Stampa

Lavori

Lavori

GARA DI PROGETTAZIONE, SERVIZI SVOLTI, RAGGRUPPAMENTO

In una gara di progettazione è ammesso un raggruppamento in cui uno solo possiede il requisito di aver svolto servizi analoghi? Assolutamente no! Un minimo …

“SIOS” SUPERIORE AL 10% DI UN TOTALE D’APPALTO PARI O SUPERIORE A EUR 150.000

Premesso che non è ammesso l’avvalimento e che la qualificazione deve essere posseduta come minimo per il 70%, è utilizzabile il subappalto per integrare la quota restante? Assolutamente sì! Parlare di avvalimento indiretto …

PROGETTAZIONI “PRIVATE”

Nel «caso di progettazioni per conto di privati che però non restano in ambito privato in quanto funzionali all’ammissione a una gara pubblica, il requisito della prova dell’avvenuta progettazione deve essere rinvenuto nell’ammissione alla gara del committente privato» stesso? No!

CATEGORIA SCORPORABILE A QUALIFICAZIONE OBBLIGATORIA, NON “SIOS” (SENTENZA 17 SETTEMBRE 2018)

Occorre attestazione-SOA o è sufficiente l’art. 90 del d.P.R. 207/2010?

“FREE” – IL REQUISITO DEI SERVIZI “DI PUNTA” PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE

Viene considerato «che sulla questione della non frazionabilità dei c.d. servizi di punta questa Autorità ha avuto modo di pronunciarsi nel parere n. 107 del 21 maggio 2014, nel quale è stato precisato che ...

BANDO-TIPO N. 3 E REQUISITO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA

«Il requisito relativo alla copertura assicurativa contro i rischi professionali (…) deve essere soddisfatto dal raggruppamento nel complesso» (paragrafo n. 7.4). Ma la giurisprudenza ha bocciato questa tesi già prima dell’emanazione del bando-tipo. Cfr. infatti, già riportata nel nostro portale, …

CONSORZIO STABILE CHE INDICA, IN TERNA DI SUBAPPALTATORI, PROPRIE CONSORZIATE

Quid juris? Entra dentro e guarda le due ipotesi possibili.

CATEGORIA PREVALENTE IN “OG 2” E CONSORZIO STABILE “DESIGNANTE”

Qualora il consorzio stabile proceda a designazione di una consorziata, quest’ultima deve possedere l’attestazione-SOA in OG 2? Si tratta di questione discussa, ma guarda perché deve prevalere la tesi negativa in relazione ai principi generali in tema di consorzi.

DURC DELLA CASSA EDILE

Si osserva che «anche le Casse edili sono tenute ad attestare la regolarità contributiva dell’impresa, a condizione, però, …

LA COOPTAZIONE

«L’istituto della cooptazione previsto dall’art. 92, comma 5, d.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 è stato oggetto di ampia elaborazione da parte della giurisprudenza amministrativa:

LA SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DELL’IMPRESA COOPTATA DI TUTTI GLI ATTI DELLA PROCEDURA

Non rilevante, a fronte di una chiara manifestazione di volontà di ricorrere alla cooptazione, espressa dall’impresa cooptata?

SOCIETÀ DI INGEGNERIA E PROFESSIONALI

«Con riferimento alla censura secondo cui – omissis – dovrebbe essere escluso perché non sarebbe presente nel casellario ANAC delle società di ingegneria e professionali, come previsto dall’art.6, D.M. n. 263 del 2.12.2016, si rileva che, …

LINEE GUIDA N. 1: “INDIRIZZI GENERALI SULL’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA”

Si osserva che «le linee guida in questione hanno carattere non vincolante e quindi hanno funzione di mero indirizzo, analogamente alle circolari nell’ambito del potere di direzione; ed è quindi possibile per le stazioni appaltanti discostarsene, specie in casi in cui …

SERVIZI SVOLTI DI PROGETTAZIONE

Che ne è con il nuovo codice della mancata esecuzione dei lavori progettati per privati e della mancata approvazione di quelli progettati per l’Amministrazione pubblica?

VARIANTI E MERE VARIAZIONI

Nell’attività di valutazione e qualificazione delle proposte progettuali ai fini della loro riconduzione nell’ambito delle varianti o delle mere migliorie, vi è un ampio margine di discrezionalità tecnica della commissione giudicatrice?

RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

Il necessario rispetto del d.P.R. 207/2010, art. 76, comma 5.

SUBAPPALTO NECESSARIO

Esiste ancora il subappalto necessario? Certamente sì!

MANDANTE CON MENO DEL 10% DI QUALIFICAZIONE

Nessun problema per il T.A.R. del Lazio: basta che il raggruppamento sia comunque qualificato! Interpretazione grossolana e basta.

REGOLAZIONE DEL CORRISPETTIVO “A CORPO”

In un appalto a corpo, in cui è offerto un prezzo complessivo, l’elenco dei prezzi analitico è irrilevante, in quanto ai fini della determinazione del prezzo offerto deve prendersi in considerazione l’intera opera considerata globalmente?

IL PROFILO FORMALE DEL MODULO-LISTA, PER L’OFFERTA A PREZZI UNITARI

Un operatore economico contesta irregolarità formali della “lista delle categorie” allegata alla domanda di partecipazione presentata dall’aggiudicatario, consistenti nella mancanza della marca da bollo, del timbro in umido della Stazione Appaltante, della vidimazione su ogni pagina e della sottoscrizione del RUP. Quid juris?

“FREE” – L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA: LE LINEE GUIDA DELL’ANAC – LA DISCIPLINA DELLA FORMALE GARA D’APPALTO, CON L’ANALISI SPECIFICA DELLE IPOTESI DI MOTIVATA DEROGA AL BANDO-TIPO N. 3

Milano, 14 novembre 2018 (mercoledì). Con sconto per iscrizione effettuata tre settimane prima. Anche direttamente presso l’Ente (in house), su libera richiesta di preventivo di spesa.

“FREE” – BANDO-TIPO N. 3: I MOTIVI DI ESCLUSIONE DI CUI ALL’ART. 80 DEL CODICE RIGUARDANO ANCHE GLI ESECUTORI DEL SERVIZIO, CHE NON SIANO CONCORRENTI-OFFERENTI?

1. Non parliamo di un appalto integrato o di una concessione. Parliamo di una gara di progettazione o di servizio assimilabile e dell’interpretazione che debba darsi all’art. 24, comma 5, del codice.

L’AFFIDAMENTO DELLA DIREZIONE DELL’ESECUZIONE PER UN APPALTO DI FORNITURA O DI SERVIZIO DIVERSO DA QUELLI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA

Si devono applicare le linee-guida dell’ANAC n. 1 («Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria»)? Sì, anzi no. Il “dietro front” di soppiatto dell’ANAC.

“FREE” – ESTRATTO DAL BANDO-TIPO N. 3, CON COMMENTO INFRA TESTO

Il problema giuridico dei due criteri di valutazione dell’offerta tecnica: da mantenere distinti o da unificare?

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI: DECRETO 2 DICEMBRE 2016, N. 263

La mancata comunicazione delle informazioni ai sensi dell’articolo 6 del d.m. n. 263/2016, ovvero il mancato aggiornamento delle informazioni inserite nel casellario, costituiscono causa di esclusione dalle procedure di gara?

IL BANDO-TIPO N. 3: INCREDIBILE MA VERO!

«Il requisito dei due servizi di punta (…) deve essere posseduto dal raggruppamento temporaneo orizzontale nel complesso, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito in misura maggioritaria»!!!  Vedremo se (a catalogo) allargare il programma dedicato ai bandi-tipo nn. 1 e 2, o se dedicare una giornata solo all'affidamento dei servizi di progettazione ed assimilabili (per intanto siamo disponibili a tenere la giornata "in house").

RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE, ERRATA INDICAZIONE DELLE QUOTE DI ESECUZIONE, SOCCORSO ISTRUTTORIO

Riconfermata appieno l’interpretazione che fin da subito avevamo sostenuto. Se il raggruppamento è complessivamente qualificato, nulla quaestio per la rimodulazione della quota della mandante.

LAVORI IN ESCLUSIVA ALLE COOPERATIVE FORESTALI

La partecipazione è riservata alle cooperative forestali definite dall’art. 2 comma 134 della legge 24 dicembre 2007 n. 244 e dall’art. 8 del Dlgs. 18 maggio 2001 n. 227 (v. ora l’art. 10 comma 6 del Dlgs. 3 aprile 2018 n. 34), purché in possesso della qualificazione in OG13 (Opere di ingegneria naturalistica). Sono escluse tutte le altre imprese, anche se in possesso della predetta qualificazione SOA. Ma è legittimo?

AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE

PROVVEDIMENTO 31 luglio 2018 (bando-tipo n. 3 in G.U.)

“FREE” – LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (14)

«Visto che l’art. 216, comma 11 del Codice ed il decreto MIT del 2 dicembre 2016 (GU 25.1.2017 n. 20), prevedono il rimborso solo delle “spese di pubblicazione” e non anche il costo del servizio della concessionaria, si è ritenuto di chiarire ulteriormente - anche rispetto ai bandi tipo nn. 1 e 2 - che sono escluse dal rimborso, le spese sostenute dalle stazioni appaltanti per il servizio di intermediazione del concessionario di pubblicità».

“FREE” – LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (13)

«Il Disciplinare regola gli adempimenti necessari ai fini dell’aggiudicazione dell’appalto e della successiva stipula del contratto e fa espresso rinvio alle disposizioni (art. 85 e art. 86) che prescrivono, al potenziale aggiudicatario, di presentare la documentazione a comprova dell’assenza delle cause di esclusione e del rispetto dei criteri di selezione (rispettivamente: requisiti generali e speciali)».

L’AFFIDAMENTO DEL COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA

Sussiste l’obbligo di affidare l’attività di coordinamento della sicurezza congiuntamente alla progettazione dell’opera?

L’ART. 24, COMMA 8, DEL CODICE, SUI CORRISPETTIVI PER I SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA

«Certamente il tenore del citato art. 24 non sancisce alcun obbligo delle amministrazioni di trasporre negli avvisi di gara i corrispettivi indicati nel decreto ministeriale e tanto consente di ritenere non rilevante la questione di legittimità costituzionale della norma (…) sul presupposto che un tale obbligo possa esservi individuato»! Ergo? Entra dentro ed esamina con attenzione la delicatissima questione.

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (12)

«La riparametrazione, come le formule di attribuzione di punteggi basati su medie, ivi compreso lo stesso confronto a coppie, pone il problema dell’eventuale ricalcolo del punteggio nel caso di esclusione di un concorrente (per carenza dei requisiti, per anomalia o per inammissibilità/irregolarità dell’offerta) in una fase in cui la graduatoria di merito è già stata redatta.

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (11)

Il top del top, in materia di rapporto fra riparametrazione e soglia di sbarramento.

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (10)

Si «ricorda l’opportunità di procedere alla c.d. “riparametrazione”».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (9)

«In quest’ultimo caso» – utilizzo del confronto a coppie – «la giurisprudenza ha considerato meno stringente l’onere motivazionale (di fatto già assolto mediante l’utilizzo stesso del metodo) della valutazione operata dalla commissione giudicatrice». 

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (8)

«Per la caratteristica intrinseca delle prestazioni, l’offerta tempo pare applicabile ai soli affidamenti di servizi di progettazione e non alle altre tipologie di servizi, trattandosi di attività che risentono del carattere di accessorietà con l’esecuzione dell’opera».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (7)

Sussiste «il potere della stazione appaltante – in sede di valutazione di anomalia dell’offerta – di verificare l’adeguatezza dell’offerta in relazione ai minimi salariali retributivi indicati nelle apposite tabelle di cui all’art. 23, comma 16 (cfr. art. 97, comma 5, lett. d) del Codice)».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (5)

Si «è ritenuto di inserire il possesso delle valutazioni di conformità (relative ad esempio al sistema di gestione della qualità o al sistema di gestione della salute e sicurezza dei lavoratori, oppure alle misure di gestione ambientale) tra i criteri premianti per la valutazione dell’offerta».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (4)

Quanto a «i due servizi» di punta, essi «ben possono essere svolti da due soggetti diversi i quali devono possedere, ciascuno, l’intero importo del singolo servizio».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (3)

«In alternativa, la mandataria del raggruppamento deve possedere una polizza per l’intero massimale richiesto, la cui copertura deve estendersi anche a tutti i componenti del raggruppamento».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (2)

«Quanto ai requisiti di capacità economico finanziaria, si ricorda l’obbligo di motivazione nel caso in cui la stazione appaltante richieda un requisito di fatturato ((…) medio)».

“FREE” – ANAC: LEGGENDO LA NOTA ILLUSTRATIVA AL BANDO-TIPO N. 3 (1)

«Nel descritto calcolo» – «In generale, per la stima dell’importo dell’appalto ai fini della determinazione del superamento delle soglie, le stazioni appaltanti devono tener conto anche di tutte le opzioni di cui al punto 4.2 che potrebbero aumentare il valore dell’appalto medesimo, in futuro» – «per la determinazione della soglia, devono essere inclusi anche gli oneri previdenziali e assistenziali, esclusi invece dall’importo a base di gara».

IL RINNOVO TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA

La corretta interpretazione – letterale e logica – dell’art. 77 del d.P.R. 207/2010.

IL PIANO SOSTITUTIVO DI SICUREZZA

Intanto l’ANAC ha correttamente già osservato quanto segue:

BANDO-TIPO N. 3

Disciplinare di gara per l’affidamento con procedura aperta di servizi di architettura e ingegneria di importo pari o superiore a € 100.000 con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo.

L'ANTICIPO DI CUI ALL’ART. 35, COMMA 18, DEL CODICE

In un contratto affidato con procedura negoziata, ai sensi dell’art. 36 del codice, può essere denegato? Il problema sussiste, eccome. Guarda perché si tratta di un pasticcio, che non dà nessuna garanzia alla malcapitata impresa.

AVVALIMENTO PARZIALE DI ATTESTAZIONE-SOA

È richiesta attestazione-SOA in categoria OS 6, per classifica II. Un’impresa ha la classifica I in OS 6 e quindi fa ricorso all’avvalimento per la medesima categoria. L’ipotesi è perfettamente ammessa, ma qual è l’errore di presunzione in cui cade l’ausiliata?

LA RIPARTIZIONE DELLE QUOTE IN UN RAGGRUPPAMENTO

La tesi che abbiamo da sempre sostenuto nelle giornate di formazione. Se il raggruppamento è complessivamente qualificato, il principio sostanzialistico esige che si consenta – con il soccorso istruttorio – il riallineamento corretto delle quote stesse. Eh sì!

LAVORAZIONI IMPIANTISTICHE E INIDONEITÀ DELL’ATTESTAZIONE-SOA A GARANTIRE L’ESECUZIONE A NORMA

Il tuttora vigente d.P.R. 207/2010 stabilisce che «l’attestazione di qualificazione (…) costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione dell'esistenza dei requisiti di capacità tecnica e finanziaria ai fini dell'affidamento di lavori pubblici» (art. 60, comma 3). Sempre «sufficiente»? No.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA PER CATEGORIA IN CUI È RICHIESTA CLASSIFICA III

L’importo di una categoria è di EUR 620.000. Può un’impresa avvalersi di due diverse imprese, della quali una ha attestazione-SOA in II e l’altra in I, senza così doversi avvalere anche della certificazione di qualità?

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA

Se un’impresa ha necessità di avvalersi di un’attestazione-SOA solo in classifica I ma effettivamente si avvale di un’attestazione-SOA in classifica III (in quanto l’ausiliaria tale classifica possiede), deve essere dimostrata anche la messa a disposizione della certificazione di qualità ed in termini reali?

CIÒ CHE COMPONE IL PROGETTO DI LAVORI

Le relazioni specialistiche previste dal d.P.R. 207/2010 debbono esserci o no?

GARA DI PROGETTAZIONE

Legittima la clausola della lex specialis di gara che impone il limite massimo del 50% di ribasso rispetto alla base d’asta?

LA VECCHIA PROCEDURA NEGOZIATA NEI LAVORI

In sostanza l’Amministrazione poteva invitare chi voleva. Tesi del Consiglio di Stato veramente grossolana, già in base alla disciplina vigente. Oggi non sarebbe comunque più sostenibile.

ATTESTAZIONE-SOA: LA DIFFERENZA FRA RINNOVO TRIENNALE E QUINQUENNALE

Per il rinnovo quinquennale il d.P.R. 207/2010, si applica ad litteram. Importante affermazione di principio.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA

Si afferma che, «pur non essendo in linea generale vietato la possibilità di ricorrere all’avvalimento frazionato, lo stesso può essere escluso dalla stazione appaltante, in relazione a una specifica gara». Tesi molto poco condivisibile.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA IN TERZA CLASSIFICA (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

«Il Collegio condivide l’orientamento giurisprudenziale, consolidato anche alla luce dei principi comunitari, da ultimo ribadito …

LA COMPETENZA DEL DOTTORE AGRONOMO

Può comprendere la progettazione, la direzione e la sorveglianza dei lavori?

RAGGUPPAMENTO ORIZZONTALE E QUALIFICAZIONE

1. Ammessa la lieve rettifica delle percentuali di partecipazione al raggruppamento detenute dalla mandante e dalla mandataria nell’ambito di un’ATI orizzontale. 2. La corrispondenza tra requisiti di qualificazione e quote di esecuzione tra gli operatori in raggruppamento temporaneo deve sussistere al momento della valutazione delle offerte e non in fase di prequalificazione.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 MAGGIO 2018, N. 76

Regolamento recante modalità di svolgimento, tipologie e soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico

IL TRENTA PER CENTO DI SUBAPPALTO NEI LAVORI

Se vi è una scorporabile a qualificazione non obbligatoria (OS 1) e una a qualificazione obbligatoria (OG 3), non puoi metterle insieme per il computo del 30% del totale d’appalto al fine del subappalto. Anche perché la OS 1 era eseguibile in proprio con idonea posseduta classifica in prevalente. La verità è che andava subito impugnato il bando che considerava la OS 1 a qualificazione obbligatoria!

QUOTA SUBAPPALTABILE DEL TRENTA PER CENTO

Subappaltata una quota di lavori ben superiore alla soglia massima del 30% di cui all'art. 105, comma 2, del codice? Nulla quaestio, secondo due collegi. Ma non è proprio così …

SUBAPPALTO NECESSARIO

Non c’è nessun obbligo di indicare il nomen del subappaltatore, ma c’è sempre il T.A.R. che non lo sa …

RAGGRUPPAMENTO E PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA “SOSTANZIALE”

Nei lavori permane «la necessità che ciascuna impresa sia qualificata …

ELEMENTI DI OFFERTA ECONOMICA FRAMMISTI ALL’OFFERTA TECNICA

Un caso, più unico che raro, in cui si è ammesso che il computo metrico estimativo potesse stare nell’offerta tecnica.

SIOS INFERIORE AL 10%, MA SUPERIORE A EUR 150.000, E ISCRIZIONE CAMERALE PER I BENI CULTURALI

La SIOS, singolarmente inferiore al 10% del totale d’appalto, ma superiore a EUR 150.000, rientra nel campo di applicazione dell’art. 89, comma 11, del codice (divieto di avvalimento e subappalto al massimo per il 30%)? Ai sensi del d.M. 154/2017 (beni culturali), come si interpreta che, ... 

“FREE” – FIRENZE, 27 GIUGNO: DUE IMPORTANTI AGGIORNAMENTI PER LA GIORNATA SUI LAVORI

La SIOS, singolarmente inferiore al 10% del totale d’appalto, ma superiore a EUR 150.000, rientra nel campo di applicazione dell’art. 89, comma 11, del codice (divieto di avvalimento e subappalto al massimo per il 30%)? Ai sensi del d.M. 154/2017 (beni culturali), come si interpreta che, ... 

L’INTERPELLO AI SENSI DELL’ART. 140 DEL VECCHIO CODICE

Il concorrente possedeva i requisiti al momento della presentazione dell’offerta originaria (idonea attestazione-SOA), ma ne era sprovvisto all’atto della conferma di quest’ultima nella fase di interpello ex art. 140. Ergo, impossibilità giuridica di procedere all’affidamento.

LA RISERVA A FAVORE DEGLI ARCHITETTI

La progettazione e la direzione lavori su beni di interesse storico e/o artistico è riservata agli architetti, ovvero a coloro che hanno compiuto un percorso formativo equiparabile a quello che in Italia è necessario per conseguire tale titolo.

CONSORZI STABILI PER I LAVORI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI E QUALIFICAZIONE DELLA CONSORZIATA DESIGNATA ALL’ESECUZIONE

L’altra giurisprudenza che dà ragione all’ANAC, che nei bandi-tipo ha già dimostrato di non conoscere la disciplina dei consorzi. A quanto pare neanche questo T.A.R. la conosce.

ACCORDO QUADRO

Il livello di progettazione richiesto

«VARIANTI» IN SEDE DI OFFERTA E «OPERE AGGIUNTIVE»

La differenza netta fra le due fattispecie.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA

La funzione dell’iscrizione camerale per l’impresa che fa ricorso all’avvalimento.

IL POSSESSO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ, PER CLASSIFICHE DALLA TERZA IN SU

L’originaria certificazione UNI EN ISO 9001 scadeva il 5.5.2017; il termine per presentare le offerte scadeva il 13.4.2017; l’impresa aveva richiesto prima del 5.5.2017 l’“audit” di rinnovo, che si teneva il 27-28.4.2017; era rilasciata nuova certificazione il 18.5.2017. Va bene? No!

“FREE” – PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA

Si osserva che «la disciplina dell’esclusione automatica dell’offerta anomale è contenuta nel disciplinare che, nel costituire la documentazione di gara, ha la funzione di integrare le informazioni previste dallo schema di bando di cui all’allegato XIV del D.lgs. 50/2016, …

L’ART. 24, COMMA 7, DEL CODICE

L’incompatibilità del progettista.

LAUREATO ABILITATO DA MENO DI 5 ANNI ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE

È necessario che il giovane professionista sia stabilmente inserito nello studio di progettazione che partecipa alla gara?

SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP.

Legittimo che il bando escluda che la realizzazione dei lavori progettati costituisca condizione necessaria per poter far valere il progetto ai fini della qualificazione?

IL PRINCIPIO DI ROTAZIONE

Per la terza volta, nell’arco di soli 3 anni, con affidamento diretto, un ulteriore incarico professionale per servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria. L’insufficienza della motivazione addotta: «adeguata competenza tecnico-professionale maturata con riferimento alla […] prestazione richiesta per l’incarico».

IL SUBAPPALTO DELLA SCORPORABILE NON POSSEDUTA AUMENTA SEMPRE L’IMPORTO DI QUALIFICAZIONE IN PREVALENTE

«Per giurisprudenza pacifica, i partecipanti ad una gara per l’affidamento di un pubblico appalto, per l’esecuzione delle lavorazioni afferenti alle categorie scorporabili, …

L’UBI CONSISTAM DI UN VECCHIO APPALTO INTEGRATO

L’individuazione, in concreto, dei limiti e degli obiettivi posti dalla stazione appaltante allo ius variandi degli offerenti, nella formulazione del progetto definitivo, rispetto al progetto preliminare posto a base di gara.

RELAZIONE GEOLOGICA

Il carattere solo eventuale delle relazioni specialistiche in sede di progettazione (definitiva od esecutiva)?

CONSORZI STABILI PER I LAVORI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI E QUALIFICAZIONE DELLA CONSORZIATA DESIGNATA ALL’ESECUZIONE

Confermata la nostra fin troppo facile tesi: è un eccesso di qualificazione richiedere alla consorziata il possesso di idonea attestazione-SOA. Il Comune si adegua al perere dell’ANAC e il T.A.R. lo secca. 

LINEE GUIDA (GROSSOLANE) SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE

Perché per la scelta del fatturato globale per il servizio di progettazione non deve essere data motivazione (sub-paragrafo n. 2.2.2.1, n. lett. a)), mentre sì per il servizio di verifica (paragrafo VII, n. 2.3, lett. a))? Evidentemente c’è qualcosa che non torna e vi spieghiamo subito qual è l’interpretazione corretta ai sensi della (vera) fonte del codice.

LE AGGIORNATE LINEE GUIDA DELL’ANAC SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. ED ASSIMILATI

Il criterio motivazionale sul criterio di valutazione di cui alla lett. b).

“FREE” – I CRITERI MOTIVAZIONALI NELLA DECLINAZIONE DELLE AGGIORNATE LINEE GUIDA DELL’ANAC SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. ED ASSIMILATI

Occorre «che il disciplinare di gara stabilisca i criteri motivazionali (…). I documenti di gara dovranno fissare, altresì, i contenuti dei criteri motivazionali da impiegare nella fase valutativa delle offerte» (ANAC, «Linee guida n. 1 in merito agli indirizzi generali sull'affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria», assunte con delibera 21 febbraio 2018, n. 138, in G.U. 23 marzo 2018, n. 69, paragrafo 2.1).

LE LINEE GUIDA DELL’ANAC SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE: LA FATTISPECIE DEI CONSORZI STABILI

«Se la società consorziata esecutrice non è in possesso dei predetti requisiti, la stessa può avvalersi dei requisiti di altra società consorziata» (ANAC, linee guida cit., paragrafo 2.2.3.4). Tale affermazione di principio non è proprio corretta.

“FREE” – IL PROBLEMA DEL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE NEI LAVORI

Ma qual è la versione attuale del d.P.R. 207/2010, art. 92, comma 2?

COSTO DELLA MANODOPERA GIÀ INDICATO DALLA STAZIONE APPALTANTE COME NON RIBASSABILE

E quindi nessuna esclusione per mancata indicazione del costo stesso da parte dell’aggiudicatario, ai sensi della legge regionale. Ma è il bando ad essere illegittimo ancor prima.

APPALTO A CORPO

I prezzi unitari indicati hanno un valore meramente indicativo?

RAGGRUPPAMENTO SUPER-MISTO

Per il sub-raggruppamento in scorporabile occorre anche il sub-mandatario?

LE QUOTE

Di qualificazione, di esecuzione, di partecipazione.

CONCORSO DI IDEE

Il D.Lgs. 50/2016, art. 156, comma 6.

CONSEGNA ANTICIPATA DEI LAVORI E “REVOCA”

Ma una volta che l’esecuzione contrattuale abbia avuto inizio, il potere pubblicistico di revoca in autotutela non può più essere esercitato. La giurisdizione è del giudice ordinario.

GARA DI PROGETTAZIONE E RICHIESTA DELLA COPERTURA ASSICURATIVA CONTRO I RISCHI PROFESSIONALI

Nel caso di r.t.p. (raggruppamento temporaneo di progettisti) il requisito economico deve essere posseduto da tutti i soggetti? Guarda l’ineccepibile (e condivisa) tesi del giudice amministrativo.

APPALTO DI VALORE TOTALE SUPERIORE A EUR 150.000

Una (indicativamente menzionata) OS 29 singolarmente inferiore sia al 10% del totale d’appalto, sia a EUR 150.000, può essere assunta da una mandante in verticale? Ovvero, in tale caso, il concorrente in r.t.i. va escluso?

QUANDO È POSSIBILE L’AVVALIMENTO DELLA “OG11”?

L’OG 11 è una SIOS, eppure è l’unica categoria pacificamente suscettibile di avvalimento. Parliamo di una categoria che può essere tanto una prevalente, quanto una scorporabile superiore al 10% del totale d’appalto.

CATEGORIE PROGETTUALI

Quando rileva il criterio dell’assorbimento/sostituzione di categorie di complessità maggiore in altre categorie riguardanti attività aventi un grado di complessità minore.

ANAC - DELIBERA 21 FEBBRAIO 2018

Aggiornamento al decreto legislativo n. 56/2017 delle Linee guida n. 1, di attuazione del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recanti: «Indirizzi generali sull'affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria» (Delibera n. 138/2018).

APPALTO DI LAVORI A CORPO

L’elenco dei prezzi serve per l’aggiudicazione o per eventuali varianti?

IL QUINTO

Quale classifica è sufficiente possedere? Guarda il caso.

RELAZIONE GEOLOGICA SÌ, RELAZIONE GEOLOGICA NO

Non avendo la lex specialis di gara previsto, tra la documentazione da presentarsi a corredo dell’offerta, la relazione geologica, la sua assenza poteva costituire causa di esclusione?

“FREE” – AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA SULLA GIORNATA PER I LAVORI PUBBLICI (BOLOGNA, 11 APRILE)

I «criteri ambientali minimi per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici» e l’impatto sul principio che l’attestazione-SOA è condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione della qualificazione: i nove punti "meramente inseribili" ovvero "proprio da inserire" nella disciplina di gara", alla luce anche della faq del Ministero dell'Ambiente?

APPALTO INTEGRATO E IDONEITÀ MORALE DEL PROGETTISTA ESECUTORE

Anche sul progettista indicato dalla già indicata società di ingegneria deve essere verificata l’idoneità “morale”?

“FREE” – ANAC: LE PROCEDURE NEGOZIATE NEI LAVORI, SOTTO IL MILIONE DI EURO

Ora le procedure ordinarie, per i lavori, sono quelle dal milione di euro in su.

“FREE” – ANAC – INVIATA AL MIT PROPOSTA DI ADOZIONE DI DECRETO SULLA QUALIFICAZIONE DEGLI ESECUTORI DI LAVORI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 150.000 EURO

Pubblicata la proposta inviata dall’Anac al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti formulata ai sensi dell’articolo 83, comma 2, del decreto legislativo n. 50/2016 per l’adozione del decreto ministeriale avente ad oggetto il sistema di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici di importo pari o superiore a 150.000 euro.

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI SERVIZI PROFESSIONALI: INDIRIZZI PER L’EQUO COMPENSO

Ma vale solo per la Regione di cui si tratta e per gli enti dipendenti. E poi non vale solo per i professionisti ma anche per le società. E poi si può tener conto del diritto comunitario.

ANAC – LINEE GUIDA N. 1, AGGIORNATE AL “CORRETTIVO”

Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria

ATTESTAZIONE-SOA PER PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

«In conclusione, va ritenuto che nel caso in cui la lex specialis di una gara per l’affidamento della progettazione esecutiva e della realizzazione dell’opera, consenta all’impresa concorrente che non sia in possesso di qualificazione per la progettazione, di avvalersi di progettisti qualificati, da indicare od associare, …

INCOMPATIBILITÀ DI UN COMMISSARIO

Illegittima la nomina del geometra in qualità di componente della commissione giudicatrice, avendo questi fatto parte del gruppo di progettazione dei lavori messi in gara?

RAGGRUPPAMENTI E PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA: FORMALISTICA LA SUSSISTENTE LINEA GIURISPRUDENZIALE CHE NON AMMETTE IL SOCCORSO ISTRUTTORIO

Si riconferma che «è tuttora necessario che il singolo concorrente raggruppato deve essere qualificato ad eseguire la quota di lavori che ha dichiarato di volere assumere in sede di partecipazione alla gara».

“FREE” – IL PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA E LA VERIFICA DEL COSTO DELLA MANODOPERA: SI PUÒ FARE, DAI!

Indichiamo in disciplina di gara (anche di negoziata, se volete, perché il Sig. Presidente dell’ANAC ha detto che va bene) il costo della manodopera (copiato ed incollato dal progetto esecutivo).

SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE NEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI, PER I SETTORI ORDINARI

Per l'ammissione minima, proprio illegittimo richiedere certificazioni aggiuntive oltre l’attestazione-SOA? 

REQUISITI PER LA CAPOGRUPPO E PER LA MANDANTE NEL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE, IN UN APPALTO DI LAVORI

L’art. 92, comma 2, del d.P.R. 2017/2010, nella versione risultante dal codice dei contratti così come modificato dal “correttivo”, non solo è perfettamente vigente …

ART. 95, COMMA 15, DEL CODICE E PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA

Ma, senza definitiva aggiudicazione assunta, è sempre corretto cha la graduatoria non si consolidi.

CONSORZIO STABILE E ATTESTAZIONE-SOA

È valida l’attestazione-SOA di un consorzio stabile, in cui una consorziata non possessa anche lei attestazione-SOA?

L’OFFERTA A PREZZI UNITARI

«L’omessa indicazione delle due voci di costo (…) non determina alcuna incertezza nell’identificazione dell’offerta economica della società concorrente, potendosi agevolmente e ragionevolmente inferire che essa ...

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, UFFICIO LEGISLATIVO

Linee guida sulle modalità di svolgimento delle funzioni del direttore dei lavori e del direttore dell'esecuzione.

“FREE” – AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI PUBBLICI

I «criteri ambientali minimi per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici» e l’impatto sul principio che l’attestazione-SOA è condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione della qualificazione: i nove punti da inserire nella disciplina di gara; la grossolana faq del Ministero dell'Ambiente.

LA “FAQ” DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE SUI CAM PER L’OG 1

Questa è proprio carina! Considerate il CAM in materia di edilizia. Andate …

L’ATTESTAZIONE-SOA SCADUTA IN CORSO DI PROCEDIMENTO

Una fattispecie in cui si ravvisa la soluzione di continuità nel possesso della qualificazione.

IL VIGENTE D.P.R. 207/2010, ART. 76, COMMA 5

L’attestazione SOA presentata in sede di gara è scaduta il 17.3.2016, ossia prima dell’aggiudicazione definitiva (adottata il 5.5.2016), e la nuova attestazione SOA è stata rilasciata successivamente a tale data, ossia il 12.5.2016. Quid juris?

PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI

La valutazione della sussistenza delle caratteristiche di rilevanza di cui  all’articolo 23, comma 2, del codice, rientra nell’esercizio del  potere discrezionale della stazione appaltante?

“FREE” – LA NOZIONE DI LAVORI ANALOGHI NEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE: ANDIAMO NEL DETTAGLIO E QUINDI L’ANAC NON HA PROPRIO RAGIONE

Afferma l’ANAC: «la clausola del bando che richiede quale requisito di partecipazione lo svolgimento negli ultimi dieci anni di due servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria, riferiti a tipologie di lavori analoghi, ossia …

PER GLI APPALTI DEL POST-SISMA

Il DURC di congruità anticipa quanto non ancora attuato, seppur previsto, dal codice dei contratti all’art. 105, comma 16.

GARA DI PROGETTAZIONE DI LL.PP.

La relazione geologica figura fra gli elaborati da presentare a pena di esclusione. E allora, serve il geologo nella compagine pur nel silenzio del bando?

POSSONO ESSERE FATTI BENE POI I BANDI-TIPO?

Si afferma che «i consorzi stabili, nell’ambito degli appalti nel settore dei beni culturali, possano indicare quali esecutori delle opere i soli consorziati che siano in possesso (in proprio) delle qualificazioni richieste dalla lex specialis per l’esecuzione dei lavori oggetto di affidamento, anche in ragione di quanto stabilito dall’art. 146, comma 2 del Codice». Non esiste, non esiste proprio! Che piaccia o no!

QUALIFICAZIONE AD ESEGUIRE I LAVORI PER LE NEGOZIATE DI II E DI III FASCIA

L’attestazione-SOA è condizione necessaria e sufficiente, ma il principio allora deve valere sempre quando l’importo d’appalto è superiore a EUR 150.000 (così come per converso conferma l’art. 90 del d.P.R. 207/2010).

“FREE” – LE GIORNATE DI FORMAZIONE SUI LAVORI PUBBLICI, CON PROGRAMMA ESTESO AI «SETTORI SPECIALI»

Anche il materiale di documentazione è ovviamente esteso ai «settori speciali». Torino, 15 febbraio; Roma, 8 marzo. Guarda il nuovo programma e le locandine.

BIM

Il decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 1 dicembre 2017, n. 560 (entrata in vigore, 27 gennaio 2018).

PROCEDURA NEGOZIATA EX ART. 36, COMMA 2, LETT. C), TRAMITE RICORSO AD ELENCO E RAPPORTO CON LA DISCIPLINA DELL’AVVALIMENTO

Il requisito del possesso dell’attestazione-SOA è dimostrabile con avvalimento in sede di invito: ciò spiega implicitamente la ratio della sub-fase della selezione dei soggetti da invitare. Bella sentenza!

GEOLOGO E RELAZIONE GEOLOGICA

L’obbligo di indicare un geologo tra i progettisti in sede di gara e di corredare l’offerta tecnica con la relazione geologica dipende, in concreto, dalla natura delle prestazioni affidate.

APPALTO DI LAVORI, CON ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI

La questione sulla legittimità del ricorso al “subappalto necessario”, per supplire alla mancanza del requisito di iscrizione all’Albo dei gestori ambientali. 

GARE DI PROGETTAZIONE: “GIOVANE PROFESSIONISTA”

Il quinquennio decorre dalla data di conseguimento dell’abilitazione o dalla data di iscrizione all’albo professionale?

APPALTO INTEGRATO: GLI ARTICOLI 24 E 35 DEL D.P.R. 207/2010

In sede di progettazione esecutiva, l’obbligo di predisporre le relazioni specialistiche ha carattere solo eventuale e postula una modifica sostanziale delle soluzioni previste nel livello progettuale precedente.

ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA PREFISSATI IN BANDO E CRITERIO DEL RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

La stazione appaltante fissa gli oneri interni della sicurezza in un appalto di lavori, cui l’offerente si rimette sic et simpliciter. Ma questo per il Consiglio di Stato non va bene, in quanto erano previste «variazioni migliorative»! Per una semplice ragione, la tesi proprio non regge.

OFFERTA A PREZZI UNITARI NELLA GARA TELEMATICA, OVVERO IL MODULO-LISTA INFORMATICO

L’obbligo di utilizzare il “modulo fornito dall’Amministrazione” in originale, e non scansionato. Nessuna violazione del principio di tassatività, nessun soccorso istruttorio.

CATEGORIE A QUALIFICAZIONE OBBLIGATORIA SUBAPPALTABILI

Se per qualificarti hai necessità di far ricorso al subappalto appunto qualificatorio, ma sfori comunque il limite del trenta per cento del totale del contratto, l’esclusione per difetto di qualificazione è inevitabile.

APPALTO DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A EUR 150.000

Indichiamo un’ulteriore motivazione per l’interpretazione secondo cui per la categoria scorporabile, di importo superiore al 10% del totale d’appalto ma pari o inferiore a EUR 150.000, è (di regola) necessaria l’attestazione-SOA. Anche la migliore ANAC era di quest’avviso …

ACQUISTO DI SERVIZI ENERGETICI PER GLI EDIFICI, SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE E FORZA MOTRICE, SERVIZIO DI RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO

Il decreto ministeriale sui CAM genera un’ipotesi di appalto integrato di lavori (ovvero di concessione)?

LA COMPROVA DOCUMENTALE DEI LAVORI DI IMPORTO INFERIORE A EUR 150.000

Ai fini dell’art. 90 del d.P.R. 207/2010, comma 1, lett. a), altro è l’esecuzione dei lavori e altro ancora è la documentazione dei lavori eseguiti. E quindi?

APPALTO INTEGRATO E VERIFICA DELLA PROGETTAZIONE

Più vai avanti nell’approfondire il codice e più scopri antinomie. Bella eredità che ci hanno lasciato questi signori! 

LA PROGETTAZIONE DI LAVORI DI PARTICOLARE RILEVANZA

«Per la progettazione di lavori di particolare rilevanza sotto il profilo architettonico, ambientale, paesaggistico, agronomico e forestale, storico-artistico, conservativo, nonché tecnologico, le stazioni appaltanti ricorrono alle professionalità interne» (D.Lgs. 50/2016, art. 23, comma 2, primo periodo). Ricorrono o possono ricorrere?

IL CONSORZIO STABILE NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

Ai sensi dell’art. 146 del codice dei contratti, il consorzio stabile può designare per l’esecuzione una consorziata che non possegga attestatazioe-SOA in OG 2?

AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE

Aggiornamento delle linee guida n. 1, di attuazione del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti «Indirizzi generali sull’affidamento deiservizi attinenti all’architettura e all’ingegneria».

SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE

La regola è quella dell’attestazione-SOA come condizione necessaria e sufficiente per dimostrare la qualificazione. Ergo, è illegittimo richiedere il requisito aggiuntivo del fatturato (principio canonico, che dovrebbe gettar luce anche sulla disciplina delle scorporabili a qualificazione obbligatoria diverse dalle SIOS, di importo superiore al 10% ma pari o inferiore a EUR 150.000).

“FREE” – «STRUTTURE, IMPIANTI E OPERE SPECIALI» (SIOS)

Quante sono alla fine le tipologie di SIOS, come categorie scorporabili in senso giuridico-formale? Sono tre.

RAGGRUPPAMENTI MISTI E PRINCIPIO DELLA MAGGIORITARIETÀ PER LA CAPOGRUPPO

Per quale capogruppo? Solo l’ANAC va avanti con le sue tesi auto-referenziali …

LA NUOVA CATEGORIA SCORPORABILE DELLA “SIOS” IN QUANTO TALE

L’art. 3, comma 1, lett. oo-ter) del codice definisce ora come categoria scorporabile, dopo il “correttivo”, quella che riguarda i lavori «appartenenti alle categorie di cui all’articolo 89, comma 11». Domanda? La definizione di principio vale anche per importo stimato d’appalto inferiore a EUR 150.000?

AFFIDAMENTO DI LAVORI IN OG 1, ANCHE PER IMPORTO INFERIORE A EURO 150.000, E DECRETO MINISTERIALE SUI CAM

In sede di documentazione amministrativa deve tra l’altro essere comprovato quanto segue:

LE CORREZIONI NEL MODULO-LISTA

La separata sottoscrizione a conferma dell’integrazione sarebbe imposta solo per la modifica delle quantità e non invece per l’integrazione delle voci? Oppure le integrazioni devono essere sempre confermate mediante apposizione della sottoscrizione”, senza distinguere fra integrazioni riferite alle quantità e integrazioni riferite alle voci?

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA E ATTESTAZIONE-SOA (SENTENZA 11 DICEMBRE 2017)

La cessione di un ramo d’azienda non comporta l’automatica perdita dei requisiti di qualificazione riferibili all’ambito di attività oggetto di cessione, ma può costituire oggetto di verifica in concreto ad opera degli organismi a ciò deputati ai sensi di legge (le SOA).

REGOLE DELL’E-PROCUREMENT E DIVIETO DI AVVALIMENTO DI IMPRESA NON ABILITATA AL MEPA

Il giudice amministrativo, per una gara di lavori, dichiara l’illegittimità dell’esclusione basata su una specifica regola dell’e-procurement in materia di possibilità di ricorso all’avvalimento.

“FREE” – Lavori pubblici: qualificazione, procedure ed altri aspetti, dopo il correttivo, con il d.m. sui beni culturali e con il d.m. 11 ottobre 2017

Senigallia, 14 dicembre 2017. Torino, 15 febbraio 2018: con sconto per iscrizione anticipata, entro il  22 gennaio 2018. Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

SERVIZI DI PROGETTAZIONE E AVVALIMENTO

L’impresa ausiliata è carente del requisito tecnico dell’avvenuto svolgimento, negli ultimi dieci anni antecedenti la pubblicazione del bando, dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria. L’avvalimento è ammesso? E, nel caso, come deve avvenire?

“FREE” – MANCANZA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ: ESCLUSIONE SECCA SENZA SOCCORSO ISTRUTTORIO?

Non siamo per niente d’accordo. Non serviva per valutare l’offerta. Poteva essere solo requisito di ammissione. La questione doveva essere: “manca il documento o manca il requisito?” Se il “certificato-requisito” risultava formato entro il termine di scadenza di presentazione delle offerte, il soccorso istruttorio andava doverosamente concesso.

LA VERIFICA TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA

L’attestazione-SOA ha valore costitutivo, poiché è esclusa ogni forma di presunzione implicita del possesso dei requisiti e dunque per l’aggiudicazione occorre esserne in possesso o dimostrare di aver presentato tempestivamente la domanda di rinnovo o di nuova attestazione.

RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTISTI E AVVALIMENTO INTERNO

La norma del vecchio d.P.R. 207/2010, art. 261, comma 7: l’avvalimento interno è ammesso a favore delle mandanti purchè non comporti il superamento del limite del 60%?

L’ANAC, LA CAPOGRUPPO, IL RAGGRUPPAMENTO VERTICALE, I REQUISITI IN MISURA MAGGIORITARIA

Scrive l’ANAC (sempre in modo auto-referenziale): «la mandataria deve spendere i requisiti in percentuale maggioritaria nella specifica gara e per ognuna delle categorie presenti nella gara (determinazione n. 4 del 10 ottobre  2012; delibera n. 1381 del 21 dicembre 2016)» (delibera 8 novembre 2017, n. 1145). Si tratta di un illogico aggravamento di qualificazione. Infatti, …

LA FUNZIONE ASSORBENTE DELLA CATEGORIA PREVALENTE

I requisiti relativi alle categorie scorporabili non posseduti dall'impresa devono da questa essere posseduti con riferimento alla categoria prevalente. I requisiti relativi alle lavorazioni scorporabili non assunte dalle mandanti sono posseduti dalla mandataria con riferimento alla categoria prevalente.

MANCATA ALLEGAZIONE DEL CRONOPROGRAMMA? FUORI!

Si osserva che «il cronoprogramma, richiesto a pena di esclusione a corredo dell’offerta economica a tempo, ha rilievo negoziale ed ha un’utilità pratica, in quanto …

NON USI IL MODULO-LISTA?

"Escluso!", dice il giudice amministrativo.

CONFEZIONAMENTO, FORNITURA E TRASPORTO DI CALCESTRUZZO E DI BITUME: TERNA SÌ, TERNA NO?

L’attività, come noto, rientra in quelle di cui alla L. 190/2012, art. 1, comma 53 (lett. a)). La stazione appaltante impone in disciplina di gara l’obbligo di indicare la terna di subappaltatori. L’offerente può obiettare che ricorrerà non alla categoria del «subappalto», ma a quella dei «sub-contratti che non sono subappalti», e che quindi non ha nessun onere di indicare la terna?

IL REQUISITO DELL’ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI (SENTENZA DI OGGI 15 NOVEMBRE 2017)

«È pacifico che l’aggiudicataria (…) ha conseguito l’iscrizione nell’Albo nazionale gestori ambientali per le categorie (10A e 10B) corrispondenti alle attività di bonifica di beni contenenti amianto in data 4/10/2017, quando la procedura di gara si era già conclusa ed era già stata disposta, in data 2/10/2017, l’aggiudicazione definitiva». Ergo?

“FREE” – IL NON RAGIONEVOLE RISCONTRO DI “DIFFORMITÀ” PROGETTUALE IN SEDE DI OFFERTA TECNICA (SENTENZA 13 NOVEMBRE 2017)

“L’impiego di materiali diversi da quelli previsti nel progetto base per il rivestimento dei pilastri nonché il diverso posizionamento delle travi interne”: va escluso che siffatto riferimento ob relationem soddisfi le coordinate “minime” di identificabilità di un giudizio di radicale “difformità” progettuale, quale suscettibile di indurre all’adozione della determinazione di esclusione.

VERBALE DI SOPRALLUOGO PER GARA DI LAVORI

Non è legittimo escludere il consorzio cooperativo perché manca la sottoscrizione della consorziata designata.

“FREE” – Lavori pubblici: qualificazione, procedure ed altri aspetti, dopo il correttivo, con il d.m. sui beni culturali e con il d.m. 11 ottobre 2017.

Milano, 16 novembre; Senigallia, 14 dicembre 2017. SCONTO PER ISCRIZIONE ANTICIPATA (per Senigallia entro il 27 novembre 2017). Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

“FREE” – PROCEDURA DI AFFIDAMENTO DI LAVORI IN OG 1 E RISPETTO DEI "CAM" IN MATERIA

Solo per dare un esempio, fra tanti possibili, di che cosa significhi porsi questioni di teoria applicata.

“FREE” – MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Decreto 11 ottobre 2017: entrata in vigore il 7 novembre 2017.

“FREE” – PROCEDURA NEGOZIATA ANZICHÉ PROCEDURA ORDINARIA: E PER I LAVORI?

È «pacifica, in base ai principi di libera concorrenza, di legalità e di buon andamento dell'azione amministrativa, la legittimazione dell'impresa operante in un dato settore economico ad impugnare il provvedimento con cui l'amministrazione abbia disposto la stipula di un contratto a trattativa privata, …

IL D.M. SUGLI APPALTI NEI BENI CULTURALI (SENTENZA DI OGGI 6 NOVEMBRE 2017)

Entrerà in vigore il prossimo 11 novembre 2017, ma una sentenza di oggi già ne parla per rilevare la continuità di disciplina nell’ordinamento.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI: MESTRE, 9 NOVEMBRE; MILANO, 16 NOVEMBRE.

I criteri ambientali minimi per l’affidamento di lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici, e l’impatto sul principio che l’attestazione-SOA è condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione della qualificazione: i nove punti da inserire nella disciplina di gara.

“FREE" – NON È ANCORA ENTRATO IN VIGORE IL D.M. SUGLI APPALTI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI E GIÀ PRESENTA DUE “BUCHI”

Il decreto del MiBACT 22 agosto 2017, n. 154: i lavori di OG 2, diversi da quelli per le «ville», e la questione dell’applicabilità del D.Lgs. 50/2016, art. 148, commi 1 e 2; tutti i lavori di OG 2 in appalto di valore inferiore a EUR 150.000 e la questione dell’applicabilità dell’art. 12 del d.M. stesso. Aggiornàti programma e materiale delle giornate di Mestre e Milano.    

LAVORI CORRISPONDENTI ALLA OG 2 IN APPALTO DI VALORE INFERIORE A EUR 150.000: UN ALTO BUCO? SÌ!

L’art. 12 del d.M. sugli appalti nel settore dei beni culturali, all’alinea del comma 1, non menziona affatto i lavori corrispondenti alla cat. OG 2. E quindi?

LAVORI DI OG 2, DIVERSI DA QUELLI PER LE «VILLE»: UN BUCO? SÌ!

Per i lavori corrispondenti alla cat. OG 2, diversi dalla prevalente, di importo inferiore al 10% del totale d’appalto nonché a EUR 150.000 (ovvero, in un appalto complessivamente di importo inferiore a EUR 150.000, per le medesime lavorazioni che non siano prevalenti), e che inoltre non riguardino lavori su «ville», si applica la disciplina di cui al D.Lgs. 50/2016, art. 148, commi 1 e 2?

VECCHIO APPALTO INTEGRATO E SERVIZI SVOLTI PER PRIVATI (SENTENZA 30 OTTOBRE 2017)

“I servizi resi in favore di committenti privati sono valutabili solo se l’opera progettata è stata  in concreto realizzata”. Che sciocchezza! Eppure il C.d.S. di oggi ha ribadito questa linea interpretativa …

“FREE” – Lavori pubblici: qualificazione, procedure ed altri aspetti, dopo il correttivo e con il d.m. sui beni culturali

Mestre, 9 novembre 2017; Milano, 16 novembre 2017. Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

L’INAPPLICABILITÀ DELL’OBBLIGO DI RICORSO AL MEPA PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE

Il CNI esprime la sua tesi, che alla fine, come risultato, sarebbe anche sostanzialmente condivisibile, anche se va dato atto che si tratta di questione giuridicamente aperta e tutt’altro che pacifica. Leggeremo le motivazioni (sulle quali c'è da discutere) e poi diremo ancora la nostra, su un un tema sul quale in questo portale ci siamo già espressi.

AFFIDAMENTO DI SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

L'importo a base di gara comprende anche la cassa di previdenza?

L’ART. 105, COMMA 6: SUBAPAPPALTO E TERNA

La previsione è applicabile anche per «noli a freddo di macchinari» e «fornitura di ferro lavorato»?

RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTISTI: OGNUNO DEVE ESSERE QUALIFICATO PER QUELLO CHE ESEGUIRÀ?

Si conferma che, «se è lo stesso raggruppamento a ripartire compiti specifici tra i suoi partecipanti, ciascuno di loro deve possedere ...

UN CASO “CLASSICO” DI COLLEGAMENTO SOSTANZIALE, NEI LAVORI

Peraltro, è del tutto mancata la dimostrazione, da parte delle imprese interessate, della totale assenza, in concreto, di ogni possibile incidenza di detto collegamento sull'esito della procedura.

LA LOCAZIONE FINANZIARIA E L’INCONFERENZA DELLA QUESTIONE DELL’ALLOCAZIONE DEL RISCHIO

La questione in ordine alla qualificazione, come indebitamento, del contratto di partenariato pubblico-privato, disciplinato dagli articoli 3, comma 1, lett. eee), 180 e 187 del D.Lgs. 50/2016, a prescindere dalla verifica, in concreto, della prevalente allocazione dei rischi in capo alla pubblica amministrazione locataria.

NON HAI APERTO LE OFFERTE TECNICHE IN SEDUTA PUBBLICA? E CHE IMPORTA?

Lo stesso giudice, che ritiene assolutamente non sanabile il difetto di sottoscrizione, ritiene che (in una procedura non telematica) non ha effetto invalidante la mancata apertura in seduta pubblica delle offerte tecniche, in quanto le linee guida dell’ANAC non sono vincolanti. Salute!

“FREE” – ACCORDO QUADRO NEI LAVORI, LIVELLO PROGETTUALE A BASE DI GARA, TESI-ANAC

Non lo abbiamo ancora letto il parere dell’ANAC. Ma che nell’accordo quadro ci voglia un progetto esecutivo già definito dalla stazione appaltante, perché questa è la regola ordinaria, è una tesi astratta e formalistica, del tutto improbabile.

MERA VARIAZIONE MIGLIORATIVA O VARIANTE?

La proposta realizzazione di un solaio intervallato da fasce metalliche, in luogo di un solaio di cemento armato dall’aspetto uniforme e liscio, integra una mera variazione migliorativa (come tale ammessa) o una variante (che nella fattispecie perè la disciplina di gara non ammetteva)?

CATEGORIA OS 28 E AVVALIMENTO CON OG 11

È legittimo l’avvalimento della cat. OS 28, prendendo a prestito l’attestazione-SOA in OG 11?

ERRORE NELLA PREVISIONE DELLA CATEGORIA PREVALENTE: L’AUTOTUTELA SENZA SPECIFICA MOTICAZIONE DELL’INTERESSE PUBBLICO

La stazione appaltante ha adottato il provvedimento in autotutela senza dar conto in modo esplicito dell’interesse pubblico sotteso. È stato legittimo?

LA “RATIO” DELL’ART. 95, COMMA 4, LETT. A)

Nei lavori (nella norma che Delrio non sapeva che fosse stata adottata e per la quale il medesimo ha dovuto chiedere un favore al buon Cantone…) l’obbligo di adozione di «procedure ordinarie» di cui all’art. 95, comma 4, lett. a), è una sorta di compensazione. Poiché il principio di legge-delega …

PREVALENTE CHE NON È UNA “SIOS” E SCORPORABILE CHE LO È

Siccome la OS 30 scorporabile è una “superspecializzata” e come tale non suscettibile di avvalimento, ergo lo diventa anche la OG 1 prevalente. Una sorta di interpretazione analogica del principio che vale per i beni culturali. Quid juris?

SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. AFFIDATI A PROFESSIONISTI

L’affidamento, se a favore di due professionisti, presuppone che i medesimi siano associati?

L’AVVALIMENTO DELLE SUPERSPECIALISTICHE PRIMA DEL D.M.

“Deve ritenersi del tutto legittimo”. Siamo in totale disaccordo.

“FREE” – IL PARERE INTEGRALE DI CANTONE SUL PREZZO PIÙ BASSO NEI LAVORI, PER LE NEGOZIATE: L'ANALISI DEL PERCHÉ DI UN “NO” SECCO, CON L'INSERZIONE DELLA MOTIVAZIONE N. 13 (15 SETTEMBRE 2017)

Non c’è nessuna motivazione apprezzabile nel documento del Presidente dell’ANAC, se non il generico riferimento a «criteri di ragionevolezza».

L’ABROGAZIONE DELL’ART. 40, COMMA 9-TER, DEL D.LGS. 163/06 AD OPERA DEL D.LGS. 50/2016

Il venir meno della norma incide sulla permanenza delle relative attribuzioni in capo alla SOA?

“FREE” – SUBAPPALTO

Il vademecum dell’ANCE, con qualche nostra rapida annotazione.

IL COMUNICATO DEL PRESIDENTE DELL’ANAC SUI METODI DI CALCOLO PER LA SOGLIA DI ANOMALIA CON IL PREZZO PIÙ BASSO

Se si fosse applicata la tesi del comunicato si sarebbbe aggiudicato l’appalto ad altra impresa. La stazione appaltante si erà bensì autovincolata ex ante (al buio) a rispettare l’ANAC, ma il comunicato è stato pubblicato a calcolo già operato. Quid juris?

I LAVORI ANALOGHI NELL’ART. 90 DEL D.P.R. 207/2010

Rientra nell’esercizio della discrezionalità tecnica della stazione appaltante, di volta in volta operante, il compito di effettuare un giudizio sulla similarità tra lavori oggetto del contratto e lavori eseguiti dall’impresa nel quinquennio. Quindi, se ti chiedo lavori corrispondenti alla OS 32, quelli mi devi dare. Fine del discorso.

IL TEMPO INDICATO NELL’OFFERTA-TEMPO NON COINCIDE ESATTAMENTE CON QUELLO INDICATO NEL CRONOPROGRAMMA (SENTENZA 29 AGOSTO 2017)

Nessuna insanabile indeterminatezza dell’offerta! Soccorso istruttorio, vista la funzione del cronoprogramma. Tesi chiarissima. Altro colpo al fondamentalismo formalistico.

PREZZO OFFERTO E RIBASSO OFFERTO (SENTENZA 29 AGOSTO 2017)

Anche se il disciplinare di gare richiede il prezzo e non il ribasso, si applica una certa regola generale e quindi va dato il soccorso istruttorio! Altro colpo al fondamentalismo formalistico.

“FREE” – APPALTO DI LAVORI SOTTO SOGLIA E ART. 105, COMMA 6, PRIMI DUE PERIODI: UN ESEMPIO RAGIONATO SULL’INTERPRETAZIONE DI «PRESTAZIONE OMOGENEA» E QUINDI SUL NUMERO DELLE TERNE DI SUBAPPALTATORI DA INDICARSI

«È obbligatoria l'indicazione della terna di subappaltatori in sede di offerta, qualora gli appalti di lavori (…) riguardino le attività maggiormente esposte a rischio di infiltrazione mafiosa, come individuate al comma 53 dell'articolo 1 della legge 6 novembre 2012, n. 190.

APPALTO INTEGRATO E QUADRO ECONOMICO (SENTENZA 21 AGOSTO 2017)

Manca il quadro economico nell’offerta. E allora? Allora niente!

GARE DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. CON LE ATTUALI LINEE-GUIDA DELL’ANAC: I CRITERI MOTIVAZIONALI DEL RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

E il RUP dovrebbe motivare la deroga a un contenuto che non dice nulla o che è estremamente confuso. Guarda la nostra analisi del documento, sul punto, con commento infratesto.

ACCORDO QUADRO E VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA (SENTENZA 22 AGOSTO 2017)

Nel caso di un accordo quadro basato su un'offerta ad un unico ribasso, è giuridicamente e tecnicamente corretto valutare la congruità dell'offerta con i criteri utilizzati per l'appalto di lavori “classico”?

LA QUALIFICAZIONE AD ESEGUIRE LAVORI PER IMPORTO DI GARA DA EUR 20 MILIONI IN SU

Il testo consigliato per la disciplina di gara, con opzioni selezionabili.

LA QUALIFICAZIONE AD ESEGUIRE LAVORI PER IMPRESE NON ITALIANE

La parte fissa della disciplina di gara per appalto soggetto a qualificazione con attestazione-SOA: il testo consigliato.

AGGIORNAMENTO DELLE LINEE GUIDA ANAC N. 1 E DECRETO 2 DICEMBRE 2016, N. 263, DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Il decreto in questione contiene due previsioni inapplicabili. Nell’aggiornamento delle linee guida n. 1 sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria non se ne parla per nulla.

COLLEGAMENTO SOSTANZIALE (SENTENZA 9 AGOSTO 2017)

Medesima sede operativa,  rappresentanti legali con medesimo cognome, stessa città di nascita, stessa residenza, attestazione rilasciata dalla medesima SOA, certificazione ISO rilasciata dallo stesso certificatore e negli stessi giorni, polizza fideiussoria stipulata con la medesima agenzia a distanza di un giorno l’una dall’altra e con numero di polizza progressivo, pagamento all’ANAC ...

“FREE” – APPALTO INTEGRATO CON ACQUISIZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO IN SEDE DI OFFERTA (SENTENZA 8 AGOSTO 2017)

L’esclusione del concorrente laddove il progetto definitivo dallo stesso presentato abbia ad oggetto la realizzazione di un’opera priva delle caratteristiche essenziali e indefettibili individuate con il progetto preliminare e fissate nella parte tecnica del capitolato speciale. 

“FREE” – UNA LEX SPECIALIS NON UNIVOCAMENTE INTERPRETABILE (SENTENZA 8 AGOSTO 2017)

La mancata sottoscrizione di elaborati dell’offerta tecnica da parte dei progettisti non può provocare l’automatica esclusione.

LA MANCANZA DI DICHIARAZIONE DI AVERE DIRETTAMENTE O CON DELEGA A PERSONALE DIPENDENTE ESAMINATO TUTTI GLI ELABORATI PROGETTUALI (SENTENZA 8 AGOSTO 2017)

«Nella fattispecie in esame, non ricorre l’ipotesi di cui all’art. 79, comma 2, del d.lgs. n. 50 del 2016, di offerte che possono essere formulate soltanto a seguito di una visita dei luoghi o dopo consultazione sul posto dei documenti di gara e relativi allegati». Principio affermato dal giudice amministrativo per un appalto di lavori e non proprio condivisibile …

APPALTO MISTO CON PREVALENZA DEI LAVORI E SUBAPPALTO QUALIFICATORIO DELLA QUOTA INERENTE A SERVIZI E FORNITURE (SENTENZA 7 AGOSTO 2017)

L’ordinamento, a partire dal precedente  codice, ammette il subappalto qualificatorio? Oppure occorre far necessario ricorso al raggruppamento verticale improprio? Una tesi in contro-tendenza oppure un revirement che annulla la possibilità del subappalto qualificatorio (pur oggi nel limite del 30% dell’intero valore del contratto) per la prestazione accessoria?

“FREE” – Lavori pubblici: qualificazione, procedure ed altri aspetti, dopo il correttivo

Firenze, 12 ottobre 2017; Mestre, 9 novembre 2017; Milano, 16 novembre 2017. SCONTO PER ISCRIZIONE ANTICIPATA. Per l’impresa. Per la CUC (o SUA) e per il RUP dell’Ente aderente.

LA QUALIFICAZIONE DELLA CAPOGRUPPO IN UN RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE CON DUE SOLE IMPRESE

Per la capogruppo di un raggruppamento a due, in un appalto di lavori, basta il 40%, raggiunto certamente senza il beneficio del “quinto”, ovvero occorre il 50,01%? L'incredibile tesi di merito di un T.A.R.!

“FREE” – AGGIORNATO CON UN ARGOMENTO CRITICO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI PUBBLICI

Subappalto: l’«indicazione della terna» (la questione se rilevi una particolare tipologia di appalto; la ricorrenza non di un obbligo di indicazione, ma di un onere; la rilevanza di un primo momento di soccorso istruttorio, cui può seguirne un secondo; la rilevanza del limite di cui all’art. 105, comma 4, lett. a); il caso in cui partecipino alla stessa gara anche tutti e tre gli indicati subappaltatori).

APPALTO DI LAVORI DI EUR 12.000

È obbligatoria la verifica dei requisiti? Dipende!

APPALTO DI LAVORI DI EUR 12.000

È obbligatorio richiedere la cauzione provvisoria? No!

“FREE” – AGGIORNATO CON UN ARGOMENTO CRITICO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI PUBBLICI

Le scorporabili “classiche”: l’interpretazione sulla necessità di attestazione-SOA per la scorporabile (non SIOS) singolarmente di importo superiore al 10% del totale d’appalto, ma pari o inferiore a EUR 150.000, anche alla luce di due casi-limite (riferentisi ad importi d’appalto di EUR 594.000 e di EUR 1.350.000). Perché non è condivisibile la tesi-ANAC.

APPALTO DI LAVORI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A EUR 150.000

La scorporabile è una OG (ma non una OG 11) che supera il 10% del totale d’appalto. Il solito problema, la solita incondivisibile tesi dell’ANAC. Nella fattispecie, …

“FREE” – AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE – ESTENSIONE DELL’OGGETTO CONTRATTUALE

Nel caso di appalto avente ad oggetto la progettazione  preliminare e   definitiva, l’affidamento della progettazione esecutiva  integrerebbe   una modifica contrattuale di natura “sostanziale” consistente in  prestazioni dotate di una loro individualità tale da giustificare un   nuovo  affidamento a valle di una procedura di gara ad evidenza pubblica   e ...

“FREE” – ANAC

Proposta al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti finalizzata all’adozione del decreto di cui all’art. 83, comma 2, del d.lgs. 50/2016 nella parte relativa alle Società Organismi di Attestazione (SOA). Integrazione alla seconda consultazione.

LA RICHIESTA DI PARERE DEL MINISTERO ALL’ANAC, PER IL PREZZO PIÙ BASSO NEI LAVORI

Siamo in grado di pubblicare anche la richiesta di parere del Ministero delle Infrastrutture all’ANAC.

IL VIGENTE ART. 26 DEL D.P.R. 207/2010

Si eccepisce «l’assenza nel progetto definitivo dell’aggiudicataria degli elaborati relativi alle simulazioni numeriche e alle verifiche di stabilità delle opere di difesa: mancanza questa che comporterebbe violazione dell’art. 26 del D.P.R. 5/10/2010, n. 207». Quid juris?

VERIFICA DELLA CORRISPONDENZA SOSTANZIALE FRA LE QUOTE

Non vale nella sub-fase della prequalificazione (principio consolidato).

APPALTO INTEGRATO E VIOLAZIONE DELL’ART. 24, COMMA 7, DEL CODICE

Si richiama «l’art. 24 comma 7 del Codice 50/2016 che impone che gli affidatari di incarichi di progettazione per progetti posti a base di gara non possono essere affidatari degli appalti per i quali abbiano svolto la suddetta attività di progettazione …

LA VERIFICA DELLA SUSSISTENZA DELLA GIURISDIZIONE ESCLUSIVA

L’art. 1, comma 2, lett. a), del codice (fattispecie in materia di realizzazione di un invaso/bacino).

“FREE” – “PUNTURE DI SPILLO”: E SE L’ART. 95, COMMA 4, LETT. A), FOSSE OPERA DELLA MANINA CANDIDA, CHE GIÀ ABROGÒ LA RACCOMANDAZIONE VINCOLANTE DELL’ANAC?

In attesa di conoscere l’atto di ragionevole interpretazione (politica) dell’ANAC sulla lett. a) del comma 4 dell’art. 95 del codice, ci prende un dubbio.

“FREE” – “PUNTURE DI SPILLO”: E DOPO LE NOTIZIE GIORNALISTICHE, DOV’È L’ATTO INTERPRETATIVO DELL’ANAC PER IL PREZZO PIÙ BASSO NEI LAVORI?

E allora? Siamo al 12 luglio. Dov’è l’atto interpretativo dell’ANAC sul prezzo più basso, in relazione all’art. 95, comma 4, lett. a), del codice?  

“FREE” – AGGIORNATO CON UN ARGOMENTO CRITICO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI PUBBLICI

La ragione per cui una SIOS pari o inferiore sia al 10% del totale d’appalto, sia a EUR 150,000 (ad esempio una OS 30 al 10% di EUR 149.000), non gode comunque per il subappalto del favor del d.M. (dato e non concesso che sia legittimo applicarlo).

“FREE” – ANAC

Aggiornamento delle Linee guida n. 1 di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti “Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria”

“FREE” – “PUNTURE DI SPILLO”: NOTIZIE GIORNALISTICHE, ULTIMA FONTE DI DIRITTO

L’atto interpretativo di Cantone sul prezzo più basso per le negoziate nei lavori ancora non è di dominio pubblico, ma non importa. Il passo c’è stato, in tanti lo attendevano. Alcune testate ne hanno dato notizia con soddisfazione. Ma a tutt’oggi, 4 luglio 2017, questo atto (chiamiamolo così) ancora non lo conosciamo.

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA E QUALIFICAZIONE (2)

«In ipotesi di cessione di un ramo d’azienda, l’accertamento positivo effettuato dalla SOA, su richiesta o in sede di verifica periodica, in ordine al mantenimento dei requisiti di qualificazione da parte dell’impresa cedente, comporta la conservazione dell’attestazione da parte della stessa senza soluzione di continuità».

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA E QUALIFICAZIONE (1)

Si afferma: «l’art. 76, comma 11, del D.P.R. n. 207/2010 deve essere interpretato nel senso che la cessione del ramo d’azienda non comporta automaticamente la perdita della qualificazione, occorrendo procedere a una valutazione in concreto dell’atto di cessione, da condursi sulla base degli scopi perseguiti dalle parti e dell’oggetto del trasferimento».

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI

Strutture, impianti e opere speciali (SIOS): la questione se la quota subappaltabile del 30% integri o meno la quota subappaltabile del 30% del totale d’appalto e il mancato recepimento da parte del correttivo del principio espresso nel d.M. 248/2016, art. 1, comma 2, ultimo periodo: un esempio concreto di appalto per la focalizzazione del problema.

ATTESTAZIONE-SOA E RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

La scadenza della certificazione in pendenza della procedura di gara non può andare a detrimento dell’impresa quando è provato che la certificazione è stata rinnovata alla scadenza e che non vi è stata soluzione di continuità circa il possesso del requisito.

“FREE” – “PUNTURE DI SPILLO”: CANTONE GETTA LA MASCHERA E ASSECONDA DELRIO

Da notizia di quest’oggi si apprende che l’ANAC avrebbe assecondato la richiesta di favore politico inoltratale formalmente dal Ministero di Delrio, in merito alla questione del prezzo più basso nei lavori (cfr. nostro precedente post).

L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE DI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Un criterio «premiante», di valutazione dell’offerta tecnico-qualitativa, che è tutto e solo di natura soggettiva …

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI

Il contratto misto: i criteri ambientali minimi e il pasticcio del decreto ministeriale per l’affidamento del servizio di illuminazione e forza motrice negli edifici.

CRITERI AMBIENTALI MINIMI: IL PASTICCIO DEL DECRETO MINISTERIALE PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE E FORZA MOTRICE NEGLI EDIFICI

Si tratta di un contratto misto, certamente, ma la prevalenza (comunque funzionale) è dei lavori e non (magari quantitativa) del servizio di esercizio e di manutenzione.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI

I criteri ambientali minimi per l’affidamento di lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici, e l’impatto sul principio che l’attestazione-SOA è condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione della qualificazione.

I PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

Si può fare affidamento su elementi futuri, estranei all’offerta?

MANCATA STIPULAZIONE PER MANCATO FINANZIAMENTO

La mancata stipula del contratto, a cagione del venire meno del finanziamento per l’intervenuta scadenza del termine di ammissibilità delle spese per i finanziamenti del POR. L’Ente comunale si è, perciò, determinato al ritiro in autotutela degli atti della procedura di gara. Quid juris?

“FREE” – “PUNTURE DI SPILLO”: IL PREZZO PIÙ BASSO NEI LAVORI E LA FURBATA DEL MINISTRO DELRIO, ANZI LA SUA CORRETTEZZA

La questione è nota. «Può essere utilizzato il criterio del minor prezzo (…) per i lavori di importo pari o inferiore a 2.000.000 di euro, quando l’affidamento dei lavori avviene con procedure ordinarie, sulla base del progetto esecutivo» (D.Lgs. 50/2016, art. 95, comma 4, lett. a)).

ANAC

Quesito in ordine alla interpretazione degli articoli 197 e 199 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici).

APPALTO INTEGRATO (21 GIUGNO)

La necessita di individuare, sin dall’offerta, il nominativo del professionista che redigerà, in sede di esecuzione della commessa, la relazione geologica da allegare al progetto esecutivo.

LA COOPTAZIONE (21 GIUGNO)

Si osserva che «la cooptazione è un istituto di carattere speciale che abilita un soggetto, privo dei prescritti requisiti di qualificazione (e, dunque, di partecipazione), alla sola esecuzione dei lavori nei limiti del 20%, in deroga alla disciplina vigente in tema di qualificazione SOA, per cui il soggetto cooptato:

“FREE” – L’INDICAZIONE DELLA TERNA DI SUBAPPALTATORI NEI LAVORI

La riscrittura ad opera del correttivo del comma sull’«indicazione della terna» e la soluzione di “proporzionatezza” al problema della «tipologia di prestazione omogenea».

LA TERNA DEI SUBAPPALTATORI NEI LAVORI: COME RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA «TIPOLOGIA DI PRESTAZIONE OMOGENEA»

Quando in un appalto sono compresenti «più tipologie di prestazioni», la terna va indicata «con riferimento a ciascuna tipologia di prestazione omogenea prevista» in disciplina di gara (D.Lgs. 50/2016, art. 105, comma 6). La domanda che ci si pone è se nei lavori ciò debba significare che, in un appalto di importo già pari a EUR 150.000, ogni categoria (o prevalente o scorporabile) debba necessariamente generare una «tipologia di prestazione omogenea».

