …

AVVISO DI AGGIUDICAZIONE PER I SERVIZI DI CUI ALL’ART. 142: DA UN ERRORE A UN ALTRO!

Neppure con l’errata corrige riescono a definire correttamente il comma 3 dell’art. 142!!!

COMINCIA A FARSI FATICOSAMENTE STRADA LA TESI CORRETTA

“L’indicazione degli oneri della sicurezza costituisce un dato indefettibile, che il concorrente deve fornire alla stazione appaltante se non nell’offerta, perlomeno in fase di verifica di congruità dell’offerta stessa”.

UNIVERSITÀ E MEPA

Le università hanno l’obbligo di far ricorso al MEPA?

RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO E CONOSCIBILITÀ DEL METODO DI VALUTAZIONE

“L’amministrazione aggiudicatrice non è tenuta a portare a conoscenza dei potenziali offerenti, nel bando di gara o nel capitolato d’oneri relativi, il metodo di valutazione da essa applicato al fine di valutare e di classificare concretamente le offerte. Per contro, detto metodo non può avere l’effetto di modificare i criteri di attribuzione e la loro ponderazione relativa”. Una pronuncia che va ben letta, evidentemente …

IL RAPPORTO TRA L’ATTESTAZIONE DELL’ACQUIRENTE PRIVATO E LA DICHIARAZIONE UNILATERALE DELL’OFFERENTE

Capacità tecniche degli operatori economici – Effetto diretto – Mezzi probatori – Rapporto gerarchico tra l’attestazione dell’acquirente privato e la dichiarazione unilaterale dell’offerente – Principio di proporzionalità – Divieto di introdurre modifiche sostanziali ai mezzi di prova previsti

IUS VARIANDI E GIURISDIZIONE

La controversia originata dall’esercizio del ius variandi è da intendersi esulante dalla giurisdizione del giudice amministrativo, atteso che la modifica, quantitativa o qualitativa, delle prestazioni contrattuali rientra nell'ambito della fase negoziale di esecuzione del contratto già affidato e stipulato.

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

«Appare non manifestamente illogico qualificare “grave violazione” delle norme sul lavoro l’aver posto in essere un non consentito appalto di mera somministrazione di lavoro, che è fatto astrattamente di rilievo anche penale.

QUALCHE CORTE DEI CONTI COMINCIA A CAPIRE CHE L’INCARICO PROFESSIONALE NON HA INGRESSO AUTONOMO NEL DIRITTO COMUNITARIO DEI CONTRATTI PUBBLICI

Rapporti negoziali, qualificabili, per il diritto civile, come contratti d’opera o di opera intellettuale, sono stati attratti, in punto di procedure per l’affidamento, alla disciplina dettata dal codice dei contratti pubblici (decreto legislativo 19 aprile 2016, n. 50).

CAPACITÀ TECNICA E MEZZO DI PROVA

«Rinvio pregiudiziale – Appalti pubblici – Direttiva 2004/18/CE – Articolo 48, paragrafo 2, lettera a), sub ii), secondo trattino – Capacità tecniche degli operatori economici – Effetto diretto – Mezzi probatori – Rapporto gerarchico tra l’attestazione dell’acquirente privato e la dichiarazione unilaterale dell’offerente – Principio di proporzionalità – Divieto di introdurre modifiche sostanziali ai mezzi di prova previsti»

SERVIZIO DI BROKERAGGIO GRATUITO?

Ancora con queste tesi in giurisprudenza, del tutto non condivisibili!

INTERDITTIVA ANTIMAFIA

Sinteticamente, i principi della materia.

“FREE” – FATTURATO ALTO E MANCATA SUDDIVISIONE IN LOTTI DI IMPORTO ACCESSIBILI ALLE PMI: IL PROBLEMA ORMAI È SOLO POLITICO

La sentenza di oggi 6 luglio 2016, che pubblichiamo integralmente, dimostra (se mai ve ne fosse bisogno) che i soggetti aggregatori (a cominciare da CONSIP) sono ormai l’espressione di un’oligarchia che di fatto spartisce le fette dei grossi appalti fra le sole imprese più dimensionate. Il T.A.R. non ha niente da ridire. Neppure l’ANAC, ovviamente.

AFFIDAMENTO DEI (VECCHI) SERVIZI LEGALI E MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

Non riconosciuta la legittimità dell’autovincolo della stazione appaltante (CONSIP), trattandosi allora di contratti esclusi. Essendosi trattato nella fattispecie di servizio di supporto legale in ambito stragiudiziale, oggi si tratterebbe di servizio (non escluso) di cui all’allegato IX, ma il problema non si pone più perché sarebbe comunque oggi nulla la clausola che imponesse l’indicazione de qua a pena di esclusione.

L’ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE HA PROCEDUTO A SUBAPPALTARE IN PARTE LA PRESTAZIONE?

La volontà di avvalersi di un gruppo di lavoro comprendente professionisti non soci dello studio legale sembra presupporre che l’organizzazione del lavoro sia curata dal concorrente a proprio rischio, sia pure avvalendosi di professionisti che non rivestono la qualità di soci dello studio legale.

IL FINE DELLA DISPOSIZIONE CHE PREVEDE L’OBBLIGO DI SPECIFICARE I COSTI INTERNI PER LA SICUREZZA

Può essere realizzato attraverso una specifica valutazione della congruità del costo per la sicurezza nella appropriata sede della verifica dell’anomalia dell’offerta.

GLI APPALTI BASATI SU UN ACCORDO QUADRO POSSONO ESSERE ATTRIBUITI SOLTANTO AGLI OPERATORI ECONOMICI INIZIALMENTE PARTI DELL’ACCORDO QUADRO

Quindi, non costituisce un appalto pubblico un sistema di convenzioni attraverso il quale un ente pubblico intende acquistare beni sul mercato contrattando, per tutto il periodo di validità di tale sistema, con qualsiasi operatore economico che si impegni a fornire i beni in questione a condizioni predefinite, senza operare alcuna scelta tra gli operatori interessati e permettendo a questi di aderire a detto sistema per tutto il periodo di validità dello stesso.

“FREE” – L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PATROCINIO LEGALE PER L’ENTE PUBBLICO E DEGLI ALTRI SERVIZI DI CUI ALL’ART. 17, COMMA 1, LETT. D), NN. 1 E 2

Melius re perpensa, niente di particolare. In sostanza, anche se di valore pari o superiore a EUR 750.000, seguono la stessa disciplina prevista dall’art. 36, comma 2, lett. b), del D.Lgs. 50/2016. E quindi, a maggior ragione, per importo inferiore a EUR 40.000 …

LA FATTURA NON PUÒ, DI REGOLA, COSTITUIRE UN ELEMENTO DI PROVA

Ma si deve ritenere legittimo che, nel caso concreto, la dimostrazione del possesso del fatturato specifico, autocertificato in gara, sia avvenuta mediante la produzione di inerenti pregresse fatture.

LA CERTIFICAZIONE “EMAS” FRA I REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA SUSCETTIBILI D’AVVALIMENTO?

“I distinti requisiti soggettivi e requisiti oggettivi, riferiti alle imprese partecipanti alle gare, perdono la loro chiarezza ed intellegibilità ed entrano in una zona di indeterminazione una volta che il loro referente fondamentale sia divenuto la capacità tecnica”. E quindi?

LA VALENZA DELLA CERTIFICAZIONE “EMAS”

La certificazione EMAS costituisce un mezzo di prova esclusivo o alternativo del requisito di gestione ambientale?

SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA: LE LINEE GUIDA (QUI NON VINCOLANTI) DELL’ANAC, IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO

Il paragrafo 2.1. porta il RUP a commettere una radicale illegittimità. Il paragrafo 2.2. è del tutto creativo e pone un obbligo giuridico (l’indicazione delle modalità di calcolo del corrispettivo) che non sta scritto da nessuna parte. La questione di opportunità per il primo punto, poi, è altra cosa.

SPESA ICT 2016: LE INDICAZIONI PER L’ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DELLA PA

La circolare definisce indicazioni essenziali per la programmazione di spese in beni e servizi informatici delle amministrazioni, fino all’approvazione del Piano Triennale di AgID.

ANAC – DETERMINAZIONE 8 GIUGNO 2016, N. 618

"Linee guida operative e clausole contrattuali-tipo per l’affidamento di servizi assicurativi": non hanno assolutamente alcun carattere vincolante. Peraltro pongono problemi tecnici rilevanti. Possono quindi essere disattese, consigliandosi però un'idonea motivazione di ordine tecnico, in quanto il giudice amministrativo può comunque tenerne conto come parametro motivazionale. 

L’ART. 253, COMMA 5, DEL D.P.R. N. 207/2010

Il possesso dell’anzianità non superiore a 5 anni va calcolato rispetto alla data di conseguimento dell’abilitazione ovvero rispetto a quella dell’iscrizione all’albo professionale?

PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO INDETTA PER L’ACQUISTO E L’INSTALLAZIONE DI PRODOTTI MULTIMEDIALI E INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

Il Consiglio di Stato sospende il giudizio (in attesa della bacchettata, ad andar bene, della Corte di Giustizia). Ma non ce n’era bisogno secondo noi, in quanto in un cottimo l’art. 87, comma 4, secondo periodo del vecchio codice, non poteva ritenersi disciplina direttamente applicabile in mancanza di auto-vincolo nella disciplina di procedura.

ANTICIPAZIONE DEL PREZZO PER IL 20% E AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Per un contratto di affidamento di un servizio di progettazione di lavori pubblici, è applicabile per analogia l’anticipazione del prezzo di cui all’art. 35, comma 18, del D.Lgs. 50/2016?

SONO A CARICO DELLE STAZIONI APPALTANTI ANCHE LE POLIZZE PER I DIPENDENTI CHE VERIFICANO LA PROGETTAZIONE?

«Sono a carico delle stazioni appaltanti le polizze assicurative per la copertura dei rischi di natura professionale a favore dei dipendenti incaricati della progettazione» (D.Lgs. 50/2016, art. 24, comma 4, 1° periodo). E per i verificatori?

LE CONCLUSIONI DELL’AVVOCATO GENERALE

Esclusione del concorrente in ragione della mancata presentazione di attestazioni della capacità economico‑finanziaria rilasciate da due istituti bancari 

APPALTI SANITARI: “FLOSEAL” E “SURGIFLO”

In ben quattro pronunce si è costantemente ribadito e affermato, all’esito di un accurato esame, sul piano scientifico, delle loro caratteristiche e della loro funzionalità prestazionale, che i due prodotti si possono considerare equivalenti (sentenza 17 giugno 2016).

LA CLAUSOLA ESCLUDENTE DI BANDO

La clausola della lex specialis relativa ai “lavoratori potenzialmente da reintegrare” effettivamente impedisce, indistintamente a tutti i concorrenti, la formulazione di una corretta, consapevole ed adeguata formulazione dell’offerta economica.

L’ART. 13, COMMA 4 DELLA LEGGE N.180 DEL 2011

Non doveva essere effettuata la verifica dei requisiti di ordine tecnico ed economico nei confronti della ricorrente, che la stessa non doveva essere esclusa dalla gara per il mancato riscontro, che non si doveva procedere all’escussione della cauzione provvisoria nei confronti della stessa.

LA PROVA DELL’EQUIVALENZA DA PARTE DELL’OFFERENTE E IL PROFILO DELL’IMPUGNABILITÀ DEL BANDO

Il concorrente, qualora offra un prodotto allegando la sua equivalenza rispetto ai requisiti prescritti, non è tenuto all’immediata impugnazione del bando e del capitolato tecnico, e in effetti nemmeno può vantare un interesse all’annullamento della lex specialis di gara perché essa non può assumere valore preclusivo rispetto alla partecipazione alla gara e all’esame dell’offerta.

RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO E APERTURA CONTESTUALE DI BUSTA “ECONOMICA” E TECNICA

“L’apertura delle buste contenenti le offerte economiche contestualmente a quelle contenenti l’offerta tecnica, non ha determinato alcuna indebita commistione”. Un caso più unico che raro, ma c’è sempre una spiegazione (sentenza 13 giugno 2016).

MEPA OBBLIGO SÌ, MEPA OBBLIGO NO

È vero che non sussisterebbe più l’obbligo di far ricorso al MEPA per gli acquisti di servizi o forniture sotto soglia? No! Vogliamo spiegarne le ragioni.

L’ONERE DI COMPROVA DELL’EQUIVALENZA PER L’OFFERENTE

Affinché un concorrente possa avvalersi della clausola di equivalenza, al fine di poter validamente formulare un’offerta non esattamente rispondente alle specifiche della lex specialis, ma ciò nonostante idonea ad assicurare alla stazione appaltante le prestazioni richieste, è necessario che nell’offerta stessa venga fornita la prova che la prestazione o il bene ivi proposti abbiano caratteristiche equivalenti a quelle oggetto di gara. 

RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO E COMPETENZA A VALUTARE L’ANOMALIA

Fra linee guida dell’ANAC (peraltro con carattere non vincolante, nella fattispecie) e tesi di “plenaria”.

LA SUFFICIENZA DELL’INDICAZIONE DELLA "QUANTITÀ TOTALE" E DELL’”IMPORTO MASSIMO SPENDIBILE"

“La lex di gara determina solo in via di previsione i quantitativi oggetto dell’affidamento in quanto la determinatezza dell'oggetto del contratto deve ritenersi raggiunta con la sola formulazione di "indicazioni di fabbisogno", sulla base di dati storici. La quantità dei beni oggetto degli acquisti, nel biennio di validità del contratto, sarà successivamente determinata con esattezza a mezzo degli ordinativi.”