L’ART. 95, COMMA 4, DEL CODICE, DOPO IL CORRETTIVO: LA NORMA NON È CHIARA, È CHIARISSIMA

Un classico esempio di eterogenesi dei fini. Il politico che ha scritto la norma voleva liberalizzare il prezzo più basso nei lavori fino a EUR 2.000.000 e invece per importo sotto il milione, se fa la negoziata, il RUP si ritrova a doverla fare con il rapporto qualità/prezzo. Ah, ah ah! Ma forse la norma l’ha scritta un dirigente che poco sa di appalti e che non ha saputo tradurre in linguaggio idoneo quello che il politico voleva. Il dirigente …

DECRETO MINISTERIALE DELEGIFICATO DALL’ART. 89, COMMA 11, DEL CODICE, IN MATERIA DI «STRUTTURE, IMPIANTI E OPERE SPECIALI» (C.D. “SIOS”)

Ci viene chiesto se l’art. 3, comma 1 (un po’ come per i CAM), preveda per la stazione appaltante l’obbligo di richiedere una qualificazione aggiuntiva rispetto all’attestazione-SOA.

“FREE” – LA SECONDA NEFANDEZZA DEL CORRETTIVO IN MATERIA DI SUBAPPALTO

Della prima abbiamo già detto e riguarda l’associazione in partecipazione in luogo di subappalto. Ma ce n’è un’altra.

“FREE” – IL RAGGRUPPAMENTO “ORIZZONTALE” NEI LAVORI, DOPO IL CORRETTIVO

Il D.Lgs. 50/2016, artt. 48, comma 4, e 83, comma 8, e la piena vigenza del d.P.R. 207/2010, art. 92, comma 2 (peraltro nella versione risultante dall’art. 217 del codice stesso).

MANUTENZIONE E NON NECESSITÀ CHE LA STAZIONE APPALTANTE PREDISPONGA IL PROGETTO ESECUTIVO

In relazione alla norma transitoria di cui all’art. 216 del D.Lgs. 50/2016 (così come ora modificato dal D.Lgs. 56/2017), comma 4, secondo e terzo periodo, si deve desumere che il progetto esecutivo debba allora essere predisposto dall’appaltatore?

LA LEGITTIMAZIONE MOTIVATA PER L’APPALTO INTEGRATO

Ai sensi del D.Lgs. 50/2016, art. 59, comma 1-bis, va inteso che la prevalenza dell’«elemento tecnologico o innovativo» sia solo di carattere economico-quantitativo?

LA COOPTAZIONE

Vedi i principi.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Settore delle imprese edili ed affini: il costo del lavoro (D.Lgs. 50/2016, art. 23, comma 16).

APPALTO INTEGRATO E GRUPPO DI PROGETTISTI (16 MAGGIO)

Non vige il principio di corrispondenza fra le quote, come dice questo Consiglio di Stato? Ma per niente affatto. Vedi perché.

“FREE” – MANUTENZIONE? NO INCENTIVO!

«Da nessuno degli elencati commi dell’art. 113 del d.lgs. n.50/2016 emerge uno spiraglio interpretativo per inserire tra le “funzioni tecniche” da incentivare l’attività manutentiva» (Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per l’Umbria, deliberazione n. 51/2017/PAR, 26 aprile 2017, da https://servizi.corteconti.it).

AVVALIMENTO DELLA OS 21 IN IV CLASSIFICA (16 MAGGIO)

Si riafferma che, «in una procedura di aggiudicazione di un appalto pubblico, perché l’offerente possa legittimamente addurre l’affidamento sulle capacità di terzi soggetti, quale che sia la natura dei loro legami, deve dimostrare all'amministrazione aggiudicatrice che …

AFFIDAMENTI IN SUBAPPALTO DEGLI INCARICHI DI REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGHICHE

La violazione dell’art. 31, comma 8, del D.Lgs. n. 50/2016. Leggi il documento.

RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (5 MAGGIO)

È sufficiente o è anche necessario che l'impresa abbia presentato istanza di rinnovo nel termine normativamente previsto, ovvero 90 giorni precedenti la scadenza del termine di validità dell'attestazione?

“FREE” – ANAC

Proposta finalizzata all’adozione del decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di cui all’art. 83, comma 2, del d.lgs. 50/2016 avente ad oggetto il sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici di importo pari o superiore a 150.000 euro

IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI ESECUZIONE DEI LAVORI, DOPO IL CORRETTIVO (D.LGS. 56/2017)

Ma un momento: e la lavorazione al 9,9 per cento che non rientra fra «strutture, impianti e opere speciali», gli impianti termici, per esempio, che vengano subappaltati? E ipotizzando che la prevalente sia una OG 1. Che cosa si dovrà certificare?

“FREE” – UNA PREVISIONE DEL CODICE, PER IL SETTORE DEI LAVORI, SULLA QUALE ATTENDIAMO ANCORA LUMI INTERPRETATIVI DALL’ANAC

«Le stazioni appaltanti hanno l’obbligo di effettuare controlli, almeno a campione, secondo modalità predeterminate, sulla sussistenza dei requisiti oggetto dell’attestazione [SOA: n.d.a.], segnalando immediatamente le eventuali irregolarità riscontrate all’ANAC» (D.Lgs. 50/2016, art. 84, comma 6, secondo periodo).

DA WWW.GIUSTIZIA-AMMINISTRATIVA.IT

Deodato, “L’estensione dell’ambito applicativo del criterio del massimo ribasso: una scelta giusta”, 8 maggio 2017. Sì, ma …

L’AVVISO PER L’AFFIDAMENTO DIRETTO DI UN SERVIZIO DI PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI O ASSIMILABILE …

«Il presente avviso si riferisce al procedimento per l’affidamento diretto dell’incarico per lo svolgimento dei servizi di architettura e ingegneria relativi ai lavori di … ».

PROGETTAZIONE: CHE COSA SI METTE OGGI A GARA COME PRIMO LIVELLO?

La redazione del «progetto di fattibilità tecnica ed economica» o il «progetto preliminare»?

APPALTO INTEGRATO E DIFETTO DI SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DEL CONCORRENTE (2 MAGGIO)

Nella fattispecie, «sia l’offerta tempo sia l’offerta economica relative ai servizi di progettazione risultano sottoscritte solo dai progettisti e non anche dal legale rappresentante dalla società che ha partecipato alla gara in qualità di concorrente». Quid juris?

VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA NEI LAVORI (27 APRILE)

Quando l’esclusione è illegittima per insufficiente motivazione.

LA PRESENZA DEL GIOVANE PROFESSIONISTA (26 APRILE)

1) Devono essere indicate in sede di partecipazione le prestazioni che eseguirà? 2) Deve dimostrare il possesso dei requisiti soggettivi di affidabilità? 3) E di quelli tecnici? 4) Dovrà comunque sottoscrivere il progetto?

MATURAZIONE DEI REQUISITI PROGETTUALI (26 APRILE)

Serve anche che sia approvato il progetto di opera pubblica?

IL RISPETTO DEL PRINCIPIO DI DIVIETO DI COMMISTIONE FRA OFFERTA TECNICA ED ECONOMICA (21 APRILE)

Nella fattispecie, il computo metrico estimativo relativo alle migliorie offerte è stato compilato con l’indicazione di prezzi per i quali era espressamente specificato che erano da intendersi “al lordo del ribasso economico offerto in sede di gara”. Quindi, nulla quaestio!

MERE VARIAZIONI MIGLIORATIVE E VARIANTI, NEI LAVORI (19 APRILE)

La necessità (o meno) che l’offerta economica sia accompagnata da un computo metrico indicante i prezzi unitari delle lavorazioni e dei materiali.

LA “SUBCATEGORIA DESTINAZIONE FUNZIONALE SANITÀ” (18 APRILE)

Può essere prevista in un bando di appalto integrato?

GARA DI PROGETTAZIONE CON IL VECCHIO CODICE, AL PREZZO PIÙ BASSO (13 APRILE)

«La ricorrente si è aggiudicata l’appalto per l’importo di € 65.566,28 a fronte di un importo a base di gara di quasi 400.000 euro. Il ribasso, pari all’83% sull’importo a base di gara è, evidentemente, del tutto sproporzionato» …

LAVORI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A EUR 150.000

Oltre al possesso di attestazione-SOA, può essere richiesto quelle di due idonee dichiarazioni bancarie?

FRA CONTRATTO MISTO E APPALTO INTEGRATO

Come noto, così prevede il D.Lgs. 50/2016, art. 28, comma 13:

STAZIONI APPALTANTI - REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA PER L'AFFIDAMENTO DI ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE, DIREZIONE DEI LAVORI E ACCESSORIE SVOLTE DA ARCHITETTI E INGEGNERI

«Come stabilito dall'art. 216 del D.Lgs n. 50/2016, le stazioni appaltanti e gli operatori economici utilizzano la Banca Dati AVCPass, istituita presso ANAC, fino alla data di entrata in vigore del decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, …

IL RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (6 APRILE)

«Nella situazione in esame, sussisteva un attestato in scadenza il 30 giugno 2016, con domanda di rinnovo tempestivamente presentata (tramite contratto sottoscritto con l’Organismo di attestazione) il 18 dicembre 2015, ma seguita da rinnovata sottoscrizione contrattuale il 15 aprile 2016;

GRADI DI COMPLESSITÀ MAGGIORE QUALIFICANO ANCHE PER OPERE DI COMPLESSITÀ INFERIORE ALL’INTERNO DELLA STESSA CATEGORIA D’OPERA

Il fatto che l’Anac con le Linee Guida n. 1 approvate il 14.09.2016 abbia ribadito quanto già affermato nella deliberazione n. 4/2015 non vale, comunque, a superare il dato normativo di cui al D.M. 143/2013.

“FREE” - L’ANAC PERDE IL RICORSO SIA DI FRONTE AL T.A.R. DEL LAZIO, SIA DI FRONTE AL CONSIGLIO DI STATO (4 APRILE)

Illegittimo un provvedimento di decadenza dalle attestazioni di qualificazione SOA e di applicazione delle sanzioni del divieto di partecipare a procedure di affidamento di contratti pubblici e pecuniaria. Graziata l’ANAC sul principio di soccombenza.

LA QUOTA DELLA COOPTATA DOVREBBE CONCORRERE ALLA FORMAZIONE DEL PIANO DI RIPARTO DELLE PRESTAZIONI INTEGRANTI IL COMPLESSO DEI LAVORI (28 MARZO)

Ma vi è anche la tesi contraria. Però in effetti questa (del 28 marzo) è più logica o comunque in linea con il principio “di corrispondenza”.

IL DOPPIO ONERE DI COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI CHE INTERESSANO L’IMPRESA QUALIFICATA, TANTO IN FAVORE DELL’AUTORITÀ QUANTO NEI CONFRONTI DELLA SOA (3 APRILE)

Tale onere «risponde chiaramente all’esigenza di consentire alle Soa di espletare correttamente ed efficacemente le attività di verifica di loro spettanza, attraverso la tempestiva ricezione delle informazioni necessarie per aggiornare le attestazioni già rilasciate alle imprese».

LA COOPTAZIONE

Solo su un punto non siamo d’accordo per niente: che l’impresa cooptata non debba possedere i requisiti soggetti di affidabilità “morale”. 

I LAVORI ANALOGHI EX ART. 90 DEL D.P.R. 207/2010 (31 MARZO)

I lavori appartenenti alla categoria OS28 (impianti termici) sono analoghi a quelli della categoria OS3 (impianti idrosanitari)!!! Quando il giudice amministrativo si adagia sulle tesi-ANAC.

L’ESECUZIONE A PROPRIE SPESE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN MARCIAPIEDE: ART. 20 DEL CODICE (28 MARZO)

Va accolta l’azione avverso il silenzio e va quindi dichiarato l’obbligo del Comune di fornire esplicito riscontro all’istanza presentata?

SCADENZA TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA (27 MARZO)

L’attestazione-SOA prevede «una scadenza ai fini della verifica triennale alla data del 26.3.2016, ossia il giorno successivo alla data del provvedimento di aggiudicazione definitiva». Quid juris?

IL C.D. PRINCIPIO DI CONTINUITÀ DEI REQUISITI (24 MARZO)

Vale anche per la certificazione di qualità che deve essere menzionata nell’attestazione-SOA? Sì, ed era ora che si tornasse ad affermare un corollario del sistema unico di qualificazione. Era proprio ora!

“UBI CATEGORIA SCORPORABILE, ANCHE SE DI IMPORTO INFERIORE A EURO 150.000, IBI ATTESTAZIONE-SOA” (22 APRILE)

Si osserva «che la Stazione appaltante avrebbe malamente applicato il soccorso istruttorio consentendo al Consorzio (…) di partecipare alla gara scindendo la qualificazione nella categoria prevalente e quella nella categoria scorporabile, ritenendo che la categoria prevalente fosse coperta da SOA, mentre quella scorporabile potesse essere coperta ai sensi dell’art. 90 D.p.r. 207/2010. La censura è fondata».

LA DIFFERENZA FRA “VARIANTE” E “RINEGOZIAZIONE” (21 MARZO)

Si osserva che «la variante rappresenta un rimedio eccezionale che la P.A. può disporre al fine sopperire a carenze progettuali ovvero a circostanze impreviste e imprevedibili, che emergano nel corso dei lavori e, dunque, durante l'esecuzione del rapporto contrattuale. Inoltre, al riguardo, …

LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI OPERE PUBBLICHE E LA QUESTIONE DELL’INDEBITAMENTO

Il leasing in costruendo sarà pure PPP (e ciò non è dirimente), ma è sempre stato, è e rimarrà comunque un appalto, con tutto ciò che ne consegue. E ciò a differenza che della similare ma del tutto diversa figura del contratto di disponibilità.

DIVIETO DI AVVALIMENTO PER «STRUTTURE, IMPIANTI E OPERE SPECIALI» ANCHE PER LA CATEGORIA PREVALENTE?

«Non è ammesso l’avvalimento qualora nell’oggetto dell’appalto o della concessione di lavori rientrino, oltre ai lavori prevalenti, opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica, quali strutture, impianti e opere speciali» (D.Lgs. 50/2016, art. 89, comma 11, primo periodo). Vale anche se si tratta di categoria prevalente? Sì! Per due ragioni.

VARIANTI E MERE VARIAZIONI MIGLIORATIVE (21 MARZO)

Una tesi un po’, anzi molto border line, anzi off line: di fronte a una legge di gara equivoca (non impugnata), vanno dedotte in un certo qual modo alcune «varianti ammesse»! Forse meglio non leggerla e passare oltre.

AVVALIMENTO E BENEFICIO DEL “QUINTO” (21 MARZO)

Con l’avvalimento puoi prenderti anche il beneficio dell’aumento del “quinto” per la classifica richiesta?

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L’AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE PER LA NUOVA COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E MANUTENZIONE DI EDIFICI PUBBLICI: IL CASO

O il legislatore è uno, ma legifera secondo i classici “compartimenti stagni”, oppure sono due ma non si parlano fra di loro. Quello in materia ambientale è proprio un ignorante in materia di principi generali degli appalti pubblici e qui tende a privilegiare pochi, super-qualificati progettisti. Guardate la fattispecie.

PERDITA DELL’ATTESTAZIONE-SOA DA PARTE DELL’AUSILIARIA (16 MARZO)

Ovvio che l’ausiliata venga a non essere qualificata (però è del tutto minoritaria la tesi che con l’avvalimento non si possa conseguire …

APPALTO INTEGRATO, VISTO CHE RITORNA (15 MARZO)

Per i progettisti indicati va acclarato il possesso dei requisiti di idoneità morale?

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA E ATTESTAZIONE-SOA (13 MARZO)

«In definitiva, (…), si sottopongono all’Adunanza Plenaria i seguenti quesiti:

L’ART. 52 CO. 2 R.D. N. 2537/1925 (10 MARZO)

Ma se l’avviso riguarda la «parte tecnica», è illegittima la riserva assoluta a favore dell’architetto … Perché si ricade sempre in questi errori?

ILLEGITTIMO DINIEGO DI RILASCIO DI ATTESTAZIONE-SOA (10 MARZO)

Il mancato rilascio delle attestazioni e certificazioni richieste dall’organismo di certificazione non integra ragione sufficiente per l’adozione di un provvedimento di diniego a carico dell’istante.

OFFERTA PRESENTATA AL NETTO DEL COSTO PER IL PERSONALE (10 MARZO)

Niente soccorso istruttorio, ovviamente. Nella fattispecie, «la concorrente, al cospetto di un bando che prescriveva di formulare i ribassi sull’elenco dei prezzi al lordo (ossia, con l’inclusione) degli oneri per il personale, …

RINNOVO QUINQUENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA (8 marzo)

«Deve a tal proposito richiamarsi la consolidata giurisprudenza secondo cui, al fine della verifica della continuità del possesso dei requisiti speciali di partecipazione di cui all’attestazione SOA, è sufficiente che l'impresa abbia presentato istanza di rinnovo ...

IL PRINCIPIO DI DOVUTA CONSERVAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI (ATTESTAZIONE-SOA, NELLA FATTISPECIE) NON SAREBBE ASSOLUTO … (6 MARZO)

Mah! Per logica siamo per la tesi della sentenza di T.A.R. riformata. Il caso: annullamento in autotutela dell’aggiudicazione e caducazione del contratto; la seconda in graduatoria prima perde e poi riacquista la qualificazione; per il T.A.R. (e anche per noi) è corretto andare alla terza. Guarda come il C.d.S. di oggi motiva che ci si deve fermare alla seconda in graduatoria.

LE “SIOS”

“Le SIOS rilevano al 10%, al 15% o a tutte e due le percentuali?”

FINALMENTE! NESSUN “VULNUS” A NESSUN PRINCIPIO SE IL RAGGRUPPAMENTO È COMUNQUE COMPLESSIVAMENTE QUALIFICATO E MODIFICA PERALTRO LA QUOTA DI APPENA UN 5% (6 MARZO)

«È sicuramente un dato legislativo certo che sussista una immodificabilità soggettiva dei raggruppamenti temporanei rispetto a quanto specificato dalla domanda di partecipazione e ciò lo si rinviene anche nell’indicazione normativa ristretta di sostituzione delle imprese mandanti in casi del tutto specificati;

LAVORI: PARTECIPAZIONE CON ATTESTAZIONE-SOA IN CLASSIFICA III E COMPROVA DEL POSSESSO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

La norma è quella vigente di cui al d.P.R. 207/2010, art. 63, comma 3. La questione è questa: è ammissibile che l’operatore economico possegga in effetti la certificazione di qualità aggiornata, ma che quest’ultima non sia poi menzionata in attestazione-SOA (dalla III in su) e che questa situazione perduri, per esempio, da più di un anno dal rinnovo della certificazione di qualità stessa?

LAVORI: IL BENEFICIO DELL’AUMENTO “DEL QUINTO” PER LA MANDANTE IN VERTICALE

La mandante che come singola assume in verticale una categoria scorporabile gode del beneficio dell’aumento del quinto come se fosse un concorrente singolo, cioè senza dover far riferimento all’importo totale d’appalto?

QUALI LAVORI DI MANUTENZIONE PER L’ACCORDO QUADRO? MOLTI BANDI NON SONO PROPRIO CONFORMI ALLA “RATIO” DELLA FIGURA

Stavamo ridefinendo alcuni dettagli della parte sull’accordo quadro del nostro disciplinare di gara universale. L’esecuzione dell’appalto, qui, riguarda la manutenzione …

LE REFERENZE BANCARIE IN UNA GARA DI LAVORI

“In una procedura aperta per l'affidamento di lavori, di valore superiore a EUR 1.000.000, la stazione appaltante ha richiesto le referenze bancarie come requisito di qualificazione. Ma è legittimo?”

“STATUS” DEL COOPTATO E IMPATTO SULL’ONERE QUANTITATIVO DI PARTECIPAZIONE PER IL COOPTANTE (23 FEBBRAIO)

Il soggetto cooptato: non può acquistare lo status di concorrente e non può acquistare alcuna quota di partecipazione all’appalto. Ergo, il chi è cooptante deve, con la domanda di partecipazione, assumersi formalmente l’onere di partecipare all’appalto con riferimento a quale quota di lavori?

DISCIPLINARE DELLA PROCEDURA NEGOZIATA CHE SOLLECITA LA PRESENTAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Nei lavori, come va trattata la mancanza della dichiarazione del subappalto qualificatorio di una categoria scorporabile?

OFFERTA-TEMPO ERRATA

«È inammissibile un’offerta la cui formulazione rende la prestazione impossibile. Non è possibile acquisire dichiarazioni integrative dell’offerente al fine di rettificare l’offerta errata».

SERVIZI DI PROGETTAZIONE E PRINCIPIO DI “TRIPLICE” CORRISPONDENZA IN IPOTESI DI RAGGRUPPAMENTO (21 FEBBRAIO)

Nulla la clausola di disciplina di gara che richieda il rispetto del principio di “corrispondenza”, laddove l’art. 48 del D.Lgs. 50/2016 non prevede nulla in proposito?

“FREE” – I REQUISITI CHE DEVONO POSSEDERE I PROGETTISTI DI LAVORI PUBBLICI: L’INTEGRAZIONE DEL MODELLO DICHIARATIVO INTEGRATIVO DEL DGUE

Come noto, il d.m. entra in vigore il 28 febbraio 2017. Abbiamo predisposto una prima bozza dell’integrazione del modello dichiarativo integrativo del DGUE. Abbiamo ancor prima aggiornato il file unico del disciplinare di gara universale.

L’ATTESTAZIONE-SOA POSSEDUTA AL MOMENTO DELLA DOMANDA, MA POI NON PIÙ NEL CORSO DELLA PROCEDURA (23 FEBBRAIO)

L’impresa era in possesso dell’attestazione SOA per la categoria al momento della presentazione della domanda di partecipazione alla gara, ma l’ha persa nel corso del procedimento ad evidenza pubblica. Quid juris?

NO AL TROPPO FACILE AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (23 FEBBRAIO)

Guarda la sentenza dell’altro giorno e guarda questa di oggi, cui occorre ragionevolmente dare adesione.

ATTESTAZIONE-SOA E PASSAGGI AZIENDALI (21 FEBBRAIO)

Si afferma che «un nuovo soggetto che acquisti un ramo di azienda deve procurarsi un’attestazione SOA che accerti quali requisiti ha acquisito mentre, laddove …

APPALTO INTEGRATO, CHE TORNERÀ … (20 FEBBRAIO)

La illegittima indicazione di un architetto per la progettazione esecutiva. Nella fattispecie, le attività progettuali non riguardano opere a servizio di singoli fabbricati ma opere di urbanizzazione di un comparto del Piano di Insediamenti produttivi.

LA GIURISPRUDENZA (CRITICA PER L’ORGANO DI GARA) CHE FA DELL’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA, CERTIFICATO DI QUALITÀ COMPRESO, UN FATTO MERAMENTE FORMALE-DOCUMENTALE (20 FEBBRAIO)

Ritiene «il Collegio che le esigenze di puntuale specificazione dei requisiti economico-finanziari oggetto di avvalimento siano assicurate dalla indicazione della SOA oggetto di avvalimento senza …

IL PRINCIPIO DI “CORRISPONDENZA” IN CASO DI RAGGRUPPAMENTO (21 FEBBRAIO 2017)

Il fatto che entrambe le imprese in ATI fossero qualificate anche per il 100% dei lavori da eseguire scongiurava il rischio della mancanza di qualificazione, ergo soccorso istruttorio già prima della novella del 2014. Ma il Consiglio di Stato di oggi non è d’accordo. Mille volte d’accordo con la riformata sentenza del T.A.R. del Lazio.

LA VERIFICA QUINQUENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA (PRINCIPIO CONSOLIDATO, 13 FEBBRAIO)

Ove l'impresa richieda tempestivamente la verifica quinquennale, non vi è soluzione di continuità nella propria qualificazione, per cui essa può, nelle more, partecipare alle pubbliche gare.

L’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (13 FEBBRAIO)?

Ormai è tutto e solo un fatto “cartolare”. Guarda che interpretazione!

QUANDO LA SOGLIA DI ESCLUSIONE AUTOMATICA NON SI CRISTALLIZZA (13 FEBBRAIO)

Infatti, l’autotutela era stata esercitata dalla stazione appaltante nella fase del procedimento di gara anteriore l’aggiudicazione definitiva.

RICORSO AL MEPA

L’obbligo di ricorso al MEPA vale anche per i lavori?

QUALE T.A.R. ANNULLERÀ MAI UN PROVVEDIMENTO DELL’ANAC (6 FEBBRAIO)?

Si osserva che «non poteva gravarsi l’operatore economico di oneri di controllo – e quindi di diligenza professionale – più stringenti rispetto a quelli propri del soggetto istituzionalmente competente, quale la SOA, …

PROCEDURA RISTRETTA ED ESPULSIONE DI UNA MANDANTE FALLITA, PER OTTENERE L’AGGIUDICAZIONE (6 FEBBRAIO)

La conformità all’ordinamento della scelta di consentire al raggruppamento di continuare a prendere parte alla gara e ottenere l’aggiudicazione dopo aver espulso dallo stesso una delle mandanti, a causa della sua dichiarazione di fallimento.

PROCEDURA RISTRETTA E MODIFICHE SOGGETTIVE (6 febbraio)

Le modifiche soggettive, anche in termini di quote di partecipazione al raggruppamento, sono ammissibili dopo la prequalificazione e in sede di presentazione dell’offerta, purchè non siano strumentali a garantire una qualificazione che non esisteva in capo al raggruppamento sin dall’origine.

PROCEDURA NEGOZIATA DI EUR 115.000, CON IL NUOVO CODICE, CON CINQUE IMPRESE INVITATE E CON DUE SOLE OFFERTE PRESENTATE

L’esclusione sarebbe avvenuta all’esito di un procedimento per la verifica dell’anomalia condotto in maniera illegittima in quanto sarebbe mancata la previa determinazione della soglia di anomalia. Quid juris, trattandosi di affidamento sotto soglia comunitaria?

“FREE” – LE “SIOS”

Punto n. 1: già all’entrata in vigore del nuovo codice, il limite del 15% non c’era più. Se l’era portato via il D.Lgs. 163/2006.

APPALTI INTEGRATI E STATUS DEL “TEAM” DI PROGETTISTI (27 GENNAIO)

Questo T.A.R. l’ha capita benissimo. Non si applicano le regole del raggruppamento, perché non sono concorrenti.

LA COOPTAZIONE E LA NON CONDIVISIBILE GIURISPRUDENZA SULL’ILLEGITTIMITÀ DI RICHIEDERE I REQUISITI MORALI ALLA COOPTATA

Si afferma che «l’obbligo di dimostrare il possesso dei requisiti di ordine generale (…) non può essere legittimamente esteso dal bando anche alle imprese cooptate, perché in …

TABELLA DELLE CATEGORIE

Il combinato disposto del D.L. 28 marzo 2014, n. 47, convertito nella L. 23 maggio 2014, n. 80, con il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, 10 novembre 2016, n. 248 (in G.U. 4 gennaio 2017, n. 3, vigente al 19 gennaio 2017).

“SIOS” SCORPORABILE INFERIORE A EUR 150.000, NON SUBAPPALTABILE PER IL 70% (13 GENNAIO)

"Cantonata", rectius: "granchio" del giudice amministrativo! L’OG 11 scorporabile, in quanto comprovabile (giustamente) ai sensi dell’art. 92, comma 7, terzo periodo, del d.P.R. 207/2010, la puoi eseguire in proprio purché tu abbia classifica idonea in prevalente (OG 1 nella fattispecie). Anche perché, afferma il collegio, l’OG 11 è analoga all’OG 1!

APPALTI INTEGRATI: IL PASTICCIO (IERI, MA POSSIBILE ANCHE OGGI NEI SETTORI SPECIALI E IN ALTRI CASI) NELLA CONFIGURAZIONE SOGGETTIVA DEI PROGETTISTI (12 GENNAIO)

Se il disciplinare di gara richiede (quanto meno inopportunamente) che i progettisti si raggruppino in ATP, è corollario inevitabile che poi si applichino tutte le regole del raggruppamento stesso.

IL RAGGRUPPAMENTO MISTO NEI LAVORI (12 GENNAIO)

Giusto il principio affermato, non proprio corretta la motivazione.

ALTRA SONORA BOCCIATURA DELLA "SOFT LAW" DA PARTE DEL CONSIGLIO DI STATO, CON GIUSTE CONSIDERAZIONI FILOSOFICO-MORALI (10 GENNAIO)

«Nel momento in cui la tecnica da strumento assurge a fine, si sottrae al controllo dell’ordine giuridico, che è solo chiamato a recepirla. Il che è quanto sembra ispirare il decreto in esame».

LA LEGITTIMAZIONE AD ESSERE INVITATI A UNA PROCEDURA NEGOZIATA GESTITA CON ELENCO (5 GENNAIO)

La mandante non iscritta all’elenco (c.d., con brutto termine, “di fiducia”) può partecipare alla procedura negoziata, dove è stata invitata solo l’impresa iscritta, che quindi assume il ruolo di capogruppo?

LA “VEXATA QUAESTIO” DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SVOLTI PER PRIVATI (5 GENNAIO)

Veramente non ci sembrava che ci fosse una giurisprudenza «assolutamente prevalente nell’affermare che “i servizi di progettazione svolti per committenti privati rilevano ai fini della qualificazione nelle procedure di affidamento di contratti pubblici solo se i lavori sono stati ultimati”». Per fortuna si tratta di una questione “a perdere”.

LA COMPLESSIVA INCONGRUITÀ DEL PROCEDIMENTO DI VERIFICA DI ANOMALIA (10 GENNAIO)

Un caso concreto, nei lavori, in cui vengono riscontrati difetto di istruttoria e contraddittorietà.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI (OVVERO DAL 19 GENNAIO SI COMPLICA LA QUESTIONE DEL SUBAPPALTO … )

Regolamento recante individuazione delle opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica e dei requisiti di specializzazione richiesti per la loro esecuzione, ai sensi dell'articolo 89, comma 11, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.

LA SOLUZIONE DI CONTINUITÀ NEL POSSESSO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (2 GENNAIO)

Si afferma che «tra vecchia e nuova attestazione non deve esservi soluzione di continuità, nemmeno per un giorno, altrimenti la nuova attestazione non costituisce rinnovo della precedente, ma, appunto, “nuova” attestazione, quindi venendo meno, in capo all’impresa, il requisito della qualificazione a gara».

UN ESEMPIO DI VARIAZIONE MIGLIORATIVA AL PROGETTO DI LAVORI, CHE NON CONFIGURA UNA VARIANTE PROGETTUALE (30 DICEMBRE)

«Nel caso di specie è emerso ex actis che l’offerta prescelta dalla S.A., in sostanza, apporta maggiore efficienza all’intervento programmato attraverso l’utilizzo di tecniche e materiali innovativi, sviluppando in maniera innovativa, senza alterazione delle caratteristiche strutturali, prestazionali e funzionali dell’opera, l’idea di fondo del progetto predisposto dalla S.A.».

IL PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA SOSTANZIALE SI APPLICA ANCHE PER IL RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTISTI (28 DICEMBRE)

Si riscontra che «l’obbligo di specificare le parti del servizio che saranno eseguite …

L’ALTRA TESI, PIÙ RIGOROSA, RIGUARDANTE LA PROGETTAZIONE SVOLTA PER PRIVATI (28 DICEMBRE)

Si afferma che «i servizi resi in favore di committenti privati sono valutabili solamente se l’opera progettata è stata in concreto realizzata». Che dire? Non ci piace per niente, ma è indirizzo giurisprudenziale redivivo.

IL PRINCIPIO DI ULTRATTIVITÀ DELL'ATTESTAZIONE-SOA (27 DICEMBRE)

Si osserva che «il principio di ultrattività dell'attestazione SOA si applica, sia quando l'impresa ha richiesto, entro il termine di 90 giorni, il rinnovo dell'attestazione SOA (ai sensi dell'art. 76, comma 5, d.P.R. n. 207-2010), sia quando ha richiesto la verifica dopo la scadenza del triennio (ai sensi dell'art. 77 comma 1 del medesimo decreto):

SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI

ANAC, Comunicato del Presidente del 14 Dicembre 2016: due tesi che non tornano.

FREE” – SOCCORSO ISTRUTTORIO SUI REQUISITI PROGETTUALI

Si «ritiene che la stazione appaltante abbia legittimamente esercitato il ricorso al soccorso istruttorio per permettere al RTI la regolarizzazione del possesso dei requisiti speciali per la progettazione, dichiarati, in sede di offerta, con riguardo alla progettazione definitiva, anziché alla progettazione esecutiva, …

ANAC – COMUNICATO DEL PRESIDENTE DEL 14 DICEMBRE 2016 (22 DICEMBRE)

Alcune indicazioni interpretative sulle Linee guida n. 1 recanti «Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria».

IL BENEFICIO DELL’AUMENTO DEL QUINTO PER UNA MANDANTE IN VERTICALE (19 dicembre)

Una sentenza corretta nell’esito, nella fattispecie, ma non nella motivazione.

SUBAPPALTO E ACCESSO (19 DICEMBRE)

La sub-appaltatrice ha diritto di accesso agli atti relativi alla contabilizzazione dei S.A.L.?

AFFIDAMENTO ALL’ESTERNO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI E ASSIMILABILI

Ai sensi dell’art. 24, comma 1, del D.Lgs. 50/2016, è richiesto di comprovare l’assenza di organico?

AVVALIMENTO E BENEFICIO DEL “QUINTO” (9 DICEMBRE)

Solo la vecchia AVCP sosteneva che, con l’avvalimento di un’attestazione-SOA, non si potesse godere anche del beneficio dell’aumento del “quinto” per la classifica “presa in prestito”. Ora questa isolatissima sentenza riprende quella tesi, già non condivisa da tutta la giurisprudenza venuta dopo. La citiamo solo perché non se ne deve tenere conto.

OPERE DI URBANIZZAZIONE

La questione dello scomputo indistinto del valore.

SOCCORSO ISTRUTTORIO PER LA MANCATA ALLEGAZIONE DEL COMPUTO METRICO?

“La ricorrente deduce l’illegittimità dell’atto impugnato, per non avere l’Amministrazione disposto l’esclusione dalla gara della controinteressata, responsabile della mancata allegazione del computo metrico estimativo previsto dal disciplinare di gara”. Quid juris?

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE SOA E INTESTAZIONE DELLA GARANZIA PROVVISORIA (2 DICEMBRE)

L’avvalimento deve essere specifico e la garanzia provvisoria, in ipotesi di avvalimento, …

OBBLIGO DI “PRESA VISIONE” E RAGGRUPPAMENTO COSTITUENDO (24 NOVEMBRE)

Teoricamente ineccepibile (anche se con un po’ di dubbio) l’esclusione del raggruppamento senza soccorso istruttorio per il caso in cui il sopralluogo sia stato effettuato solo da parte di una delle raggruppate.

IMMOBILI DI INTERESSE STORICO E ARTISTICO E COMPETENZA A PROGETTARE (28 NOVEMBRE)

Invero, non la totalità degli interventi concernenti gli immobili di interesse storico e artistico deve essere affidata alla specifica professionalità dell’architetto.

L’ETERO-INTEGRAZIONE DEL BANDO E LA MANCANZA DELLA RELAZIONE GEOLOGICA (28 NOVEMBRE)

Si tratta di un principio eccezionale e poi nel caso concreto il documento proprio non serviva. Fine del discorso.

CONSORZIO STABILE E CONSORZIATA DESIGNATA

L’impresa indicata come esecutrice dei lavori, al momento della partecipazione in gara, non figurava nel Registro delle Imprese tra quelle aderenti al consorzio, e tale qualità non risultava nemmeno dall’atto costitutivo del consorzio stabile depositato in gara. Si configura il difetto di un requisito essenziale di partecipazione?

“FREE” – ANAC

Aggiornato il manuale per la qualificazione per l’esecuzione di lavori pubblici di importo superiore a  150.000 euro

MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Il decreto sulle superspecialistiche verso la Gazzetta. Vi è anche l’interpretazione del rapporto fra il limite generale previsto per il subappalto e quello previsto per le lavorazioni in questione. Un anticipo del correttivo che verrà? Ovvero un'interpretazione già da darsi dell'art. 105, comma 2, terzo periodo?

SERVIZIO DI PROGETTAZIONE SVOLTO PER PRIVATI: LA CONSISTENZA GIURIDICA DEL REQUISITO (4 NOVEMBRE)

La certezza del diritto, in realtà, non c’era neppure col vecchio codice. Qui tutto dipendeva dalla composizione del collegio della stessa sezione V del Consiglio di Stato …

IL SUBAPPALTO (3 NOVEMBRE)

Il subappalto è un istituto che attiene alla fase di esecuzione dell'appalto (e che rileva nella gara solo negli stretti limiti della necessaria indicazione delle lavorazioni che ne formeranno oggetto), di talché il suo mancato funzionamento (per qualsivoglia ragione) dev'essere trattato alla stregua di un inadempimento contrattuale.

DIREZIONE-LAVORI: IL CONSIGLIO DI STATO INVITA A PRIVILEGIARE L’AFFIDAMENTO INTERNO …

… e invita l’ANAC a elaborare linee guida non vincolanti sul punto. E l’ANAC che farà? È una questione di scelta “politica”.

IL RINNOVO TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA (2 NOVEMBRE)

Benché la norma regolamentare (tuttora vigente, peraltro) sia chiara e logica, il giudice amministrativo ormai è andato per conto suo, nel senso …

LA NECESSITÀ DEL POSSESSO CONTINUATO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (PRINCIPIO CONSOLIDATO, 2 NOVEMBRE)

In materia di accertamento dei requisiti di ordine speciale per il conseguimento degli appalti di lavori pubblici vige il principio secondo cui le qualificazioni richieste dal bando debbono essere possedute dai concorrenti non solo al momento della scadenza del termine per la presentazione delle offerte, ma anche in ogni successiva fase del procedimento di evidenza pubblica e per tutta la durata dell'appalto, senza soluzione di continuità.

IL “QUINTO” NEL PREVIGENTE ORDINAMENTO (28 OTTOBRE)

Tale disciplina si applica ai contratti stipulati a seguito di procedure avviate prima dell’entrata in vigore del nuovo codice.

L’ART. 35 D.P.R. N. 207 DEL 2010 (28 OTTOBRE)

L’obbligo di predisporre in sede di progetto esecutivo la relazione geologica ha carattere eventuale o necessario? Rimane comunque vexata quaestio.

IL DIRETTORE DEI LAVORI

Funzioni e responsabilità.

ATTESTAZIONE-SOA E RINNOVO TRIENNALE

La giurisprudenza più rigorosa per la quale è necessario che l’istanza di rinnovo sia presentata almeno novanta giorni prima della scadenza del termine di validità e non soltanto entro il termine di scadenza di presentazione delle offerte …

SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. E RAGGRUPPAMENTO

Le linee guida dell’ANAC non raccolgono affatto una segnalazione esplicita del Consiglio di Stato.

IL REQUISITO DELLA DOTAZIONE TECNICA DI PERSONALE PER LE GARE DI PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI

Due pesi e due misure: linee guida dell’ANAC a rischio di contenzioso per la stazione appaltante.

AFFIDAMENTO DISTINTO DELLA DIREZIONE-LAVORI E DEL COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE: UN “GIOCHETTO” CHE NON CI PIACE TANTO …

Il RUP sa già che la d.l. e il c.s.e. non saranno svolti da personale interno. Il “giochetto” che non ci piace tanto è quello …

IL SUBAPPALTO NEI LAVORI PUBBLICI, OGGI

“Siccome si applica in via temporanea il D.L. 28 marzo 2014 n. 47, convertito nella L. 23 maggio 2014, n. 80, art. 12; siccome in tale norma le scorporabili diverse dalle SIOS superiori al 15% sono subappaltabili per il 100% del loro importo; ergo, tutte le altre scorporabili sono subappaltabili per il 100% del loro importo”. Quid juris?

L’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA IN CLASSIFICA DALLA "III" IN SU FA RITENERE IMPLICITO L’AVVALIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ?

L’avvalimento della certificazione di qualità può considerarsi implicito nell’avvalimento della qualificazione SOA, in quanto il possesso della certificazione medesima costituisce un presupposto per l’ottenimento dell’attestazione-SOA?

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA

La necessità di una più che specifica comprova del prestito delle capacità (fattispecie in cui «sotto il profilo economico si menzionano genericamente “le proprie risorse economiche che vengono messe a totale disposizione” e sotto il profilo materiale alcuni mezzi e un direttore tecnico»).

MANCATA COMPROVA DI AVVALIMENTO IN OG 1 E OG 11 (SENTENZE 18 OTTOBRE 2016)

Nella fattispecie, «non sono stati trasferiti i requisiti (…) che sono alla base del possesso delle categorie OG1 e OG 11».

LE “SIOS”

1) A quale importo sono rilevanti, al 10% o al 15%? 2) Entro quale limite sono subappaltabili al fine della qualificazione?

L’ART. 84, COMMA 7, DEL CODICE

Tale norma abroga tacitamente il disposto del formalmente vigente d.P.R. 207/2010, art. 61, comma 6?

L’IMPATTO PRATICO DELLA DISCIPLINA SUL SUBAPPALTO NELL’AFFIDAMENTO DI LAVORI PUBBLICI

La qualificazione per una categoria scorporabile di importo singolarmente inferiore a EUR 150.000, non SIOS, non subappaltabile al fine della qualificazione perché altrimenti si supererebbe la pur concessa possibilità di subappalto per il 30% dell’importo complessivo a base di gara - di Lino BELLAGAMBA

ORDINE PROFESSIONALE, LEGITTIMAZIONE AD AGIRE IN GIUDIZIO, PIENA DEROGABILITÀ DELLA TARIFFA

“La legittimazione dell’ordine professionale degli ingegneri a contestare i profili relativi alla determinazione del compenso professionale posto a base d’asta, trattandosi di questione di indubbio interesse istituzionale per l’intera categoria. Tuttavia, i soggetti esponenziali della categoria professionale possono potenzialmente insorgere in giudizio …

LINEE GUIDA DELL’ANAC PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REQUISITO MINIMO DELL’ESPERIENZA PREGRESSA, PER IL SISTEMA-ELENCO

Si afferma che «nell’avviso può essere richiesto anche un requisito minimo dell’esperienza pregressa relativo alla somma di tutti i lavori, appartenenti ad ognuna delle classi e categorie in cui si intende suddividere l’elenco».

LINEE GUIDA DELL’ANAC PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE E AFFERMAZIONE DI UN PRINCIPIO ERRATO E COMUNQUE ANTI-CONCORRENZIALE, PER IL SISTEMA-ELENCO

Per il sistema-elenco, viene previsto «il divieto di cumulo degli incarichi al di sopra di un certo importo totale che potrebbe essere ravvisato nella soglia di rilevanza comunitaria, in un arco temporale certo».

“FREE” – SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI LL.PP. E RICORSO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA

Il ricorso, per importo pari o superiore a EUR 40.000 ed inferiore a EUR 100.000, alla procedura negoziata anziché alla procedura formale ad evidenza pubblica va motivato in determinazione a contrattare?

LA FIGURA DEL GEOLOGO

Per gli «incarichi di progettazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione dei lavori, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, di collaudo, nonché gli incarichi che la stazione appaltante ritenga indispensabili a supporto dell’attività del responsabile unico del procedimento», …

LE LINEE GUIDA DELL’ANAC SUI SERVIZI DI PROGETTAZIONE

Non hanno natura vincolante, ma in che senso?

“FREE” – L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI SUL MEPA, DA EUR 40.000 FINO A SOTTO EUR 1.000.000, E IL RISCHIO REALE DELLA LESIONE DEL PRINCIPIO DELLA “NON DISCRIMINAZIONE” NEGLI INVITI

“(…) Ma nel mare magnum dell’elenco-MEPA, costituito da tutti gli operatori nazionali che si sono abilitati, è assolutamente impossibile garantire la funzione di pervenire ad avere selezionato tutti gli operatori economici nel «rispetto di un criterio di rotazione degli inviti» (di cui al D.Lgs. 50/2016).

“FREE” – L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI E DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE NEL NUOVO CODICE – I LAVORI SUL MEPA

Scarica il programma aggiornato al parere del Consiglio di Stato sulle linee guida dell’ANAC per gli affidamenti di valore inferiore alla soglia comunitaria (13 settembre). Senigallia, 26 ottobre; Milano, 16 novembre; Mestre, 23 novembre; Roma, 30 novembre.  

LA COMMISSIONE DI UNA GRAVE NEGLIGENZA DA PARTE DELL’OPERATORE ECONOMICO NELL’ESECUZIONE DI UN PRECEDENTE APPALTO

Rientra nella potestà del giudice amministrativo la valutazione incidentale dei fatti emergenti dal pregresso rapporto, da porre a raffronto con le ragioni addotte a fondamento della decisione.

RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

Il 20 luglio la data della richiesta di rinnovo, il 28 ottobre la data di scadenza dell’attestazione-SOA, il 4 novembre la data del rilascio della nuova attestazione, il 13 novembre la data dell’aggiudicazione definitiva. Quid juris?

FREE” – L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI E DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE NEL NUOVO CODICE – I LAVORI SUL MEPA – GIORNATA/E "IN HOUSE", PRESTO ANCHE A CATALOGO (IN DIVERSE SEDI NAZIONALI)

Che cosa è cambiato, che cosa è rimasto fermo: la questione centrale della ricognizione delle fonti per la tematica della qualificazione – L’analisi delle problematiche emergenti nel ricorso al MEPA, anche alla luce dell’ultima prevista «trattativa diretta» 

L’ABILITAZIONE AD ESEGUIRE LAVORI IMPIANTISTICI (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

È condizione di partecipazione o di stipulabilità del contratto?

AVVALIMENTO SOLO CARTOLARE E SOCCORSO ISTRUTTORIO

Non è avvalimento la mera messa a disposizione dell’attestazione-SOA. Soccorso istruttorio? No, secondo la linea giurisprudenziale che si riporta.

APPALTO INTEGRATO E CONFIGURAZIONE DEL GRUPPO DI PROGETTISTI

«E riguardo all’aspetto proprio della qualificazione, ove i progettisti indicati siano più d’uno, non è impedito che le attività di progettazione, sia in termini di scomposizione della sola categoria presente o in caso in cui ve ne siano di differenti, possano essere tra costoro ripartite per quantità e tipo; ma in questo caso, il vincolo che sorge …

“FREE” – LAVORI: PROCEDURA NEGOZIATA NEI LAVORI E CLAUSOLA DI OBBLIGO DI “PRESA VISIONE” GIÀ PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA

È legittima una clausola che pone l’obbligo di “presa visione”, di luoghi e progetto, già come condizione di presentazione della candidatura?

IL RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

L’intervenuta stipula di due contratti di qualificazione (uno anteriore alla scadenza dell’attestazione-SOA e uno successivo) impediscono il richiamo al meccanismo di ultrattività?

IL CONTRATTO PUBBLICO PER L’INSTALLAZIONE DI VARCHI ELETTRONICI IN UN COMUNE

Si tratta, a tutta evidenza, di un contratto misto. Ma con quale prevalenza funzionale? Di lavori o di fornitura?

REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI PROGETTISTI: L’APPLICAZIONE SEMPLICE DEL CODICE È NECESSARIA E SUFFICIENTE

Le linee-guida (in bozza, senza natura di fonte e di natura non vincolante) aggravano il regime ordinario già previsto da codice. Quindi, semmai, va motivato non perché non si applichino un domani le linee guida in materia, ma semmai perché le si applichino indiscriminatamente. Basta leggere il codice e recare un banalissimo esempio.

LA DICHIARAZIONE DI SUBAPPALTO ESECUTIVO NEI LAVORI: DUE PROBLEMI

1) È sanabile l’aver dichiarato un valore superiore al 30% del totale d’appalto, ovviamente con tale 30% ammesso? 2) L’operatore economico, poi, deve dichiarare subito anche la quota effettiva o questa può definirla anche in sede esecutiva?

APPALTO DI LAVORI CON CATEGORIA PREVALENTE CHE AMMONTI AL 30% DEL TOTALE D’APPALTO

La categoria prevalente è subappaltabile per il 100% del suo importo, in sede solo esecutiva ovviamente, se la disciplina di gara consente il subappalto fino al 30% del totale d’appalto?

I SERVIZI DI PROGETTAZIONE ESEGUITI PER PRIVATI, DA POTER FAR VALERE PER LA QUALIFICAZIONE

Per i servizi commissionati da privati, i certificati possono considerarsi idonei solamente se i lavori oggetto dell’incarico siano stati effettivamente eseguiti?

L’ART. 52 DEL R.D. 2537/1925

La riserva di competenza in favore degli architetti si limita a quegli interventi che riguardano scelte culturali che sono proprie delle competenze professionali degli architetti nel campo del restauro.

LA “RATIO” DELL’ART. 90, COMMA 8, D.LGS. 163/2016, OGGI TRASPOSTO NELL’ART. 24, COMMA 7, DEL D.LGS. 50/2016

Si osserva, pacificamente, che «non si tratta di eseguire appalti che derivino da una progettazione realizzata dallo stesso soggetto. La ratio della norma è chiara …

UN T.A.R. BISCHERO UN PO’ TANTO, OVVÌA!

Se per eseguire i lavori ci vuole come minimo un’attestazione-SOA sia pure in classifica I, come si fa a sostenere che nella procedura negoziata senza bando possano essere sorteggiati, al fine di individuare gli invitandi, anche soggetti non qualificati? Non siamo assolutamente d’accordo.

INTERPELLO, VERIFICA DELL’IDONEITÀ MORALE, ESCUSSIONE DELLA CAUZIONE PROVVISORIA

Va verificata l’idoneità morale dell’interpellato (D.Lgs. 163/2006, art. 140)? E, se difetta un requisito morale, è ritirabile l’aggiudicazione disposta nel sui confronti ed è escutibile la cauzione provvisoria?

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA E TUTELA DELL’AFFIDAMENTO (OVVERO I DANNI RECATI DALLA “PLENARIA”, ANNUENTI “GOVERNANCE” PER COSÌ DIRE E ANAC)

Si osserva che «il principio della tutela dell’affidamento, della buona fede e della certezza del diritto comporta che – dopo il decorso di un rilevante lasso di tempo (oltre due anni dalla ammissione) – non possa essere annullata un’aggiudicazione con conseguente esclusione dalla gara del concorrente per mancata indicazione degli oneri interni di sicurezza, …

L’INTERPELLO NEL VECCHIO CODICE

L’art. 140, d.lgs. 163/2006 consente lo scorrimento della graduatoria anche nel caso di risoluzione del contratto per grave inadempimento, grave irregolarità e grave ritardo. Ma nessuno jus variandi.

L’OFFERTA A PREZZI UNITARI

Si afferma che «la prevalenza del ribasso percentuale indicato in lettere trova applicazione solo “in caso di discordanza” con il prezzo indicato in cifre». Ma è corretto?

SOCIETÀ ORGANISMI ATTESTAZIONE

«Indicazioni interpretative sul sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici»

CONSORZIO STABILE, ATTESTAZIONE-SOA E SCADENZA INTERMEDIA

Si afferma che, «pur nella consapevolezza dell’esistenza in materia di precedenti di segno diverso, ritiene il Collegio di aderire alla giurisprudenza di impostazione più liberale e meno formalistica che ritiene che in simili fattispecie il consorzio non perda la qualificazione alla partecipazione a gare pubbliche, dato che: …

PER IL SUBRAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE ALL’INTERNO DI UN RAGGRUPPAMENTO “MISTO”, OCCORRE ANCHE L’IMPEGNO A CONFERIRE UN MANDATO “INTERNO”?

Pregevole e rara tesi, ma quante volte ne abbiamo parlato! Altra è la capogruppo per la qualificazione, altra quella (unica) per la rappresentanza. Il principio vale anche al di fuori de settore dei lavori.

“FREE” – GARE DI PROGETTAZIONE DI LL.PP.: VISTO IL PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO SULLE LINEE GUIDA DELL’ANAC, PERCHÉ NON OPTARE PER UNA QUALIFICAZIONE DELLA MASSIMA SEMPLIFICAZIONE?

Nessuna richiesta né di fatturato (ovvero nummo uno, cioè purché posseduto anche se solo per importi bassissimi), né di servizi di punta. Servizi svolti, secondo le codifiche del decreto sui corrispettivi, per importi pari allo 0,4 di quelli a base di gara.

LA “TEMPESTIVA” VERIFICA TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA

Alla fine la giurisprudenza, rispetto alla rigida tempistica prevista dal d.P.R. 207/2010, considera tempestiva la richiesta di rinnovo effettuata (cioè contrattualizzata con la SOA) entro il termine di scadenza di presentazione delle offerte.

“FREE” – AGGIORNATO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA SUI LAVORI

I LAVORI SUL MEPA: L’ANALISI DELLE PROBLEMATICHE EMERGENTI

L’IMPORTO MINIMO DEI S.A.L. COSTITUIVA UNO DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELL’OFFERTA E RELATIVAMENTE AD ESSO ERA PREVISTA L’ATTRIBUZIONE DI UN MASSIMO DI CINQUE PUNTI ...

La rinegoziazione sul punto dei termini del contratto, intercorsa fra la stazione appaltante e l’aggiudicataria, ha determinato pertanto un’inammissibile modifica postuma delle condizioni di gara, introducendo un oggettivo elemento di distorsione della concorrenza …

LA CONCLUSIONE DEL CONTRATTO D’APPALTO

Si riscontra che «il contratto d'appalto si considera concluso, solo, a seguito del collaudo, che rappresenta l'unico atto attraverso il quale la P.A. può verificare se l'obbligazione dell'appaltatore sia stata eseguita a norma, e che è indispensabile ai fini dell'accettazione dell'opera da parte della stazione appaltante, …

“FREE” – «MANUALE D’USO DEL SISTEMA DI E-PROCUREMENT»: PER L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI NEL MEPA SI APPLICA ANCORA IL VECCHIO CODICE …

«Guida all’abilitazione delle Imprese al Mercato Elettronico della P.A. per l’esecuzione di Lavori di Manutenzione»: «Data ultimo aggiornamento: 08 luglio 2016». Ma si fa ancora riferimento al D.Lgs. 163/2006.

I LAVORI SUL MEPA: IL PROBLEMA DELL’ANTICIPAZIONE

Le «condizioni generali di contratto relative all’esecuzione di lavori di manutenzione» interpretano a modo loro la disciplina sull’anticipo del prezzo. Cominciamo bene!

NON HA ALCUNA RILEVANZA CHE IL PROCEDIMENTO PER LA VERIFICA E QUELLO PER IL RINNOVO SI DIFFERENZINO TRA LORO

La richiesta di rinnovo di un’attestazione SOA, la quale comprenda una categoria già in precedenza posseduta, produce gli stessi effetti della verifica di quest’ultima e consente di partecipare alle pubbliche gare senza soluzione di continuità.

CHIARIFICATA LA NORMA SULL’INCENTIVO

Al comma 3 dell’art. 113 non si fa più riferimento alle funzioni tecniche di cui al comma 1, ma solo a quelle di cui al comma 2.

LA NECESSITÀ E LA SUFFICIENZA DEI CRITERI MOTIVAZIONALI ANCHE CON IL “CONFRONTO A COPPIE”

Si evidenzia che «le operazioni di valutazione della commissione di gara si sono svolte con il metodo del confronto a coppie delle offerte, sulla base di ben sette criteri motivazionali predeterminati: …

LA DISCIPLINA DELL’OFFERTA A PREZZI UNITARI, OGGI ABROGATA

“In caso di discordanza fra il prezzo complessivo e quello dipendente dal ribasso percentuale come indicato, tutti i prezzi unitari offerti saranno corretti in modo costante in senso più favorevole alla stazione appaltante”. Il Consiglio di Stato convalida tale clausola per un appalto di lavori con offerta a prezzi unitari ai sensi del d.P.R. 207/2010. Ma il regolamento diceva che si faceva riferimento al ribasso percentuale in lettere …

IL GRAVE ERRORE PROFESSIONALE NEL DIRITTO COMUNITARIO

All’amministrazione un margine di valutazione discrezionale in ordine alla consistenza delle condotte poste a fondamento dell’esclusione.

CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ E ATTESTAZIONE-SOA: LA GIURISPRUDENZA CAMBIA ROTTA

La funzione assegnata agli organismi SOA rispetto al sistema di qualità delle imprese è di verifica e prova della certificazione – sia pure con funzione fidefacente – ma …

LEGGE 7 LUGLIO 2016, N. 122

Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2015-2016.

“FREE” – LAVORI SUL MEPA

Ha ragione l’ANCE a lamentare la possibile mancanza di concorrenzialità in sede di richiesta di offerta. Comunque, a differenza che per servizi e forniture, non si tratta di un obbligo per le Amministrazioni. Si ribadisce, peraltro, che i Comuni non capoluogo sono tenuti al rispetto dell’art. 37, comma 4, del codice, e non delle faq dell’ANAC (ora è comunque chiaro il gioco di sponda … ). Torneremo diffusamente sul tema.  

PROFILI DI GIURISDIZIONE

Il rapporto che intercorre l'Autorità e le SOA è diverso da quello che si instaura tra queste ultime e le imprese da qualificare.

“FREE” – IL RUP SUPER-COMPETENTE PER I LAVORI, QUASI IMPOSSIBILE A TROVARSI

O è un modo anche qui per far spender soldi in attività di supporto? Ma i soldi non ci sono. Signori, qui siamo alla paralisi. Chi fermerà l’ANAC? Nessuno purtroppo.

IL PRINCIPIO DEL DIVIETO DI AVVALIMENTO PER LE “SIOS” SCORPORABILI È ESTENSIBILE ALLA CATEGORIA PREVALENTE?

«Non è ammesso l’avvalimento qualora nell’oggetto dell’appalto o della concessione di lavori rientrino, oltre ai lavori prevalenti, opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica, quali strutture, impianti e opere speciali.

L’ART. 119 DEL D.P.R. 207/2010

“L'obbligo imposto ai concorrenti dall’art. 119 del d.P.R. n. 207 del 2010 [oggi abrogato dal D.Lgs. 50/2016] di verificare le voci delle lavorazioni e forniture di cui si compone l'offerta attiene alla corrispondenza di queste con gli elaborati progettuali a base di gara, ma non si estende alle migliorie offerte”.

IL DIVIETO DI AVVALIMENTO NEI BENI CULTURALI

Si applica a tutto l’appalto, anche per categorie diverse da quelle tipiche del settore (OG 2, OS 2–A, OS 2–B e OS 25), oppure solo per queste ultime?

APPALTO MISTO DI LAVORI E SERVIZI PER LA “BONIFICA, CON MISURE DI SICUREZZA, DELLE ROGGE DEMANIALI

L’inquadramento giuridico della figura dell’intermediario di rifiuti quale mandatario senza rappresentanza.

ANAC – LAVORI SVOLTI DA CONCESSIONARI DI SERVIZI PUBBLICI

I concessionari di un servizio pubblico sono sempre tenuti ad eseguire, ovvero ad affidare a terzi, i “lavori” nel rispetto della disciplina di settore degli appalti pubblici.

SUBAPPALTO DEI LAVORI PUBBLICI E SIOS

1) Quando va indicata la terna dei subappaltatori, i medesimi possono partecipare uti singuli alla stessa procedura? 2) Per le SIOS è possibile prevedere l’obbligo di indicare la terna? 3) Il subappalto del 30% del valore di contratto assorbe anche quello delle SIOS?

AFFIDAMENTO DIRETTO “ORDINARIO”: È CORRETTO L’UTILIZZO DI PREZZARI UFFICIALI DI RIFERIMENTO, CON RIDUZIONE DEL 20 PER CENTO

Per un affidamento diretto di importo inferiore a EUR 40.000, al fine di renderlo «adeguatamente motivato», pur non configurandosi nella fattispecie una somma urgenza, è corretto far riferimento – per analogia – alla disciplina di cui all’art. 163, comma 3, secondo periodo?

L’ART. 36, COMMA 3, DEL D.LGS. 50/2016: I LAVORI A SCOMPUTO E IL PROBLEMA SE SI APPLICHI IL VECCHIO CODICE O IL NUOVO

«Per l’affidamento dei lavori pubblici di cui all’articolo 1, comma 2, lettera e), del presente codice, relativi alle opere di urbanizzazione a scomputo di importo inferiore alla soglia comunitaria, si fa ricorso alla procedura ordinaria con pubblicazione di avviso o bando di gara». Domanda: si fa riferimento alla data della sottoscritta convenzione o a quella del rilascio del permesso di costruire?

"FREE" - L’ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DELLO “STANDARD DI QUALITÀ, DI GIORGIO ASPERTI

Dalla lettura del nuovo codice (D.Lgs. 50/2016), in ragione della realizzazione delle opere a scomputo di urbanizzazione, ovvero nell’ambito di strumenti o programmi urbanistici, emerge quanto segue.

L’ART. 84, COMMA 6, DEL CODICE

La SOA ci sta perché verifica il possesso dei requisiti di qualificazione e, secondo i principi canonici del sistema unico di qualificazione, alla stazione appaltante è precluso di “fare la SOA” del caso concreto. La stazione appaltante può solo prendere atto dell’attestazione-SOA così come rilasciata. Quindi, …

L’INTERDITTIVA

“La misura dell’interdittiva antimafia può essere emessa dalla Amministrazione in una logica di anticipazione della soglia di difesa dell’ordine pubblico economico e non postula, come tale, l’accertamento in sede penale di uno o più reati che attestino il collegamento o la contiguità dell’impresa con associazioni di tipo mafioso, potendo, perciò, basarsi anche sul solo rilievo di elementi sintomatici che dimostrino il concreto pericolo (anche se non la certezza) di infiltrazioni".

ONERI DELLA SICUREZZA “DIRETTI”, “SPECIALI” E “INTERNI”

Anche nell’interpretazione più evoluta andavano indicati se la disciplina di gara era chiara nel richiederli. Oggi, col nuovo codice, quelli “interni” non possono essere più richiesti a pena di esclusione.

L’INCENTIVO NEL VECCHIO CODICE

«Art. 93, d.lgs. 12 aprile 2006, n.163. Questione di massima: 1) sulla possibilità di riconoscere l’incentivo di cui all’art. 93, d.lgs. 12 aprile 2006, n.163, in favore del responsabile unico del procedimento (RUP), anche nell’ipotesi in cui tutte le attività che la legge individua come incentivabili sia di progettazione, sia di direzione dei lavori, sia di collaudo, siano state svolte all’esterno dell’Ente …

LA CONTROVERSIA INERENTE AL COLLAUDO DI OPERE PUBBLICHE

È pacifico in giurisprudenza che spetti alla giurisdizione del giudice ordinario la controversia inerente al collaudo di opere pubbliche, atteso che detta attività rientra nell’ambito di un rapporto contrattuale che, a partire dall’aggiudicazione, è interamente disciplinato dal diritto privato ed in relazione al quale si controverte solo in materia di diritti soggettivi?

QUESITO

È vero che per acquisti di lavori di importo compreso tra EUR 1.000 e EUR eur 150.000 è possibile procedere autonomamente e direttamente, fermo restando l’obbligo di utilizzo di strumenti di acquisto e di negoziazione, anche telematici?

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA

Ancora gli ultimi colpi di coda del mostro giuridico creato dalla fantasia delle “plenarie” …

IL PROGETTO ESECUTIVO ANCHE PER LA MANUTENZIONE?

Guarda la disciplina del nuovo codice dei contratti, in relazione a quanto è restato in vigore del d.P.R. 207/2010.

INFRASTRUTTURE DI CARATTERE STRATEGICO E AUTOTUTELA FINO ALLA CADUCAZIONE DEL CONTRATTO

«L’enunciazione di un preminente interesse pubblico all’annullamento non può risolversi, e men che meno per le infrastrutture di carattere strategico, nella sola enunciazione di un interesse pubblico alla restaurazione dell’ordine giuridico violato dalle illegittimità relative alla procedura di evidenza pubblica.

LA NOZIONE DI CATEGORIA PREVALENTE NEI LAVORI PUBBLICI DAL 19 APRILE 2016

Necessariamente la categoria prevalente è anche oggi quella di importo più elevato?

L’ESECUZIONE DEI LAVORI EFFETTATA DA UN’IMPRESA SINGOLA E LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA AFFIDATA AI PROPRI PROGETTISTI INTERNI AI QUALI VENGONO ASSOCIATI DUE PROGETTISTI ESTERNI

“Non di offerta presentata da un soggetto plurimo ovvero da una ATI si è trattato bensi di un’offerta articolata dove l’operatore economico ha dichiarato di partecipare in forma singola per la parte dell’appalto avente ad oggetto l’esecuzione dei lavori e con un RTP per la sola progettazione esecutiva, dove due progettisti esterni vengono associati ai progettisti interni della medesima società”. Peraltro, per i settori speciali ...

SIOS, SUPERIORI AL 10% O AL 15%, OGGI?

Una domanda che non ha nessun fondamento.

IL PROGETTISTA INDICATO

La giurisprudenza amministrativa ha escluso la natura di concorrente del progettista indicato (e l’appalto integrato comunque non è morto …).

“FREE” – LA PROPOSTA DEL PRIVATO DI ESEGUIRE LAVORI IN LOCAZIONE FINANZIARIA, OVVERO IL LIBRO DEI SOGNI (O DELLA CORRUZIONE)

«Gli operatori economici possono presentare alle amministrazioni aggiudicatrici proposte relative alla realizzazione in concessione di lavori pubblici o di lavori di pubblica utilità, incluse le strutture dedicate alla nautica da diporto, non presenti negli strumenti di programmazione approvati dall’amministrazione aggiudicatrice sulla base della normativa vigente» (D.Lgs. 50/2016, art. 183, comma 15, primo periodo).

AVVALIMENTO, BENEFICIO DEL QUINTO, CUMULO PARZIALE DEI REQUISITI

Ormai si tratta di principi pacifici. Con l’avvalimento ci si prende anche il “quinto” (non abrogato dal D.Lgs. 50/2016). Il cumulo parziale dei requisiti, parimenti, è sempre ammesso.

UN ESEMPIO DI IRREGOLARITÀ NON ESSENZIALE, OGGETTIVAMENTE TALE DA NON RICHIEDERE UNA SUB-FASE REGOLARIZZATORIA

“Si evince chiaramente come l’impresa ausiliata abbia inteso in realtà avvalersi dell'ausiliaria anche in relazione all’attestazione SOA per altra categoria. Trattasi dunque di una mera irregolarità non essenziale, in relazione alla quale – stante il tenore di tutta la documentazione già allegata all’offerta - non era neppure necessario far ricorso al soccorso istruttorio ex art. 38 comma 2-bis D. Lgs. n. 163/2006”.

LA MODIFICA COMPATIBILE DELLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE NELL’APPALTO DI LAVORI

«Si può, in qualche misura, affermare (…) che la rettifica delle percentuali di partecipazione originariamente dichiarate per un’A.T.I. orizzontale si atteggi in modo non sostanzialmente dissimile dall’integrazione documentale attestante il possesso dei requisiti di partecipazione». Pregevolissima, condivisa, e sostenuta tesi fin da quando era entrato in vigore il penultimo soccorso istruttorio.

IL TAGLIO DELLE ALI

Vedi pronuncia (di oggi 26 aprile 2016).

“FREE” – IL NUOVO CODICE E IL SUBAPPALTO NEI LAVORI: UNA DISCIPLINA A RISCHIO DI PROCEDURA DI INFRAZIONE COMUNITARIA

Le storie si ripetono. Anche Giambattista Vico si rivolta, sconvolto, nella tomba. «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi» (Tancredi, nipote del principe di Salina).

LA QUALIFICAZIONE IN CATEGORIA PREVALENTE

Sarebbe possibile col subappalto supplire alla qualificazione in categoria prevalente (sentenza 22 aprile 2016)?

LA CARENZA DELLA RELAZIONE GEOLOGICA NEL PROGETTO DEFINITIVO E L’IRRILEVANZA DELLA VALIDAZIONE

È tutt'altro che estranea alla procedura di appalto-concorso una fase di valutazione preliminare dei progetti presentati dagli offerenti, finalizzata ad accertare eventuali carenze tecniche, cui ben possa seguire un provvedimento di non ammissione alla gara.

QUALIFICAZIONE IDONEA IN CATEGORIA PREVALENTE E COOPTAZIONE

Il caso della categoria scorporabile non posseduta e quello della cooptazione del geologo (vedi principi consolidati). A proposito: come si determinerà la categoria scorporabile dal 18 aprile p.v.?

ANOMALIA E (ATTUALE) CONCESSIONE DI SERVIZIO

La verifica di congruità dell’offerta è comunque espressione di un principio comunitario e, ancor prima, degli stessi principii generali relativi ai contratti pubblici.

IL TERMINE EX ART. 11, COMMA 6, D.LGS. NR. 163/2006

Il termine ex art. 11, comma 6, d.lgs. nr. 163/2006 non è un termine decadenziale posto a carico della stazione appaltante.

LA MANCATA VERIFICA DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

“Effettivamente, in sede di verifica sulle offerte sospette di anomalia, la stazione appaltante non ha per nulla preso in considerazione l’incidenza sull’offerta economica degli oneri per la sicurezza aziendale, come pure avrebbe dovuto fare a norma del comma 3-bis dell’art. 86, d.lgs. nr. 163/2006.”

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL PRINCIPIO DI NON RIPARAMETRAZIONE

Se il primo è fuori, non si riparametra ma si va a scorrimento al secondo (avrebbe vinto il terzo di prima). Il principio sta diventando sempre più prevalente in giurisprudenza.

IL «CONTRATTO DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO»E LA LOCAZIONE FINANZIARIA

La bozza del codice afferma che deve sempre sussistere l’«assunzione di rischio» da parte dell’operatore economico. Ma per la locazione finanziaria …

“FREE” – IL PROGETTO DEFINITIVO IN SEDE DI OFFERTA

L'appalto di progettazione ed esecuzione di lavori pubblici rimane, come ipotesi possibile, per i lavori "a scomputo" di valore comunitario. Un'eccezione alla nuova regola o una svista?

INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI SICUREZZA: ANCORA UNA SOSPENSIONE DI GIUDIZIO DA PARTE DEL CONSIGLIO DI STATO

E bravi lor signori che hanno creato il  problema. E la stazione appaltante come si regola nel frattempo?

L’INCENTIVO

“La corretta interpretazione dell’articolo 93, comma 7-ter, d.lgs. 163/2006, alla luce delle disposizioni recate dal d.l. n. 90/2014 e dei criteri individuati dalla legge delega n.11/2016, è nel senso dell’esclusione dall’incentivo alla progettazione interna di qualunque attività manutentiva, senza distinzione tra manutenzione ordinaria o straordinaria”.

IL RUP E LA VERIFICA DELL’ANOMALIA

Quanto al responsabile unico del procedimento, si tratta di una figura operativa che non solo, ex art. 10 del D. Lgs. n. 163 del 2006, ha la gestione integrale della procedura di gara, con il compito specifico di fornire alla stazione appaltante ogni elemento informativo idoneo alla corretta e consapevole formazione della volontà, ma può anche procedere …

AVVALIMENTO E QUALIFICAZIONE NEI LAVORI PUBBLICI

Il Consiglio di Stato, nel suo parere sul codice, dimostra di non avere le idee chiare sull’avvalimento della qualificazione nei lavori pubblici.

SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE PER I LAVORI: L’ANAC DOVRÀ SPIEGARE ALLE STAZIONI APPALTANTI IN CHE COSA CONSISTA «L’OBBLIGO DI EFFETTUARE CONTROLLI»

Premiata, per la qualificazione della stazione appaltante, quella che collabora ai controlli «sulla sussistenza dei requisiti»!

IL SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE DEGLI ESECUTORI DI LAVORI PUBBLICI NELLA BOZZA DEL NUOVO CODICE

«I soggetti esecutori a qualsiasi titolo di lavori pubblici di importo pari o superiore a 150.000 euro, provano il possesso dei requisiti di qualificazione di cui all’articolo 83 di regola mediante attestazione da parte degli appositi organismi di diritto privato autorizzati dall’ANAC» (art. 84, comma 1). Come sarà risolta la vexata quaestio?

ERRORE NEL PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO: NON È AFFATTO VERO CHE LE SIOS SUPERIORI AL 15% NON SOGGIACCIANO PIÙ AL DIVIETO DI SUBAPPALTO

Così recita il parere: «In particolare, l’art. 48 non contiene le disposizioni contenute nel comma 11 dell’art. 37, che prevedeva una specifica ipotesi di divieto di subappalto per opere per le quali fossero necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica. Si deve pertanto ritenere …

"FREE" - IL BARATTO AMMINISTRATIVO

La “possibilità, in base alla normativa vigente, di prevedere in un regolamento comunale ad hoc, la compensazione dei debiti avanzati da terzi consentendo a tali terzi di essere autorizzati ad eseguire opere pubbliche per l'intero importo del debito comprensivo degli interessi maturati, previa apposita progettazione interamente comunale, senza l'espletamento delle procedure ad evidenza pubblica trattandosi di compensazione (art.7 comma 8 Legge 5 giugno 2003 n.131)”?

APPALTO INTEGRATO E PROGETTISTI

Il pasticcio inestricabile che nasce quando si lascia aperta per i progettisti, in un appalto integrato, la possibilità di far ricorso alla figura formale del raggruppamento …

IL T.A.R. DEL LAZIO BOCCIA L’ANAC SUL CARATTERE SOSTANZIALMENTE OGGETTIVO DELLA “GRAVITÀ” DELLA COLPA (LE SENTENZE CHE GLI ALTRI PORTALI NON VI DANNO)

Secondo l’ANAC qualsiasi omissione di controllo che dà luogo all’utilizzo di documentazione, poi rivelatasi non veritiera al fine del conseguimento di una attestazione di qualificazione, si connota in quanto tale del requisito della gravità, essendo i relativi effetti espandibili all’intero periodo di validità dell’attestazione. Tesi bocciata dal giudice amministrativo.