SPENDING REVIEW: IL GIUDICE AMMINISTRATIVO INTERPRETA L’ART. 1, COMMA 7, DEL D.L. N. 95 DEL 2012

Il Comune non aveva l’obbligo di approvvigionarsi mediante ricorso alla convenzione Consip; piuttosto il contratto, come prescritto sempre dall’art. 1, comma 7, del d.l. n. 95 del 2012, avrebbe dovuto ...

IL REQUISITO PROFESSIONALE DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO È COSA DIVERSA DA QUELLI DI ESPERIENZA TECNICA

L'iscrizione del partecipante alla Camera di Commercio e la sua coerenza rispetto al contenuto contrattuale è requisito di ammissione, perché consente di verificare la corrispondenza dell'oggetto dell'iscrizione con quello dell'appalto e, di conseguenza, la specifica capacità tecnica posseduta dai contraenti.

LA QUALIFICAZIONE DEL CONSORZIO STABILE PASSA DIRETTAMENTE, “PRO QUOTA”, ALLA SINGOLA CONSORZIATA?

Posto che un operatore economico fa parte di un consorzio stabile con il 47% delle quote, può ipotizzarsi che il fatturato dell’operatore economico in questione altro non è se non la "quota parte" del fatturato delle varie commesse affidate al consorzio de quo?

IL RICORSO AL MEPA

“L’art. 36 del nuovo codice, comma 6, terzo periodo, consente di affermare che sia stato abrogato l’obbligo normativo di acquisire servizi e forniture sul MEPA?”

RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ E POSSIBILITÀ PARTECIPATIVA

La giurisprudenza consente alle imprese di partecipare alle gare nella fase del rinnovo della certificazione di qualità, col solo limite di subordinare l’aggiudicazione all’esito positivo della verifica?

IL CCNL

L’applicazione di un determinato contratto collettivo anziché di un altro può determinare, in sé, l’inammissibilità dell’offerta?

ACCORDO QUADRO

Tale peculiare sistema di individuazione e scelta delle imprese fornitrici, incentrato sullo strumento dell’accordo quadro, comporta necessariamente che, quanto meno nella prima fase della procedura di individuazione delle imprese fornitrici, le caratteristiche tecniche dei sistemi, apparecchiature e prodotti richiesti dall’amministrazione non debbano essere fissate e definite rigidamente e/o limitate ad una sola specifica tipologia o metodologia di utilizzo.

L’ISCRIZIONE ALL’ALBO DE GESTORI AMBIENTALI E LA QUESTIONE DELLA SUA FRAZIONABILITÀ

Per la stessa natura della prestazione da eseguire, l’iscrizione all’Albo de gestori ambientali nella pertinente categoria e classe di appartenenza costituisce requisito soggettivo di partecipazione alla gara non suscettibile né di frazionamento né di cumulo, dovendo essere posseduto e dimostrato da ciascun operatore destinato a svolgere il servizio, ancorché componente di un raggruppamento?

LA QUESTIONE DELL’EQUIPOLLENZA DELL’ISCRIZIONE NELL’ALBO NAZIONALE DEI GESTORI AMBIENTALI A UN REQUISITO DI QUALIFICAZIONE TECNICA

“La presunta equiparabilità, ai fini della prova del possesso del requisito speciale richiesto dal bando di gara, dell’iscrizione nell’Albo nazionale dei gestori ambientali a quella in un elenco fornitori di cui all’art. 45 del Codice dei contratti”.

SPECIFICHE TECNICHE ED OMISSIONE NELLA DISCIPLINA DI GARA DELLA CLAUSOLA DI EQUIVALENZA

Il conflitto in giurisprudenza. L’esercizio della discrezionalità tecnica che si risolve in un giudizio di “non equivalenza”.

IL PRINCIPIO DEL CUMULO COMPLESSIVO DEI REQUISITI DEI PROGETTISTI

“Nelle ipotesi di raggruppamenti temporanei di professionisti di cui all’art. 90, comma 1, lett. g), d.lgs. n. 163 del 2006, i requisiti finanziari e tecnici di cui all’art. 263, comma 1, lettere a), b) e d), devono essere posseduti cumulativamente dal raggruppamento …”

“FREE” – IL PASTICCIO DELL’ART. 85 DEL CODICE: SI RITORNA, A DISCAPITO DELLE IMPRESE, ALL’ERA PRE-AUTOCERTIFICATORIA?

La vera ratio legis dell’AVCPASS non era e non è quella di considerarla (“burocraticamente”) come un fine della gara d’appalto. Sotto questo profilo, si applica il principio generale di equipollenza delle “vie di acquisizione del documento finale” rispetto alla dovuta funzione giuridica di acclarare in via definitiva il possesso dei requisiti di qualificazione in capo all’operatore economico.

IL VECCHIO (RELATIVAMENTE) APPALTO INTEGRATO CON IL DEFINITIVO IN SEDE DI OFFERTA

Il «disciplinare di gara, pedissequamente riproduttivo delle vigenti norme regolamentari, prescriveva la presentazione, tra gli altri, della “relazione sulle indagini e i rilievi effettuati e propedeutici alla progettazione” (par. X4, n. 1, lett. c) del disciplinare di gara) e dello “studio di impatto ambientale”». Niente soccorso istruttorio!

IL DISECONOMICO ACQUISTO DI CARBURANTE

Sussiste la possibilità, per una pubblica amministrazione, di operare acquisti di carburante per autotrazione, al di fuori delle convenzioni stipulate dalla Consip o da centrali di committenza regionali, nel caso in cui l’ubicazione del distributore più vicino renda l’operazione diseconomica?

LA MANCANZA DI UNA REFERENZA BANCARIA

Va dato il soccorso istruttorio, dovendosi proprio consentire l’acquisizione “postuma” del documento (confermata la nostra tesi).

LE QUOTE NEL CASO DEL RAGGRUPPAMENTO

“Per i raggruppamenti temporanei di impresa ciò cui occorre invece avere riguardo è se ciascun componente abbia o meno i requisiti necessari per eseguire le parti del contratto che ha dichiarato di assumere”.

I SERVIZI DI PROGETTAZIONE SVOLTI PER IL PRIVATO: UNA VECCHIA STORIA CHE RITORNA FUORI CON LE LINEE GUIDA DELL’ANAC

Può ritenersi che, ai fini della loro valutabilità in termini di requisiti tecnici per la partecipazione a gare pubbliche, i servizi di progettazione resi al committente privato debbano necessariamente riferirsi a progetti in cui il lavoro cui stato anche “realizzato” o comunque “approvato” dalla pubblica amministrazione?

LA REVOCA DELLA GARA D’APPALTO

“L’ampia discrezionalità da riconoscere all’esercizio del potere di revoca appare particolarmente evidente nella presente fattispecie, nella quale viene in considerazione la revoca di una di gara, disposta prima dello spirare del termine di presentazione delle offerte, in un momento in cui la stessa Società ricorrente non aveva ancora presentato la propria domanda di partecipazione”.

RIAFFIDAMENTO E REVISIONE PREZZI (NELLA VECCHIA DISCIPLINA)

“Sussiste una netta incompatibilità tra il conseguimento di un nuovo rapporto contrattuale in assenza di procedura di gara e l'applicazione dell'istituto della revisione del prezzo” (principio consolidato).

UNIVERSITÀ E ACQUISTI TRAMITE CONSIP

Il problema dell’esistenza di un obbligo per le Università di fare ricorso alle convenzioni Consip, derivante …

LA DIFFERENZA FRA SUBAPPALTO E “SUBFORNITURA A CATALOGO DI PRODOTTI INFORMATICI”

Si osserva che «il subappalto è ontologicamente caratterizzato dal coinvolgimento dell’assetto imprenditoriale dell’impresa subappaltatrice nell’attività dell’impresa aggiudicataria dell’appalto, mentre la nozione di “subfornitura a catalogo di prodotti informatici” …

I SERVIZI LEGALI NEL NUOVO CODICE, COSÌ COME IN DIRETTIVA: SUDDIVISI IN DUE DISTINTI SOTTO-GRUPPI

Attenzione! Quelli di cui al D.Lgs. 50/2016, art. 17, comma 1, lett. d), sono «contratti pubblici esclusi». Non sono quelli corrispondenti, come tipologia prestazionale, …

RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO E INDICAZIONE DEI PUNTEGGI ATTRIBUITI DAI SINGOLI COMMISSARI

Sussiste l’obbligo della specifica indicazione dei punteggi attribuiti dai singoli commissari?

RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO: I CRITERI SOGGETTIVI E IL LORO DIFFICILE POTER ESSERE CRITERI DI VALUTAZIONE

Si riafferma che «i principi di massima concorrenzialità e par condicio vigenti in materia di appalti pubblici impediscono in linea di principio alle stazioni appaltanti di introdurre tra i criteri di valutazione delle offerte elementi attinenti alla capacità tecnica dell’impresa, come appunto le certificazioni di qualità aziendale …

LE ESPERIENZE ANALOGHE

“In applicazione del principio del favor partecipationis, devono considerarsi certamente utili anche le precedenti esperienze analoghe a quelle oggetto dell’appalto, ove ad esse collegate alla stregua di un ragionevole criterio di analogia o di inerenza”.

IL SERVIZIO DI PUNTA

Solo la stretta pertinenza del contratto eseguito con tale servizio è suscettibile, anche alla stregua della lex specialis stessa, di garantire alla stazione appaltante la sostenibilità dell’appalto da parte delle ditte concorrenti sotto il profilo tecnico-professionale.

LA QUALIFICA DI SOGGETTO AGGREGATORE

“La qualifica di soggetto aggregatore è riservata, oltre che alla CONSIP e alle centrali di committenza regionali, ai soggetti istituiti dagli enti locali nell’ambito delle unioni di comuni, delle Province o mediante accordo consortile tra i Comuni e, pertanto, da soggetti pubblici che costituiscono forme di aggregazione tra loro al fine di unificare e centralizzare la domanda di forniture”.

LA REVISIONE-PREZZI IN SERVIZI E FORNITURE FRA VECCHIO E NUOVO CODICE

Così prevedeva l’art. 115, comma 1, primo periodo: “Tutti i contratti ad esecuzione periodica o continuativa relativi a servizi o forniture debbono recare una clausola di revisione periodica del prezzo”.

L’ULTIMO COLPO DI CODA …

Per i servizi di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, occorreva aver indicato  i costi interni della sicurezza … Oggi, con il nuovo codice, questa tesi giurisprudenziale sarebbe impossibile.

LA FISSAZIONE DEI REQUISITI

“Le stazioni appaltanti hanno il potere di fissare nella lex specialis requisiti soggettivi specifici di partecipazione attraverso l'esercizio di un’ampia discrezionalità, fatti salvi i limiti imposti dai principi di ragionevolezza e proporzionalità, i quali consentono il sindacato giurisdizionale sull’idoneità ed adeguatezza delle clausole del bando rispetto alla tipologia e all'oggetto dello specifico appalto”. 

IL PATRIMONIO NETTO

“Posto che il patrimonio netto è costituito dal capitale sociale, dalle riserve (utili non distribuiti), dagli utili (da destinare) e dalle perdite (in sospeso) – trattasi indubbiamente di un indice di bilancio atto ad esprimere adeguatamente le reali condizioni economico-finanziarie di un’impresa e, in quanto tale, deve essere necessariamente riferito alla singola azienda”.

LE REFERENZE BANCARIE

“In tema di referenze bancarie, la giurisprudenza ha evidenziato che le stesse assolvono alla funzione di determinare in concreto la capacità economica e finanziaria delle imprese concorrenti, essendo del tutto assodato il non limitato potere discrezionale delle Pubbliche Amministrazioni nel fissare i requisiti di partecipazione a una gara”.

L’ONERE DOCUMENTALE NEL VECCHIO ART. 48 DEL CODICE

Competeva, secondo un certo indirizzo, proprio e soltanto al privato.

LE DICHIARAZIONI BANCARIE DEBBONO ESSERE DUE

«D’altro canto tale requisito non è stato colmato nemmeno a seguito del soccorso istruttorio, tenuto conto che (…) la successiva dichiarazione prodotta (…) è risultata – tra l’altro – del tutto generica e priva del contenuto minimo per ritenere assolta la (…) finalità» sottesa.

“JUS VARIANDI” E GIURISDIZIONE

“La controversia originata dall’esercizio del ius variandi è da intendersi esulante dalla giurisdizione del giudice amministrativo”. Ma il nuovo codice, in relazione alla nuova direttiva, intende garantire il rispetto della concorrenza anche “a valle” …

UN COMUNE CAPOLUOGO PUÒ ANCORA AFFIDARE AUTONOMAMENTE UN SERVIZIO DELL’ALLEGATO IX (SERVIZI SOCIALI ED ALTRI)?

Sì, certo! Pur essendo superata ex lege la vecchia determinazione dell’ANAC, è però necessario e sufficiente  rispettare il D.Lgs. 50/2016, … [segue]

CONTRATTO MISTO COMPRENDENTE LAVORI E SUBAPPALTO QUALIFICATORIO PER LA QUOTA-LAVORI

Del tutto incondivisibile la tesi di T.A.R. che non fosse ammesso il subappalto qualificatorio della quota-lavori. E non solo perché si trattava di una concessione di servizio. Il subappalto qualificatorio è uno strumento alternativo all’obbligo di costruire altrimenti un raggruppamento misto “improprio” (cioè anche per prestazioni di settori diversi).

LA REGOLARITÀ FISCALE

Il possesso temporale del requisito.

IL CAMPIONE

“La funzione della campionatura non è quella di integrare l'offerta tecnica, bensì di comprovare, con la produzione di prodotti dimostrativi detti appunto «campioni», la capacità tecnica dei concorrenti e la loro effettiva idoneità a soddisfare le esigenze, spesso complesse, delle stazioni appaltanti”.