L’ART.37, COMMA 19 DEL D.LGS. N.163 DEL 2006

La norma attiene alle ATI, e non ai casi di avvalimento, e riguarda inoltre la fase di esecuzione del contratto.

“BEL BELLO” UN T.A.R. AFFERMA IMMEDIATAMENTE IL CARATTERE «INIQUO» DELLA “PLENARIA” SULL’INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA …

«Si tratta peraltro di un orientamento in qualche misura innovativo, l’adesione al quale per fattispecie pregresse (come la presente) appare, ad avviso del Collegio, iniquo».

LA "LEX SPECIALIS" CONTIENE UN ERRORE MATERIALE, CHE SI È RIVERBERATO ANCHE SULL’OFFERTA DELL’AGGIUDICATARIA

«Nella fattispecie un simile errore non può portare all’esclusione dell’ATI aggiudicataria, dal momento che a quest’ultima non può essere imputato di aver violato alcuna prescrizione della legge di gara che richiede il possesso della qualificazione nelle categorie descritte dallo stesso, tra le quali rientra anche la categoria prevalente OG2, che la stazione appaltante non risulta avere indicato correttamente nel suo importo».

IL TERMINE MASSIMO PER IMPUGNARE (30 + 10) E IL VERBALE DI SOPRALLUOGO

Ma il sopralluogo “reale” è adempimento che può sempre essere richiesto …

OFFERTA A PREZZI UNITARI E INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

“Può concludersi che nel caso di specie (in cui erano stati indicati, come prescritto dalla normativa di gara, nella ridetta colonna 11, gli oneri di sicurezza intrinseci) nessuna violazione dell’art. 87, comma 4, del d. lgs. n. 163 del 2006 o della lex specialis (comportante l’esclusione dalla gara ex art. 4.1., lett. g), del disciplinare) fosse stata posta in essere dall’operatore economico”.

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA

Questo Consiglio di Stato di oggi 22 marzo 2016 aderisce alle “plenarie” e basta.

RECESSO E NON REVOCA DOPO LA STIPULAZIONE (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

Intervenuta la stipulazione del contratto per l’affidamento dell’appalto di lavori pubblici, l’amministrazione non può esercitare il potere di revoca dovendo operare con l’esercizio del diritto di recesso.

L’ART. 82, COMMA 3-BIS, DEL CODICE, OVVERO UNA NORMA DA NON APPLICARE … (NEL NUOVO CODICE NON C’È)

“Anche se i costi del personale sono indicati come non ribassabili (in una gara da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso), ciò non impedisce che, qualora l’impresa dimostri di poter sostenere (per tale voce di costo) oneri inferiori, possa comunque compensare, con le eventuali (dimostrate) relative economie, i costi da sostenere per le altre voci (o possa anche conseguire un utile maggiore)”.

ANAC, LAVORI, QUALIFICAZIONE

Ulteriori precisazioni in merito al “Manuale sulla qualificazione per l’esecuzione di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro”.

APPALTO INTEGRATO: QUALI VARIAZIONI AL PROGETTO A BASE DI GARA?

Quando non si altera l’identità al progetto a base di gara.

LE VARIANTI IN SEDE DI OFFERTA

“In via generale, nelle gare pubbliche, ai sensi dell'art. 76 del Codice contratti pubblici, le varianti progettuali migliorative riguardanti le modalità esecutive dell'opera o del servizio sono ammesse, purché non si traducano in una diversa ideazione dell'oggetto del contratto”. Sì, ma non basta!

IL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO

Il subappalto è un istituto che attiene alla fase di esecuzione dell'appalto (e che rileva nella gara solo negli stretti limiti della necessaria indicazione delle lavorazioni che ne formeranno oggetto), di talché il suo mancato funzionamento (per qualsivoglia ragione) dev'essere trattato alla stregua di un inadempimento contrattuale.

PROGETTISTA “JUNIOR” E OBBLIGO DICHIARATIVO EX ART. 38 DEL CODICE

“Per costante giurisprudenza, la presenza di giovani professionisti nei gruppi concorrenti ai bandi relativi ad incarichi di progettazione, concorsi di progettazione, concorsi di idee, non implica alcun obbligo dichiarativo, ex art. 38 del d.lg. n. 163/2006, a carico degli stessi”.

LA NECESSITÀ DI INDIVIDUARE CORRETTAMENTE LA CATEGORIA PREVALENTE

Avviso di gara illegittimo, per erronea individuazione della categoria prevalente di qualificazione.

LA BOZZA DEL NUOVO CODICE: PER I LAVORI RIMANE IL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER IMPORTO DA EUR 150.000 IN SU

“I soggetti esecutori a qualsiasi titolo di lavori pubblici di importo pari o superiore a 150.000 euro, provano il possesso dei requisiti di qualificazione di cui all’articolo 83 di regola mediante attestazione”. Ma saprà poi l’ANAC dedurre ...

L’INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI, NEI LAVORI

L’istituto della sospensione c.d. “impropria” del giudizio principale, per la pendenza della questione di conformità di una norma nazionale a quelle dell’Unione Europea, applicabile in tale processo ma sollevata in una diversa causa.

“FREE” – ANAC – COMUNICATO DEL PRESIDENTE SUL RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI SULLE VARIANTI IN CORSO D’OPERA

«Pubblicato il Comunicato del Presidente del 17 febbraio 2016 che fornisce indicazioni sull’applicazione delle norme sugli obblighi di trasmissione all’Anac delle varianti in corso d’opera (art. 37, d.l. 24 giugno 2014, n. 90 convertito in legge 11 agosto 2014, n. 114).

LA CESSIONE ALL’APPALTATORE, IN CORRISPETTIVO DEL CONTRATTO, DI UN BENE IMMOBILE DI VALORE SUPERIORE AI LAVORI DA ESEGUIRE

“L’art. 53 comma 6 del D.Lgs. n. 163/2006 non ammette la possibilità di cedere all’appaltatore, in corrispettivo del contratto, un bene immobile di valore superiore ai lavori da eseguire, poiché darebbe luogo ad una illegittima obbligazione di pagamento nei confronti della stazione appaltante non assistita da procedura autonoma”. Quid juris?

ELENCO ANNUALE E DIFETTO DEL PROGETTO PRELIMINARE

“L’inserimento del progetto di costruzione del nuovo asilo, nell’elenco annuale dei lavori, è avvenuto senza la disponibilità del progetto preliminare (che era in corso di predisposizione)”. Quid juris?

L’ART. 53, COMMA 6, DEL D.LGS. 163/2006

"Con il primo gruppo di censure (motivi 1 e 2 del ricorso introduttivo e punto 2 del ricorso per motivi aggiunti) viene dedotta violazione dell’art. 53 comma 6 del D.Lgs. n. 163/2006, dell’art. 58 del D.L. n. 112/2008, nonché eccesso di potere sotto molteplici profili, in quanto l’attuale asilo deve considerarsi bene strumentale all’esercizio delle funzioni comunali, per cui non presenta le caratteristiche di inservibilità per essere dismesso”.

SAREBBE LA NORMATIVA NAZIONALE E NON IL C.D.S. A IMPORRE NEI LAVORI L’OBBLIGO DI INDICARE GLI ONERI DELLA SICUREZZA …

Poiché, secondo il Consiglio di Stato, è la «normativa nazionale che impone al concorrente di indicare nell’offerta economica, a pena di esclusione, gli oneri di sicurezza aziendale» (sic), il C.d.S. medesimo sospende il giudizio.

MA QUALCUNO CONTROLLA IL RISPETTO DELLA FUNZIONE NOMOFILATTICA DELLA “PLENARIA”?

La “plenaria” di novembre 2015 aveva detto che in caso di subappalto qualificatorio nei lavori (a maggior ragione nei servizi, vero ANAC?) basta solo la dichiarazione di subappalto (che peraltro, se mancante, sarebbe solo una “irregolarità essenziale”) e oggi un Consiglio di Stato, “bel bello”, afferma tranquillamente il contrario! Entra e leggi con i tuoi occhi.

IL TAGLIO DELLE ALI

La disposizione regolamentare costituisce una esplicitazione della norma primaria.

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA E ATTESTAZIONE-SOA

Il principio tradizionale secondo cui il possesso dei requisiti di ammissione si impone a partire dalla presentazione della domanda di partecipazione e per tutta la durata della gara.

INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA AZIENDALE NEI LAVORI: E SIAMO A QUATTRO!

Quarta rimessione alla Corte di Giustizia! Complimenti al nostro Consiglio di Stato in funzione nomofilattica. Il «Collegio formula il seguente quesito interpretativo:

L’APPROFONDIMENTO DEL PROGETTO DI LAVORI

Sono rimesse alle valutazioni tecniche del progettista le scelte degli approfondimenti specialistici da svolgere?

L’INCOMPETENZA DELL’INGEGNERE “JUNIOR” A FIRMARE L’ELABORATO TECNICO TRAVOLGE L’AGGIUDICAZIONE DELL’APPALTO

Per il settore ingegneria civile ed ambientale l’ingegnere “junior” può svolgere attività di collaborazione esclusivamente con riguardo ad opere edilizie (cioè le opere, lavorazioni e interventi che mirano a realizzare, modificare, riparare o demolire, di norma, un edificio, e che, comunque individuate, devono essere finalizzate alla realizzazione dello stesso comprese le opere pubbliche) ed attività autonoma per le costruzioni civili semplici. 

INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA AZIENDALE NEI LAVORI

Terza rimessione alla Corte di Giustizia! Al Consiglio di Stato in “plenaria” la funzione nomofilattica dell’ordinamento, ai T.A.R. quella profilattica. I bookmakers danno la convalida della tesi delle due “plenarie” a 10.000/1. Cioè, se puntiamo EUR 1,00 sulla convalida della linea nomofilattica si guadagnerebbero EUR 10.000. Il nostro consiglio pratico è di non buttar via neanche un euro.

RICALCOLO DELLA MEDIA PER L’ESCLUSIONE AUTOMATICA E QUESTIONE DEL SORTEGGIO PER OFFERTE PARI

Nel caso di rifacimento della gara e di non modificazione del risultato in seguito al ricalcolo della media delle offerte, va ripetuto il sorteggio tra i medesimi concorrenti che hanno offerto il medesimo ribasso? La norma sulla consolidazione della graduatoria non c’entra niente, …

“FREE” – LAVORI COL NUOVO CODICE

L’attestazione-SOA non servirà fino a sotto un milione di euro?

L’AVVALIMENTO PER IL PROGETTISTA NEL CASO DI APPALTO INTEGRATO

Alla Corte di Giustizia la questione se sia compatibile con la pertinente normativa comunitaria (art. 48 direttiva CE 31 marzo 2004, n. 18) una norma come quella di cui all’art. 53, comma 3, d.lgs. 16 aprile 2006, n. 163, che ammette alla partecipazione un’impresa con un progettista “indicato” che, secondo la giurisprudenza nazionale, non essendo concorrente, non potrebbe ricorrere all’istituto dell’avvalimento.

L’AVVALIMENTO DELLA CAT. OG 2

È paradigma di ogni altro avvalimento di attestazione-SOA.

OFFERTA-TEMPO, OGGETTIVAMENTE RIDETERMINATA IN SEDE DI VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

“Poiché i 75 giorni offerti dall’A.T.I. corrispondono in realtà a 150 “turni unici”, ovvero a 150 giorni “naturali e consecutivi”, l’offerta temporale della stessa, ai fini della valutazione della sua congruità, deve essere in realtà considerata pari a 150 giorni, corrispondente ad una riduzione effettiva del 42%, e non del 75%, rispetto ai tempi a base di gara”.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E MASSIMO RIBASSO

“La stazione appaltante aveva previsto che avrebbe applicato “analogicamente” il criterio del massimo ribasso «sull’elenco dei prezzi unitari», previsto dall’art. 111, comma 1, lett. a), d.P.R. n. 207/2010 per i contratti «da stipulare a misura», nell’ambito di una gara in cui, invece, il criterio prescelto era quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa e nella quale il corrispettivo era fissato a corpo”. Quid juris?

“FREE” – MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA

Te la dà questo T.A.R. la funzione nomofilattica! Altra rimessione alla Corte di Giustizia (dopo il T.A.R. Piemonte).

PROGETTAZIONE DI LAVORI PUBBLICI

L’autorizzazione paesaggistica e la relazione sismica.

RISCONTRATO MANCATO SOPRALLUOGO DELL’AGGIUDICATARIO E QUESTIONE DEL SOCCORSO ISTRUTTORIO, A SEGUITO DI AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA CON PREZZO PIÙ BASSO AD ESCLUSIONE AUTOMATICA

1) Se manca la richiesta attestazione di avvenuto sopralluogo, può essere dato il nuovo soccorso istruttorio? 2) E, se la risposta è negativa, si ricalcola la media visto che l’aggiudicazione definitiva era stata già assunta?

SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI IMPORTO INFERIORE A EUR 100.000, OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA E ANOMALIA

“Nella fattispecie, risultando rispettato il limite di ribasso del 30% fissato dalla lettera di invito, si sarebbe potuta al più avviare una verifica rimessa all’autonoma iniziativa dell’ente, che non ha però ritenuto sussistenti le condizioni particolari per promuoverla, né il ricorrente ha del resto fornito elementi utili in tal senso”.

LE QUOTE IN CASO DI RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTISTI DI LL.PP.

Il principio di “non corrispondenza” è corretto, ma va mitigato da due limiti da rispettare.

LA RISERVA ALL’ARCHITETTO NON È ASSOLUTA

La norma: “le opere di edilizia civile che presentano rilevante carattere artistico ed il restauro e il ripristino degli edifici contemplati dalla L. 20 giugno 1909, n. 364, per l’antichità e le belle arti, sono di spettanza della professione di architetto; ma la parte tecnica ne può essere compiuta tanto dall’architetto quanto dall’ingegnere”.

QUANDO NON È POSSIBILE CONCEDERE NEPPURE IL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO

“L’analisi dei prezzi unitari costituisce, ai sensi dell’art. 33, comma 1, lett. i) d.P.R. n. 207/2010, uno dei documenti integranti il progetto esecutivo, e appare ragionevole, oltre che coerente con il principio di proporzionalità, richiederne la produzione da parte delle imprese concorrenti”.

APPALTO DI LAVORI “SOTTO SOGLIA”, DI IMPORTO INFERIORE A UN MILIONE DI EURO

Nel caso specifico, il disciplinare di gara individuava il criterio di aggiudicazione, senza alcun riferimento alla esclusione automatica delle offerte anomale, limitandosi a prescrivere che, dopo l’apertura delle buste contenenti l’offerta economica, la commissione avrebbe dovuto individuare quelle anormalmente basse ai sensi dell’art. 86, primo comma, del codice. Quid juris?

DOCUMENTI NON ACCESSIBILI

L’art. 13 del D.Lgs. 163/06 equipara le relazioni del direttore dei lavori ai pareri legali acquisiti dai soggetti tenuti alla applicazione del codice stesso, non ostensibili neppur essi.

“FREE” – SENTENZE “FOTOCOPIA” PER LA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI

Principio ad applicazione retroattiva e nessun soccorso istruttorio. Alla grande! La sentenza è di oggi 3 febbraio 2016.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL COMPUTO METRICO NELL’OFFERTA TECNICA

Nella fattispecie, non «sussiste la violazione del principio di segretezza dell’offerta economica.

LA BEFFA, PER L’IMPRESA, DI UN’INTERPRETAZIONE IRRAGIONEVOLE DELL’«ESCLUSIONE AUTOMATICA»

Tesi più unica che rara. Se si segue tale tesi, allora, anche con l’«esclusione automatica» vanno fatti indicare i costi interni della sicurezza … Guarda tutta la sentenza (con note infratesto).

MANDANTE IN “ORIZZONTALE”, BENEFICIO DEL QUINTO, PREQUALIFICA

In caso di raggruppamento, per la mandante il beneficio  non scatta comunque, a differenza che per l’operatore economico che concorre da solo (principio pacifico). La mandante deve avere almeno il 10%, anche se deputata ad eseguire una quota inferiore. La prequalifica come avente una finalità sostanziale (così come del resto riconferma anche l’ultima direttiva.

COOPTAZIONE E SOTTOSCRIZIONE

La sottoscrizione resa per eccesso di scrupolo dalla cooptata: diventa per questo mandante non qualificata?

“FREE” – COSTI DELLA SICUREZZA E SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NEI LAVORI

Il Consiglio di Stato di oggi 29 gennaio 2016 ribadisce i principi dell’ultima “plenaria” di novembre. Ma per i costi della sicurezza, con l’esclusione automatica se adottata per importo fino a EUR 1.000.000, che si fa?

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

Manca la relazione geologica e il team dei progettisti non reca l’indicazione della figura del geologo?

LA COOPTAZIONE

Va vista «nella cooptazione una specifica tipologia attenuata di associazione, laddove il temperamento degli obblighi imposti all’impresa cooptata può infatti riferirsi …

IL GLOBAL SERVICE INERENTE AL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI STRADE E PIAZZE

Un istituto a forte rischio di lesione dei principi della concorrenza.

“FREE” – OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA QUESTIONE DELLA FIRMA DEL PROGETTISTA.

Secondo l’ANAC la firma del progettista ci va, secondo noi la questione va precisata. Non si trattava di un appalto di progettazione ed esecuzione, ma di lavori di sola esecuzione. Ma la questione non è neppur questa.

LA DICHIARAZIONE DI SUBAPPALTO CONTESTATA

La dichiarazione di voler riservarsi la facoltà di subappaltare nei limiti di legge resa sul modello prestampato configura una dichiarazione priva di rilievo giuridico, in quanto nascente già subordinata alla condizione della previa conformità a legge.

“ANAC” – PARERE N. 228 DEL 16 Dicembre 2015

Ai sensi dell’art. 10, comma 2, del d.p.r. 207/2010, nel settore dei contratti pubblici, il responsabile del procedimento assume il ruolo di responsabile dei lavori ex art. 89 del d.lgs. 81/2008 ai fini del rispetto delle norme in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro.

LA NECESSITÀ DEL POSSESSO CONTINUATO DEI REQUISITI DI QUALIFICAZIONE, CHE VALE ANCHE PER L’INTERPELLO EX ART. 140 DEL CODICE

Va «ribadito il consolidato indirizzo (dal quale non si ravvisano ragioni per discostarsi) secondo cui i requisiti generali e speciali devono essere posseduti dai candidati non solo alla data di scadenza del termine per la presentazione della richiesta di partecipazione alla procedura di affidamento, ma anche …

LA QUALIFICAZIONE IDONEA IN CATEGORIA PREVALENTE

Si rileva che, «ai fini della partecipazione alla gara, è sufficiente il possesso della qualificazione nella categoria prevalente (quando il concorrente, singolo o associato, non la possieda anche per le categorie scorporabili), purchè per l’importo totale dei lavori, e che non è, quindi, necessaria, in tale situazione, …

L’ART. 106 DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL CODICE

“L’obbligo di consegnare la delega a pena di esclusione non rappresenta un’ipotesi espulsiva non contemplata dalla legge, bensì una diretta conseguenza dell’art. 106 del D.P.R. 207/2010 che tale obbligo impone”. Quid juris?

COSTI INTERNI DELLA SICUREZZA STIMATI DALLA STAZIONE APPALTANTE

Non sanzionabile con l’espulsione il concorrente che non abbia indicato, nell’ambito di un appalto di lavori, l’incidenza dei costi di sicurezza già puntualmente predeterminati dalla stazione appaltante.

INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI E SOGLIA DI ESCLUSIONE AUTOMATICA

Una tesi del tutto immotivata (per fortuna altro giudice amministrativo la pensa diversamente).

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: CONFRONTO A COPPIE E RICOSTRIBUILITÀ DELL’ITER MOTIVAZIONALE

“È proprio l’impossibilità del preliminare accertamento della correttezza dell'applicazione del metodo del confronto a coppie o dell’eventuale uso distorto o irrazionale del medesimo che rende illegittimo l’operato della stazione appaltante” (la giurispridenza che condiviamo).

L’APPALTO INTEGRATO E LA CONFIGURAZIONE GIURIDICA DEL TEAM DI PROGETTAZIONE

Le illogicità interpretative che vengono fuori quando si ammette che il team di progettisti – che non assumono la natura di concorrenti, secondo la tesi prevalente – possa assumere la natura di raggruppamento con l’applicazione della relativa disciplina.

LA POSIZIONE DEL RESTAURATORE NELL’APPALTO INTEGRATO

Il restauratore avrebbe dovuto, a pena di esclusione dell’offerta, essere indicato nell’ambito del gruppo di progettazione?

LA RILEVANZA DELL’ELENCO PREZZI ANALITICO

In caso di appalto a corpo, la mancata indicazione dei prezzi unitari secondo il prezziario vigente determina la violazione di clausole essenziali?

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI IN UNA GARA DI LAVORI

Niente da fare! Nessuna tutela dell’affidamento incolpevole dell’aggiudicatario. Una vergogna, ma non c’è niente da fare. E quando si pronuncerà la Corte di Giustizia sarà già troppo tardi …

FINALMENTE PREVALE LA RAGIONEVOLEZZA INTERPRETATIVA DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO (IN DISPARTE, AL SOLITO, IL T.A.R. TOSCANA)

È da quel dì che nei seminari di formazione veniamo affermando che, con il prezzo più basso ad esclusione automatica, è naturaliter inapplicabile l’espulsione secca dell’offerente che non abbia indicato i costi interni della sicurezza. E quindi è nulla un’eventuale clausola di bando che li richieda a pena di esclusione.

COOPTAZIONE E (ECCESSO DI) FAVOR NELL’INTERPRETAZIONE DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO

“Si sostiene che l’aggiudicataria doveva essere esclusa in quanto ha partecipato insieme ad altro soggetto indicato come cooptato mentre la sua partecipazione al procedimento è stata pari a quella di un associato nell’ambito di un raggruppamento, senza rispettare quanto necessario per costituire l’associazione temporanea”. Quid juris?

REVOCA DI GARA A SUO TEMPO PROGRAMMATA

“Gli atti di revoca della gara sono in contrasto con la programmazione delle opere pubbliche allora vigente”. Quid juris?

LA NUOVA GIUNTA COMUNALE REVOCA UNA PROVVISORIA AGGIUDICAZIONE ASSUNTA DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE

“Il Comune ha revocato l’aggiudicazione provvisoria già disposta, procedendo a nuova programmazione delle opere pubbliche, con la Giunta peraltro e non con il Consiglio”. Quid juris?

LA RATIO DELLA DICHIARAZIONE EX ARTICOLO 118, COMMA 2, D.P.R. N. 207/2010

La finalità sottesa alla disposizionenon richiede formule sacramentali, ma dichiarazioni dal tenore inequivoco. Pertanto, massimo soccorso istruttorio.

L’APPLICAZIONE DEI PRINCIPI GIURISPRUDENZIALI IMPRONTATI ALLA MASSIMA PARTECIPAZIONE DELLE IMPRESE ALLE GARE E AD ALLA CORRETTA APPLICAZIONE DEL SOCCORSO ISTRUTTORIO

La dichiarazione del ribasso unico percentuale, rilasciata dal rappresentante del raggruppamento risultato aggiudicatario nella seduta pubblica di gara, non ha comportato alcuna operazione manipolativa o di adattamento dell’offerta, ma il risultato di una mera operazione aritmetica.

LA STAZIONE APPALTANTE SI RIVALE SULL’AGGIUDICATARIO ILLEGITTIMO

L’aggiudicatario illegittimo ha impugnato il provvedimento di recupero con cui la stazione appaltante, dopo aver adempiuto all’obbligo di risarcimento del danno verso l’aggiudicatario legittimo, ha esercitato la rivalsa, mediante ritenute mensili, su parte delle somme dovute a titolo di corrispettivo dell’appalto in corso di esecuzione (contratto non dichiarato inefficace per prevalenti ragioni d’interesse pubblico). Quid juris?

LAVORI PUBBLICI, PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA, OBBLIGO NOMOFILATTICO DI INDICARE I COSTI AZIENDALI DELLA SICUREZZA, SILENZIO DELLA DISCIPLINA DI GARA SUL PUNTO, TUTELA DELL’AFFIDAMENTO

Rimessione della questione alla Corte di Giustizia. Nei servizi, peraltro, si sta assistendo a un Consiglio di Stato (anche se tuttora minoritario) che da poco sta invocando il principio previsto dalla “plenaria” per i lavori. 

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA COMPETENZA DELLA COMMISSIONE

“Non è, in particolare, necessario che l'esperienza professionale di ciascun componente copra tutti gli aspetti oggetto della gara, potendosi le professionalità dei vari membri integrare reciprocamente, in modo da completare ed arricchire il patrimonio di cognizioni della commissione, purché idoneo, nel suo insieme, ad esprimere le necessarie valutazioni di natura complessa, composita ed eterogenea” (principio consolidato).

L’APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE E DELL’AGGIORNAMENTO ANNUALE

La puntuale scansione procedimentale prevista dal legislatore ai fini dell’approvazione del programma triennale dei lavori pubblici e del relativo aggiornamento annuale.

RILASCIO DI ATTESTAZIONE-SOA E AUTORITÀ CONDANNATA A PAGARE EUR 2.500 DI SPESE DI GIUDIZIO

“Secondo l’Autorità qualsiasi omissione di controllo che dà luogo all’utilizzo di documentazione, poi rivelatasi non veritiera al fine del conseguimento di una attestazione di qualificazione, si connota in quanto tale del requisito della gravità, essendo i relativi effetti espandibili all’intero periodo di validità dell’attestazione. Al riguardo il Collegio ritiene, invece, di poter condividere le specifiche censure svolte dalla società ricorrente.”

L’ARTICOLO 37, COMMA 19, DEL CODICE, SI RIFERISCE ANCHE ALLA FASE SUCCESSIVA ALL’AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA?

Può applicarsi la disposizione dell’articolo 37, comma 19, del codice, non essendo stato il contratto ancora stipulato? Sì, secondo questa tesi innovativa.

FRAZIONAMENTO ARTIFICIOSO DEI LAVORI, PER POTER STARE IN UN IMPORTO NON SUPERIORE A EUR 200.000 AL FINE DI POTERSI PROCEDERE CON COTTIMO

In materia di aggiudicazione degli appalti pubblici, il risarcimento del danno da attività amministrativa illegittima non è subordinato al carattere colpevole di tale violazione (principio consolidato).

“FREE” – I COSTI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI, IN CASO DI ADOZIONE DEL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DEL PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA

Rimane l’inghippo del momento. Praticamente, allo stato, è un problema il cui rischio giuridico non è annullabile neppure con un’idonea previsione di disciplina di gara.

“FREE” – L’ESISTENZA DEI PIANI INDIVIDUALI DI EMERSIONE DEL LAVORO SOMMERSO DI CUI ALL’ART. 1-BIS, COMMA 14 DELLA L. N. 383/2001 E S.M.I.

C’è qualche stazione appaltante che ancora prevede in disciplina di gara la causa di esclusione in questione, ritenuta sussistente. Ce lo hanno segnalato. E vabbè!   

ASSOGGETTAMENTO A LIQUIDAZIONE VOLONTARIA DELLE CONSORZIATE

La messa in liquidazione volontaria di una delle imprese consorziate determina il difetto di legittimazione alla partecipazione alle gare del consorzio, ovvero la perdita dei requisiti di partecipazione?

L’ESCLUSIONE DAL RIBASSO DI UNA SOMMA SUPERIORE A QUELLA RICHIESTA

“In sede di offerta si dichiara di assumere l’esecuzione dei lavori, mediante il seguente ribasso percentuale: in cifre 26,542, a cui si sommano € 792.038,12 per l’incidenza manodopera ed € 30.000,00 per oneri per le misure di sicurezza aziendali, oltre ad € 28.000,00 per oneri per la sicurezza espliciti non soggetti a ribasso”. Offerta da ammettersi o da escludersi?

CONSORZIO STABILE E SUA POSSIBILITÀ DI DARE AVVALIMENTO

“Sarebbe illogico e contrario al quadro normativo che i consorzi stabili siano qualificati in proprio sulla base delle qualificazioni possedute dalle consorziate solo ai fini della loro partecipazione diretta alle gare, dovendo essere considerati invece privi di quegli stessi requisiti di qualificazione in ipotesi di avvalimento degli stessi”.

QUALIFICAZIONE DA POSSEDERSI IN CATEGORIA PREVALENTE E SUBAPPALTO QUALIFICATORIO

La qualificazione in categoria prevalente non può essere dimostrata col subappalto qualificatorio (principio consolidato).

IL SUBENTRO, QUANDO NON È APPLICABILE L’ART. 140 DEL CODICE

Non potendo trovare applicazione, nel caso di specie, la norma sancita dall’art. 140 del codice dei contratti, deve farsi applicazione del principio generale per cui i ribassi da praticarsi sono quelli …

ART. 48 DEL CODICE

La concessione di un termine per comprovare il possesso dei requisiti dichiarati è conseguenza dell’applicazione doverosa del principio di soccorso istruttorio a tutela dell’affidamento incolpevole ingenerato dalla stessa amministrazione.

PROCEDURA RISTRETTA E SUBAPPALTO QUALIFICATORIO

Se manca in sede di prequalificazione la qualificazione tramite subappalto, il soggetto può essere escluso?

ELENCO DELLE IMPRESE DA INVITARE PER LA PROCEDURA NEGOZIATA NEI LAVORI

La sorteggiata invitata dall’elenco può far riferimento all’avvalimento di attestazione-SOA? Guarda il caso.

I PRINCIPI DELLA QUALIFICAZIONE, IN IPOTESI DI DIFETTO DI POSSESSO DELLE SCORPORABILI SUBAPPALTABILI

Tali principi possono essere compendiati «con il richiamo all’indirizzo espresso dalla giurisprudenza amministrativa che il Collegio ritiene di fare proprio …

ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA DA INDICARSI A PENA DI ESCLUSIONE ANCHE CON IL PREZZO PIÙ BASSO AD ESCLUSIONE AUTOMATICA! LA FORMALISTICA TESI DEL T.A.R. TOSCANA

Questa non si può lasciar passare così! Vada bene per il massimo ribasso assoluto, vada bene per l’offerta economicamente più vantaggiosa. Ma che sia esclusa l’aggiudicataria per non averli indicati, con soglia di esclusione automatica scattata, è del tutto formalistico. Che ci faceva la stazione appaltante con tali oneri, anche ove fossero stati indicati? Niente, assolutamente niente.

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE: I PROGETTISTI INDICANO ERRONEAMENTE LE CATEGORIE DI LAVORI PER LA LORO QUALIFICAZIONE

I requisiti erano in realtà posseduti, ma in documentazione amministrativa era stata data un’indicazione erronea. Ferma rimanendo la sanabilità della suddetta carenza, l’irregolarità è «essenziale» o no? Money or no money? This is the problem!

SEMPRE QUESTI ONERI DELLA SICUREZZA, NEI LAVORI

L’affidamento dell’operatore economico sui contenuti della lex specialis per un appalto di lavori, sotto il profilo che questa nulla disponeva circa l’indicazione in sede di offerta degli oneri interni di sicurezza? Nessun affidamento da tutelare, sorry! Na cosa nova.

L’ABBAGLIO DELLA “PLENARIA” PER GLI ONERI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI

L’abbaglio della “plenaria” è stato quello di credere che nei servizi la giurispudenza sull’art. 87, comma 4, secondo periodo, fosse ancora quella anteriore al principio di tassatività delle cause di esclusione. Lo dice, con candore, il Consiglio di Stato di oggi 24 novembre 2015. E l’equivoco continua. Anzi, c’è caso, che si estenda anche ai servizi.

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERA 6 AGOSTO 2015

Programma delle infrastrutture strategiche (Legge 443/2001 e s.m.i.). Approvazione schema protocollo di legalità

ONERI INTERNI DELLA SICUREZZA NON INDICATI IN UNA GARA DI LAVORI: ECATOMBE E CAOS INTERPRETATIVO

Tre sentenze di oggi 20 novembre 2015 dello stesso T.A.R. applicano il principio della non concessione del soccorso istruttorio (che piaccia o no, è così). La quarta, dello stesso T.A.R., concede l’errore scusabile: e no! Questo è caos interpretativo, anche se il modello per la presentazione dell’offerta non conteneva la casella per l’indicazione di tali oneri. Vergogna smisurata del legislatore che non interviene!

ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI: LA SECONDA “PLENARIA” NEGA QUALSIASI “FAVOR”

Secondo un T.A.R. del 9 novembre 2015 «è desumibile il principio secondo cui, relativamente alle gare svoltesi prima dell'intervento interpretativo della Adunanza Plenaria sulla questione de qua, la mancata indicazione nel contesto dell'offerta degli oneri di sicurezza aziendali non sia suscettibile di dare luogo tout court all'esclusione dell'impresa». Ma la pronuncia non tiene conto del carattere tranciante della seconda “plenaria”, quella del 2 novembre.

“FREE” – LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ PER RIDURRE L’IMPORTO DELLA CAUZIONE PROVVISORIA NEI LAVORI PUBBLICI

Le norme del codice dei contratti pubblici subordinano la fruizione del beneficio del dimezzamento della cauzione …

I COSTI DELLA SICUREZZA AZIENDALI NEI LAVORI

Sono richiesti a pena di esclusione (ma solo nei lavori). Purtroppo, si applica quanto sciaguratamente previsto dalla plenaria del 2 novembre 2015, n. 9: «non sono legittimamente esercitabili i poteri attinenti al soccorso istruttorio, nel caso di omessa indicazione degli oneri di sicurezza aziendali, anche per le procedure nelle quali la fase della presentazione delle offerte si è conclusa prima della pubblicazione della decisione dell’Adunanza Plenaria n. 3 del 2015».

LA DICHIARAZIONE ED D.P.R. 207/2010, ART. 118, COMMA 2, E IL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO

La sua mancanza non comporterebbe esclusione secca per difetto di offerta consapevole, ma addirittura un’irregolarità non essenziale ... Il problema, al solito, va risolto sul piano pratico.

LA VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA CON IL PREZZO PIÙ BASSO AI SENSI DELL’ART. 118 DEL REGOLAMENTO

Si può sostenere che, nell’appalto in cui il criterio di aggiudicazione è quello del massimo ribasso percentuale sui lavori da eseguirsi a corpo, diversamente da quanto accade nel sistema del ribasso mediante offerta a prezzi unitari, non sarebbe inibita, in sede di giustificazioni, la modificazione dell’offerta alla luce di sopravvenienze attive fondate su una soprastima dei costi? Che cosa significa che il computo metrico-estimativo non ha valore negoziale?

ESCLUSIONE DEI PRIMI OTTO E AGGIUDICAZIONE ALL’ULTIMO DI UN QUALCOSA DI DIVERSO …

“Il Comune non ha annullato la gara, pur avendone riscontrato la illegittimità, ma ha escluso da essa i primi otto concorrenti per aggiudicare all’ultimo classificato un appalto con un oggetto parzialmente diverso da quello messo a concorso” …

APPALTO INTEGRATO E AVVALIMENTO DEI REQUISITI PROGETTUALI

Si riapre la questione, in senso positivo …

“FREE” – DECRETO 19 giugno 2015

Disposizioni in merito alla sottoposizione dei progetti alla valutazione tecnico - economica del Consiglio superiore dei lavori pubblici.

“FREE” – LAVORI: LA “PLENARIA” SI PRONUNCIA SUL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO E SULLA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA AZIENDALI

Sul primo punto abbiamo avuto ragione, sul secondo no e ne prendiamo atto. Ma non dare il soccorso istruttorio sul secondo punto, laddove per i servizi sarebbe nulla una clausola che imponga l’indicazione degli oneri interni della sicurezza a pena di esclusione, è semplicemente assurdo. Ma, obtorto collo, ci inchiniamo alla funzione nomofilattica del Consiglio di Stato (che comunque non può valere con il prezzo più basso ad esclusione automatica).

IMMOBILI DI INTERESSE STORICO E ARTISTICO E RISERVA PROGETTUALE ALL’ARCHITETTO: NON SUSSISTE SEMPRE E COMUNQUE

La competenza non è necessarimente dell’architetto. Infatti, in materia di revisione impiantistica e di messa in sicurezza dell’immobile, tale riserva non sussiste.

CONSORZIO STABILE E VERIFICA INTERMEDIA

Ai fini di una valida partecipazione alla singola procedura è sufficiente che il consorzio stabile abbia presentato la propria istanza di aggiornamento entro il termine per la presentazione delle offerte, non occorrendo che entro tale scadenza la verifica intermedia si sia anche perfezionata?

“FREE” – SECONDO L’ANAC (E SECONDO IL T.A.R. TOSCANA) LA QUALIFICAZIONE IN UNA CATEGORIA SCORPORABILE (SIOS) DI IMPORTO SUPERIORE AL 10% MA INFERIORE AL 15% SI DIMOSTRA CON L’ART. 90 DEL REGOLAMENTO

Cfr. il parere del 7 ottobre 2015. La tesi dell’ANAC (e del T.A.R. Toscana) è radicalmente contraria alla disciplina della qualificazione nei lavori pubblici.

APPALTO DI LAVORI AL PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA: LA MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA E LA CONSOLIDAZIONE DELLA GRADUATORIA

Che disastro! La stazione appaltante prima esclude chi non ha indicato gli oneri della sicurezza interni (che con l’esclusione automatica non servono a niente). Poi, sulla base di una pronuncia del Consiglio di Stato, che però si riferisce ai servizi, li riammette. Il collegio, infine, …

“FREE” – LAVORI PUBBLICI, APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE, POLIZZA DEL PROGETTISTA

Nell'appalto di progettazione ed esecuzione, in ordine alla polizza del progettista, soggetto assicurato è il progettista stesso o l'esecutore dei lavori?

APPALTO INTEGRATO E AVVALIMENTO DEI REQUISITI PROGETTUALI DA PARTE DEL PROGETTISTA: LA QUESTIONE COMUNITARIA FINALMENTE VIENE FUORI E SI ESTENDERÀ ANCHE ALLA QUALIFICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE

Ci siamo adeguati (di fatto, nelle nostre gare), per sana pragmaticità, alla tesi pretoria del Consiglio di Stato, secondo cui l’avvalimento dei requisiti sarebbe solo “pro concorrenziale”. Ma ora finalmente – pro veritate, per così dire – ci si accorge che esso è anzitutto …

“WARNING!” L’OBBLIGO DI SOPRALLUOGO PREVISTO DAL BANDO VALE ANCHE PER LE MANDANTI DI RAGGRUPPAMENTO PUR SOLTANTO COSTITUENDO

Se la disciplina di gara non reca discrezionalmente una più favorevole disciplina, scatta l’esclusione. Anche col nuovo soccorso istruttorio?

LA CATEGORIA OG 11

Non è la mera sommatoria delle impiantistiche che la compongono e, se scorporabile e superiore al 15% del totale d’appalto, se non posseduta, non può essere subappaltata per il 100% del suo importo (nihil novum sub sole).

CONSORZIO STABILE, ATTESTAZIONE-SOA, SCADENZA INTERMEDIA

“Qualora la data di scadenza della qualificazione di una delle imprese sia precedente a quella della verifica triennale della SOA del Consorzio ovvero a quella di efficacia quinquennale, l’attestazione SOA di un consorzio stabile deve riportare ...

DISASTRO INTERPRETATIVO DEL CONSIGLIO DI STATO SULL’APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE!

La componente di chi progetta può essere offerente in senso stretto e può decidere di dare origine a un raggruppamento in senso stretto di progettisti! Se opera questa scelta, si applica anche il principio della maggioritarietà! E, poiché non è stata rispettata la disciplina del raggruppamento, neppure il nuovo soccorso istruttorio, benché applicabile ratione temporis («bando del 12.9.2014»).

CONSORZIO STABILE E QUALIFICAZIONE

1) Il consorzio ben può cumulare indistintamente le capacità tecniche delle consorziate e avvalersene alla rinfusa. 2) L’affidabilità morale rappresenta un requisito ineludibile e specifico per ogni singolo esecutore. 3) La messa a disposizione della cifra d’affari, in ipotesi di avvalimento, deve essere comprovata. 4) Non concedibile, giustamente, il soccorso istruttorio “classico”.

AVVALIMENTO E DICHIARAZIONE

Dichiarazione e contratto, contestualmente formati e prodotti ai fini della gara, si integrano a vicenda, e legittimamente la stazione appaltante, alla quale la dichiarazione è diretta, può integrarne il contenuto con le obbligazioni stipulate tra le parti.

“FREE” – SUBAPPALTO QUALIFICATORIO E SOCCORSO ISTRUTTORIO: ANCORA BOCCIATA LA TESI DELL’ANAC, MA IL BANDO-TIPO VA …

Da subito non fummo d’accordo con l’ANAC. Anche seguendosi per opportunità, ora, la tesi più rigorosa in attesa della “plenaria”, del tutto formalistico e irragionevole non dare il soccorso istruttorio. Il bando-tipo n. 2? Che se lo aggiornino le stazione appaltanti!

“FREE” – ANAC – COMUNICATO DEL PRESIDENTE

Oggetto: "clausole relative alle modalità di pagamento dei lavori pubblici finanziati in tutto o in parte da soggetti esterni". Ma attenzione!

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL PROFILO DELLA VALUTABILITÀ DELLA CONGRUITÀ DEL TEMPO OFFERTO

Può la stazione appaltante ritenere l’offerta inaffidabile, con riferimento all’elemento temporale, che costituiva uno degli elementi essenziali dell’offerta? È sufficiente, nel caso, basarsi sul crono-programma?

APPALTO INTEGRATO CON PROGETTO DEFINITIVO COME CONTENUTO DELL’OFFERTA TECNICA: QUANDO LA MIGLIORÌA È AMMISSIBILE?

La diversa ideazione del tracciato della rete fognante stravolge la struttura progettuale di fondo? Nella fattispecie, il progetto definitivo offerto aveva previsto un tracciato di quasi due chilometri al di sotto del torrente.

LA PROVA “FORTE” DELL’AVVALIMENTO ANCHE NEL SETTORE DEI LAVORI?

Può essere condiviso che sussiste la validità di un contratto di avvalimento laddove, come nel caso in esame, contenga la mera riproduzione della formula normativa, ovvero l’impegno di mettere a disposizione tutte le risorse di cui è carente l’ausiliata, ove non siano indicate nemmeno in negativo quali siano le carenze dell’ausiliata da supportare con il contratto di avvalimento?

FRA RAGGRUPPAMENTO E COOPTAZIONE

“Solo laddove la scelta di associare per la partecipazione alla gara un'impresa cooptata non risulti espressa dal concorrente in modo chiaro e inequivoco, l'indicazione di un'altra impresa deve essere ricondotta alla figura di carattere generale dell'associazione temporanea, con tutte le relative conseguenze in termini di requisiti di partecipazione” (principio consolidato).

OFFERTA GENERICA, LADDOVE IL BANDO (LEGITTIMAMENTE) PREVEDE CHE IL COSTO DELLA MANODOPERA NON È SOGGETTO A RIBASSO

“Per come è come è stata presentata, ossia omettendosi la puntualizzazione, secondo la formulazione prevista dalla lex specialis, che il riferimento del ribasso è all’elenco prezzi posto a base di gara “al netto del costo della manodopera”, l’offerta rimane equivoca e non ben determinata, creando un’obiettiva incertezza sul suo contenuto”.

LAVORI DI SOMMA URGENZA AFFIDATI ILLEGITTIMAMENTE

“Nel caso di specie le acquisizioni documentali provano che gli affidamenti dei tre lavori in esame, di cui in narrativa, sono avvenuti su presupposti assolutamente non attendibili sì da violare i principi di imparzialità e di trasparenza dell’azione amministrativa nonché il criterio del confronto concorrenziale, sancito dalla normativa di settore di cui al D.Lgs. 163/06”.

CONSORZIO ARTIGIANO ED ESECUTRICE DESIGNATA: IL PROFILO DELLA QUALIFICAZIONE

“Nel caso di consorzio di imprese artigiane, per un verso, la qualificazione attiene all’“organismo” consorzio in quanto tale e, quindi, è ad esso che va imputata sia la qualificazione che la responsabilità per l’appalto, per un altro, …

L’AUSILIO AL RUP PER LA VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA

Il RUP può legittimamente esercitare la facoltà di individuare un consulente esterno (qualificabile come “organismo tecnico”) dotato dei requisiti necessari a valutare l’attendibilità dell’offerta presentata.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA QUALIFICAZIONE DEL COMMISSARIO

Con riferimento al profilo paesaggistico ambientale, la professionalità offerta dalla posizione dell’architetto può essere ritenuta insufficiente rispetto a quella dell’ingegnere?

BOCCIATA LA TESI DELL’AUTORITÀ

“La questione interpretativa consiste nello stabilire se la norma transitoria di cui all’art. 357, comma 23, del d.P.R. n. 207/2010 (secondo cui i soggetti che alla data di entrata in vigore del d.P.R. n. 34/2000 svolgevano le funzioni di direttore tecnico possono conservare l’incarico presso la stessa impresa anche se privi dei requisiti introdotti dall’art. 87 del medesimo d.P.R. n. 207/2010) si applichi anche alla qualificazione relativa ai beni culturali”.

IL CLASSICO ERRORE DI IMPOSTAZIONE IN CASO DI RAGGRUPPAMENTO MISTO

“La commissione ha ritenuto che per ciascuno dei subraggruppamenti orizzontali che in essa si costituiscono per ciascuna categoria di lavorazione, occorre che la mandataria del raggruppamento verticale a monte abbia il possesso maggioritario dei requisiti, secondo quanto stabilito dall’art. 92, secondo comma del regolamento di esecuzione del Codice dei Contratti Pubblici, applicabile secondo un condiviso orientamento giurisprudenziale ...

QUANDO L’EVENTUALE RITARDO DELLA SOA NEL CONCLUDERE LA PROCEDURA DI RINNOVO NON PENALIZZA L’IMPRESA CHE SI SIA ADOPERATA TEMPESTIVAMENTE PER LA CONSERVAZIONE DELL’ATTESTAZIONE

L’impresa interessata ha l’onere di iniziare tempestivamente il procedimento di rinnovo, stipulando, appunto, il contratto con la società di attestazione, almeno 3 mesi prima della scadenza del certificato (con chiara esemplificazione).

LIMITI DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI DEI TECNICI GEOMETRI PER QUANTO RILEVANTE AI FINI DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DEGLI UFFICI TECNICI REGIONALI (C.D. GENIO CIVILE) IN AMBITO STRUTTURALE

Si tratta di individuare innanzi tutto un principio regolatore, che deve sovrintendere all’esercizio delle competenze dei vari ordini professionali, e di applicare tale principio regolatore nel delineare la linea di demarcazione tra le competenze di ingegneri ed architetti, da un lato, e quelle di geometri o periti industriali, dall’altro.

IL BANDO SILENTE SULLA CIFRA D’AFFARI PER I LAVORI, RICHIESTA DALL’ORDINAMENTO, E LA CLASSIFICA-SOA PER LA GARA A LOTTI

1) La prescrizione normativa richiedente la realizzazione della specifica “cifra di affari” non era prevista dal bando. Ai fini della sua operatività, poteva parlarsi di “eterointegrazione” dello stesso, trovando applicazione al bando di gara la norma di cui all’articolo 1339 c.c.? 2) La classifica deve essere posseduta per la somma dei lotti per i quali si partecipa?

LAVORI D’URGENZA

Quando mancano i presupposti …

"NEW AND FREE" – LAVORI – LE (PER ORA) N. 73 DEROGHE DA APPORTARSI AL BANDO-TIPO DELL’ANAC, CON PROCEDURA APERTA AL PREZZO PIÙ BASSO

Per l’impresa che vuole richiedere l’immediata riammissione alla gara per clausole nulle o illegittime. Per la stazione appaltante che vuole avviare una gara senza clausole nulle o illegittime. Già on line, ad accesso libero, lo schema di determinazione a contrarre per la stazione appaltante. Già on line anche la prima facciata dell’allegato n. 2 e le prime due facciate dell’allegato n. 3. 

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

Non sussiste assolutamente nessun obbligo per i progettisti di indicare il capogruppo mandatario, cui conferire mandato collettivo speciale.

L'OBBLIGO DI DICHIARARE IL POSSESSO DEI REQUISITI MORALI, SUSSISTENTE ANCHE CON RIFERIMENTO AGLI AMMINISTRATORI E AI DIRETTORI TECNICI CHE ABBIANO LAVORATO PRESSO L’IMPRESA CEDENTE

“L’omessa dichiarazione del legale rappresentante dell’impresa, accompagnata però dall’avvenuta presentazione delle dichiarazioni rese da parte dei legali rappresentanti delle imprese cedenti, non integra un’irregolarità”. E ci mancherebbe altro!

IL GIOVANE PROGETTISTA NELL’APPALTO INTEGRATO

La pronuncia che si riporta omette di ricordare che la relativa disciplina non si applica a un appalto integrato. Resta fermo che, data e non concessa la correttezza della richiesta di tale figura, egli non deve comunque dimostrare nessun requisito di qualificazione.

IL PROGETTISTA NELL’APPALTO INTEGRATO

Il progettista non è concorrente e quindi non è applicabile la disciplina del raggruppamento che invece si applicherebbe in una gara di progettazione. Pertanto, in un appalto di progettazione ed esecuzione di lavori non ha ingresso la figura del progettista-capogruppo. Pregevole pronuncia.

APPALTO INTEGRATO: L’INTERVENTO SU VARIANTE NON FA REQUISITO DI QUALIFICAZIONE DEL PROGETTISTA

La progettazione è stata eseguita in house dalla stazione appaltante e pertanto l’intervento del progettista si è limitato a una variante in diminuzione dell’opera, non rispondente, né sul piano economico né su quello strutturale, ai requisiti previsti dalla disciplina di gara.

LA MANCATA PRESENTAZIONE DEL CRONOPROGRAMMA

Il cronoprogramma, costituendo parte integrante dell’offerta tempo, non è integrabile in via postuma mediante il ricorso al soccorso istruttorio.

LA COMPLESSIVITÀ DEL GIUDIZIO DI ANOMALIA

“Il giudizio di insostenibilità e di anomalia deve essere complessivo, tenendo conto di tutti gli elementi favorevoli o negativi, tanto da poter giungere a ritenere credibili voci di prezzo eccessivamente basse perché accompagnate da altre voci sulle quali sono possibili e realizzabili risparmi al fine di giungere ad una compensazione che lasci l’offerta affidabile e seria a prescindere dalla gestione interna dell’impresa offerente”.

APPALTO INTEGRATO: CRONOPROGRAMMA NON SOTTOSCRITTO

“Il cronoprogramma prodotto è privo della sottoscrizione da parte del legale rappresentante della società e reca unicamente un timbro”: esclusione. Nella fattispecie, tutto sostanzialmente giusto, …

LE VARIANTI, IN AUMENTO O IN DIMINUZIONE, FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DELL'OPERA E ALLA SUA FUNZIONALITÀ

I lavori destinati alla manutenzione ed al risanamento della tratta non possono, in quanto tali, considerarsi imprevedibili, essendo ordinariamente diretti a garantire la primaria funzionalità dell’infrastruttura, la circolazione autostradale.

ATTESTAZIONE SOA: PER IL RINNOVO QUINQUENNALE IL PRINCIPIO È LO STESSO CHE PER QUELLO TRIENNALE?

“Posta la sostanziale simmetria tra procedimento di verifica triennale di cui all’art. 77 del regolamento e rinnovo dell’attestazione in scadenza quinquennale di cui all’at. 76, anche la tempestiva presentazione dell’istanza di rinnovo per scadenza quinquennale determina l’ultravigenza dell’attestazione fino a saldarsi con gli esiti confermativi del procedimento di rilascio del nuovo titolo?”

LAVORI DI RICOSTRUZIONE POTENZIALE FORESTALE: LE COMPETENZE DEL PERITO AGRARIO E DEL DOTTORE AGRONOMO FORESTALE

In materia di interventi boschivi il discrimine tra le competenze del perito agrario e quelle del dottore agronomo o forestale sta, oltre che nel dato quantitativo, in quello qualitativo determinato dalle finalità degli interventi stessi.

“FREE” – INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI NEI LAVORI: UNO SPASSO!

Li deve indicare l’operatore economico in sede di offerta a pena di qualche cosa (esclusione secca o soccorso istruttorio a pagamento), anzi no. Se li indica la stazione appaltante come non soggetti a ribasso, tutti felici e contenti!  Ci piace proprio – e ci dà un po’ di humour – questa tesi che irride al disastro interpretativo della “plenaria” del Consiglio di Stato. Campania felix!

IL REGIME DELLA CATEGORIA SCORPORABILE A QUALIFICAZIONE NON OBBLIGATORIA

Il caso della OS 6. Il suo subappalto è solo facoltativo (principio pacifico).

MODULO-LISTA CORRETTO COL “BIANCHETTO”

Il RUP ha riscontrato che sul modulo-lista vi erano correzioni apportate con il “bianchetto” e che tali correzioni non erano state esplicitamente confermate dal sottoscrittore, così come prevedeva la normativa di riferimento. Quindi, non ha avuto nessun dubbio a procedere all’esclusione, ma ha commesso una leggerezza. Oggi parleremmo, per il caso di “ieri”, di irregolarità “non essenziale”.

APPALTO INTEGRATO CON DEFINITIVO IN SEDE DI OFFERTA E QUESTIONE DELL’AVVALIMENTO IN ORDINE AI REQUISITI PROGETTUALI

“L’avvalimento è una facoltà di esclusiva pertinenza del “concorrente” e non in generale di ogni operatore economico partecipante alla gara in qualità di diversa dal concorrente stesso, quale quella di progettista indicato” (principio prevalente, non del tutto pacifico).

APPALTO INTEGRATO, IDONEITÀ MORALE DEI PROGETTISTI E SOCCORSO ISTRUTTORIO

«Una seconda ragione di esclusione deriverebbe dall’omessa dichiarazione ex art. 38 D.lgs. 163/2006 da parte di alcuni dei progettisti.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NEI LAVORI (30 LUGLIO 2015)

Quale che sia la tesi da adottare in attesa della “plenaria”, va dato sempre il nuovo soccorso istruttorio (addirittura anche se non applicabile ratione temporis). Finora nessun T.A.R. ha condiviso la tesi dell’ANAC.

MANCATA INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI NELL’OFFERTA PER UNA GARA DI LAVORI: CONTINUA IL DISASTRO INTERPRETATIVO INAUGURATO DALLA “PLENARIA” (“CAMPANIA INFELIX”, QUESTA VOLTA)

Il primo T.A.R. che si pronuncia sul punto nega il nuovo soccorso istruttorio, in quanto ciò consentirebbe una modifica ex post dell’offerta economica. La tesi è del tutto illogica, in quanto travisa la realtà oggettiva della fattispecie. Infatti …

CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ NEI LAVORI

È del tutto irrilevante il rapporto con la singola categoria di lavori oggetto dell’appalto cui l’impresa partecipa (principio consolidato).

VERIFICA DELL’ANOMALIA TRAMITE ACQUISIZIONE DI DOCUMENTI FORNITI DALL’OPERATORE ECONOMICO

I dubbi sulla corrispondenza agli originali di alcuni documenti, depositati dall’operatore economico per comprovare la propria offerta in sede di verifica dell’anomalia, sono sorti dopo l’aggiudicazione della gara. Legittima l’escussione della cauzione provvisoria.

AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA DOPO LA “PLENARIA”

Al fine dell’avvalimento non basta la mera allegazione dell’attestazione-SOA, secondo una certa linea interpretativa dello stesso Consiglio di Stato.

APPALTI INTEGRATI E GIOVANE PROGETTISTA

L’aggiudicataria avrebbe dovuto essere esclusa per la violazione della norma che prevede, per gli appalti di progettazione (applicabile anche agli appalti integrati quale quello in oggetto), la presenza, “come progettista “di un professionista laureato abilitato da meno di cinque anni all’esercizio della professione?

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NELL’ORIENTAMENTO RIGOROSO E SOCCORSO ISTRUTTORIO

"La omessa ottemperanza all’obbligo di indicazione nominativa del subappaltatore non può dar luogo alla immediata esclusione dell’impresa partecipante, ma comporta la necessaria attivazione del soccorso istruttorio”. Al di là dell'obbligo di indicazione del nominativo e dell'allegazione della sua qualificazione, ancora nettamente smentita la formalistica tesi dell'ANAC che il difetto di qualificazione de quo non sarebbe suscettibile di sanatoria (a pagamento, ovviamente).

LAVORI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI: L’ART. 201, COMMA 4, DEL CODICE

«Per l'esecuzione dei lavori indicati all'articolo 198, è sempre necessaria la qualificazione nella categoria di riferimento, a prescindere dall'incidenza percentuale che il valore degli interventi sui beni tutelati assume nell'appalto complessivo» (D.Lgs. 163/2006, art. 201, comma 4). Non si evince tuttavia, nel caso concreto, se la OS 25 fosse anche scorporabile, cioè superiore al 10% del totale d’appalto.

LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE IGIENICO-SANITARIE E DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA

Appartiene alla esclusiva competenza degli ingegneri la progettazione delle opere igienico-sanitarie e delle opere di urbanizzazione primaria, salvo solo il caso che tali opere non siano di pertinenza di singoli edifici civili.

SERVIRÀ A QUALCUNO A FAR CAPIRE CHE IL “TEAM” DEI PROGETTISTI INDICATI NON PUÒ ORIGINARE UN RAGGRUPPAMENTO IN SENSO STRETTO?

Il progettista “indicato” ex art. 53, comma 3, del D.lgs. n. 163/06, non ricopre la veste formale di concorrente o, più in generale, di titolare del rapporto contrattuale con l’Amministrazione, ancorché assuma, in caso di eventuale aggiudicazione, l’esecuzione delle prestazioni progettuali dedotte in appalto.

DURC ON LINE

Ancora una circolare.

AVVALIMENTO INSUFFICIENTEMENTE COMPROVATO E SOCCORSO ISTRUTTORIO

Il T.A.R. che si cita è rimasto fermo al principio che era pacifico prima dell’entrata in vigore del nuovo soccorso istruttorio (esclusione secca).

MANCATA INDICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE CON LA SUA QUALIFICAZIONE E NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO

In attesa della “plenaria”, se il bando non è stato chiaro sul punto non si può procedere  ad esclusione del soggetto, anche perché opera il nuovo soccorso istruttorio. Bocciata la tesi-ANAC, che in generale non ammette la regolarizzabilità in ordine al subappalto qualificatorio. No comment!

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: L’ALLEGATO G

La questione che ogni commissario debba esprimere una propria valutazione.

LA VALUTAZIONE DEL PROFILO STRUTTURALE E FUNZIONALE DEL PROGETTO PRESENTATO IN SEDE DI OFFERTA

Il relativo giudizio sfugge al sindacato di legittimità del Giudice Amministrativo che – come è noto – non può invadere la sfera propria della pubblica amministrazione.

LA OG 11 RILASCIATA EX D.P.R. 207/2010 RICOMPRENDE ANCHE LA OS 28

“È lo stesso legislatore a specificare che la categoria OG11 concerne opere che impongono l’esecuzione di prestazioni congiunte che ricadono nelle singole categorie OS 3 OS 28 e OS 30”.

IL NON POSSEDUTO BENEFICIO DEL QUINTO PER LA MANDANTE E LA MANCATA ATTIVAZIONE DEL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO, PUR APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS”

Non siamo per nulla d’accordo con l’interpretazione del T.A.R., in quanto è ben evidente, nella fattispecie, che una nuova diversa dichiarazione avrebbe consentito al raggruppamento di essere pienamente qualificato. In pratica, si è applicata la previgente disciplina secondo cui non era consentita l’integrazione postuma della documentazione amministrativa. No!

ANOMALIA E VALUTAZIONE DELL’UTILE

Un utile all’apparenza modesto può comportare un vantaggio significativo sia per la prosecuzione in sé dell’attività lavorativa (il mancato utilizzo dei propri fattori produttivi è comunque un costo), sia per la qualificazione, la pubblicità, il curriculum derivanti per l’impresa dall’essere aggiudicataria e dall’aver portato a termine un appalto pubblico?

SOGGETTO COMPETENTE A VALUTARE L’ANOMALIA

L’amministratore delegato, organo gestionale, avrebbe sovrapposto la propria valutazione circa la contestata congruità dell’offerta a quella dell’organo competente, cioè della commissione tecnica, sulla base di elementi estranei e non pertinenti. Quid juris?

“FREE” – ANAC: COMUNICATO DEL PRESIDENTE IN DATA 19 GIUGNO 2015 – UN COMUNICATO PER NON DIRE NULLA

«Affidamento di lavori pubblici nei settori ordinari Indicazioni alle stazioni appaltanti sul bando-tipo n. 2, in tema di oneri di sicurezza aziendali e soccorso istruttorio.

APPALTO INTEGRATO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI LAVORI: IL PROGETTISTA JUNIOR E LE DICHIARAZIONI EX ART. 38 DEL CODICE

Ma in realtà, nell’appalto integrato, è la norma stessa sulla presenza nel mero team del giovane progettista che – ancor prima – non è applicabile …

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE EX LETT. C) DEL COMMA 2 DELL’ART. 53 DEL CODICE: LA LEGITTIMAZIONE DEGLI ORDINI PROFESSIONALI

È ammessa la possibilità di agire a tutela dell’interesse soltanto di singoli associati o loro sottogruppi? È ammesso il ricorso è rivolto avverso singole e specifiche previsioni del bando di gara e dell’annesso capitolato?

RITIRO DELL’AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA

“L’iscrizione di riserve non potrebe essere valutata alla stregua di comportamento contrario al criterio di buona fede”. Mica vero!

I COSTI DELLA SICUREZZA AZIENDALI NEI LAVORI, IN CASO DI ADOZIONE DEL PREZZO PIÙ BASSO CON ESCLUSIONE AUTOMATICA, DI MASSIMO RIBASSO ASSOLUTO OVVERO DI OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA

«L’Adunanza Plenaria afferma pertanto il seguente principio di diritto: “Nelle procedure di affidamento di lavori i partecipanti alla gara devono indicare nell’offerta economica i costi interni per la sicurezza del lavoro, pena l’esclusione dell’offerta dalla procedura anche se non prevista nel bando di gara”» (Cons Stato, ad. plen., 20 marzo 2015, n. 3).

IL PREZZO NELL’APPALTO A CORPO

Ciò che costituisce elemento fondamentale dell’offerta economica è solo il prezzo finale offerto, mentre il richiamo ai prezzi unitari e ai calcoli contenuti nel computo metrico estimativo ha valore di semplice traccia indicativa delle modalità di formazione del prezzo globale.

PROCEDURA NEGOZIATA EX ART. 122, COMMA 7, DEL CODICE

Nella PEC ricevuta erano indicati gli indirizzi di posta certificata di tutti gli altri operatori economici invitati alla gara stessa. Quid juris?

LA NON AMMISSIONE DI UNA CASSA EDILE AL PROCEDIMENTO FUNZIONALE ALLA STIPULA DELLA CONVENZIONE PER IL RILASCIO DEL DURC

Il documento unico di regolarità contributiva rilasciato da una cassa edile iguarda anche l’attestazione di regolarità dell’impresa in relazione alla sua posizione nei confronti di INPS ed INAIL.

IL MANCATO INIZIO DEI LAVORI

La decadenza dalla definitiva aggiudicazione.

CONSOLIDATA LA GIURISPRUDENZA SUL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO IN SENSO RESTRITTIVO?

Evidentemente no, visto che dovrà occuparsene la “plenaria”. Della soluzione-tampone per chi redige il bando abbiamo già detto su questo portale.

SULLO “SBLOCCA ITALIA” CANTONE REMA CONTRO LE SCELTE DI RENZI

E il povero RUP è sempre in mezzo, soggetto a controlli polizieschi! Tanto vale fare sempre una procedura aperta. Entra dentro e leggi.

LAVORI: LA MANCATA INDICAZIONE DELLE QUOTE IN SEDE DI OFFERTA ALLA LUCE DEL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO

La prima pronuncia. Ovviamente, si tratta di un’«irregolarità essenziale».

LAVORI: IL T.A.R. ANTICIPA LA “PLENARIA”

Legittimo il bando di lavori che, pubblicato prima della “plenaria”, non prevedeva (giustamente) l’obbligo di indicare già in sede di offerta i costi aziendali della sicurezza. Legittima quindi l’aggiudicazione al primo in graduatoria, che tali oneri non aveva indicato nella propria offerta. E poi, nel caso, esclusione “secca” o configurazione di «irregolarità essenziale»?

LA RAGIONEVOLE ESIGENZA DI GARANTIRE UNA CONOSCENZA PUNTUALE DEI TEMPI DELLE SINGOLE FASI DI LAVORAZIONE

Il riferimento esplicito della lex specialis al valore contrattualmente vincolante del cronoprogramma evidenzia l’inerenza di detto ultimo atto alla struttura dell’offerta e la conseguente impossibilità di accordare, a fronte di una sua sostanziale incompletezza, un soccorso istruttorio che si porrebbe in contrasto con il principio generale della par condicio.

MANCATA INDICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE E DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA: RINVIO ALLA “PLENARIA”

È obbligatorio, in caso di subappalto qualificatorio, dare già in sede di gara l’indicazione e la qualificazione del subappaltatore? È possibile, nel caso, il penultimo soccorso istruttorio? E il medesimo soccorso istruttorio è possibile per la mancata indicazione degli oneri della sicurezza aziendali?

RUP E ANOMALIA

Il RUP arbitro delle scelte in ordine alla valutazione dell’anomalia.

“FREE” – IL MANCATO RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE (sentenza 1° giugno 2015)

La certificazione di regolare esecuzione, non diversamente dalla certificazione di esecuzione dei lavori, è atto a contenuto discrezionale? O no? E quali i profili di giurisdizione?

GLI ELABORATI CHE COMPONGONO IL PROGETTO DEFINITIVO

L’elencazione, di cui all'art. 24, comma 2, del d.P.R. n. 207/2010, degli elaborati che compongono il progetto definitivo è tassativa?

APPALTI DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI LAVORI E QUALIFICAZIONE “MORALE” DEI PROGETTISTI

L’obbligo del possesso dei requisiti di ordine generale di cui all’articolo 38 grava anche sui progettisti designati ai sensi dell’articolo 53, comma 3 del codice dei contratti pubblici, anche nel silenzio della disciplina di gara, visto che non assumono lo status di concorrenti? E, nel caso, va escussa la cauzione provvisoria all’appaltatore di lavori, verificato ex art. 48?

QUANDO È IL CONSIGLIO DI STATO A LEGITTIMARE L’”AVVALIFICIO”

“Si appalesano illegittime le previsioni del bando che obbligano i concorrenti, in caso di avvalimento integrale dell’attestazione SOA di altra impresa ausiliaria, a dettagliare specificamente le singole risorse messe a disposizione (mezzi, attrezzature, beni e materiali, addetti)”, ovvero la (pessima) linea soft del Consiglio di Stato. Si apre un altro fronte …

PROGETTISTA “JUNIOR”

Deve anche essere iscritto all’INARCASSA?

RAGGRUPPAMENTO DI PROGETTISTI DI LL.PP.

Il limite alla frazionabilità per i mandanti: «assumendo che a nessun mandante possa essere richiesto un minimo, la disciplina si rivelerebbe in insanabile contrasto con lo stesso principio generale del cumulo». La sentenza dà anche il criterio di applicazione della disciplina riguardante il capo-gruppo.

CONSORZIO COOPERATIVO E POTESTÀ DI DESIGNAZIONE DELL’ESECUTRICE DA PARTE DI UN PROCURATORE SPECIALE

Il procuratore speciale indicato da un consorzio cooperativo ha il potere di indicare in sede di offerta per quali consorziati il consorzio stesso concorre? La domanda si pone, in quanto tale potere potrebbe essere precluso dall’art. 2544 c.c., che riserva il potere stesso al consiglio di amministrazione. E nel caso, oggi, di che tipo di irregolarità si tratterebbe?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: L’ART. 119, COMMA 5, DEL D.P.R. 207/2010

Si applica anche con l’offerta economicamente più vantaggiosa?

SERVIZI ATTINENTI ALL’INGEGNERIA E ALL’ARCHITETTURA: RIMANE “VEXATA” LA “QUAESTIO” DI QUELLI SVOLTI PER COMMITTENTI PRIVATI

Noi siamo per l’altra linea interpretativa, in quanto di “favor” e più ragionevole: è del tutto illogico che l’opera debba anche essere stata eseguita. E comunque prevale il codice sul regolamento. Stazioni appaltanti e progettisti ancora allo sbando, mentre la politica si preoccupa di dare più poteri all’ANAC …

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA E BENEFICIO “DEL QUINTO”

Si applica il beneficio “del quinto” a favore dell’impresa che si avvale di altrui attestazione-SOA?

OG 11: L’ART. 79, COMMA 16, DEL REGOLAMENTO

È possibile lo svolgimento contemporaneo delle prestazioni specialistiche (OS3, OS28 e OS 30), ma entro i limiti della capacità complessiva (OG11) alle stesse cumulativamente riferita, mentre la qualificazione per quest’ultima consente sempre lo svolgimento di ciascuna delle speciali (separatamente), nei limiti della relativa classe.

L’AVVALIMENTO INCERTO

Ieri era legittima l’esclusione di un’impresa in presenza di una condizione, apposta all’impegno di avvalimento, tale da non consentire la certezza dell’impegno contenuto nel contratto.  

SUBAPPALTO DELLE SCORPORABILI A QUALIFICAZIONE OBBLIGATORIA E CLASSIFICA IDONEA IN PREVALENTE (PRINCIPIO CONSOLIDATO).

Rimane sempre valida «la considerazione secondo la quale “l'esistenza della totale copertura della categoria prevalente a legittimare la partecipazione alla gara, pur in carenza dei requisiti nelle categorie scorporabili”, debba essere “accompagnata dalla dichiarazione di voler subappaltare le scorporabili”» a qualificazione obbligatoria.

L’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

La linea interpretativa più rigida (e, se si vuole, più corretta).

L’ISCRIZIONE ALL’ALBO NAZIONALE DEI GESTORI AMBIENTALI: CHE REQUISITO È?

L’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori Ambientali è solo requisito di esecuzione o, ancor prima, di partecipazione ad un appalto di lavori pubblici?

D.M.DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 29 APRILE 2015

Costo medio orario del lavoro a livello provinciale per il personale dipendente da imprese del settore dell'edilizia e attività affini

L’ART. 51 DEL CODICE: CESSIONE DI RAMO AZIENDALE E QUALIFICAZIONE-SOA

Tra il momento della cessione di ramo aziendale (11-16 luglio 2013) e quello del formale conseguimento dell’attestazione SOA da parte della cessionaria (7 agosto 2013) si è verificata una incontestata soluzione di continuità nel possesso della qualificazione per la cat. OG1, atteso che per circa 20 giorni né la cedente, né la cessionaria, hanno posseduto la richiesta certificazione. Quid juris? 

LA SOSPENSIONE CONTINUATA DELLA GARA

La gara si è conclusa con l’aggiudicazione definitiva ed è stata poi sospesa dall’amministrazione appaltante a causa di criticità riscontrate nella documentazione economica prodotta dall’aggiudicataria, consistenti in presunte incongruenze e contraddizioni tra i prezzi unitari indicati nel computo metrico estimativo ed il ribasso offerto. Quid juris?

ATTESTAZIONE-SOA E AVVALIMENTO

Deve ritenersi che la dichiarazione relativa al possesso dei mezzi d’opera da parte dell’impresa ausiliaria debba essere presentata quando l’avvalimento riguardi non la qualificazione per una determinata categoria di lavori, ma risorse e requisiti tecnici specifici che non sono già senz’altro compresi nella qualificazione predetta?

CONSORZIO STABILE, SUA ATTESTAZIONE-SOA, SCADENZA TRIENNALE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ IN CAPO A UNA CONSORZIATA

La questione riguarda la legittimità o meno dell’ammissione alla gara di un consorzio stabile che non abbia rinnovato la propria attestazione-SOA nonostante fosse intervenuta la scadenza triennale intermedia della certificazione di qualità in capo a una delle consorziate che lo compongono, che, però, abbia in effetti richiesto e ottenuto ampiamente nel predetto termine il rinnovo della propria certificazione di qualità.

RAGGRUPPAMENTO, RIPARTIZIONE DELLE QUOTE E SCORPORABILI SUBAPPALTATE

Ha senso una ripartizione di quote in relazione alle opere scorporabili per le quali vi è stata dichiarazione di volerle subappaltare interamente a terzi? 

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI: IL COMMA 8-BIS DELL’ART. 90 DEL CODICE

Perché, giustamente, la norma non ha avuto valenza innovativa, ma confermativa e quindi si applica anche alle fattispecie occorse prima dell’entrata in vigore dell’art. 20, comma 1, lett. b), della L. 30 ottobre 2014, n. 161?

IN MANO A CHI È STATA MESSA LA NORMA SUL SOCCORSO ISTRUTTORIO SANZIONATO

Non aveva presentato l’attestazione-SOA in copia conforme e gli escutono la sanzione pecuniaria! In verità non si tratta neppure di un’irregolarità non essenziale, in quanto è la stazione appaltante che sarebbe tenuta a verificare d’ufficio il possesso dell’attestazione-SOA prima di aprire le buste con l’offerta economica. Ovviamente il T.A.R. ha accolto il motivo di ricorso dell’impresa.

I COSTI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI, DOPO LA “PLENARIA”

Oneri indicati, ma incongrui: escluso! Alla fine la tesi è corretta.

QUESTO SUBAPPALTO OBBLIGATORIO NEI LAVORI …

La categoria OS5 non è mutuabile con la categoria OG11, diversamente dalla categorie OS3,OS28,OS30 (ok!) e quindi la dichiarazione di subappalto era necessaria (ok!) e quindi la qualificazione del subappaltatore andava già data in sede di gara (ok per sfinimento!).