L’ART. 83, COMMA 2, DEL CAD

L’«art. 83, comma 2, CAD deve interpretarsi nel senso di consentire una procedura selettiva bifasica, con interpello successivo all’aggiudicazione, finalizzato all’eventuale assegnazione di ulteriori “parti” del complessivo accordo quadro, essendo ciò implicito … [sentenza 22 aprile 2016]

REVOCA PER MOTIVI FINANZIARI

È legittima la revoca dell’aggiudicazione provvisoria di una gara di appalto motivata con riferimento al risparmio economico che deriverebbe dalla revoca stessa ovvero per carenza di copertura finanziaria e sopravvenuta mancata corrispondenza della procedura alle esigenze dell’interesse pubblico (sentenza 22 aprile 2016)?

I MEZZI PER SVOLGERE IL SERVIZIO

«“Il bando di gara prevedeva all’art. 5, nel riferirsi al possesso dei requisiti di capacità tecnica e professionale, tra l’altro, che “l’aggiudicatario dovrà comprovare il possesso di detti requisiti prima della stipula del contratto pena la decadenza dall’aggiudicazione del servizio”». Quid juris? Vedi principio consolidato (sentenza 20 aprile 2016).

L’INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA “INTERNI” IN SERVIZI E FORNITURE

“Nelle procedure ad evidenza pubblica l'assenza di scorporo nel quantum fin dalla fase di presentazione dell'offerta non può risolversi in causa di esclusione dalla gara” (si ritorna ai principi, finalmente).

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL PRINCIPIO DI NETTA SEPARAZIONE TRA LA FASE DELLA VALUTAZIONE DELL'OFFERTA TECNICA E QUELLA DELL'OFFERTA ECONOMICA

“La rinnovazione della procedura a partire dalla nomina dei commissari di gara, mantenendo però ferme le offerte già presentate e valutate dal precedente seggio, ha determinato l’evidente violazione dei principi di segretezza delle offerte e di par condicio tra le imprese concorrenti, in quanto la nuova commissione di gara si è trovata a giudicare su offerte già note, specialmente nella componente del prezzo”.

FRA PROROGA E GARA

“L’adesione alle convenzioni Consip (applicandosi l’art. 15, comma 13, lettera d), del d.l. 95/2012, anche alle aziende sanitarie) adempie pienamente all’obbligo nazionale e comunitario di individuare il migliore contraente tramite procedure di evidenza pubblica”.

COOPERATIVE SOCIALI: IL CALCOLO DELLA QUOTA DI RISERVA

“Il modo con il quale debba calcolarsi, in riferimento alle cooperative quale quella di cui si discute (operanti nel campo della solidarietà sociale, dell’assistenza e della riabilitazione), il personale assoggettato dalla legge al calcolo per la quota di riserva assegnata all’assunzione obbligatoria dei lavoratori disabili”.

INCREDIBILE ULTERIORE SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SULL’INDICAZIONE DEI COSTI DELLA SICUREZZA: IL CASO DEI COSTI INDICATI COME PARI A ZERO

«L’odierno appellante ha indicato costi pari a zero, sostenendo nelle successive giustificazioni di averli già sostenuti e, quindi, di non doverli imputare anche in relazione all’appalto in questione. Una simile affermazione, però, non è corretta»!!! E va bene. Dire in bando, allora, anche che essi non possono essere pari a zero. Ormai i principi non esistono più, solo da cavarci le gambe.  

L’AVVALIMENTO NEL DIRITTO COMUNITARIO

Le possibilità di porre limiti al ricorso all’avvalimento.

LA PUBBLICITÀ REALE DI SEDUTA PUBBLICA SERVE IN UNA PROCEDURA DI COTTIMO?

La stazione appaltante ha proceduto ad effettuare una registrazione audiovisiva dell’intera seduta, pubblicata sul sito web aziendale il giorno stesso del suo svolgimento. Non può considerarsi equipollente di una seduta pubblica garantita?

L’EQUIVOCO DELL’«INDAGINE DI MERCATO»

Un problema che si ripropone anche con il nuovo codice: se di fatto si avvia un procedimento, seppure informale, poi non ha pregio richiamare la nozione di «indagine esplorativa». E quindi non è ammessa la modificabilità dell’offerta “in itinere”.

L’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

È ormai pacifico che le Associazioni di Volontariato possono partecipare alle gare d’appalto, in veste di imprese sociali, atteso che l'assenza di fini di lucro nell'attività da esse svolta non esclude l'esercizio di un'attività economica e la loro qualificazione come imprese ai fini delle disposizioni dettate dal Trattato C.E. a tutela della concorrenza. 

INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA AZIENDALI IN UN APPALTO DI FORNITURA CON SERVIZI STRUMENTALI

Assolutamente incondivisibile tesi di T.A.R. secondo cui non solo la ben nota disposizione è immediatamente precettiva (e su questo ci arrendiamo), ma addirittura è illegittima un’indicazione positiva pari a zero. Eh no! Non si tratta dell’utile, …

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E APERTURA NON PUBBLICA DELLE OFFERTE TECNICHE

“Il fatto stesso che la procedura di aggiudicazione in questione fosse telematica esclude che, come invece lamentato da parte ricorrente, fosse necessaria una seduta pubblica per l’apertura delle offerte tecniche”.

L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COLLAUDO

La selezione indetta dal Comune risulta del tutto “ibrida” poiché aperta alla partecipazione oltre che dei professionisti indicati nell’art. 91 comma 8, del Codice contratti, ai tecnici dipendenti di enti pubblici, con conseguente violazione della stessa par condicio tra i concorrenti.

REVISIONE PREZZI E DEROGABILITÀ ALL’INDICE “FOI”

Laddove l’impresa dimostri, durante l’istruttoria, l’esistenza di circostanze eccezionali che giustifichino la deroga all’indice FOI, la quantificazione del compenso revisionale potrà effettuarsi con il ricorso a differenti parametri statistici?

SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIOME E BENI “TIPIZZATI E STANDARDIZZATI”

Si osserva che «il riferimento a beni “tipizzati e standardizzati” contenuto nell’art. 68 riguarda solo l’individuazione dei beni che possono essere acquistati …

“TEMPUS REGIT ACTUM”, MA DA QUANDO?

Il momento di indizione di una procedura selettiva va individuato nella data di adozione della delibera che manifesta la volontà di procedere all’iter selettivo bandito? Mah!

INDAGINE DI MERCATO E QUALIFICAZIONE

Si osserva che «la individuazione delle ditte da invitare è stata svolta sulla base di una indagine di mercato. Tale circostanza esclude, dunque, la avvenuta preventiva verifica del possesso dei requisiti di partecipazione in capo ai soggetti invitati da parte della stazione appaltante, osservandosi, altresì, …

UN COMUNE NON CAPOLUOGO PUÒ PROCEDERE IN MODO AUTONOMO CON GARA COMUNITARIA, SOLTANTO USANDO IL SISTEMA TELEMATICO MESSO A DISPOSIZIONE DALLA CENTRALE REGIONALE DI RIFERIMENTO (START, INTERCENTER, ARCA, ETC.)?

Questa la norma da interpretare: «In alternativa, gli stessi Comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento» (D.Lgs. 163/2006, art. 33, comma 3-bis).

I SERVIZI "DI PUNTA"

Si può dedurre che l’importo dei servizi "di punta" richiesto dalla stazione appaltante risulti raggiungibile con la somma di due distinti servizi quale che sia l’importo di ciascuno di essi?

LA CLAUSOLA SOCIALE IN PUGLIA

La portata applicativa della c.d. clausola sociale prevista dall’art. 25, comma 1, della l.r. 25/2007 è stata già chiarita (vedi giurisprudenza consolidata).

LA MANCATA INDICAZIONE NOMINATIVA DELLA FIGURA PROFESSIONALE ABILITATA ALLA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA

L’omessa indicazione del nominativo del professionista incaricato della stesura della relazione geologica costituisce legittima causa di esclusione, oppure deve dar luogo allo svolgimento dei poteri di soccorso istruttorio?

CIRCOLARE MEF E ACQUISTI DEI COMUNI TRAMITE CONVENZIONE-CONSIP

Sì, il Comune non ha obbligo di fare acquisizione tramite convenzione-CONSIP, ma nel rispetto: …

VALE ANCHE PER I CONTRATTI ESCLUSI

I chiarimenti auto-interpretativi della stazione appaltante non possono né modificare il bando, né integrarlo, né rappresentarne un’inammissibile interpretazione autentica.

DICHIARAZIONE BANCARIE MANCANTI E NEGAZIONE DEL SOCCORSO ISTRUTTORIO

Non siamo per nulla d’accordo con la tesi del T.A.R. che si riporta.

L’ISCRIZIONE CAMERALE

Le attività indicate nel certificato camerale debbono essere (almeno) similari e non differenti da quelle specifiche oggetto della gara.

LA “MERA PROROGA” È COME IL RINNOVO NEGOZIATO

Te la dà il giudice amministrativo la tesi che la “mera proroga” sarebbe sempre legittima, in quanto semplice dilazione nel tempo di un non rinegoziato contratto, agli stessi prezzi, patti e condizioni! E da quando decorre il termine per impugnarla?

UN CASO PARTICOLARE ATTINENTE ALLA REGOLARITÀ FISCALE

La peculiarità della controversia risiede nella circostanza che, stante l’avvenuta notifica della cartella di pagamento, la regolarità fiscale dell’impresa parrebbe presentare una soluzione di continuità nel periodo intercorso fra il momento al quale l’attestazione dell’Agenzia delle Entrate fa risalire la pendenza e l’ammissione alla rateizzazione. Quid juris?

SOCCORSO ISTRUTTORIO E VERIFICA EX ART. 48 DEL D.LGS. 163/2006

Il soccorso istruttorio non opererebbe nella fase di verifica di cui all’art. 48 dell’attuale codice dei contratti.

IL RAGGRUPPAMENTO SOVRABBONDANTE

“Non è il sovradimensionamento dell’a.t.i. in sé ad essere illecito, ma l’inserirsi di tale sovradimensionamento in un contesto di elementi di fatto che denotano i fini illeciti perseguiti con uno strumento, quello dell’a.t.i., in sé lecito”.

I SERVIZI C.D. “ DI PUNTA” E IL LORO SVOLGIMENTO (CON IL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO NON APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS”)

Il problema che si pone è se i c.d. servizi di punta debbano essere stati svolti nella loro interezza dal medesimo soggetto oppure se potevano essere stati svolti (naturalmente individualmente e per intero) da più soggetti facenti parte del medesimo raggruppamento.

FATTURATO E TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

Si censura la richiesta di un fatturato globale relativo a servizi nel settore oggetto dell’appalto per gli ultimi tre esercizi pari a 37.878.813,60 nonché alla brevità dei termini per la presentazione dell’offerta, ritenuta non adeguata alla complessità della prestazione. Quid juris?

IL NON CORRETTO RITIRO DELL’AGGIUDICAZIONE

“Se si ritiene che un prodotto avrebbe dovuto ottenere un punteggio superiore ad altri perché garantisce maggiore sicurezza, il vizio di legittimità o solo di opportunità risiede nel bando, laddove non ha previsto parametri valutativi conformi a tali esigenze della Pa”.

ART. 48 DEL CODICE E SOCCORSO ISTRUTTORIO

“Il c.d. soccorso istruttorio riguarda la sola fase della verifica delle dichiarazioni relative al possesso dei requisiti per l’ammissione alla gara, ma non anche la fase del controllo dei requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa il cui possesso sia stato dichiarato nel segmento procedimentale anzidetto”.

SERVIZI ANALOGHI E SERVIZI IDENTICI

Laddove il bando di gara richieda quale requisito il pregresso svolgimento di “servizi analoghi”, tale nozione non può, se non con grave forzatura interpretativa, essere assimilata a quella di “servizi identici.

"FREE" - L’ACCORDO QUADRO, PER SERVIZI, FORNITURE E LAVORI

La giornata riguarda l’approfondimento della tematica specifica dell’accordo quadro, per l’affidamento di servizi, forniture e lavori, anche in relazione alle funzioni di una centrale di committenza. Viene fornito un analitico manuale, con tutte le problematiche sottese. Bell'incontro, oggi a Treviso.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA RICHIESTA DI CHIARIMENTI SULL’OFFERTA TECNICA

Il «Collegio ritiene sufficiente rilevare come, indipendentemente da ogni considerazione circa i limiti entro i quali è consentita un’interlocuzione tra stazione appaltante e concorrenti nella fase di valutazione delle offerte, le delucidazioni nella fattispecie richieste alla futura aggiudicataria …

SERVIZIO DI CUI ALL’ALLEGATO II B E ART. 37, COMMA 8 DEL CODICE

La norma è direttamente applicabile? E, semmai, si applica il nuovo soccorso istruttorio?

AGGIUDICATARIO DI CONVENZIONE-CONSIP

“Il diritto potestativo di rifiutare il singolo ordinativo di importo inferiore ad Euro 300.000, consentito dal bando, si attualizzava al momento in cui dall’amministrazione fosse pervenuto il relativo ordinativo di importo inferiore: a quel momento, l’aggiudicatario poteva esercitarlo, o rinunciarvi.”

I COSTI MEDI DEL LAVORO

Vedi principio più che consolidato.

IL CCNL APPLICABILE

Si riafferma che, «nelle gare pubbliche, l’applicazione di un determinato contratto collettivo non può essere imposta dalla lex specialis alle imprese concorrenti quale requisito di partecipazione, né la sua mancata applicazione può essere a priori sanzionata dalla stazione appaltante con l’esclusione, sicché deve negarsi in radice che l’applicazione di un determinato contratto collettivo anziché di un altro possa determinare, in sé, l’inammissibilità dell’offerta».