DURC RILASCIATO DA CASSA EDILE: COMPETENTE IL GIUDICE AMMINISTRATIVO

Rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo, adito per la definizione di una controversia avente ad oggetto l’aggiudicazione di un appalto pubblico, accertare la regolarità del documento di regolarità contributiva (DURC), ancorchè rilasciato da una Cassa edile.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NEI LAVORI: SMENTITA LA TESI DELL’ANAC CHE NON SAREBBE APPLICABILE IL SOCCORSO ISTRUTTORIO SANZIONATO

Né la legge di gara né il modello di dichiarazione segnalavano l’esistenza di uno specifico obbligo, posto a pena di esclusione, di indicazione del nominativo del subappaltatore fin dalla fase di presentazione della domanda di partecipazione, sicchè comunque – a prescindere dall’ambito di applicazione del nuovo testo dell’art. 46 – la stazione appaltante sarebbe stata, comunque, tenuta a richiedere l’integrazione della dichiarazione! Commento all’interno.

LAVORI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI: IL REQUISITO AGGIUNTIVO DI CUI ALL’ART. 253, COMMA 30, DEL CODICE

Se il requisito, dichiarato in modo non corretto, è comunque sostanzialmente posseduto, va dato il soccorso istruttorio (classico, in quanto la fattispecie è anteriore all’entrata in vigore del combinato disposto dell’art. 38, comma 2-bis, del codice e dell’art. 46, comma 1-ter). Oggi, se dovesse capitare lo stesso caso, scatta anche la sanzione o no?

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: L’ANOMALIA IN RELAZIONE AL FATTORE “TEMPO”

Una riduzione dei 330 giorni, previsti nel progetto comunale per la realizzazione dell’opera, a soli 148 giorni naturali e consecutivi, è indice di anomalia dell’offerta tecnica. Pregevole pronuncia del giudice amministrativo (più unica che rara). E bravo, soprattutto, il RUP del Comune.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA CONSEGUENZA DELLA VARIANTE PROGETTUALE NON AMMESSA

Una volta riscontrata l’esistenza di una variante non consentita l’unica conseguenza è l’esclusione dell’offerta della gara, anche in assenza di espressa previsione da parte del bando o del disciplinare, discendendo la stessa dal divieto sancito dall’art. 76, comma 2, d.lgs. n. 163/2006.

CRONOPROGRAMMA IN APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE EX LETT. C

In base all’art. 40 del d.P.R. n. 207 del 2010, il cronoprogramma va redatto solo in sede di progettazione esecutiva e non in sede di progettazione definitiva, sicché solo in tale fase esso diverrà effettivo, dopo essere stato concordato con la s.a..

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE CON PRELIMINARE A BASE DI GARA

L’aggiudicatario ha proposto migliorie che in realtà sarebbero elementi nuovi rispetto al progetto preliminare (in particolare un impianto eolico assoggettabile a VIA), che richiederebbero il rilascio di nuove autorizzazioni degli Enti competenti, in violazione delle disposizioni che richiedevano coerenza con il progetto preliminare. Quid juris?

IL RAGGRUPPAMENTO MISTO NEI LAVORI

Quando il raggruppamento è di tipo misto, sostanzialmente di tipo verticale, la suddivisione delle opere avviene verticalmente nelle categorie da cui è composto l’intervento ed orizzontalmente al loro interno.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA E GRADO DI SPECIFICITÀ

L’obbligo di specificità deve spingersi sino all’identificazione dei mezzi d’opera, all’indicazione delle qualifiche professionali ed al numero del personale, quando sia comunque soddisfatto il fine che costituisce la ratio della normativa in materia, che è quello di rendere coercibile l'impegno formalmente assunto dall'ausiliaria?

LA MANCATA PRESENTAZIONE DEL DIAGRAMMA DI GANTT

Il diagramma di Gantt può essere reputato come un “elemento essenziale dell’offerta”, alla stregua di quanto stabilito dall’art. 46, comma 1-bis del codice?

IL MANCATO RINNOVO TRIENNALE DELL’ATTESTAZIONE-SOA DA PARTE DEL CONSORZIO STABILE

Essendo la scadenza intermedia legata esclusivamente alla scadenza di validità triennale della certificazione di alcune imprese consorziate ed essendo stato nel frattempo tempestivamente richiesto e rilasciato il nuovo attestato di validità della SOA di tali imprese consorziate, il mancato aggiornamento della validità della certificazione SOA del consorzio sarebbe del tutto irrilevante, concretizzandosi in un mero adempimento formale-burocratico?

ATTESTAZIONE-SOA E AVVALIMENTO

Non basta il rinvio ob relationem all’attestazione ed ai relativi requisiti (pricnipio consolidato o, quanto meno, del tutto prevalente).

ANAC

«Oggetto: effetti della domanda di concordato preventivo ex art. 161, comma 6, del Regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e ss.mm.ii. (c.d. concordato "in bianco") sulla disciplina degli appalti pubblici».

L’AFFIDAMENTO DIRETTO DEI LAVORI ALL’IMPRESA AFFITTUARIA DEL TERRENO

Tra i presupposti richiesti dall’art. 57, comma 2, lett. b), del codice, può annoverarsi l’ipotesi in cui venga individuata quale diretta affidataria un’impresa, in quanto affittuaria dei terreni sui quali i lavori devono essere realizzati? 

L’OBBLIGO DI ACQUISTARE LA DOCUMENTAZIONE E LA PREVISIONE DI UN RIMBORSO FORFETTARIO

La clausola del disciplinare  di gara che impone il versamento, a pena di esclusione, della somma di 300,00 euro  per il ritiro, su supporto informatico, degli elaborati del progetto definitivo  posto a base di gara.

OPERE DI INTERESSE ARTISTICO

L’intervento dell’architetto sarebbe indispensabile solo in sede di redazione del progetto esecutivo, mentre sarebbe superfluo in sede di redazione del progetto definitivo?

IL RINNOVO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

Parte ricorrente assume la violazione dell’art. 76, comma 5, del d.p.r. n. 207/2010, in quanto, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle offerte (05.07.2014), la controinteressata non sarebbe in possesso di attestazione SOA valida ed efficace per avere attivato la procedura di rinnovo soltanto il 04.04.2014, quindi ben oltre il termine previsto dalla citata disposizione, scadente il 25.02.2014. Quid juris?

ATTESTAZIONE-SOA, CONSORZIO STABILE E CONSORZIATA (PRINCIPIO CONSOLIDATO)

Nel caso di consorzio stabile, l’attestazione-SOA deve essere posseduta dalla consorziata designata?

GARA DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI EX ART. 53, CO. 2, LETT. C, DEL D.LGS. N. 163/2006

L’oggettiva difficoltà di subentro nel contratto di appalto: possibile solo il ristoro del danno per equivalente.

SOCIETÀ ORGANISMO DI ATTESTAZIONE (SOA) – PUBBLICATI ATTI TIPO INTEGRATIVI AL MANUALE SULL’ATTIVITÀ DI QUALIFICAZIONE (2 APRILE 2015)

«L’Autorità nazionale anticorruzione ha adottato dal 29 ottobre 2014, (G.U. n. 251 del 28.10.2014), il Manuale sulla qualificazione avente carattere ricognitivo/interpretativo delle diverse comunicazioni, succedutesi negli anni, in materia di SOA. Pertanto, al fine di integrare il predetto Manuale, sono stati predisposti atti tipo diretti a standardizzare le istanze, le dichiarazioni e la documentazione da chiedere alle SOA».

OFFERTA E RELAZIONE GEOLOGICA

La relazione geologica può mancare nel progetto esecutivo?

L’AVVALIMENTO DELLA CATEGORIA OS 18-A (SENTENZA 27 MARZO 2015)

Nell’ipotesi di avvalimento della OS18-A, deve necessariamente essere posta a disposizione del concorrente anche lo stabilimento?

LA (PRESUNTA) CARENZA DEL PROGETTO DEFINITIVO (SENTENZA 27 MARZO 2015)

Si sostiene che il progetto presentato, essendo totalmente privo dei calcoli delle strutture e degli impianti, richiesti inderogabilmente dal disciplinare di gara e dall’art. 24, d.P.R. n. 270 del 2010, doveva essere escluso in quanto privo degli elementi essenziali per poter essere qualificato come ‘progetto definitivo’. Motivo non accolto. Perché?

LO “STATUS” DEL COOPTATO

Il cooptato acquisisce lo status di concorrente, può acquistare qualche quota di partecipazione all'appalto, può rivestire la posizione di offerente, prima, e di contraente, poi, può prestare garanzie o subappaltare o affidare a terzi una quota dei lavori da eseguire?

L’INDICAZIONE DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA INTERNI, NELLE GARE DI LAVORI (SENTENZA 24 MARZO 2015)

Il Cons. Giust. Amm. Reg. Sic. di ieri ha giustamente smentito la grossolanità interpretativa della recentissima “plenaria” del Consiglio di Stato. Ma, siccome quest’ultima fa diritto pretorio (alias: “diritto vivente”), va seguito l’indirizzo del collegio continentale che – come abbiamo già avuto modo di rilevare – va ora anche a disintegrare l’opposta linea interpretativa che si era consolidata in servizi e forniture. Assordante il silenzio di tutti gli altri attori …

L’ISCRIZIONE CAMERALE IN UN APPALTO DI LAVORI

A che cosa serve l’iscrizione alla C.C..I.A.A. per un oggetto corrispondente a quello dell’appalto?

LA LEGITTIMITÀ DELLE MODIFICAZIONI IN RIDUZIONE DEI CONCORRENTI.

Il punto fondamentale è sempre la sussistenza o meno di un’elusione dei controlli.

IL SUBAPPALTO NECESSARIO

«È (…) del tutto conforme a legge la dichiarazione del concorrente il quale si limiti genericamente ad affermare di voler subappaltare talune lavorazioni nel massimo consentito dalla legge, senza la necessità di riportare immediatamente nella dichiarazione stessa i dati identificativi del subappaltatore», né la sua qualificazione. Ma, come noto, non è tesi pacifica (anche se teoricamente condivisibile).

ALTRA CONFERMA GIURISPRUDENZIALE SULL’INAMMISSIBILITÀ DELL’AVVALIMENTO PER IL PROGETTISTA INDICATO, IN UN APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE (SENTENZA 19 MARZO 2015)

Non è possibile che il “progettista qualificato” – cui l’impresa non avente i prescritti requisiti si rivolge ( si “avvale”), ai sensi dell’art. 53, co. 3 del codice – si avvalga a sua volta di altro progettista. Che piaccia o no, è così!

LE ATTIVITÀ TECNICO-AMMINISTRATIVE CONNESSE ALLA PROGETTAZIONE

La direzione lavori, il coordinamento della sicurezza durante l'esecuzione dei lavori e la contabilità dei lavori sono tutte attività tecnico-amministrative connesse alla progettazione?

A.N.AC. – VARIANTI IN CORSO D’OPERA

In un comunicato i chiarimenti sulle informazioni e la documentazione da trasmettere all’Autorità.  

L’ART. 252, COMMA 2, DEL D.P.R. 207/2010 E LA DEFINIZIONE DI SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA

Assumendosi la diversità concettuale tra miglioria progettuale e redazione di un progetto, si possono ritenere inidonee, sotto il profilo del requisito delle esperienze precedenti, alcune attività professionali svolte dai progettisti?

ATTESTAZIONE-SOA ED AVVALIMENTO

Una tesi che non sta in piedi: «la dichiarazione afferente specificamente “i mezzi e le risorse” non risulta necessaria in caso di avvalimento riguardante unicamente l’attestazione SOA».

IL “SURPLUS” DI QUALIFICAZIONE IN CATEGORIA PREVALENTE E L’ERRORE “NON ESSENZIALE” NEL PROSPETTARE IL TIPO DI RAGGRUPPAMENTO

1. Basta la qualificazione in categoria prevalente a coprire quella non posseduta in una categoria scorporabile. 2. La qualificazione del subappaltatore non occorre dimostrarla in sede di offerta (tesi poi contraddetta subito dopo …). 3. In sostanza oggi si direbbe che è un’irregolarità “non essenziale” l’essersi sbagliati nel menzionare il tipo di raggruppamento, laddove la qualificazione sia comunque integralmente comprovata.

COMPENSI PROFESSIONALI PER LE ATTIVITÀ PRESTATE IN QUALITÀ DI COMPONENTE DELLA COMMISSIONE DI COLLAUDO DI OPERA PUBBLICA

La controversia appartiene al giudice amministrativo o all’A.G.O.? Si puo far valere il mancato riconoscimento di un debito fuori bilancio per radicare la competenza del giudice amministrativo?

APPALTO A CATEGORIE SCORPORABILI E POSSIBILITÀ DI PARTECIPARE SOLO IN RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE, CON IL SUBAPPALTO DI TUTTE LE SCORPORABILI

Non vi è alcuna valida ragione per impedire alle imprese raggruppate su base orizzontale, tutte qualificate per la categoria prevalente, di cumulare il requisito di qualificazione ai fini dell’ammissione alla gara, subappaltando a terzi interamente le categorie scorporabili per le quali l’A.T.I. stessa non è qualificata (principio consolidato).

“FREE” – ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI (SENTENZA 12 MARZO 2015)

Illegittima (in attesa della “plenaria”) l’auto-tutela fondata sul motivo che si sarebbe dovuto escludere tutti coloro che non avrebbero ottemperato all’obbligo di legge di esplicitare in sede di offerta gli oneri per la sicurezza da rischio specifico …

ONERI DELLA SICUREZZA E “APPALTO CONCORSO”

“Gli oneri per la sicurezza (comunque non soggetti a ribasso) non sono rigidamente predeterminati dall’amministrazione appaltante come nell’appalto di lavori, evidenziandoli, il bando, per ammontare meramente indicativo. I suddetti oneri devono essere calcolati ed indicati da ciascun concorrente”. Ci sono però almeno tre punti che non quadrano.

LA PROCEDURA NEGOZIATA DI CUI ALL’ART. 122, COMMA 7, DEL CODICE

Ed ecco la risposta alle domande di cui al post precedente.

IMPRESE DI LAVORI E FACOLTÀ DI CAMBIARE LA SOA INDICATA (SENTENZA 11 MARZO 2015)

Alle imprese chiamate ad indicare la SOA è consentito cambiarne la designazione, né si evincono preclusioni in tal senso dalla disciplina della materia (questa volta ha ragione l’Autorità).

DIFETTO (PARZIALE) DI SOTTOSCRIZIONE NEL PROGETTO PRESENTATO IN SEDE DI OFFERTA

Anche se sottoscritto da un amministratore e da un procuratore, il progetto non è stato sottoscritto dal progettista abilitato, ai sensi dell’art. 15, comma 12, del d.P.R. n. 207/2010 e dell’art. 51 del R.d. n. 2537/1925 (sentenza 5 marzo 2015). Ok, ieri andavi fuori dalla gara! Ma oggi si sarebbe trattato di un’«irregolarità essenziale».

LA QUESTIONE DELL’INDICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE E DELL’ALLEGAZIONE DELLA SUA QUALIFICAZIONE

Risulta, a parere del collegio, preferibile il tradizionale orientamento, ribadito di recente dal Consiglio di Stato, secondo il quale non si evince l'obbligo, per chi abbia dichiarato di volersi avvalere del subappalto per alcune specifiche lavorazioni, di indicare già in sede di presentazione dell'offerta il nominativo dell'impresa subappaltatrice.

LA PREVALENZA DA DARSI AL RIBASSO PERCENTUALE INDICATO IN LETTERE

Vedi principio consolidato. E comunque la rettifica di eventuali errori di scritturazione e di calcolo è possibile e dovuta laddove, s’intende, alla rettifica stessa si possa pervenire con ragionevole certezza.

“FREE” – LA PROCEDURA NEGOZIATA DI CUI ALL’ART. 122, COMMA 7, DEL CODICE

1. L’articolo 122 comma 7, del codice, subordina il ricorso alla procedura semplificata di cui all’articolo 57, comma 6, del codice dei contratti al ricorrere del presupposto dell’urgenza?

ANAC - SERVIZI ARCHITETTURA E INGEGNERIA

Nuove linee guida per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria contenute nella determinazione n. 4/15  

RAGGRUPPAMENTI E DICHIARAZIONE DELLE QUOTE (SENTENZA 9 MARZO 2015)

Ieri, nei lavori, la mancata indicazione delle quote di partecipazione-esecuzione non era sanabile. Oggi, quindi, si tratta di un’«irregolarità essenziale».

ANAC: L’ANTICIPO-PREZZO E L’ETERO-INTEGRAZIONE DELLA DISCIPLINA DI GARA

«Efficacia vincolante dell’art. 26-ter, comma 1, del d.l. 21 giugno 2013, n. 69 anche in presenza di clausole difformi della lex specialis di gara».

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI LAVORI PUBBLICI E QUESTIONE DELLA POSSIBILITÀ DELL’AVVALIMENTO DEI REQUISTI ECONOMICO-TECNICI PER IL PROGETTISTA

Per il T.A.R. che si riporta la risposta è positiva. Anche noi saremmo del tutto d’accordo, in teoria. Ma in pratica, per ora, no.

L’INCENTIVO PER GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE URBANISTICA

Nella nuova disciplina non è possibile riconoscerlo.

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE E MANCANZA DELLE RELAZIONI NELL’OFFERTA TECNICA

Sussiste la possibilità di procedere alla valutazione di un’offerta tecnica incompleta (e, dunque, pure in mancanza delle relazioni di riferimento), qualora l’incompletezza non sia tale da impedire comunque l’effettuazione della valutazione rispetto ai criteri di valutazione predeterminati dalla disciplina di gara?

REMUNERAZIONE DEI SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA E ALL’INGEGNERIA

Non si può dare solo un rimborso-spese, agganciandolo a un affidamento diretto previo frazionamento dell’importo complessivo. E il regolamento interno di ripartizione dell’incentivo deve essere coerente con la nuova disciplina.

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE E “STATUS” DEL PROGETTISTA

Il rapporto tra stazione appaltante, concorrente e progettista indicato può essere qualificato come promessa dell’obbligazione o del fatto del terzo, ai sensi dell’art. 1381 c.c., fattispecie nella quale il terzo rimane del tutto estraneo al rapporto obbligatorio che vincola promittente e promissario, ed il promittente è tenuto ad indennizzare il promissario se il terzo rifiuta di obbligarsi o non compie il fatto promesso (efficace tesi).

“FREE” – ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA E LORO INDICAZIONE NEGLI APPALTI DI LAVORI IN SEDE DI OFFERTA

In attesa che si pronunci la “plenaria”, si consiglia il RUP di non ascoltare le sirene della dottrina. Non richiedeteli a pena di esclusione, rectius, di configurazione di irregolarità essenziale.

“FREE” – CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ E ATTESTAZIONE-SOA

Per concorrere con classifica III necessaria per l’operatore economico al fine di essere qualificato, non è sufficiente possedere il certificato di qualità pur aggiornato, se questo non è menzionato nell’attestazione-SOA, ovvero se non si produce in sede di gara documentazione che comprovi il processo in essere dell’aggiornamento dell’attestazione-SOA stessa.

LA DISCIPLINA PER L’ANTICIPAZIONE DEL PREZZO, VIGENTE DAL 2 MARZO 2015

All’interno i richiami normativi coordinati. Con la certezza che non sanno scrivere le norme ... 

LA QUALIFICAZIONE DELLO “STATUS” DEL PROGETTISTA NELL’APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE (SENTENZA 26 FEBBRAIO 2015)

A un’ottima ricognizione (il progettista non è concorrente) segue l’affermazione di una grossolanità (il progettista non è suscettibile di verifica dei requisiti ex art. 38 del codice).

UN CASO CHE SI VERIFICA SPESSO NELL’APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI CUI ALL’ART. 53 DEL CODICE, COMMA 2, LETT. C) (SENTENZA 26 FEBBRAIO 2015)

È legittimo che l’aggiudicataria non abbia presentato gli studi e gli elaborati relativi alla fattibilità ambientale dell'intervento (art. 27 del regolamento), nonché l'elaborato relativo alla risoluzione delle interferenze (art. 26 del regolamento)?

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE (LETT. C) E QUESTIONE DELLE VARIANTI

Il bando di gara non consentiva espressamente le varianti progettuali, per cui, ai sensi dell’art. 76, comma 2, D.Lgs. n. 163/2006, le varianti medesime non possono ritenersi ammissibili, eccetto quelle migliorative descritte nei criteri di valutazione delle offerte e coerenti con il criterio di aggiudicazione prescelto nella specie (offerta economicamente più vantaggiosa).

GLI ARTT. 118 DEL REGOLAMENTO E 53 DEL CODICE

In un appalto a corpo, in cui si offre un prezzo complessivo, l’elenco prezzi analitico risulta irrilevante.

IL CONSIGLIO DI STATO FA CONFUSIONE IN ORDINE AL RAPPORTO FRA SUBAPPALTO DI NON POSSEDUTA “SCORPORABILE” E NECESSITÀ DI POSSEDERE UNA QUALIFICAZIONE ADEGUATA IN “PREVALENTE”

Il surplus di qualificazione in prevalente è necessario a prescindere dal fatto che la categoria scorporabile subappaltabile, non posseduta, sia a qualificazione obbligatoria oppure no.

LAVORI E ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA (SENTENZA 23 FEBBRAIO 2015)

Sicuramente, se il bando non dice nulla, non può dedursi in via auto-esecutiva un appunto inespresso principio.

ESCLUSA LA POSSIBILITÀ DI UN'INTERPRETAZIONE ESTENSIVA O "EVOLUTIVA" DELLA DISCIPLINA IN MATERIA (SENTENZA 23 FEBBRAIO 2015)

Qual è il criterio per accertare se una costruzione sia da considerare modesta, e quindi se la sua progettazione rientri nella competenza professionale dei geometri? Da leggere tutta.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL COEFFICIENTE PER L’OFFERTA-PREZZO (SENTENZA 23 FEBBRAIO 2015)

Nel regolamento di cui al d.p.r. n. 554/1999, all’allegato B, risulta che il coefficiente deve essere ottenuto mediante il rapporto tra i ribassi e non già i prezzi offerti in valore assoluto.

APPALTI INTEGRATI E ONERE DICHIARATIVO PER IL PROGETTISTA EX ART. 38 DEL CODICE (SENTENZA 20 FEBBRAIO 2015)

Ma il Consiglio di Stato sempre di queste mese aveva già chiuso la questione.

LA COMPETENZA A PROGETTARE DEGLI ARCHITETTI (SENTENZA 20 FEBBRAIO 2015)

La riserva di competenza degli architetti sussiste per ogni tipologia di intervento su immobili gravati da vincolo storico e artistico, ad eccezione delle attività propriamente tecniche di edilizia civile per le quali lo stesso art. 52 prevede la competenza anche degli ingegneri.

LA CATEGORIA SCORPORABILE A QUALIFICAZIONE NON OBBLIGATORIA

Un esempio giurisprudenziale con una OS 6 scorporabile.

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA

Un esempio di inadeguatezza.

IDONEITÀ SOGGETTIVA

La mancata motivazione della non rilevanza dei reati commessi, in ipotesi di ammissione del concorrente, e l’iscrizione alla cassa edile in sede di partecipazione.

ANAC - APPALTI PUBBLICI - ESITI DEL MONITORAGGIO SUL RICORSO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA DA PARTE DEI COMUNI CAPOLUOGO DI REGIONE

Con il Comunicato del Presidente del 19 febbraio 2015 si forniscono gli esiti del monitoraggio sul ricorso alla procedura negoziata, quale tipologia di scelta del contraente, da parte dei Comuni capoluogo di regione nel periodo 2011-2014.

LA DETERMINATEZZA DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO

Quando si può considerare sufficientemente determinato l’oggetto del contratto di avvalimento?

LA COOPTAZIONE

L’espressione impropria ma invalsa nella pratica di “mandante cooptata” non può avere valenza invalidante se ricorrono tutti i requisiti sostanziali previsti dalla norma.

"FREE" - L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E LA QUALIFICAZIONE DEL PROGETTISTA E DELL’IMPRESA PER APPALTI INTEGRATI E FINANZA DI PROGETTO

Il seminario di formazione intende prendere in considerazione due tematiche di fondo, relative allo status del progettista di lavori pubblici. [clicca sul post]

L’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA ESTESO ALLA PROGETTAZIONE

È chiaro che se non si censura la specifica clausola di bando – come deve anche notare il collegio – poi passa una duplice illegittimità di questo tipo.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO: ORA BASTA CON LA SOLITA ECATÓMBE!

Questo T.A.R. dell’altro giorno ritiene di seguire l’orientamento restrittivo, nonostante la maggiore aderenza al dato normativo dell’altro … Qui, a questo punto, bisogna che il RUP ne venga fuori con una soluzione pragmatica. La segnaliamo, in dettagliata analisi, in calce alla riportata pronuncia.

CONSORZIO STABILE E CONSORZIATA

Può invocarsi la falsità della dichiarazione della consorziata, per non aver indicato di far parte del consorzio stabile?

IL GIUDICE AMMINISTRATIVO FA GIUSTIZIA DELLA GROSSOLANITÀ INTERPRETATIVA DEGLI ENTI PREVIDENZIALI E DI ALCUNI T.A.R.

La regolarità del DURC deve sussistere al momento di scadenza del termine di quindici giorni [che deve essere] assegnato dall'ente previdenziale per la regolarizzazione della posizione contributiva. E ora la stazione appaltante non può più trincerarsi dietro lo schermo dell’insindacabilità del DURC! Una perla di pronuncia, che però ora aggrava il problema per il RUP …  

DURC RILASCIATO DA CASSA EDILE E SUA SINDACABILITÀ

Il giudice amministrativo può verificare in via incidentale quale sia, ovvero quale debba essere, il contenuto del DURC, quando esso sia stato posto a base di un provvedimento, emesso nel corso di una gara d’appalto.

APPALTO INTEGRATO E QUALIFICAZIONE MORALE DEI PROGETTISTI

I progettisti indicati sono operatori economici esecutori di una pubblica commessa, anche se per effetto di un incarico da parte delle imprese esecutrici dei lavori. Pertanto l’idoneità morale va comprovata anche in capo ad essi. Bella pronuncia, da leggere tutta.

ONERI DELLA SICUREZZA IN SEDE DI OFFERTA NEI LAVORI, IN ATTESA DELLA “PLENARIA”

La prescrizione dell’ultima parte dell’art. 87 co. 4 del d.lgs. n. 163/2006 (secondo cui sin dall’offerta devono essere specificamente indicati i costi relativi alla sicurezza) è applicabile ai soli appalti di servizi e forniture (unici espressamente menzionati da detta disposizione), ovvero anche agli appalti di lavori, e tanto in forza di una interpretazione sistematica?

UN’INTERPRETAZIONE DELL’ART. 263, COMMA 1, LETT. D), DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL CODICE

Qualificazione del progettista: il numero medio annuo del personale tecnico utilizzato negli ultimi tre anni.

L’INTERDITTIVA ANTIMAFIA NON PRECLUDE[REBBE] IL RILASCIO DELL’ATTESTAZIONE-SOA (SENTENZA 11 FEBBRAIO 2015)

Questa la testuale affermazione di principio del giudice amministrativo: «l’informativa interdittiva, non rientrando tra i requisiti di ordine generale di cui all’art. 38 cod. app., non è di per sé ostativa alla richiesta e al rilascio dell’attestazione SOA». Ovvero, secondo noi, summum jus, summa inuria.

“FREE” – SICILIA – CIRCOLARE 17 DICEMBRE 2014.

Corresponsione incentivi ex art. 92, commi 5 e 6, del D.Leg.vo n. 163/2006. Disposizioni per il periodo transitorio.

“FREE” – ALL’ANAC LO “SBLOCCA ITALIA” PER I LAVORI PROPRIO NON PIACE …

… e quindi, d’ufficio, con un «comunicato», si modifica il termine previsto dall’art. 7, comma 8, del codice. Sarà meglio che il RUP indica una procedura aperta? Che dite? E sopratutto seguendosi in tutto e per tutto il bando-tipo dell'ANAC?

SERVIZI DI PROGETTAZIONE SVOLTI: L’INTERPRETAZIONE CORRETTA DELL’ART. 263, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO, IN ORDINE AI SERVIZI SVOLTI PER PRIVATI (SENTENZA 10 FEBBRAIO 2015)

Si definisce una volta per tutte come si valutano i servizi svolti per committenti privati. Serve anche per gli appalti integrati e per l’affidamento di una concessione.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO (SENTENZA 10 FEBBRAIO 2015)

La linea che ritiene necessaria la comprova della qualificazione del subappaltatore già in sede di gara …

GLI ONERI AZIENDALI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI (3 FEBBRAIO 2015)

Il combinato disposto degli artt. 86, comma 3-bis, e 87, comma 4, del D.Lgs. 163/2006 non impone affatto, nel caso di appalti di lavori pubblici, l'obbligo di indicare a pena di esclusione i c.d. oneri per la sicurezza aziendale. In attesa della “plenaria”, questa è la linea corretta e prevalente.

ATTESTAZIONE-SOA: IL CRITERIO, PER I LAVORI, DELL’IMPORTO SUPERIORE AD EUR 150.000 (SENTENZA 3 FEBBRAIO 2015) E UN ART. 90 DEL REGOLAMENTO UN PO’ TROPPO A GOGÒ …

È «principio generale statuito dall’art. 40 D. Lgs. 163 del 2006», quello «secondo il quale l’affidamento e lo svolgimento di lavori pubblici di importo superiore a €. 150.000,00 può essere aggiudicato solamente agli operatori economici dotati dell’attestazione SOA corrispondente ai lavori da realizzare».

NECESSARIA DECADENZA DELL’ATTESTAZIONE-SOA, INDIPENDENTEMENTE DALL’IMPUTABILITÀ SOGGETTIVA DEL FALSO (SENTENZA 2 FEBBRAIO 2015)

Neppure l’accertata non imputabilità all'impresa delle false dichiarazioni vale, comunque, a impedire l'adozione di un provvedimento di decadenza di un'attestazione rilasciata in base alla documentazione di cui sia oggettivamente emersa la non veridicità, poiché l'acclarata falsità oggettiva giustifica e impone — indipendentemente da ogni ricerca sull'imputabilità soggettiva del falso — il ritiro dell'attestazione di qualificazione rilasciata sulla base dei documenti riconosciuti come

OFFERTA A PREZZI UNITARI E MANCATA SOTTOSCRIZIONE DI UN FOGLIO (SENTENZA 27 GENNAIO 2015)

Siccome non è stato sottoscritto un foglio del modulo-lista, si deve ritenere che l’offerta vada esclusa ai sensi dell’art. 119, comma 3, del regolamento. Si può sostenere questa tesi?

RAGGRUPPAMENTO SUPER-MISTO E LAVORI ESEGUIBILI DALLA CAPO-GRUPPO (SENTENZA 27 GENNAIO 2015)

I lavori scorporabili sono eseguibili solo da mandanti (anche se riunite in raggruppamento orizzontale), ma mai dalla mandataria, cui sono riservati esclusivamente il lavori della categoria principale, e ciò a tutela della concorrenza e dell’ampliamento della platea dei concorrenti. Si può sostenere questa tesi?

LA CAPOGRUPPO DEVE AVERE LA QUALIFICAZIONE MAGGIORITARIA, MA PUÒ PARTECIPARE-ESEGUIRE PER QUOTA MINORITARIA (SENTENZA 27 GENNAIO 2015)

Già la giurisprudenza (forzatamente, per la verità), aveva anticipato la novella che ha da ultimo modificato il comma 2 dell’art. 92 del regolamento.

COOPTAZIONE E “FAVOR PARTECIPATIONIS” (SENTENZA 26 GENNAIO 2015)

Una linea interpretativa orientata per il soccorso istruttorio, in relazione al silenzio del bando sul punto.

IL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO E CHE, DI GRAZIA, SI RIMETTANO GLI ATTI ALLA “PLENARIA” AFFINCHÈ IL RUP POSSA OPERARE UNA SCELTA INSINDACABILE

Che ai sensi del D.Lgs. 163/2006, art. 201, comma 4, il subappalto sia qualificatorio a prescindere dall’importo, su questo siamo perfettamente d’accordo. Non siamo per nulla d’accordo sulla linea interpretativa (l’abbiamo dette mille volte, anche ieri al master a Bologna) che richiede già in sede di gara la comprova della qualificazione del subappaltatore. Purtroppo qui il RUP, come sceglie, sceglie male …

L’ART. 76, COMMA 11, DEL D.P.R. N. 207/2010 (SENTENZA 16 GENNAIO 2015)

L’attestazione di qualificazione rilasciata da una SOA è cedibile, dato che viene rilasciata al termine di un procedimento istruttorio diretto ad accertare il possesso dei requisiti previsti dalla legge in capo al solo soggetto giuridico che l’ha richiesta?

LA COOPTAZIONE IERI (SENTENZA 13 GENNAIO 2015). MA OGGI, CON IL SOCCORSO ISTRUTTORIO SANZIONATO?

La sentenza si riferisce a un bando per il quale, sia pure per pochi giorni (28 maggio 2014), non si applicava ancora il soccorso istruttorio sanzionato. L’esclusione, confermata dal collegio, fu quindi dovuta in quanto la dichiarazione di cooptazione (figura che il bando-tipo, a proposito, neppure prevede …) non era evidente. Ma oggi, per lo stesso caso, scattererebbe un’«irregolarità essenziale». E sapete perché?

BOCCIATA LA CLAUSOLA DEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI: PRIMA PRONUNCIA SUL NUOVO SOCCORSO ISTRUTTORIO SANZIONATO!

Al paragrafo 16.21 del bando-tipo è richiesta la seguente dichiarazione: «►accetta, a pena di esclusione, il patto di integrità/protocollo di legalità».

PROGETTO ESECUTIVO IN APPALTO A CORPO E COMPUTO METRICO

Anche per l'appalto a corpo è necessario che il progetto esecutivo presenti tutte le caratteristiche dell'immediata realizzabilità e dunque che sia corredato anche dal computo metrico?

I RAGGRUPPAMENTI SOVRADIMENSIONATI

L’inserimento nella lex specialis di gara di un’eventuale clausola “escludente” di divieto di costituzione di ATI cc.dd. “sovrabbondanti” sarebbe nulla. In realtà, occorre sempre tener conto del concreto contesto di mercato e, sotto questo profilo, per i lavori è improbabile che possano crearsi cartelli (così come, per esempio, può succedere per il servizio assicurativo o per i buoni-pasto …).

“FREE” – BANDI DI LAVORI

Pubblicati bandi di lavori che recepiscono integralmente il bando-tipo dell’ANAC. Auguri!  

RICORSO INAMMISSIBILE

Erronea applicazione dell’art. 122, comma 7, del d.lgs. n. 163/2006, e s.m., sotto il profilo della carenza di adeguata motivazione per il ricorso alla procedure negoziata. La norma in questione richiede motivazioni valide e pertinenti in quanto trattasi di sistema di aggiudicazione che comprime i principi di pubblicità e concorrenza.

"FREE" - IN MERITO ALLA “NOTA ILLUSTRATIVA” DEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Secondo l’ANAC, «è necessario, ai sensi dell’art. 41, comma 2, del Codice, indicare una congrua motivazione in ordine ai limiti di accesso connessi al fatturato aziendale».

DIRITTO DI ACCESSO ALLA CASSA EDILE

Poiché la mandante dell’ATI aggiudicataria aveva dichiarato in sede di gara di essere esentata dalla Cassa Edile e perciò non aveva dimostrato la regolarità contributiva, nonostante fosse iscritta alla Edil Cassa Regionale, un’impresa chiede alla predetta Cassa Edile di conoscere la posizione contributiva della mandante stessa. Va dato l’accesso?

IL RUOLO GIURIDICO-FORMALE DEL PROGETTISTA NELL’APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI LAVORI PUBBLICI

Si ribadisce, correttamente, che nell’appalto di progettazione ed esecuzione di lavori pubblici il progettista non assume il ruolo di concorrente. Ma di qui ce ne passa ad affermare il principio che egli non sia onerato delle dichiarazioni ex art. 38 del codice.

CONTRATTO MISTO CON PREVALENZA FUNZIONALE DEL SERVIZIO RISPETTO AI LAVORI

Non  siamo per nulla d’accordo con l’espressa affermazione di principio resa dal collegio. Vero che la qualificazione per le prestazioni accessorie non può configurarsi come elemento indefettibile.

“FREE” – LE (PER ORA) N. 66 DEROGHE DA APPORTARSI AL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI AL PREZZO PIÙ BASSO – ASSISTENZA ALLE IMPRESE E AL RUP

Per l’impresa che vuole richiedere l’immediata riammissione alla gara per clausole nulle o illegittime. Per la stazione appaltante che vuole avviare una gara senza clausole nulle o illegittime. Già on line, ad accesso libero, lo schema di determinazione a contrarre per la stazione appaltante.