ANCHE PER I SERVIZI IL CONSIGLIO DI STATO SI RIMETTE ALLA “PLENARIA” IN ORDINE ALLA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI PER LA SICUREZZA

Proprio là dove il problema non avrebbe dovuto sussistere, dopo il principio di tassatività delle cause di esclusione …

IL FAVOR PER LA REGOLARIZZAZIONE

“Il richiesto elenco delle attività svolte nell'ultimo triennio, con l'indicazione del committente, dell'oggetto e dell'importo contrattuale, lungi dall'essere un elemento costitutivo della dichiarazione concernente il possesso del requisito di capacità tecnica per la partecipazione alla gara, ne rappresenta piuttosto un mero elemento descrittivo”.

ANAC – APPALTI PUBBLICI PRECOMMERCIALI

Comunicato del Presidente in relazione all’ambito oggettivo degli appalti pubblici pre-commerciali e la disciplina di riferimento.

LA REVOCA ILLEGITTIMA

La revoca, prematuramente disposta, risente del vizio istruttorio denunciato dalla società ricorrente, nella misura in cui per poter affermare la non convenienza economica dell’affidamento non può prescindersi dalla conoscenza del costo effettivo dell’affidamento stesso.

REVISIONE PREZZI, FRA PROROGA O NUOVO AFFIDAMENTO

La linea di demarcazione tra l’applicazione, o meno, della clausola revisionale prevista dall’art. 6 della l. n. 537 del 1993 passa attraverso la qualificazione del servizio espletato nel periodo anzidetto quale proroga o nuovo affidamento del servizio stesso.

LA QUALIFICAZIONE PLURIMA NEL CONTRATTO MISTO

«In ragione della pluralità delle prestazioni dedotte nel contratto (…), riconducibile al genus del contratto misto e qualificabile alla stregua del criterio della prevalenza come fornitura, relativamente all’esecuzione delle prestazioni accessorie, in ossequio all’art. 15 d.lgs. 163 del 2006, …

L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E ASSIMILABILI DI IMPORTO INFERIORE A EUR 100.000

Chiamala pure negoziata, ma negoziata (nel senso che inviti chi ti pare) non è. Vale anche con il nuovo codice: «La necessità di un procedimento di gara per l’affidamento degli incarichi di progettazione, di coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, di direzione dei lavori, di coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione e di collaudo …

I SERVIZI ANALOGHI

“Nel caso in cui il bando di gara richieda quale requisito il pregresso svolgimento di prestazioni analoghe, tale nozione non può, se non con grave forzatura interpretativa, essere assimilata a quella di prestazioni identiche, dovendo dunque ritenersi soddisfatta la prescrizione ove il concorrente abbia comunque dimostrato …

CAMPIONATURA E OFFERTA TECNICA

“Ad avviso di parte ricorrente la campionatura, siccome oggetto di attribuzione di punteggio quanto al parametro inerente le “caratteristiche tecniche e funzionali dei prodotti”, costituisce parte essenziale dell’offerta ed in quanto tale occorreva garantire che l’apertura dei relativi plichi avvenisse in seduta pubblica con relativa verbalizzazione.” Quid juris?

ROTAZIONE PER LA CONCORRENZA

L’art. 57, comma 6, del codice degli appalti pone sullo stesso piano i principi di concorrenza e di rotazione.

LA CLAUSOLA DI ADESIONE IN GENERALE

Riguarda, in particolare, le acquisizioni per gli enti del S.S.N.. “Il punto critico rimane la mancata fissazione di un valore complessivo delle prestazioni. Questa lacuna non è però motivo automatico di illegittimità della clausola di adesione. Nello schema dell’accordo quadro, …

“FREE” – LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: I LOTTI DEBBONO ESSERE DI IMPORTO IDONEO PER LE “PMI” (MA LA QUESTIONE È POLITICA)

“Nel caso di suddivisione in lotti, il relativo valore deve essere adeguato in modo da garantire l’effettiva possibilità di partecipazione da parte delle micro, piccole e medie”, recita la bozza del nuovo codice. I legali delle PMI …

AFFIDAMENTO DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E NORMATIVA SULLE COOPERATIVE SOCIALI

Vedi la giurisprudenza del tutto prevalente (fattispecie in materia di servizio di gestione del canile municipale).

AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE AD ACQUISTI DI BENI O SERVIZI IN DEROGA ALLE CONVENZIONI CONSIP/MEPA, AI SENSI DELL’ART. 1, COMMA 510, DELLA LEGGE 28 DICEMBRE 2015, N. 208 (LEGGE DI STABILITÀ 2016)

“Spetta al dirigente apicale, e non alla Giunta comunale, adottare il provvedimento autorizzatorio. Per ricondurre la vicenda nei parametri della regolarità amministrativa, ben potrà, comunque, il dirigente apicale competente ratificare il contenuto della deliberazione della Giunta comunale”. C.v.d..

LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: LA DICHIARAZIONE DELLE PARTI DEL SERVIZIO O DELLA FORNITURA DA ESEGUIRE

“Nel caso di forniture o servizi nell'offerta devono essere specificate le parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o consorziati”: il solito cretino “copia e incolla” dal codice De Lise (che a suo volta lo aveva copiato e incollato dal D.Lgs. 157/1995 e dal D.Lgs. 358/1992). Infatti, …

LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: LA PROGRAMMAZIONE IN SERVIZI E FORNITURE

Nel nuovo codice, per servizi e forniture, la programmazione è obbligatoria …

LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E CRITERI DI VALUTAZIONE INAPPONIBILI

Nel nuovo codice, alcuni criteri di valutazione del rapporto qualità-prezzo sono delegittimati dai principi comunitari della materia.

LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: UN MEPA SENZA OBBLIGO DI CONCORRENZA

Nel nuovo codice, un mercato elettronico chiuso alla concorrenza.

“FREE” – LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: LE PMI

"I criteri di partecipazione alle gare devono essere tali da non escludere le microimprese, le piccole e le medie imprese", così scrive giustamente il nuovo codice.

“FREE” – LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: L’AFFIDAMENTO DIRETTO

Nel nuovo codice l'affidamento diretto di importo inferiore a 40.000 euro dovrà essere "adeguatamente motivato".

L’INSERZIONE AUTOMATICA DI CLAUSOLE NEL BANDO

“Qualora l’amministrazione abbia ritenuto di non inserire nella lex specialis di gara la clausola di equivalenza, evitando di esercitare la facoltà riconosciuta dall’art. 68 comma 3 lett. a) del D. Lgs. 163/2006, resta preclusa al giudice la sua inserzione automatica con il meccanismo dell’etero-integrazione del bando”.

ANOMALIA: LA PROSPETTAZIONE DI UNA COMPENSAZIONE TRA TUTTI I COSTI

“L’indicazione di un prezzo anormalmente basso può trovare giustificazione in specifiche circostanze di fatto, tutte preesistenti alla formulazione dell’offerta da parte del concorrente (ad esempio l’esistenza di scorte di magazzino, la rimanenza da precedenti commesse, la peculiare organizzazione delle risorse umane, etc.), che l’impresa ha l’onere di rappresentare e di comprovare”.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA LOGICITÀ RICHIESTA PER LA FORMULA

Per mantenersi nei limiti di legittimità, la formula coniata per l’attribuzione dei punteggi alle offerte deve rispondere a due regole essenziali: deve dare un risultato che premi l’offerta con il maggior ribasso (o che penalizzi quella con il peggiore) e deve rispettare il criterio della proporzionalità del punteggio attribuito in relazione alla percentuale di ribasso offerto.

I SOGGETTI TENUTI AD APPLICARE LE NORME DELLA PUBBLICA EVIDENZA, INDIVIDUATI DALL’ART. 32 DEL D.LGS. 163/2006

Perché sussista la giurisdizione del G.A. dovrebbe trattarsi (in disparte altri casi) di un organismo di diritto pubblico, o di un’impresa pubblica non volta al mercato, ovvero ancora di un soggetto attivo nei settori speciali, in quest’ultimo caso alle condizioni ulteriori previste.

I CARICHI PENDENTI

“Non può essere assunta come causa della mancata aggiudicazione definitiva l’omessa dichiarazione riguardante una sentenza di condanna penale non ancora passata in giudicato che, come tale, non figura nell’art. 38 del Codice dei contratti tra le condizioni generali ostative alla partecipazione alle gare indette ai sensi della disciplina codicistica”. Chissà se un recente CDS sarà d’accordo?

“FREE” – L’ANAC AGGIORNA L’AVCPASS: IL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NEI SERVIZI

Sta scritto: «in caso di subappalto qualificante ex art. 42, comma 1, lett. i) del Codice, l’OE dovrà acquisire anche il PASSOE (…) relativo all’impresa (…) subappaltatrice». Senza commento!  

SIGNORI, A VOI IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE DI SEMPRE!

Si tratta di una prestazione unica non frazionabile se non quantitativamente, rispetto alla quale il bando richiede tra i requisiti di carattere tecnico professionale anche la disponibilità di un laboratorio di analisi accreditato. Pertanto, non può che presumersi che ognuno dei membri del raggruppamento sia in possesso dei requisiti tecnici, per eseguire sia pure pro quota la prestazione oggetto dell’appalto.

ACQUISTO DI CARTA, IMPOSSIBILE! CHE FARE?

Un Comune capoluogo fa la gara per l’acquisto di carta, ma questa va deserta perché gli insuperabili prezzi fissati dall’ANAC sono troppo bassi. Le alternative sono due, a questo punto. O si rimane senza carta, ma questo sarebbe assurdo. Oppure, …

L'AFFIDAMENTO MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO NEL RISPETTO DEI PRINCIPI DI TRASPARENZA (OVVERO UNA PERFETTA CONTRADDIZIONE IN TERMINI)

“Evitare che l'utilizzo del sistema del cottimo fiduciario possa in concreto determinare abusi in danno di alcuni operatori economici alterandosi il gioco della concorrenza e violandosi conseguentemente il principio di imparzialità e buon andamento dell'azione amministrativa”. Il giudice amministrativo mette i paletti (se mai fosse stato necessario). 

TRATTANDOSI DI PROCEDURA NEGOZIATA E PRIVA DI RIFERIMENTO A SPECIFICO BANDO, IL TERMINE MASSIMO PER RICORRERE È DI SEI MESI DALLA STIPULA DEL CONTRATTO

La verifica della "piena conoscenza" dell'atto lesivo da parte del ricorrente deve essere estremamente cauta e rigorosa e deve risultare incontrovertibilmente da elementi oggettivi, ai quali il giudice deve riferirsi, nell'esercizio del suo potere di verifica della eventuale irricevibilità del ricorso.

“FREE” – NEWS – MILLEPROROGHE E SLITTAMENTO DEL NUOVO CODICE

Fino al 31 luglio l’esclusione automatica per tutto il sottosoglia, ai sensi della conversione in legge del “milleproroghe”. E perché non soltanto fino al 17 aprile 2016?

“FREE” – QUANDO LA CENTRALIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI VA CONTRO IL PRINCIPIO DI CONCORRENZA PER IL MERCATO E, NEL CONTEMPO, CONTRO LA SPENDING REVIEW STESSA

Le acquisizioni di beni e servizi da parte degli enti del S.S.N., per le categorie merceologiche di settore individuate in d.P.C.M.: la questione della proroga.

L’ART.68, COMMA 3, LETT. A), DEL CODICE

“Occorre verificare se il corretto governo del principio di equivalenza, per come codificato all’art.68 d.lgs. cit., imponeva, o meno, l’ammissione alla gara dell’offerta in questione”.

GLI ANNI DEL FATTURATO

Sono quelli per esercizi conclusi.

LA RICHIESTA DI UN REQUISITO AGGRAVATO DI CAPACITÀ TECNICA VA VALUTATO IN CONCRETO, IN RELAZIONE ALL’INTERESSE PUBBLICO DA PERSEGUIRE?

Legittimità la clausola di un bando che ha introdotto un requisito di partecipazione piuttosto stringente (l’aver servito, per ciascuno dei tre anni precedenti, un numero non inferiore a cinquecento enti locali per almeno 40mila utenze attive)?

VOLO PINDARICO SULLA VERIFICA DEI REQUISITI NEL MEPA

L’Amministrazione deve effettuare le necessarie e dovute verifiche della congruità dell’offerta, del possesso dei requisiti dell’aggiudicataria e di quant’altro previsto dal codice dei contratti?

LA “RDO” SUL MEPA, OVVERO UNA QUASI-GARA?

È corretto che l’amministrazione non abbia escluso la società controinteressata per carenze documentali, rinvenendosi la possibilità di verificare comunque la conformità del prodotto alle specifiche tecniche?

“FREE” – IL COTTIMO, I REQUISITI DI QUALIFICAZIONE, L’AFFIDAMENTO DIRETTO

«La procedura non era una trattativa informale, bensì un cottimo fiduciario che – pur non noto avendo l’articolazione delle gare ordinarie – comunque deve rispondere anche nella sua flessibilità ad una serie di criteri predeterminati, tra cui la presenza dei requisiti di qualificazione al momento della presentazione della domanda» (Cons. Stato, V, 22 febbraio 2016, n. 716).

ACQUISTO DI AUTOBUS CON SOVVENZIONE PUBBLICA

Costituisce distorsione della concorrenza l’utilizzo di autobus acquistati con sovvenzioni pubbliche di cui non possa beneficiare la totalità delle imprese nazionali.

IL CODICE "CPV", FRA SERVIZI ANALOGHI E IDENTICI

Il codice CPV può servire a individuare il servizio svolto?

L’AMBIGUITÀ NORMATIVA SUGLI ONERI PER LA SICUREZZA NEI SERVIZI

È ben vero che gli oneri per la sicurezza aziendale – distinti da quelli cc.dd. da interferenze – costituiscono una voce di costo dell’offerta e, come questa, sono pertanto soggetti a ribasso, ma è altresì incontestabile che la stessa formulazione della lex specialis, per la stessa ambiguità «già presente a livello normativo», si prestasse ad una duplice lettura, che non può essere imputata a colpa delle concorrenti.

LE MISURE STRAORDINARIE DI GESTIONE DI CUI ALL’ART. 32 DEL DECRETO LEGGE N. 90/2014

La dicitura “appalto di servizi” di cui al comma 1 dell’art. 32 cit. deve intendersi comprensiva di tutti i sistemi contrattuali di affidamento di pubblici servizi, anche laddove si sia utilizzato lo strumento concessorio. In altri termini, …

L’INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA IN UN APPALTO DI SERVIZI

E bravo il T.A.R. Lazio! Richiama direttamente le “plenarie” per i lavori (fattispecie in materia di «affidamento dei servizi integrati per la manutenzione del verde, pulizia spazi esterni e tutela ambientale»). Ormai, per i servizi, è una battaglia persa …

I TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI DEI SOGGETTI CONCRETAMENTE RESPONSABILI DELLA PRESTAZIONE DEII SERVIZI

Ai sensi dell’art. 42 del Codice dei contratti pubblici, la stazione appaltante ha il potere di fissare requisiti di partecipazione relativi ai titoli di studio e professionali dei soggetti concretamente responsabili della prestazione di servizi, attraverso l’esercizio di un potere discrezionale, entro i limiti della ragionevolezza e della proporzionalità.

IL MANCATO POSSESSO DI UN REQUISITO DI AMMISSIONE NON PREVISTO DALL’ART. 42 DEL CODICE

L’omessa previsione nella lex specialis di un’espressa comminatoria di esclusione per la mancanza un requisito non impedisce l’esclusione dalla gara, in quanto i requisiti individuati dalla stazione appaltante come necessari per l’ammissione alla procedura, costituiscono elementi essenziali in mancanza dei quali è inibita la partecipazione alla gara.

LA COMPROVA DEL FATTURATO SPECIFICO

“Le fatture emesse a saldo non possono certificare somme già erogate in acconto senza la materia allegazione delle relative fatture presupposte. Gli acconti, infatti, nella fattispecie, invece di essere stati comprovati con il deposito in originale od in copia autenticata, sono stati, nella sostanza, soltanto richiamati nelle fatture aventi ad oggetto il relativo saldo”. Nuovo soccorso istruttorio inapplicabile ratione temporis, ovviamente.

OFFERTA E SOCCORSO ISTRUTTORIO

Il “soccorso istruttorio” non può essere utilizzato per supplire a carenze dell'offerta, sicché non può essere consentita al concorrente la possibilità di completare l'offerta successivamente al termine finale stabilito dal bando, salva la rettifica di errori materiali o refusi.

REVISIONE PREZZI E GIURISDIZIONE

“La giurisdizione amministrativa esclusiva, avente per oggetto la revisione dei prezzi, riguarda tecnicamente i meccanismi di rideterminazione del quantum dovuto per le prestazioni rese dalle controparti sulla base del contratto, e non anche la domanda volta a far determinare in sede giurisdizionale se le prestazioni da effettuare vadano modificate in considerazione di sopravvenienze, con i conseguenti conguagli”.

ISCRIZIONE CAMERALE PER ATTIVITÀ «ATTINENTE L’APPALTO»

L’interpretazione del requisito deve avvenire secondo il principio del  favor.

L’AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO AD ALTRA P.A.

La possibile violazione dei principi di concorrenzialità imposti dal diritto europeo, che prescrivono il ricorso alla procedura selettiva anche nel caso in cui il soggetto offerente sia un ente pubblico.

PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO E TERMINE DI PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA

Pur trattandosi di un servizio dell’allegato II B, n. 10 dieci giorni per presentare offerta sono sempre pochi …

FREE – «ATTIVE LE NUOVE MODALITÀ INFORMATICHE DI ACQUISIZIONE DEL CODICE IDENTIFICATIVO GARA – CIG

Pubblicato il Comunicato del Presidente del 10 febbraio 2016 con cui si dispongono le nuove modalità informatiche di acquisizione dei CIG in relazione agli obblighi di ricorso ai Soggetti aggregatori per le stazioni appaltanti, le categorie merceologiche e le soglie di importo di cui al dPCM 24 dicembre 2015».

L’INTERPRETAZIONE PREFERIBILE DELL’ART. 82, COMMA 3-BIS, DEL D.LGS. N. 163 DEL 2006

“Sarebbe quella secondo cui la norma comporta solo l’obbligo per le stazioni appaltanti di accertare la congruità delle offerte sulla base della verifica della compatibilità delle scelte organizzative effettuate dal concorrente con la normativa concernente i minimi salariali contrattuali della manodopera di settore”.

“FREE” – DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 DICEMBRE 2015

«Individuazione delle categorie merceologiche ai sensi dell'articolo 9, comma 3 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, unitamente all'elenco concernente gli oneri informativi». E da ieri 9 febbraio 2016 è cambiato tutto!

APPALTO MISTO

Si deduce la nullità della clausola del bando che richiedeva il requisito di pregressa esperienza, osservando che la stazione appaltante aveva già richiesto ai fini dell’ammissione il possesso della qualificazione SOA. Quid juris?

IL CONCORRENTE PUÒ SCEGLIERE LUI DI ASSOCIARSI IN “VERTICALE” NEL SILENZIO DEL BANDO?

I concorrenti hanno la facoltà di “scomporre”, di propria iniziativa, il ‘contenuto’ dell’appalto (id est: la “prestazione unitaria dedotta in obbligazione”) in sub-prestazioni “principali” ed “accessorie” (o secondarie)?

LE REITERATE PROROGHE DEL SERVIZIO

Un’estrema urgenza del tutto prevedibile …

IL CONSORZIO ORDINARIO E IL RAGGRUPPAMENTO: UNA TESI EQUIVOCA

Si afferma, correttamente, che «i consorzi ordinari ex art. 34 c.1 lett.e del d.lgs 163/2006 assimilabili alle associazioni temporanee di imprese e quindi sottoposti, con riguardo alle consorziate, agli obblighi …

“FREE” – ESCLUSIONE AUTOMATICA, MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA, NON CONCEDIBILITÀ DEL SOCCORSO ISTRUTTORIO

Ormai la logica non c’è più. Se si aderisce all’interpretazione che il primo in graduatoria (quello che più si avvicina alla soglia di esclusione automatica senza toccarla) non può essere destinatario di richiesta di verifica dell’anomalia ai sensi dell’art. 86, comma 3, del codice, a che cosa serve per la stazione appaltante conoscere i costi interni della sicurezza? Qualche sano T.A.R. c’ha provato, ma è dura ...

L’”IN HOUSE” NEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI (SENTENZA DI OGGI 8 FEBBRAIO 2016)

Il modello di gestione in house dei servizi pubblici locali di rilevanza economica è alternativo all’affidamento mediante selezione pubblica, e dunque non costituisce un’eccezione alla regola.

AFFITTO D’AZIENDA E POSSESSO DEI REQUISITI DI QUALIFICAZIONE

Il fatturato maturato negli anni precedenti la cessione d’azienda costituisce titolo professionale di chi ha in precedenza gestito l'azienda, e quindi non viene trasferito al cessionario?

L’INTERPRETAZIONE DI PRINCIPIO ASSOLUTAMENTE CORRETTA, MA PRAGMATICAMENTE ORA DA NON SEGUIRE … (DEDICATA ALLA MIA AMICA VIVIANA)

Il «Collegio condivide l'orientamento di parte della giurisprudenza amministrativa (…), per il quale è illegittima l'esclusione automatica da una gara pubblica, indetta per l'affidamento di un appalto di forniture o di servizi, di una impresa che non abbia indicato, nell'offerta economica, gli oneri per la sicurezza aziendali». Ma, pur essendo assolutamente d’accordo, obtorto collo non possiamo seguire tale corretta tesi, a ragione della nomofilassi del Consiglio di Stato. Cioè: ...

UNA CLAUSOLA RADICALMENTE NULLA

“L’offerta deve essere corredata, a pena di esclusione, dalle giustificazioni di cui all’art. 87, comma 2, del D. Lgs 163/06 relative alle voci di prezzo che concorrono a formare l’importo complessivo del servizio”.

L’INTERDITTIVA ILLEGITTIMA

“L’interdittiva controversa dev’essere giudicata illegittima, siccome adottata in difetto di un’istruttoria idonea ad attestare, con la necessaria capacità probatoria, l’indefettibile presupposto dell’attualità del tentativo di condizionamento mafioso dell’impresa”.

LA VIOLAZIONE DEI PRESUPPOSTI NORMATIVI E LA RESPONSABILITÀ PRECONTRATTUALE

L’annullamento in autotutela dell’aggiudicazione definitiva della gara per l’affidamento del servizio di supporto per la riscossione ordinaria e l'accertamento delle entrate tributarie nonché del servizio di riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: CONTRATTI ESCLUSI (ALLEGATO II B) E TRACCIABILITÀ PREVENTIVA DELL’”ITER” MOTIVAZIONALE

Tesi giurisprudenziale destituita di fondamento quella secondo cui non occorra specificare dettagliatamente i criteri di valutazione e la ponderazione.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL CHIARIMENTO E NON L’IMPLEMENTAZIONE DEL CONTENUTO DELL’OFFERTA TECNICA

La stazione appaltante ha inteso chiarire l’esatta corrispondenza fra i curricula degli operatori già indicati nell’offerta tecnica e l’identità di essi. Nulla quaestio! E non c’è neppure bisogno di scomodare il nuovo soccorso istruttorio.

MEPA: LA QUALIFICAZIONE IN FASE DI AFFIDAMENTO NON CORRISPONDE AFFATTO A QUELLA IN FASE DI ABILITAZIONE

Si tratta di un principio logico, oltre che di un principio generale del diritto comunitario (cfr. Dir. 2014/24/UE) e come tale valevole anche per affidamenti di valore inferiore alla soglia comunitaria.

L’OFFERTA IN LINGUA NON ITALIANA

Così recita il tuttora vigente bando-tipo n. 1 per l’appalto di pulizia:

“FREE” – ANAC – DELIBERA N. 32 DEL 20 GENNAIO 2016 – PRIME NOTE

Si tratta delle «Linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali».

“FREE” – ANAC – DELIBERA N. 32 DEL 20 GENNAIO 2016

«Linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali».

LA BASE D’ASTA

Il codice dei contratti esclude che la base d’asta possa essere fissata in assenza di un qualunque parametro di riferimento. Viziata la base d’asta individuata dal bando, non basata su alcun supporto istruttorio.

L’ACCORDO QUADRO

L’Amministrazione non è impegnata al raggiungimento degli importi presunti.

"FREE" – IL SEMINARIO DI RECANATI ORGANIZZATO DA AON

Si è parlato di gare deserte nel settore degli appalti assicurativi e di come affrontare il problema, di affidamenti dopo la legge di stabilità 2016, dell’offerta economicamente più vantaggiosa, del soccorso istruttorio. Ottima riuscita. Grazie ad AON.

"FREE" - CONSIP, MEPA, COTTIMO DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2016

Primo seminario in materia, organizzato da CONFINDUSTRIA di Macerata. Ottima riuscita. Grazie al Dott. Nicolò e alla Dott.ssa Bianchi.

“FREE” – LA DEROGA ALLE REGOLE DELL’APPALTO PER L’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

Si consolida il principio comunitario secondo cui, pur se un rimborso-spese sarebbe comunque idoneo a generare un contratto a titolo oneroso e quindi un appalto ordinario, tuttavia la finalità sociale e il perseguimento degli obiettivi di solidarietà ed efficienza di bilancio consentono l’affidamento diretto all’associazione di volontariato.

IL PUR INESPRESSO PRINCIPIO DI EQUIVALENZA

Dalla circostanza che la lex specialis della gara non contenga espressamente la clausola di equivalenza, non può logicamente inferirsi che la stazione appaltante abbia inteso escludere la possibilità di ammettere prodotti aventi caratteristiche equivalenti.

LA DISPOSIZIONE DELL’ART. 263, COMMA 2, D.P.R. N. 207 DEL 2010

La «disposizione dell’art. 263, comma 2, d.P.R. n. 207 del 2010 (…) testualmente recita: «I servizi di cui all’articolo 252 (attinenti all’architettura e all’ingegneria; n.d.e.) valutabili sono quelli iniziati, ultimati e approvati nel decennio o nel quinquennio antecedente la data di pubblicazione del bando, ovvero la parte di essi ultimata e approvata nello stesso periodo per il caso di servizi iniziati in epoca precedente.

IL SEMPRE COMPLESSO (E INDEFINITO) AVVALIMENTO DI GARANZIA

“La semplice dichiarazione sul fatturato dell’impresa ausiliaria (prodotta contestualmente al contratto di avvalimento) e la produzione dei bilanci non costituiscono adempimenti sufficienti ad assicurare “la messa a disposizione” del requisito”. Tanto più se è prevista la clausola di recesso.

FORNITURA DI SERVIZI SANITARI CHE RIENTRANO NELL’AMBITO DEGLI OSPEDALI PUBBLICI, ALL’INTERNO DI STRUTTURE PRIVATE

“Le prestazioni sanitarie oggetto degli appalti devono essere fornite da strutture ospedaliere private ubicate esclusivamente in un dato comune”. Quid juris?

REVISIONE-PREZZI E TERMINE IMPUGNATORIO

“In materia di revisione prezzi la fase anteriore al riconoscimento della spettanza del diritto è caratterizzata dalla discrezionalità dell’Amministrazione nel riconoscere la spettanza del trattamento ed il ricorrere dei suoi presupposti; sicché la decisione negativa adottata dall’Amministrazione in proposito va impugnata nel termine …

SERVIZIO MENSA E ISCRIZIONE CAMERALE

L’iscrizione alla C.C.I.A per la gestione di mense aziendali rientra nel novero delle attività inerenti al servizio di ristorazione anche scolastica?