ESCLUSIONE AUTOMATICA: LA VARIAZIONE CHE INTERVENGA “EX POST” NON RILEVA PER L'INDIVIDUAZIONE DELLA SOGLIA DI ANOMALIA (SENTENZA 30 DICEMBRE 2014)

Tuttavia, non è applicabile alla fattispecie in esame, ratione temporis, l’art. 39, comma 1, del decreto legge n. 90 del 21 giugno 2014, atteso che il bando è stato pubblicato prima dell’entrata in vigore della nuova normativa.

QUESITO “FREE”: ERRORI DI PROGETTAZIONE E REVOCA DELLA GARA

In caso di errore di progettazione che abbia dato causa alla revoca della gara, sussiste responsabilità precontrattuale?

EXPO 2015: IL PRESUPPOSTO DELL’”ATTUALITÀ” PER L’INTERTIDITTIVA ANTIMAFIA (D.LGS. 159/2011, ART. 91, COMMA 6) E IL D.L. 90/2014 (CONVERTITO NELLA L. 114/2014), ART. 32, COMMA 10.

1. La giurisprudenza indica nella “attualità”, “obiettiva congruità” e “concretezza” i caratteri che debbono manifestare gli elementi assunti dai provvedimenti interdittivi come base per giustificare la loro adozione da parte dell’autorità prefettizia competente, in ordine al pericolo di infiltrazione mafiosa”.

“FREE” – IL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI E UN ERRATO “COPIA E INCOLLA”

Il bando-tipo per i lavori al prezzo più basso è stato probabilmente redatto con un errato “copia e incolla” da uno schema di bando per servizi e forniture.

NO A MECCANISMI AUTOMATICI NELLA VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA: BOCCIATA (OVVIAMENTE) LA SOLUZIONE PROPOSTA NELLA “NOTA ILLUSTRATIVA” DEL BANDO-TIPO PER I LAVORI (SENTENZA 22 DICEMBRE 2014)

Per i principi comunitari è regola oramai fondamentale e consolidata da tempo quella secondo cui l’incongruità dell’offerta anomala va rinvenuta nell’analisi concreta delle sue singole componenti e non per mezzo di soglie automatiche. Il problema del bando-tipo è ormai, sempre più, un problema politico. Peccato che non interessi a nessuno dei nostri politici.

IL MINIMO DEL 40% PER LA CAPOGRUPPO E DEL 10% PER MANDANTE A QUALE IMPORTO DI LAVORI SI RIFERISCE? LA MODIFICA DELLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE-ESECUZIONE.

Il solito errore concettuale di riferirsi al totale d’appalto, anziché all’importo della categoria assunta. E poi non è vero che le quote di partecipazione-esecuzione possano essere modificate solo in fase esecutiva:

LA COOPTAZIONE OGGI, ALLA LUCE DELLA DISCIPLINA SULL’«IRREGOLARITÀ ESSENZIALE»

Ieri, se mancava un'espressa ed inequivoca dichiarazione, scattavano automaticamente le regole del raggruppamento e il soggetto andava escluso per difetto di qualificazione di un mandante. E oggi?

IL “NON POSSEDUTO” IN SCORPORABILE DEVE ESSERE POSSEDUTO IN PREVALENTE E PER LA QUALIFICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE SI APPLICA L’ART. 118 DEL CODICE

1. È l'esistenza della totale copertura della categoria prevalente a legittimare la partecipazione alla gara, pur in carenza dei requisiti nelle categorie scorporabili, purché accompagnata dalla dichiarazione di voler subappaltare le scorporabili. 2. Quanto all’identificazione del subappaltatore ed alla verifica del possesso da parte di questi dei requisiti, essa attiene solo al momento dell'esecuzione.

“FREE” - BANDO-TIPO PER I LAVORI: LA GROSSOLANITÀ INTERPRETATIVA SULLE “QUOTE”, IN MATERIA DI RAGGRUPPAMENTO

Così sta scritto nella “Nota illustrativa”, al paragrafo 5: «Rispetto alla precedente formulazione dell’art. 92, comma 2, si evince, quindi, che le quote di partecipazione al raggruppamento possono essere ora liberamente stabilite, nel rispetto ovviamente (…) dei vincoli sopra richiamati (almeno il 40% per la mandataria e almeno il 10% per le mandanti)».

PIANO DI SICUREZZA, COMPUTO METRICO, COSTI PER GLI APPRESTAMENTI DI CANTIERE

È del tutto legittimo che la stazione appaltante abbia sceverato nel computo metrico estimativo, in simmetrica con i prezzi unitari, all’interno delle voci “apprestamenti di cantiere”, espressamente previste nel PSC, i costi effettivamente non ribassabili per essere destinati alla sicurezza del cantiere, distinguendoli da quelli attinenti alla lavorazione suscettibili invece di ribasso.

NON ESISTE ALCUNA DISPOSIZIONI CHE VIETI CHE LA MANDANTE ASSUMA IL RUOLO DI AUSILIARIA

Anche nell’ambito di un’a.t.i. è ammesso l’utilizzo dell’avvalimento, ma anche nel senso che persino la quota minima di requisiti che ciascun componente di un’a.t.i. deve possedere può essere dimostrata mediante ricorso all’avvalimento. Il principio vale anche per il beneficio del “quinto”.

COMPETENZA DEI COMMISSARI E “FAVOR” NELL’INTERPRETARE IL DIVIETO DI VARIANTI PROGETTUALI (SENTENZA 11 DICEMBRE 2014)

1. Al riguardo, giova richiamare gli ormai pacifici indirizzi giurisprudenziali secondo cui: a) non è necessario, per il soddisfacimento della prescrizione normativa, che le competenze dei componenti la Commissione coprano ogni settore delle prestazioni oggetto dell’appalto (cfr. Cons. Stato, sez. VI, 10 giugno 2013, nr. 3202; id., sez. V, 28 maggio 2012, nr. 3124);

AVVALIMENTO DI ATTESTAZIONE-SOA CON POSSESSO DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ

Se l’impresa si avvale di un’attestazione-SOA dalla terza classifica in su, deve essere propriamente comprovato anche l’avvalimento della certificazione di qualità. Principio ineccepibile.

INCENTIVO NEL PERIODO INTERTEMPORALE

Cfr. Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per la Lombardia, deliberazione 13 novembre 2014, n. 300.

APPALTO INTEGRATO E “STATUS” DEL PROGETTISTA (9 DICEMBRE 2014)

Il progettista è parte esterna al rapporto e non è concorrente. E questa è tesi correttissima. Ma è formalistica grossolanità teorizzare, per questo, che egli non sia onerato delle dichiarazioni ex art. 38 del codice. Perché allora, per identica situazione, la consorziata di consorzio cooperativo, o artigiano o stabile è invece gravata di tale onere?

L’AVVALIMENTO FRAZIONATO ERA GIÀ AMMESSO DOPO LA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (SENTENZA 5 DICEMBRE 2014)

La recente legge comunitaria, che ha modificato l’art. 49 del codice, ha quindi avuto valenza ricognitiva e non innovativa dell’ordinamento.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LE VARIANTI IN SEDE DI OFFERTA NEL SETTORE DELLE OPERE DI INTERESSE STRATEGICO

Anche in relazione alle opere di interesse strategico trovano applicazione i principi posti dall’art. 76 del codice degli appalti.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: IL RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO PER L’ESECUZIONE DI UN’OPERA PUBBLICA

Il principio di economicità non si sostanzia nella mera massimizzazione del risparmio di spesa, ma esprime l’esigenza che la stazione appaltante definisca i criteri di aggiudicazione e il relativo peso in modo da garantire il raggiungimento delle finalità perseguite con il minore onere economico.

("FREE") OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: TRA “VARIANTI PROGETTUALI” E “VARIANTI MIGLIORATIVE”

Il caso concreto di un bando silente sull’art. 76 del codice, ma che in capitolato prevede “varianti migliorative”.

ATTESTAZIONE-SOA E SUA ULTRATTIVITÀ

Va riconosciuta o meno ultrattività all’attestazione SOA, scaduta per effetto della mancata verifica triennale entro il termine di cui all’art. 77 n. D.P.R. n.207/2010, pur in presenza di tempestiva istanza di rinnovo ai sensi del precedente art. 76, comma 5, del medesimo regolamento?

LA VERIFICA DELL’ANOMALIA E IL PROBLEMA DELLA RIMODULAZIONE DELLE GIUSTIFICAZIONI

Quello che non si può consentire è che in sede di giustificazioni vengano apoditticamente rimodulate le voci di costo senza alcuna motivazione, con un’operazione di “finanza creativa”, priva di pezze d’appoggio, al solo scopo di “far quadrare i conti”, ossia di assicurarsi che il prezzo complessivo offerto resti immutato e si superino le contestazioni sollevate dalla stazione appaltante su alcune voci di costo.

("FREE") BANDO-TIPO: IN CASO DI CONTRASTO TRA TESTO IN LINGUA STRANIERA E TESTO IN LINGUA ITALIANA PREVARRÀ LA VERSIONE IN LINGUA ITALIANA …

Cfr. paragrafo 7.4 del bando-tipo per i lavori (ma analoga clausola  è posta nel bando-tipo per l’appalto di pulizia): « Tutta la documentazione da produrre deve essere in lingua italiana o, se redatta in lingua straniera, deve essere corredata da traduzione giurata in lingua italiana. In caso di contrasto tra testo in lingua straniera e testo in lingua italiana prevarrà la versione in lingua italiana, essendo a rischio del concorrente assicurare la fedeltà della traduzione».

L’INCREMENTO DEL TERMINE DI TRENTA GIORNI PER L’IMPUGNAZIONE, LA SOTTOSCRIZIONE, LA QUALIFICAZIONE MORALE DEI PROGETTISTI IN UN APPALTO INTEGRATO

1. Il termine di trenta giorni per l’impugnativa del provvedimento di aggiudicazione non decorre sempre dal momento della comunicazione, di cui ai commi 2 e 5 dell’articolo 79, ma può essere incrementato.

IL CASO: SCORPORABILE A QUALIFICAZIONE OBBLIGATORIA IN AVVALIMENTO E POSSIBILITÀ DI SUBAPPALTO ALLA MEDESIMA

La disciplina di gara prevede, oltre alla categoria prevalente, una scorporabile a qualificazione obbligatoria. L’operatore economico ricorre, per quest’ultima, all’avvalimento dei requisiti. Domanda n. 1: l’impresa ausiliaria può assumere il ruolo di subappaltatore? Domanda n. 2: il subappalto, in tal caso, è qualificatorio o esecutivo?

(“FREE”) ANAC – COMUNICATO DEL PRESIDENTE – PRIME VALUTAZIONI SULLE VARIANTI IN CORSO D’OPERA TRASMESSE DALLE STAZIONI APPALTANTI

«Il comunicato del Presidente dell’Anac del 24 novembre 2014 riporta gli esiti delle verifiche preliminari effettuate sulle varianti in corso d’opera trasmesse dalle Stazioni Appaltanti in applicazione dell’art. 37 del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90. (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari) 

LA DISPONIBILITÀ DI UN CENTRO DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI (24 NOVEMBRE 2014)

La stazione appaltante, nel capitolato, ha correttamente richiesto che debba essere garantita una specifica temperatura al momento della posa del conglomerato bituminoso. Tuttavia, non risponde ad una logica consequenziale l’aver predisposto, come condizione necessaria per la partecipazione alla gara, la disponibilità di un centro di produzione di conglomerati bituminosi a sessanta chilometri dal centro di manutenzione. Vedi perché.

INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE: RETROATTIVO IL LIMITE DEL 50%.

«Come evidenziato in del. 246/2014 incentivo a progettazione in costanza art.92 c 5 dlgs 163/2006 è oggetto attenzione Corte (Sez. Autonomie 16/2009; Pareri Veneto 337/2011, Piemonte 290/2012, Lombardia 57/2012, 259/2012, 425/2012 e 453/2012) eccezione a principio onnicomprensività retribuzione.

OFFERTA A PREZZI UNITARI: LE “SOSTITUZIONI DI QUANTITÀ PRECOMPILATE”

Le “sostituzioni di quantità precompilate”, in funzione migliorativa dell’offerta, soggiacciono alla previsione dell’art. 119, comma terzo, d.P.R. 207/2010 (“Il modulo è sottoscritto in ciascun foglio dal concorrente <e non può presentare correzioni che non sono da lui stesso espressamente confermate e sottoscritte>”)?

LA NECESSITÀ DELLA QUALIFICAZIONE IN PREVALENTE PER QUANTO NON È POSSEDUTO IN SCORPORABILE SPIEGA PERCHÉ ANCHE NEL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO LA QUALIFICAZIONE BASTI DARLA IN FASE ESECUTIVA (SENTENZA 21 NOVEMBRE 2014)

1) Anche per i raggruppamenti misti, «la fase della qualificazione appare soddisfatta dalla circostanza che la mandataria copra con il surplus di requisiti di qualificazione nella categoria prevalente il deficit della mandante circa la classifica per la categoria scorporabile».

("FREE) L’AVCPASS PER LA SOMMA URGENZA NEI LAVORI

«Le chiedo per cortesia di indicarmi se è necessario l'utilizzo del sistema AVCPASS nel caso di lavori in somma urgenza. Al numero verde ANAC sostengono che sia obbligatorio passare tramite AVCPASS anche nel caso di lavori in somma urgenza.

L’AMBITO OGGETTIVO DI VERIFICA DELL’ANOMALIA

Può considerarsi viziato il procedimento di verifica per il fatto che l'amministrazione appaltante si sia limitata a chiedere le giustificazioni per le sole voci sospette di anomalia e non per le altre?

ALLA FACCIA DEL BANDO CHE DOVREBBE CRISTALLIZZARE LE REGOLE GIURIDICHE VIGENTI AL MOMENTO DELLA SUA PUBBLICAZIONE …

Il D.L. non convertito (fresca fresca del pomeriggio di oggi 17 novembre 2014) fa applicare non la normativa vigente al momento del bando, ma lo jus superveniens vigente alla data di scadenza del termine di presentazione delle offerte …

("FREE") PILLOLE

«Più certezza negli appalti pubblici di lavori con il bando-tipo ANAC» (ITALIA OGGI, 17 novembre 2014). 

LETTURE ANCORA DISTORTE SULL’AVVALIMENTO NEI LAVORI

Il concorrente può integrare con l’avvalimento la parte di classifica che gli manchi, se necessario anche con più imprese ausiliarie. Non stava e non sta scritto da nessuna parte che, se deve far ricorso all’avvalimento, deve farlo ...

OBBLIGO DI INDICARE GIÀ IN SEDE DI OFFERTA IL NOMINATIVO DEL SUBAPPALTATORE E DI DARNE LA RELATIVA QUALIFICAZIONE?

Ma per niente affatto! L’altra (un po' troppo creativa) linea interpretativa si pone in contrastro (tra l’altro) con il principio di tassatività delle cause di esclusione. Per noi è nulla la clausola di bando che imponga un simile obbligo. E la "plenaria" che dirà? Ancora creatività?

LA CAT. OG9 SCORPORABILE PUÒ DAL BANDO ESSERE ASSOGGETTATA ALL’APPLICAZIONE DELL’ART. 37, COMMA 11, DEL CODICE DEI CONTRATTI?

No! Ma, in tal caso, l’impresa partecipi comunque alla gara dichiarando il subappalto integrale della categoria in questione! La clausola di bando è nulla, infatti, poiché introduttiva di una causa di esclusione che l’ordinamento assolutamente non prevede. Ovviamente, occorre avere una classifica idonea in categoria prevalente (ciò che sa, come noto, anche il cameriere che serve il coffee break). Bel caso, veramente!  

QUALIFICAZIONE IN CATEGORIA PREVALENTE IN RELAZIONE ALLE SCORPORABILI SUBAPPALTATE

Principio canonico della qualificazione nei lavori pubblici: tutto ciò, che è subappaltato in relazione a non possedute categorie scorporabili, integra l’importo di qualificazione in categoria prevalente (ormai lo sa anche il cameriere che serve il coffee break).

CONTRASTO TRA BANDO E DISCIPLINARE IN ORDINE ALLA CLASSIFICA RICHIESTA IN CATEGORIA PREVALENTE

Il contrasto tra il bando (che richiedeva la classifica IV bis) ed il disciplinare (che invece faceva riferimento alla classifica IV) va risolto in favore del primo. I concorrenti erano perciò nelle condizioni di avvedersi dell’incongruenza e di fare quindi riferimento alla classifica IV bis.

LA MODIFICA ALL’ART. 49, COMMA 6, DEL CODICE

Cfr. il comma 6 dell’art. 49 del codice, così come modificato dalla L. 30 ottobre 2014, n. 161, art. 21, comma 1 (con decorrenza dal 25 novembre 2014).

LE MODIFICHE ALL’ART. 90 DEL CODICE

Cfr. il comma 8 e il comma 8-bis del medesimo art. 90 del codice, così come rispettivamente modificato ed introdotto dalla L. 30 ottobre 2014, n. 161, art. 20 (con decorrenza dal 25 novembre 2014).

(“FREE”) COSTO DEL PERSONALE

Perché, nel caso di prezzo più basso con esclusione automatica, è inevitabile che la stazione appaltante scorpori fin dalla disciplina di gara il costo del personale, al fine di non farlo assoggettare a ribasso? Per la risposta, vedi qui.  

("FREE") IMPORTO D’APPALTO DI EUR 240.000 E MANDANTE SENZA ATTESTAZIONE-SOA

Per una negoziata di EUR 240.000 è possibile che l’impresa invitata, in possesso di attestazione-SOA, associ altra impresa qualificata soltanto ai sensi dell’art. 90 del d.P.R. 207/2010?

LA DICHIARAZIONE OBBLIGATORIA DI SUBAPPALTO PER LA CATEGORIA SCORPORABILE SUPERIORE AL 10%

Ieri la mancata dichiarazione di subappalto non era sanabile, oggi sì, ma con pagamento di sanzione. Prevalente l’orientamento giurisprudenziale che vuole già in sede di gara la qualificazione del subappaltatore? La categoria diversa dalla prevalente, già solo superiore al 10%, è scorporabile.

COTTIMO DI LAVORI E TESI “BORDER LINE” DEL T.A.R. CAMPANIA

«Considerato (…) che l’articolo 125, comma 6 del codice dei contratti pubblici consente l’esecuzione in economia, mediante la procedura del cottimo fiduciario, per i lavori di manutenzione di opere od impianti, non vi è ragione per escludere la legittimità dell’esecuzione, mediante tale procedura, anche dei lavori di demolizione, …

L’AVVALIMENTO DI GARANZIA (ED ALTRO) IN ORDINE ALL’ATTESTAZIONE-SOA

Il contratto deve esprimere, con seria precisione facilmente evincibile dalla lettura del relativo atto e/o di quelli collegati al negozio, in che modo ed in quali tempi con siffatto prestito può concretare l’estensione della base patrimoniale della responsabilità da esecuzione dell'appalto. Tanto al fine d’assicurare alla stazione appaltante un partner commerciale con solidità patrimoniale proporzionata ai rischi d’inadempimento contrattuale.

LEGGE E RINVIO AD ATTO AMMINISTRATIVO

Cfr. Corte Costituzionale, 7 novembre 2014, n. 250.  

PROFILI DI RISARCIMENTO DEL DANNO (7 NOVEMBRE 2014)

La giurisprudenza ha già a più riprese chiarito che la percentuale del 10% - quale criterio equitativo per la liquidazione del mancato utile - integra unicamente indicazione tendenziale (anche ex art. 32 del dPR n. 207/2010 che, infatti, fa riferimento al concetto di “normalità”).

LE LAVORAZIONI SCORPORABILI NON SOGGETTE A SUBAPPALTO OBBLIGATORIO (7 NOVEMBRE 2014)

Il disciplinare di gara rendeva legittima la dichiarazione di utilizzare il subappalto “sino al 100%”, per le categorie di lavori diverse da quelle a subappalto obbligatorio.

L’AVVALIMENTO DELL’ATTESTAZIONE-SOA

La concorrente era «priva soltanto della necessaria attestazione SOA richiesta ai fini della partecipazione alla gara, essendo per il resto “tecnicamente ed economicamente organizzata ”». Ma, in realtà, …

APPALTO MISTO, SOMMA URGENZA NEI LAVORI E “VECCHIO” INCENTIVO

Vedi Corte dei Conti, sezione di controllo regione Lazio, deliberazione n. 174/2014.    

ATTESTAZIONE-SOA E PROVA DELL’AVVALIMENTO NEL RELATIVO CONTRATTO

È sufficiente una formulazione di contratto di avvalimento di attestazione-SOA di questo tenore: “si impegna nei confronti dell’impresa ausiliata quale concorrente alla gara a fornirle i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie alla perfetta esecuzione dell’appalto e per tutta la durata dello stesso”?

COMUNICAZIONE DELLA VARIAZIONE DEL DIRETTORE TECNICO

Le imprese partecipanti a procedure di affidamento di appalti pubblici sono tenute, a pena di esclusione (oggi, a pena di configurazione di «irregolarità essenziale»), a comunicare la variazione del direttore tecnico alla SOA e all’osservatorio dell’Autorità?

LA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL’ANOMALIA, PROPOSTA NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI: ILLEGITTIMA.

La procedura di valutazione dell’anomalia, proposta nel bando-tipo dell’ANAC per i lavori, è illegittima.

IL CRITERIO DEL RIBASSO PERCENTUALE IN LETTERE ASSUME CARATTERE GENERALE?

Che criterio si applica nel caso di discordanza nell’offerta tra il “ribasso” indicato in cifre e quello indicato in lettere, quando non sia evidente l’esistenza di un mero errore materiale nella redazione dell’offerta stessa e quando nulla disponga sul punto la lex specialis di gara?

(FREE) "SALVATE IL SOLDATO RUP", OVVERO IL PROBLEMA POLITICO DEL BANDO-TIPO DELL’ANAC

«Il bando-tipo tiene conto delle modifiche al Codice contenute nell’art. 39 del d.l. 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, in materia regolarizzazione degli elementi e delle dichiarazioni da rendere in sede di gara» (ANAC, Nota illustrativa, paragrafo 1). Affatto non vero!

COME IL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI (NON) RECEPISCE LA NOVELLA NORMATIVA SULL’«IRREGOLARITÀ ESSENZIALE»

Ci si limita a citare materialmente la sussistenza della norma, senza caratterizzarne affatto tutto il bando di gara. Questa la clausola.

UN ERRORE (CREDIAMO) MATERIALE NEL BANDO-TIPO DELL’AVCP PER I LAVORI

Ictu oculi, è evidente che si tratti di un errore materiale facilmente riconoscibile. Infatti, si scrive che …

IL POSSESSO DEL SISTEMA DI QUALITÀ AZIENDALE NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Si afferma che è richiesto «il possesso del sistema di qualità aziendale per gli appalti di importo superiore alla II classifica» (ANAC, Nota illustrativa, paragrafo 17). Principio teorico del tutto errato.

L’IDONEITÀ MORALE PER INSTITORI E PROCURATORI SPECIALI NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Si tratta di una facoltà per la stazione appaltante, ora, o di un obbligo?

COMUNICATO DEL PRESIDENTE DEL 16 OTTOBRE 2014

Manuale dell’Autorità sulla qualificazione per l’esecuzione di lavori pubblici di importo superiore a  150.000 euro

LA BUSTA “A” PER LA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Ma a che cosa serve che la documentazione amministrativa sia contenuta in un’altra busta all’interno della “busta grande” esterna?

I REQUISITI DI CAPACITA ECONOMICO-FINANZIARIA E TECNICO-ORGANIZZATIVA NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Non si tiene conto del dato oggettivo che il d.P.R. 207/2010, art. 61, comma 6, prevede una misura minima fissa.

IL PAGAMENTO IN FAVORE DELL’AUTORITÀ NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Ma l’ANAC ha tenuto conto del combinato disposto dell’art. 38, comma 2-bis, del codice e dell’art. 46, comma 1-ter? Evidentemente (Cicero pro domo sua) no!

IL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Principio che condividiamo appieno. Il caos è, purtroppo, nella giurisprudenza.

L’AVVALIMENTO NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

La scelta da non fare da parte della stazione appaltante.

IL RAPPORTO FRA QUOTE DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Se, secondo l’ANAC, non c’è corrispondenza fra “quota di partecipazione” e “quota di esecuzione” dell’appalto, allora la prima che cosa esprimerebbe rispetto alla seconda?

I COSTI DELLA SICUREZZA NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC PER I LAVORI

Inventivo il quadro giuridico ipotizzato per i costi della sicurezza.

PREZZO PIÙ BASSO, MA SENZA CHIARA PREVISIONE DELL’ADOZIONE DELL’ESCLUSIONE AUTOMATICA

Si può ritenere che il riferimento contenuto nel comma 9 dell’art. 122 del codice deve intendersi in senso estensivo, e quindi comprensivo anche delle previsioni del disciplinare di gara il quale, al pari del bando, integra la lex specialis della procedura concorrenziale? Una lezione da prendere …

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI CUI ALLA LETT. C) DEL COMMA 2 DELL’ART. 53 DEL CODICE

Legittimo escludere l’offerente che non ha presentato il “piano di manutenzione”?

PROGETTO A BASE DI GARA E “JUS SUPERVENIENS” (SENTENZA 20 OTTOBRE 2014)

Sussiste l’obbligo dei concorrenti di conformarsi al progetto preliminare, non potendolo modificare in sede di progetto definitivo in adeguamento a normative sopravvenute in corso di gara?

IL COSTO DEL LAVORO NEL BANDO-TIPO DELL’ANAC

La nota che considera un atto di segnalazione come fonte di diritto.

COLLAUDO DI OPERE PUBBLICHE E GIURISDIZIONE

La controversia inerente al collaudo di opere pubbliche (nomina dei componenti della commissione) esorbita dall’ambito cognitivo proprio della giurisdizione del giudice amministrativo?

APPALTO DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE: IL SOLITO PROBLEMA DELLA DISCIPLINA PER I PROGETTISTI

Molto discutibile che si legitittimi la tesi che si applichi la stessa identica disciplina prevista per la mera gara di progettazione, in materia di raggruppamento.

BANDI-TIPO DEL’ANAC

«Elaborato il primo modello per l’affidamento degli appalti di lavori pubblici nei settori ordinari d’importo superiore a 150.000 euro»  

L’ART. 133 DEL CODICE

L’art. 133 del codice dei contratti impone un confronto “a ponte” tra prezzo dei materiali nell’anno dell’offerta e prezzo corrente, senza calcolare anno per anno i singoli scostamenti percentuali dal prezzo dell’anno dell’offerta?

OG 3: IL “FRESATO D’ASFALTO” COME VA CONFIGURATO? LA VERIFICA DELL’ANOMALIA PUÒ TRASFORMARSI IN SOCCORSO ISTRUTTORIO EX POST?

Il “fresato d’asfalto” è un rifiuto o un sottoprodotto? Può essere compromesso il principio di immodificabilità dell’offerta?

L'ATTRIBUZIONE DELLA QUALIFICA OS 2 IN BASE AL D.M. 420 DEL 2001

L'attribuzione della qualifica OS 2 in base al d.m. 420 del 2001 non comporta il riconoscimento ai fini professionali della qualifica di restauratore. Perciò l'avere in precedenza avuto affidamenti di lavori di restauro da parte di Soprintendenze non può costituire titolo tale da comportare l'attribuzione automatica della qualifica.

DECADENZA DALL’AGGIUDICAZIONE, IN CASO DI URGENZA

La decadenza dell’aggiudicazione può intervenire, nel caso in cui la stazione appaltante richieda la procedura d’urgenza, in caso di mancato adempimento dell’aggiudicatario all’obbligo di consegna dei lavori entro 20 giorni dal ricevimento della comunicazione di avvenuta aggiudicazione definitiva dell’appalto e di mancato inizio dei lavori entro 20 giorni dalla comunicazione di aggiudicazione definitiva.

APPALTO INTEGRATO: L’OMISSIONE DI DICHIARAZIONE DI AMMENDA DA PARTE DEL PROGETTISTA COMPORTA L’ESCLUSIONE DELL’IMPRESA

La Stazione appaltante ha accertato che il professionista, nella dichiarazione sostitutiva, non aveva indicato di aver riportato sentenza relativa all'applicazione di pena a € 200,00 di ammenda. Niente da dire sulla correttezza dell’esclusione, nella disciplina previgente al D.L. 90/2014.

REVOCA DELL’ATTESTAZIONE E CENSURA DELLA SOA

Non può essere seguito l’organismo di attestazione ricorrente che, ai fini della verifica dell'incidenza dei reati specifici commessi dal direttore tecnico dell'impresa, opera una simmetria operativa con il potere discrezionale (da intendersi peraltro quale discrezionalità tecnica) della stazione appaltante in materia di valutazione della moralità professionale.

PRESA VISIONE DEI LUOGHI DI ESECUZIONE DEI LAVORI E TRANELLO (MA NON SECONDO IL T.A.R.) TESO ALLE IMPRESE. E OGGI SI TRATTEREBBE O NO DI UN’«IRREGOLARITÀ ESSENZIALE»?

1. Il disciplinare di gara prevedeva che l’adempimento del sopralluogo obbligatorio dovesse risultare dagli atti ufficiali della stazione appaltante. Questo è stato un tranello, in quanto ha fatto ritenere sufficiente l’auto-certificazione (proprio secondo previsto modello), visto che non era menzionato in disciplinare di gara che dovesse prendersi accordo con il RUP per effettuarsi il sopralluogo in certi giorni e a un certo orario (come da consueta prassi).

“SBLOCCA”, PER COSÌ DIRE, “ITALIA”: CANTONE PROPONE IL BANDO PER L’AFFIDAMENTO DIRETTO!!!

Ricordiamo che così prevede il D.L. 12 settembre 2014, n. 133, art. 9, comma 2, lett. e): «per i lavori di messa in sicurezza degli edifici scolastici di ogni ordine e grado e di quelli dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM), è consentito l'affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento fino a 200.000 euro, purché nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza e rotazione, con invito rivolto ad almeno cinque operatori economici».

AVVALIMENTO: LO STESSO T.A.R. SVILUPPA IL CONCETTO GIÀ ESPRESSO PER I SERVIZI E LO ESTENDE AI LAVORI

Ci si può avvalere soltanto dell’attestazione-SOA e non anche dei sottesi requisiti materiali, tecnico-organizzativi? La risposta del giudice amministrativo è positiva e convincente.

ANAC - DETERMINAZIONE N. 2 DEL 2 SETTEMBRE 2014

Applicazione dell’art. 38, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159.

ANAC – DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE VARIANTI – MODIFICA DEL PRECEDENTE COMUNICATO DEL 16 LUGLIO

Applicazione dell’art. 37 del Decreto legge 24 giugno 2014 n. 90 come convertito dalla Legge n. 114/2014 – Modalità di trasmissione e comunicazione all’ANAC delle varianti in corso d’opera.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – COMUNICATO

Individuazione dei modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza, del piano di sicurezza e di coordinamento e del fascicolo dell'opera nonchè del piano di sicurezza sostitutivo.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO: LA QUESTIONE PIÙ CONTROVERSA, OGGI, IN UN APPALTO DI LAVORI

Non c’è nessun obbligo di individuare già in sede di gara il subappaltatore qualificato. Pur aderendo a spada tratta a questa tesi, purtroppo, come si sceglie si sceglie male. Dipende dal T.A.R. o dal Consiglio di Stato che hai di fronte. Poi ogni collegio dà la sua come interpretazione giurisprudenziale prevalente …

LA FUNZIONE ASSORBENTE DELLA OG 11

Principio pacifico ai sensi del regolamento attuativo del codice.

DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2014, N. 126 - NORME PER I LAVORI

Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42.

L’INTERESSANTE (SI FA PER DIRE) PREVISIONE DELLO “SBLOCCA ITALIA” PER I LAVORI DA EUR 200.000 AD EUR 1.000.000

La procedura è sperimentale ma è da capire quanto in effetti sarà sperimentata. Il RUP legga la norma (in bozza) e si faccia un bel sorriso, in quanto non sussiste nessun obbligo di farvi ricorso. La norma si collega a quella prevista per l'affidamento dei correlativi servizi di progettazione.

LAVORI: ANCORA UNA PRONUNCIA-FOTOCOPIA SUL SUBAPPALTO QUALIFICATORIO

Siccome non siamo d’accordo con tale interpretazione, rimandiamo a pregevole tesi dottrinaria già richiamata nel portale e totalmente condivisa.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA SINDACABILITÀ DELL’OFFERTA TECNICO-QUALITATIVA

La valutazione in ordine alla qualità ed idoneità delle offerte costituisce tipica espressione di discrezionalità tecnica, con conseguente insindacabilità nel merito delle relative valutazioni ove non inficiate da palesi profili di erroneità, illogicità o sviamento.

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA: LA RATIO DELL’ART. 76 DEL CODICE

La stazione appaltante ha maggiore discrezionalità e sceglie il contraente valutando la complessità dell'offerta proposta.

SUBAPPALTO QUALIFICATORIO E QUALIFICAZIONE DEL SUBAPPALTATORE GIÀ IN SEDE DI GARA

Tesi assurda e radicalmente non condivisibile! La presunzione, inoltre, di considerare consolidato l’orientamento.

LA TUTELA DEL PICCOLO PROGETTISTA IN UN APPALTO DI LAVORI

La tutela del piccolo progettista in un appalto di progettazione ed esecuzione di lavori pubblici, con valore della progettazione da EUR 100.000 in su, di Lino Bellagamba    

IL PRINCIPIO DELLA “CORRISPONDENZA SOSTANZIALE” NELLA PENULTIMA VERSIONE DEL COMMA 2 DELL’ART. 92 DEL REGOLAMENTO

Il 10% minimo di qualificazione per la mandante era anche, giustamente, quota minima di partecipazione-esecuzione.

QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL CERTIFICATO DI ESECUZIONE DEI LAVORI E DIRETTORE DEI LAVORI

«Deve (…) escludersi che il CEL possa essere ritenuto atto pubblico e, soprattutto, che il direttore dei lavori dell'opera cui si riferisce sia un pubblico ufficiale nel momento in cui lo sottoscrive» (C.C., V, penale, 21 luglio 2014, n. 32046).  

AVVALIMENTO E LEGITTIMAZIONE ALL’OPPOSIZIONE DI TERZO

L’impresa ausiliaria è gravata di un’obbligazione accessoria dipendente rispetto a quella principale del concorrente ausiliato. Questa obbligazione si perfeziona con l’aggiudicazione a favore del concorrente ausiliato, e di questo segue le sorti nel rapporto pubblico.

RECESSO DAL CONTRATTO DI LAVORI E COMPETENZA DEL GIUDICE ORDINARIO

Nel procedimento di affidamento di lavori pubblici le pubbliche amministrazioni se, dopo aver stipulato il contratto di appalto, rinvengono sopravvenute ragioni di inopportunità della prosecuzione del rapporto negoziale, non possono utilizzare lo strumento pubblicistico della revoca dell’aggiudicazione ma devono esercitare il diritto potestativo disciplinato dall’art. 134 del D.L.vo. 163 del 2006.

LE QUOTE DI PARTECIPAZIONE-ESECUZIONE IN SEDE DI OFFERTA

Ma oggi occorre tener conto della nozione di «irregolarità essenziale».

AVVALIMENTO: IL SENSO DELLA NOVELLA NORMATIVA DEL 2011

La legge esige che la dichiarazione impegnativa da rendere attenga al possesso tanto dei “requisiti” quanto delle “risorse”.

L’INDICAZIONE DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI LAVORI

La tesi di T.A.R., ormai più volte bocciata dal Consiglio di Stato.

L’ESCLUSIONE PER INCERTEZZA SULL’OFFERTA ECONOMICA PRESENTATA

L’offerta economica conteneva una discrasia tra il valore percentuale offerto in ribasso rispetto all’importo a base d’asta ed il valore del prezzo indicato. Veramente dovrebbe valere il ribasso percentuale in lettere …

APPALTO INTEGRATO E GRUPPO DI PROGETTAZIONE

Non si tratta di un vero e proprio raggruppamento.

IL REQUISITO MINIMO PER LA (FUTURA) MANDATARIA IN IPOTESI DI RAGGRUPPAMENTO MISTO

Il limite del 40%, nella fattispecie, doveva essere valutato avendo riguardo non al valore dell’intero appalto, ma soltanto al sub-raggruppamento orizzontale per la prestazione principale al quale partecipa la mandataria.

IL TERMINE DI SCADENZA DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE COME MOMENTO DI RIFERIMENTO DEL POSSESSO DI VALIDA ATTESTAZIONE-SOA

Vedi principio che, per l’attestazione-SOA, si estende fino alla stipulazione del contratto ed oltre.

A.N.A.C. – COMUNICATO DEL PRESIDENTE

Applicazione dell’art.37 del Decreto legge 24 giugno 2014 n. 90 – Trasmissione delle varianti in corso d’opera di cui al comma 1, lettere b), c) e d), dell’art.132 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163.