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SGOMBERO DELLA NEVE CON MEZZI MECCANICI

“Il responsabile dell’area tecnica dell’amministrazione comunale, disattendendo la previsione della lex specialis secondo la quale l’affidamento avrebbe avuto durata biennale, disponeva l’affidamento del servizio per un solo anno”. Quid juris?

SERVIZIO DELL’ALLEGATO II B ED ERRONEA DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DURC

Non può trovare accoglimento la doglianza relativa alla falsa dichiarazione da parte del legale rappresentante ...

GESTIONE DEL CANILE E AVVALIMENTO

“Non coglie nel segno la censura inerente al difetto di esperienza specifica nel settore di accudimento dei cani, ed al non corretto utilizzo dell’istituto dell’avvalimento, dal momento che l’esperienza richiesta dalla lex specialis trova diretto riscontro …

COSTO DEL LAVORO

I valori del costo del lavoro risultanti dalle tabelle ministeriali non costituiscono un limite inderogabile, ma un parametro di valutazione della congruità dell'offerta sotto tale profilo, e da tali parametri è consentito uno scostamento ‘non eccessivo’ (principio consolidato).

IL POSSESSO DELLA CERTIFICAZIONE ETICA SA (SOCIAL ACCOUNTABILITY) 8000

Può essere dimostrato tramite avvalimento? La questione è analoga a quella della certificazione di qualità “ordinaria”. Il T.A.R., alla fine, dice di no ma se la cava con l’avvalimento non dimostrato …

“PROROGA”, “RINNOVO” E REVISIONE-PREZZI

Dato e non concesso che la mera proroga non sia una deroga all’evidenza pubblica, la revisione-prezzi si applica soltanto ad essa e non al rinnovo inteso come ripetizione prevista ex ante.

"FREE" - «SOGGETTI AGGREGATORI: AL VIA LA FASE OPERATIVA DEL NUOVO MODELLO DI AGGREGAZIONE DELLA SPESA»

Scarica il documento, ma la “centralizzazione” può significare anche “spartizione” e reale lesione delle aspettative delle PMI. E l’ANAC che dice?

“FREE” – «ACQUISTI TRASPARENTI: LA PA SEMPLIFICA E SPENDE MEGLIO»

«I soggetti aggregatori degli acquisti e la spending review nella Sanità».

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: I CERTIFICATI AMBIENTALI NON POSSONO ESSERE POSTI COME CRITERI DI VALUTAZIONE DELL’OFFERTA

Il giudice amministrativo annulla il bando di gara. E come la mettiamo con il recentissimo “collegato ambiente”?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: L’INTERPRETAZIONE CONCRETA DEL DIVIETO DI COMMISTIONE (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

Si riafferma che «il principio secondo cui è vietata la commistione tra l’offerta tecnica e quella economica, che ha il fine di prevenire il pericolo che gli elementi economici possono influire sulla previa autonoma valutazione dell'offerta tecnica, non può essere inteso in modo assoluto …

REFERENZE BANCARIE GENERICHE E OBBLIGO DEL SOCCORSO ISTRUTTORIO

L’eventuale genericità delle referenze bancarie non avrebbe potuto condurre all’esclusione secca dalla gara. La vogliamo capire o no?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA VERIFICA IN CONCRETO DELL’IDONEITÀ DELL’OFFERTA TECNICA

L’accertata carenza di requisiti tecnici dell’offerta, ritenuti essenziali dalla stazione appaltante, può legittimamente determinare l’esclusione dalla gara dell’impresa che ha presentato l’offerta priva dei necessari requisiti. Ma la verifica deve essere effettuata in termini di “concreta idoneità”.

QUALIFICAZIONE E RAGGRUPPAMENTO

In caso di partecipazione alla gara in forma associata, il requisito di capacità tecnica deve essere posseduto dall’impresa o dalle imprese che svolgono il servizio per il quale l’abilitazione è richiesta.

L’ESECUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO PER VIA D’URGENZA

1) L'Amministrazione ha l'obbligo di pervenire, senza ritardo, alla conclusione del contratto entro il termine di sessanta giorni dall'aggiudicazione? 2) Il profilo della responsabilità precontrattuale. 3) Il pagamento delle somme per l’attività espletata in fase di esecuzione anticipata del contratto.

MEPA E INDETERMINATEZZA DELLA RDO

Si può parlare di indeterminatezza della Rdo, in quanto non sarebbe stato comunicato ai potenziali partecipanti il costo, a loro carico, per interfacciare la piattaforma oggetto della gara con gli altri software applicativi utilizzati dalla stazione appaltante?

IL RICORSO A PERSONALE APPRENDISTA

Considerato che il bando prescriveva il possesso di competenze professionali adeguate in termini di conoscenza specifica dei sistemi ed apparati installati/forniti, ovvero esperienza lavorativa almeno triennale, può affermarsi che esso consentisse il massiccio ricorso a personale apprendista? 

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE ANCHE PER UN CONTRATTO ESCLUSO

La necessità di una composizione della commissione con professionalità coerenti con l’oggetto della gara  è espressione di un principio generale.

IL RICHIESTO FATTURATO PER I SERVIZI OGGETTO DI GARA

L’inapplicabilità, a una procedura retta dal peculiare regime di cui all’art. 20 del codice, dell’art. 41 della stessa fonte.

CERTIFICATO CAMERALE

Il dato dell’effettiva operatività dell’impresa nel settore interessato dalla procedura prevale sulla difforme risultanza dell’erronea certificazione camerale?

"FREE" – L’ACQUISIZIONE DI FORNITURE E SERVIZI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ 2016 – LE DUE DISPENSE DIDATTICHE (BOLOGNA, 3 FEBBRAIO; MILANO, 17 FEBBRAIO; MESTRE, 2 MARZO)

Abbiamo terminato di compilare le due complesse dispense (praticamente due e-book) che chiariscono tutti i casi. Un esercizio non facile, in un dedalo di norme. Però alla fine il quadro giuridico si chiarisce. Saranno messe a disposizione nell’ambito della giornata formativa n. 1 (anche in house, su richiesta).    

L’ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO COME PUBBLICO APPALTATORE

“La nozione comunitaria di imprenditore non presuppone la coesistenza dello scopo di lucro dell’impresa, per cui “l'assenza di fine di lucro non è di per sé ostativa della partecipazione ad appalti pubblici”.

“FREE” – L’INDICAZIONE DEI COSTI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI SERVIZI: I TERMINI DI UNA SCOMMESSA CHE ORA SI DEVE FARE

Gli utenti del portale hanno preso visione della linea interpretativa che è venuta emergendo nei servizi dopo le due “plenarie” nei lavori. È evidente che, rebus sic stantibus, serve una “plenaria” che definisca quale linea interpretativa debba seguirsi per i servizi. Ma, intanto, che scelta si opera in disciplina di gara? Stracciarsi le vesti non ci è mai piaciuto, anche perché non serve a niente. E allora?

I COSTI ESTERNI DELLA SICUREZZA

Almeno su questo punto si fa chiarezza!

CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

Il mancato possesso del certificato definitivo di qualità può essere causa diretta di esclusione dell’impresa?

LA CLAUSOLA DI ADESIONE

Il necessario rispetto dei principi comunitari.

ALL’ORGANO DI INDIRIZZO POLITICO LA SCELTA DELLA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO B), NEANCHE ISCRITTA ALL’ALBO …

“La Giunta del Comune ha provveduto ad individuare specificamente nella cooperativa sociale – omissis – il soggetto cui affidare il servizio di assistenza”. Quid juris? Al di là dell risposta del giudice amministrativo (di cui infra), va sottolineato con un po’ di humour (ma neanche tanto) che almeno nella fattispecie si è data veste formale alla realtà effettuale. Quanti danni ha fatto Bassanini! Ma ora c’è il discepolo che supera il maestro …

MANCATA INDICAZIONE DEI COSTI DELLA SICUREZZA IN UN APPALTO DI SERVIZIO, CON MODULO INFORMATICO CHE NON PREVEDE IL RELATIVO CAMPO

Esclusione secca, anche nei settori speciali! Sempre più da “plenaria”, per i servizi, la fattispecie. 1) Intanto il soccorso istruttorio sarebbe stato dovuto in relazione all’equivocità creata dalla stazione appaltante. 2) E poi, soprattutto, si deve chiarire …

“FREE” – REVISIONE PREZZI E LINEA GIURISPRUDENZIALE “SOSTANZIALISTA”

Quale criterio applicare per quantificare la misura della revisione prezzi relativa al contratto di appalto, e connessa proroga, per la gestione-calore?

LA CLAUSOLA SOCIALE

“La clausola sociale ha una valenza non esclusivamente cronologica, non essendo limitata ad assicurare che il lavoratore sia assunto dalla subentrante per il solo tempo del nuovo appalto, ma topologica”.

LEGGE 28 DICEMBRE 2015, N. 208 – IL CONTENUTO CHE RIGUARDA LE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI

«Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)».

CONSIP

Le regole del sistema di e-procurement della pubblica amministrazione

I C.D. APPALTI “ENDOAZIENDALI”

Quando ricorre la fattispecie dell’interposizione fittizia di manodopera.

FREE” – ENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE E LEGGE DI STABILITÀ 2016

1) Senza d.P.C.M. attuativo la legge di stabilità 2016 è tamquam non esset. 2) Nel contrasto fra d.P.C.M. e fonte con valore di legge prevale, ovviamente, la seconda. 3) Quando il d.P.C.M. sarà fonte vigente, ...

ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI SERVIZI

Si va estendendo ai servizi la tesi delle due “plenarie” per i lavori. Presto una nuova “plenaria”, per i servizi? Probabile, viste le due linee interpretative.

LA GIURISDIZIONE SULL’ESCUSSIONE DELLA CAUZIONE PROVVISORIA

Spetta al giudice amministrativo! E andava proprio riaffermato!

ACQUISTO E SUCCESSIVA INSTALLAZIONE DI PRODOTTI MULTIMEDIALI E MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

Aumenta l’incertezza nei settori di servizi e forniture … e il silenzio dell’ANAC è sempre più assordante. Può mai uscire il bando-tipo n. 3? Comunque, siamo per la tesi …

“FREE” – GIORNATA FORMATIVA IN MATERIA DI SERVIZI FORNITURE: AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA

Programma aggiornato a: legge di stabilità 2016; “collegato ambiente”; decreto “milleproroghe”; primo d.P.C.M. che individua gli appalti acquisibili solo tramite soggetti aggregatori. Vai al link.

PER IL CONSEGUIMENTO DELL’OBIETTIVO DEL RISPARMIO ENERGETICO, QUAL È IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DA ADOTTARSI?

«Non essendovi, negli atti di gara, alcuna specificazione degli interventi e delle modalità esecutive per il conseguimento del previsto obiettivo del risparmio energetico, costituente specifica obbligazione contrattuale presidiata da penale, con riferimento ai quali formulare offerte di prezzi, l’Amministrazione ha illegittimamente fatto ricorso al criterio di aggiudicazione …

CONDUZIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI INCLUSI LAVORI MANUTENTIVI STRAORDINARI

Si tratta di appalto misto. Ma i requisiti per la parte di servizio non possono essere richiesti in misura sproporzionata e inoltre, applicandosi la disciplina sui lavori, le regole sul raggruppamento sono quelle dei lavori stessi.

SERVIZI DI PUNTA PER UNA GARA DI PROGETTAZIONE DI LL.PP.

Un esempio di come non è stato rispettato il principio di non frazionabilità.

"FREE" - MEPA E OBBLIGO DI VERIFICARE L’IDONEITÀ MORALE EX ART. 38 DEL CODICE IN CAPO ALL’AGGIUDICATARIO

«La  singola stazione appaltante (…) è tenuta a svolgere le verifiche in ordine  al possesso dei requisiti di ordine generale esclusivamente nei confronti del  soggetto aggiudicatario della singola RDO. A tal fine potrà avvalersi del  sistema AVCpass». Ovvero la scoperta dell’acqua calda e la necessità di ricordare che, nella fattispecie, non c’è assolutamente nessun obbligo di far ricorso all’AVCpass.

ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI NEI SERVIZI, OVVERO LEGISLATORE (E ANAC) TOTALMENTE ASSENTI. SUGLI ONERI ESTERNI SI CHIARIFICA QUANTO DOVEVA ESSERE PACIFICO.

1) “Sussiste l’onere di specificare nell’offerta i costi della sicurezza aziendali/interni (onere ormai affermato, a pena di esclusione, dalla prevalente (non è proprio così) giurisprudenza, anche con riferimento agli appalti di servizi, ed anche in assenza di una esplicita previsione della lex specialis)” (ovvero la funzione nomofilattica).

MEPA: LA STAZIONE APPALTANTE NON RIESCE AD APRILE IL FILE …

È «emerso che l’offerta della ricorrente è stata correttamente redatta e trasmessa e che la mancata lettura della documentazione presentata a suo corredo risulta imputabile esclusivamente a responsabilità della P.A., che avrebbe facilmente potuto ovviare all’inconveniente registrato disponendo un supplemento istruttorio, anche con l’ausilio di personale all’uopo maggiormente qualificato, in grado di procedere all’utilizzo dei programmi informatici necessari».

GLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA NEI SERVIZI

In assenza di previsione di bando, quest’ultimo non è etero-integrabile a differenza che per i lavori. Una tesi (maggioritaria) che non fa una piega! E allora – secondo noi – un’eventuale sanzione di esclusione dovrebbe considerarsi nulla, in quanto l’indicazione di tali costi può sempre essere data (per il rispetto del principio di proporzionalità) in sede di eventuale verifica dell’anomalia. Il silenzio dell’ANAC sul punto è assordante! E infatti il bando-tipo n. 3 non esce!

IL PRESUPPOSTO DI LEGITTIMAZIONE DEL RICORSO AL COTTIMO C.D. “FIDUCIARIO”

“In mancanza di motivazione circa il ricorrere dei presupposti, la scelta della procedura di cottimo è illegittima”. Tesi che non fa una piega!

L’IPOTESI DEL SERVIZIO DI PULIZIA ASSEGNATO A SOCIETÀ “IN HOUSE” DA UN ENTE DEL S.S.N.

È controversa la legittimità dei provvedimenti con i quali l’ASL, dopo aver bandito una gara per la scelta dell’impresa alla quale affidare l’appalto avente ad oggetto la pulizia e la sanificazione delle proprie strutture, ha deciso di revocare la procedura selettiva e di assegnare il servizio alla propria società in house. Quid juris?

OFFERTA TECNICA E SOCCORSO ISTRUTTORIO

«In sostanza la stazione appaltante ha individuato gli elementi suscettibili di sanatoria con il soccorso istruttorio, escludendo da questi le schede tecniche in quanto, evidentemente, le ha ritenute idonee a determinare il concreto atteggiarsi dell’offerta con il conseguente rischio di modificazione della stessa.

L’ART. 37, COMMA 4, PER SERVIZI E FORNITURE

Una tesi contradditoria o non meglio precisata.

L'ESPRESSIONE “IDONEE REFERENZE BANCARIE”

L’eventuale genericità delle referenze bancarie non avrebbe potuto condurre all’esclusione dalla gara, ma semmai avrebbe dovuto comportare il ricorso al soccorso istruttorio.

LA NATURA ATIPICA DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO

“La prova dell’effettiva disponibilità delle risorse dell’ausiliario da parte dell’ausiliato comporta, però, la necessità che il contratto di avvalimento si sostanzi in relazione alla natura ed alle caratteristiche del singolo requisito, e ciò soprattutto nei settori dei servizi e delle forniture, ove non esiste un sistema di qualificazione a carattere unico ed obbligatorio, come accade per gli appalti di lavori, ed i requisiti richiesti vengono fissati di volta in volta dal bando di

ESCLUSIONE ILLEGITTIMA

In presenza di una previsione della lex specialis non tassativa, non essenziale, il provvedimento espulsivo è stato indebito (fattispecie riguardante la caratteristica di dispositivo medico).

ISCRIZIONE CAMERALE

L’attività “inerente” all'oggetto dell'appalto come deve essere intesa?

“FREE” – SICCOME C’È SOLO MICROSOFT, LEGITTIMO L’AFFIDAMENTO DIRETTO ...

Poiché «il servizio in questione è erogato in forma esclusiva dalla soc. Microsoft srl e non è presente in alcuna convenzione o accordo quadro Consip», ergo è pienamente legittimo l’affidamento diretto ... Valore del contratto: EUR 440.000,00, IVA inclusa (anche se, di principio, il valore degli appalti si indica al netto dell’IVA …).

VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

Può ammettersi che il RUP abbia valutato favorevolmente la notevole capacità economica e di mercato dell’aggiudicataria, come dimostrano l’imponente fatturato specifico dichiarato, l’affidamento di commesse da parte di importanti gruppi imprenditoriali ed enti pubblici e privati nonché l’adesione ad una alleanza europea?

SERVIZI: CAOS IN MATERIA DI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA!

Sulla questione adesso il Consiglio di Stato si spacca: «il Collegio, pur non potendo disconoscere l’esistenza di pronunce diversamente orientate (…), è dell’avviso che la logica della posizione assunta dall’Adunanza Plenaria con la sentenza n. 3/2015 imponga l’applicazione degli stessi principi». Capite ora perché il bando-tipo n. 3 non esce? Ma la colpa è della mancanza di governance.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: L’INTEGRABILITÀ DELLA RELAZIONE TECNICA

“Dal momento che non mancava la relazione tecnica, ove nella stessa fossero state riscontrate eventuali “incompletezze”, si sarebbe potuto consentire di rimediare mediante il ricorso all’istituto del soccorso istruttorio e, perciò, non si sarebbe dovuto procedere affatto all’esclusione del concorrente?”

L’APPLICABILITÀ POSSIBILE DELL’ART. 41, COMMA 3, DEL CODICE

Il bando richiedeva il fatturato globale di impresa riferito agli ultimi tre esercizi finanziari, ma approvati alla data di pubblicazione del presente bando. Se uno non è approvato, ma comunque sostanzialmente comprovato, quid juris?

DISCIPLINA NORMATIVA DELLA REVISIONE-PREZZI E SUA IMPERATIVITÀ

Il carattere imperativo della norma non può, quindi, ricevere deroga in base a successive e diverse convenzioni contrattuali fra l’affidatario del servizio e l’ Amministrazione, cui non possa ricondursi, come nel caso di specie, alcuna volontà concludente di rinunzia al benefizio revisionale.

LA CLAUSOLA SOCIALE

Come si interpreta, secondo principi ormai consolidati?

LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI

La sentenza di condanna, sia pure per reato contravvenzionale e a sola pena pecuniaria, essendo afferente a fattispecie relativa a violazione della normativa in materia di gestione dei rifiuti non poteva non essere considerata sotto il profilo della sua incidenza sulla moralità professionale, sia in astratto, sia in concreto, con riferimento all'oggetto dell'appalto.

L’AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA NON EQUIVALE AD ACCETTAZIONE DELL’OFFERTA

In caso di appalto di fornitura, il bene oggetto dell’aggiudicazione viene acquisito al patrimonio giuridico dell’amministrazione solo a seguito della stipula del contratto.

VIGILANZA ARMATA E CUSTODIA-PORTIERATO IN UN UNICO APPALTO

È illogico l’accorpamento di attività di servizio oggettivamente distinte, tale da impedire alla ricorrente di partecipare alla gara in forma singola?

ATTENZIONE ALL’ATTESTAZIONE DI REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA RILASCIATA DA INARCASSA …

«In conclusione l’attestazione negativa rilasciata dall’Inarcassa è stata resa nonostante la mancanza di definitività dell’accertata violazione contributiva. Ne consegue che il motivo di ricorso è fondato, risultando violato l’art,. 38, comma 1, lett i), del d.lgs. n. 163 del 2006». Perfetto!

IL REQUISITO DELL’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

Quando può dirsi posseduto? Se non posseduto, costituisce legittima causa di esclusione?

AVVALIMENTO INTERNO E DELLE REFERENZE BANCARIE

Ben possibile fare ricorso all’avvalimento anche all’interno di un raggruppamento e con riferimento alle referenze bancarie (principi consolidati).

LA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO, PER GARA DESERTA

“La stazione appaltante può, senza modificare in modo sostanziale le condizioni del contratto, negoziare alcuni aspetti con gli interessati per ottenere offerte più appropriate. In tal senso, i margini di discrezionalità della stazione appaltante sono sensibilmente maggiori rispetto a quelli previsti per le altre procedure selettive".

COSTO DEL LAVORO NON SOGGETTO A RIBASSO E SUA DEROGABILITÀ

Si afferma che «la giurisprudenza, in materia di costo del lavoro, è unanime nel ritenere derogabili i limiti tabellari specificati dall’Autorità ministeriale anche quando sia la stessa disciplina di gara a indicarli come non soggetti a ribasso». Veramente, …

“FREE” – IL RITARDO SUL N. 3. LO GIOCHIAMO AL LOTTO SU ROMA E NAPOLI?

Il tre, già caro al sommo poeta, non esce più da giugno (o forse anche da maggio). Che dite? Vogliamo giocarlo? Stiamo parlando del bando-tipo n. 3 per servizi e forniture.

LA “CLAUSOLA SOCIALE” PREVISTA DA LEGGE REGIONALE

La questione della obbligatorietà dell’inserimento della “clausola sociale” nel bando (e di conseguenza nel contratto d’appalto) va tenuta distinta dal problema dell’individuazione dei singoli lavoratori titolati a giovarsene.

LA GENERICITÀ DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

Vedi il caso (fattispecie in materia di global service stradale).

GLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI SERVIZI, DOPO LA “PLENARIA” PER I LAVORI

Si osserva che, «quando la disciplina di gara non ne preveda l’esplicitazione in sede di offerta, i c.d. “costi specifici” per la sicurezza costituiscono un elemento di valutazione dell’anomalia dell’offerta e non possono far conseguire l’esclusione a carico del concorrente che non li abbia indicati nell’offerta». Quindi, poiché nei servizi non sono “ontologicamente” un elemento essenziale dell’offerta, sarebbe nulla finanche ...

LA REVISIONE DEI PREZZI

Sono nulle le clausole contrattuali che escludono la revisione del canone e si verifica l'eterointegrazione della disciplina di gara ai sensi degli artt. 1339 e 1419 cc., ma questo principio non comporta anche il diritto all’automatico aggiornamento del corrispettivo contrattuale, ma soltanto che l’Amministrazione proceda agli adempimenti istruttori normativamente sanciti.

LA DICHIARAZIONE SULLA LETT. F) DEL COMMA 1 DEL CODICE ORMAI È DIVENTATA ANALOGA A QUELLA RELATIVA AI REATI COMMESSI

“L’art. 38 comma 1 lett. f) del d.lgs. n. 163 del 2006 impone, a pena di esclusione, la dichiarazione di pregresse risoluzioni contrattuali, anche se relative ad appalti affidati da altre stazioni appaltanti e richiede che a detta dichiarazione in ogni caso l’offerente provveda per spettare all’Amministrazione la valutazione caso per caso, della gravità dell’errore professionale, con esclusione di qualsiasi <<filtro>> del concorrente in sede di domanda di partecipazione”

L’ART. 81, COMMA 3, DEL CODICE

La stazione appaltante ha il potere di non procedere all'aggiudicazione anche nel caso in cui l’offerta dell’aggiudicataria provvisoria risulti non conveniente o non idonea in relazione all'oggetto del contratto, dovendosi valorizzare a tali fini il disposto di cui all’art. 81, comma 3 del codice dei contratti pubblici?

LA NOZIONE DI “SPECIFICHE TECNICHE”

Se l’Amministrazione ha ritenuto di non inserire nella lex specialis di gara la clausola di equivalenza, non esercitando la facoltà riconosciutale dall’art.68, comma 3, lett. a), del codice, resta consentita al Giudice la sua inserzione automatica con il meccanismo dell’eterointegrazione del bando?

SEMPRE QUESTI ONERI DELLA SICUREZZA, MA NEI SERVIZI

Si riscontra che, «a fronte della scarsa chiarezza della situazione, la commissione di gara avrebbe dovuto richiedere chiarimenti al concorrente e, in particolare, avrebbe dovuto chiedere conferma che gli oneri indicati nell’offerta fossero gli oneri di sicurezza specifica e una puntuale specificazione e giustificazione dei medesimi.

L’INNOVATIVO TESTO DELL’ART. 21-QUINQUIES COMMA 1 DELLA L. 241/1990, DOPO LE MODIFICHE INTRODOTTE CON IL DECRETO N. 133/2014 C.D. “SBLOCCA ITALIA”

La norma, in senso indubbiamente innovativo, sopprime la revoca per “ius poenitendi” per i provvedimenti di autorizzazione o di “attribuzione di vantaggi economici”, nei quali pare potersi far rientrare gli stessi atti di aggiudicazione definitiva di appalti pubblici, ove il vantaggio va individuato, oltre che nel necessario utile contrattuale, nell'acquisizione di un elemento curriculare positivo da far valere in altre gare, secondo la nota elaborazione del c.d. danno curriculare.

REVISIONE DEI PREZZI E INDICE ISTAT

L’indice in questione costituisce per l’amministrazione «il limite massimo oltre il quale, salvo circostanze eccezionali che devono essere provate dall’impresa, non può spingersi nella determinazione del compenso revisionale».

L’ART. 68 DEL CODICE, COMMA 13

“Opera riferimento la normativa di gara ad una fabbricazione o provenienza determinata dei ricambi, nel caso di specie il listino della – omissis – , come parametro per la formulazione dei ribassi per l’offerta economica, ed in particolare sotto forma di soglia minima di sconto per ciascuna categoria di ricambio contemplata dal medesimo listino, con comminatoria espressa di esclusione”. Quid juris?

L’ART. 68 DEL CODICE, COMMI 2, 4, 7 E 8

Occorre che l’offerta contempli effettivamente prodotti aventi caratteristiche tecniche e funzionali equivalenti, essendo legittima l’esclusione dalla gara solo una volta accertato che tale rispondenza non sussiste.

L’ISCRIZIONE ALL’ALBO NAZIONALE DEI GESTORI AMBIENTALI NON SAREBBE, SECONDO L’ANAC, REQUISITO DI PARTECIPAZIONE MA SOLO DI ESECUZIONE!!!

L’ANAC, citando solo sé stessa, afferma «che per consolidato orientamento espresso da questa Autorità, l’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali costituisce un requisito di esecuzione e non di partecipazione alle gare per l’affidamento degli appalti relativi allo svolgimento delle attività di raccolta e smaltimento rifiuti». Il Consiglio di Stato smentisce nettamente tale tesi.

L’ANAC SUL PRINCIPIO CHE LA MANCATA DICHIARAZIONE DEL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO COSTITUISCA CAUSA DI ESCLUSIONE IMMEDIATA

La tesi è stata giustamente già bocciata in modo unanime dal giudice amministrativo in materia di lavori, in quanto si tratta, oggi, di un’«irregolarità essenziale». Tuttavia essa è giusta, nel caso concreto (afferente a servizi), in quanto il nuovo soccorso istruttorio non era ancora entrato in vigore.

INCAMERAMENTO DELLA CAUZIONE PROVVISORIA PER DIFETTO DI UN REQUISITO EX ART. 38 IN CAPO ALL’AGGIUDICATARIO, NELL’AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI RISTORAZIONE

L’art. 38 del codice si applica. Ma si può in un contratto escluso incamerare la cauzione provvisoria ai sensi dell’art. 48 del codice? Né la disciplina di gara recava alcuna previsione in proposito.

LA REVISIONE DEGLI AUTOMEZZI COME REQUISITO DI PARTECIPAZIONE

Non si può peraltro dubitare del fatto che il possesso della revisione degli automezzi necessari per l’espletamento del servizio costituiva un vero e proprio requisito di capacità tecnica delle partecipanti alla gara, il cui possesso era necessario per la partecipazione alla gara. Non può quindi essere condivisa la tesi dell’appellante secondo cui tale requisito era necessario non per la partecipazione alla gara ma solo per il successivo espletamento del servizio.

L’AMMISSIONE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ALLA GARA IMPLICA, QUALE LOGICO COROLLARIO, LA POSSIBILITÀ DI IMPIEGARE NEL SERVIZIO ANCHE PERSONALE VOLONTARIO

Risulta ormai recepito l’orientamento che ha riconosciuto l’ascrivibilità anche delle associazioni di volontariato, quali soggetti autorizzati dall’ordinamento a prestare servizi e a svolgere, quindi, attività economiche, ancorchè senza scopi di lucro, al novero dei soggetti ai quali possono essere affidati i contratti pubblici.

“FREE” – QUESTA È NUOVA: GLI «ONERI AZIENDALI DI SICUREZZA C.D. INTERFERENZIALI»!

Dato e non concesso affatto che nei servizi gli oneri della sicurezza aziendali vadano indicati come nei lavori (Consigli di Stato a bizzeffe), questo Consiglio di Stato di oggi 17 novembre – e tutti zitti – dà di testa. Parlare di «oneri aziendali di sicurezza c.d. interferenziali» è una contraddizione in termini. O sono interferenziali (non ribassabili) o sono aziendali (facenti parte dell’offerta economica). Tertium non datur! Da non credere!

“FREE” – OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA, RISTORAZIONE SCOLASTICA E IL PRESIDENTE DELL’ANAC

Il Presidente dell’ANAC va a un convegno della Coldiretti e alza la voce contro le gare al massimo ribasso nella ristorazione scolastica (“Italia Oggi” di questa mattina 17 novembre). Delle due l’una.

NEI SERVIZI (MA NESSUNO LO VUOL CAPIRE) PER GLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA È TUTT’ALTRO CHE PER I LAVORI

Addirittura, ma è corretto, si afferma che «non può assumere rilievo neanche la circostanza (…) che l’indicazione e la giustificazione dei costi della sicurezza aziendali non siano state effettuate nemmeno in sede di verifica dell’anomalia», visto che si applica il principio della valutazione dell’anomalia nel suo complesso!

LA PROCEDURA NEGOZIATA EX ART. 57, COMMA 2, LETT. B)

Chissà perché? Ma, statisticamente parlando, il giudice amministrativo non riconosce mai la sussistenza di “ragioni di natura tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi”, per cui “il contratto possa essere affidato unicamente ad un operatore economico determinato” …

RAGGRUPPABILITÀ IN VERTICALE

Può essere desunta dal concorrente o deve essere prevista dalla disciplina di gara?

LA QUESTIONE DELLE «MORE DELLO SVOLGIMENTO DELLE ORDINARIE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE» PER UN VALORE DI AFFIDAMENTO SOPRA SOGLIA

“La stazione appaltante, dopo aver preso contatti con il gestore uscente per ottenere una proposta per la proroga dei servizi sino al 31 dicembre 2015 (proposta prontamente formulata dalla ricorrente) ha comunicato, il 26 febbraio 2015, alla stessa la scelta di affidare temporaneamente, fino al 31 dicembre 2015, i servizi in questione ad un nuovo gestore, la cui offerta è risulta più conveniente a seguito di una “indagine di mercato”. Parte ricorrente …

LA GIURISPRUDENZA “OLTRANZISTA” IN MATERIA DI DISAPPLICAZIONE MATERIALE DEL BANDO DI GARA CHE PREVEDE IL COSTO DEL PERSONALE COME NON ASSOGGETTABILE A RIBASSO

"La previsione del bando di gara che preveda come non assoggettabile a ribasso il “costo del personale” non preclude in alcun modo all’operatore economico interessato una formulazione della propria offerta economica che indichi un importo inferiore anche per tale voce di costo".

LA FONDAZIONE PER L’EROGAZIONE DI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

“La fondazione per l’erogazione di servizi pubblici come quello socio-assistenziale non può essere considerata un’impresa pubblica ai sensi del comma 28 dell’art. 3 del codice dei contratti, per carenza del presupposto dello scopo di lucro, ma ben può essere qualificata, invece, come organismo di diritto pubblico, nel senso indicato dalla giurisprudenza comunitaria”.

“FREE” – SPECIFICHE TECNICHE E ONERE DELLA PROVA DELL’EQUIVALENZA: E IL SOCCORSO ISTRUTTORIO?

In sede di ordinanza, il T.A.R. Brescia afferma che, «in caso di mancanza della citata prova in sede di offerta, ne deriva l’automaticità dell’esclusione». Ma questo era vero con il solo principio di tassatività delle cause di esclusione. Oggi, ...

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E CONTRATTI ESCLUSI

Per l’affidamento di una concessione di servizi, è legittimo che il bando di gara preveda che tanto l’offerta tecnica, quanto quella economica, debbano essere contenute in un’unica busta? E la commissione di gara può omettere sia di dare lettura, in seduta pubblica, del punteggio attribuito alle offerte tecniche, sia di procedere, sempre in seduta pubblica, all’apertura delle offerte economiche e alla relativa valutazione? Si applica, infine, lo stand still?

IL TERMINE PER L’IMPUGNAZIONE IN RELAZIONE AL TERMINE PER L’ACCESSO

1. Il termine per l’impugnazione può subire un incremento sino a dieci giorni, in dipendenza dell’accesso agli atti di gara. 2) Il termine per impugnare, in quanto “modulare”, non decorre sempre e comunque dalla scadenza del decimo giorno, ma dall’effettivo esercizio dell’accesso (che ben può avvenire prima). 3) Il termine per l’accesso non è soggetto alla sospensione feriale, in quanto dettato in materia (ancora) procedimentale e non processuale.

AVVALIMENTO E OFFERTA

Una volta che l’avvalimento è correttamente comprovato, quanto l’ausiliaria mette a disposizione del concorrente entra a far parte organica della complessiva offerta presentata dal concorrente stesso.

AVVALIMENTO E LEASING

Il requisito di cui al codice dei contratti, art. 42, comma 4-bis, è suscettibile di avvalimento?

GLI ONERI DELLA SICUREZZA ESTERNI E INTERNI NEL SETTORE DEI SERVIZI

“Non vi è alcuna norma che imponga ai concorrenti (tantomeno, a pena di esclusione) di riprodurre nella loro offerta la quantificazione degli oneri di sicurezza c.d. esterni già effettuata dall’Amministrazione, un precetto simile non comparendo nella disciplina positiva”.

“FREE” – GIORNATA SEMINARIALE DI ROMA, 5 NOVEMBRE 2015

Bella giornata ieri all’Auditorium dell’INAIL a Roma. Persone simpatiche e preparate. Quando è così, il relatore fatica meno nel farsi capire. Si è parlato di appalti nel settore assicurativo, di servizi e forniture e di soccorso istruttorio. Ringrazio AON per aver organizzato la giornata.

L’AVVALIMENTO “A CASCATA”

L’istituto dell’avvalimento, pur rispondendo all'esigenza di ampliare la partecipazione alle gare anche ai concorrenti che siano privi dei requisiti richiesti dal bando, non consente di estendere all’infinito la catena dei possibili sub-ausiliari (avvalimento c.d. “a cascata”).

L’AVVALIMENTO DI GARANZIA: IL “FUMUS” È PERSISTENTE

Si afferma che «non occorre che la dichiarazione negoziale costitutiva dell’impegno contrattuale si riferisca a specifici beni patrimoniali (o ad indici materiali atti ad esprimere una determinata consistenza patrimoniale) e dunque alla messa a disposizione di beni da descrivere ed individuare con precisione». Ma poi, così, si finisce col rimanere in una generica fumosità, essendo il principio – piuttosto – quello di aversi una comprova più specifica. E vabbè!

DELL’IDENTITÀ DI PRESTAZIONI, LA PROVA DEVE ESSERE OFFERTA DALL’OFFERENTE

«Il prodotto “equivalente”, deve in altre parole, offrire all’utente prestazioni identiche a quella richiesta nelle specifiche tecniche di capitolato: non è altrimenti prospettabile né sul piano giuridico né su quello logico ragione alcuna per cui la stazione appaltante dovrebbe acconciarsi all’acquisto di un prodotto similare a quello richiesto».

DINIEGO DI ACCESSO

È legittimo il diniego alla richiesta di «accedere ai verbali di verifica dell’idoneità del magazzino, ai contratti di subappalto stipulati dall’aggiudicataria, nonché di conoscere i dati relativi al personale impiegato da quest’ultima presso il magazzino destinato alla custodia degli ausili terapeutici»?

LE PROROGHE DELL’AFFIDAMENTO IN ESSERE IN SOSTANZA, PER BEN 4 ANNI, HANNO COMPORTATO UNA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA SULLE GARE …

“Va rilevato come il Comune, a seguito della sentenza del Consiglio di Stato, abbia proceduto a un riesame in contraddittorio dell’offerta proposta, analizzando i singoli aspetti ma effettuando una valutazione solo apparentemente complessiva ma in realtà inidonea a conformarsi alla statuizione del Consiglio di Stato” ...

LAVORI IN ECONOMIA IN AMMINISTRAZIONE DIRETTA, ACQUISIZIONE DEI MATERIALI, MEPA

Le acquisizioni di forniture strumentali per l’esecuzione di lavori in amministrazione diretta scontano l’obbligo di far ricorso al MEPA o alla centrale telematica regionale?

“FREE” – IL MEPA NEL SEGNO DELLA LESIONE DEL PRINCIPIO DI “NON DISCRIMINAZIONE” IN ORDINE ALLA SCELTA DEI SOGGETTO DA INVITARE A UNA “RDO” E LA MANCANZA DI ATTENZIONE DELL’ANAC

Quest’estate ci si è messo anche il Consiglio di Stato a legittimare la selezione fiduciaria delle imprese locali, per un valore contrattuale di poco inferiore alla soglia comunitaria.

QUALE CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ, CHE POSSA CONSIDERARSI IDONEA PER IL SERVIZIO DI CUI SI TRATTA?

La società di ingegneria possiede la certificazione di qualità coerente con i servizi oggetto di affidamento?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E FORNITURA DI EMOSTATICI, COLLANTI E SIGILLANTI

Le particolarità di un appalto sanitario, esaminate dal Consiglio di Stato.

ORGANIGRAMMA DEL PERSONALE E VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

“Con riguardo all’organigramma del personale, si sostiene che in sede di giustificazione della congruità dell’offerta sarebbero state introdotte modifiche tali da costituire una sua nuova e diversa modulazione”.

SERVIZI ASSICURATIVI E OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL CENTRO LIQUIDAZIONE SINISTRI “IN LOCO”

Legittima la preferenza accordata ad un centro di liquidazione sinistri nel territorio interessato, con gestione cartacea e non solo condotta con modalità telematica per le denunce?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA SCELTA DI TALE CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE PER I SERVIZI ASSICURATIVI

“Ragionevole tener conto della varietà e complessità delle clausole dei contratti assicurativi, la cui maggiore o minore convenienza non può prescindere dall’ampiezza e dalla serietà della copertura e dei servizi connessi”.

“FREE” - CAGLIARI, 23 OTTOBRE 2015

Bel seminario “in house” di CONTRATTI PUBBLICI ITALIA, presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari.

BELLE PAROLE SULL’AVVALIMENTO DI GARANZIA

Lo sappiamo che è ammesso, tante grazie! Ma mai una volta che il giudice amministrativo dia un esempio di un suo possibile ubi consistam. A Milano un esempio ve lo diamo noi e poi ci direte se vi convince o meno.

L’AVVALIMENTO INTERNO

Nel silenzio della disciplina di gara è ammesso?

L’ART. 37, COMMA 4, DEL CODICE PER L’IPOTESI DI RAGGRUPPAMENTO E UNA SENTENZA CONTRADDITTORIA

“L’art. 37, comma 4°, del D. Lgs. 12.4.2006 n.163 stabilisce che “nel caso di forniture o servizi nell'offerta devono essere specificate le parti del servizio o della fornitura che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o consorziati”, …

IL COTTIMO FIDUCIARIO E IL PRINCIPIO DELLA ROTAZIONE

È sostenibile che l’aggiudicataria, che già gestisce da diversi anni il servizio, dovesse essere estromessa dalla gara in ossequio al criterio di “rotazione”?

COTTIMO FIDUCIARIO DI SERVIZIO E INDICAZIONE DEGLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA

Non è pertinente il richiamo alla sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 3 del 20.3.2015, che concerne specificamente le gare per l’affidamento di lavori sopra soglia comunitaria.

L’INTERPRETAZIONE CORRETTA DELL’ART. 86, COMMA 3, DEL CODICE

Si riscontra che “l’offerta dell’aggiudicataria, pur non superando la soglia di anomalia, presentava elementi di alterazione tali da richiedere, secondo ragionevolezza, la verifica di congruità”.